Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'commuter'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


City


Interests


IG


Strava


Feedback Mercatino


Website URL


Skype

  1. Come scritto un paio di settimane fa, sono venuto in possesso di questa Specialized Stumpjumper, che col tempo e con molta calma vorrei convertirla in qualcosa del genere (spessori a Parte XD). Essendo una vera e propria capra in materia, apro questa discussione sperando e bramando numerosi consigli e pareri da chi ne sa più di me. Monocorona davanti? Che ruote? Siti dove reperire materiale interessante? Ecco, cose, così... Baci, abbracci e ridateci @Uccio
  2. E rieccomi, quasi 4 anni dopo l’ultima presentazione. Tutto nasce dalla voglia di avere una bici (l’ennesima) da poter utilizzare in città, con i freni, il riser, senza i cambi e con la ruota libera, perché vorrei convertire lo Zydeco in bici da corsa, e perché signori all’alba dei 30 anni ho le ginocchia che ormai non esistono più a furia di andare in giro con la bici fissa a shreddare le streets e bombare le hills e a stokeare il traffic jam (ma dove). L’idea di volere una bici del genere ce l’avevo già quando ero a Milano, e mi ero anche messo in moto recuperando un telaio da @fedep, salvo poi ritornarglielo per altre faccende. “Beh, comprati la bici da passeggio del Deca allora, così sei a posto” “Mmh, non proprio quello che avrei in mente!” Il cruccio però mi è rimasto (in particolare per questo telaio, che lo desideravo da un po' di anni) e quando 20 giorni fa ero a Torino per lavoro, in un momento di noia e pazzia ho mandato il seguente messaggio a @Vise: Da qui è partita la ricerca per i pezzi, rompendo puntualmente le palle a Paolo e a Vise per chiedergli consigli, suggerimenti, varie ed eventuali. Alla fine il progetto ha preso forma e quindi sono qui a dire ECCO LA MIA NUOVA BICI Telaio e forcella: Cinelli Mash CX SS 2014 Serie Sterzo: Columbus Zona manubrio: Riser Cube Comfort, con manopole Lizard Skin e leve freno Tektro Eclipse Stem: Cinelli Mash Reggisella: Thomsone Elite arretrato (grazie @GOFRENGOGO) Sella: Selle Italia X1 Freni: MiniV Tektro RX6, con cavi Sram e pattini di serie Guarnitura: Sram Force 1 con corona Sram CX1 da 46 Ruote: H+ Son TB14 su mozzi BLB, posteriore flip flop (grazie @pistamania) con ruota libera Shimano da BMX 16 denti Copertoni: Continental GP 4 Season da 32 Pedali: M-Wave Flat Ora vi beccate un po' di foto: “Ti serviva proprio una bici nuova?” “Sì!” “Ne sei sicuro?” “No”. Concludo con il mantra del maestro giaguaro @stefanino: "Per le migliorie sopra i 100€, aspetto anche un versamento da parte vostra, chiaro.. Bravi tutti con il portafoglio degli altri!” Iban in PVT per i generosi Bacy a tutty!
  3. Cari ragazzi è arrivato il momento di cambiare bici. Per motivi di salute non mi sento più tranquillo a girare brakeless (e non lo buco il Dolanino) e per di più il ginocchio mi sta salutando. Mi date qualche idea per una bici da pedalare tranquillamente in città per andare a lavoro e magari farci anche qualche giretto per rimettermi in forma? Pensavo a qualcosa in acciaio, montata anche monocorona, gommone generose. Tipo il caro e vecchio Pompino. Idee?
  4. Mi stavo come sempre facendo i cazzi miei: auto, moto, lavoro, odio e bestemmie, quando ad una certa compare un amico che mi fa: "ho un Verenti Isolation in box, lo vuoi?". Sarà che vado verso i 30, ho la panza, delle bici non me ne frega più un cazzo ma non sarebbe male andarci al lavoro... poi coi freni a disco... i parafanghi... Sta di fatto che per qualche secondo convinco una parte di me ad infilarsi le pessime idee nel culo, ma commetto comunque l'errore di chiedere la cifra. Ritenuta valida l'offerta, pago e mi porto a casa quella che ad oggi è la mia seconda bici (il resto del box è stato tutto smembrato e venduto, resta solo il DODICI Contropedale che tengo per rompere il cazzo ad @Alb) Dopo qualche settimana affamo un amico ( @Sabez <3 ) che mi doveva dei soldi e riesco a farmi permutare il suo CXC col Verenti, ritrovandomi per magia una sera in un box della Bovisa a smontare pezzi. Qualche ordine simpatico su Ridewill e il solito giro su subito.it gli darà un volto leggermente diverso nelle prossime settimane. Per il momento beccatevelo così e non scassate i coglioni. telaietto: Omnium CXC Green 55cc cerchi: una porcheria SS avanzata dal Verenti. 8 adesivi ENVE e si vola verso il valhalla. pneumatici: Schwalbe CX-Pro. si, quelli da povero. recuperati usati. guarnitura e MC: FSA Vero 42t. calmi che la cambio. SS: KCNC Gold sella: San Marco Zoncolan. leve e freni: SRAM S500 in combo con degli Avid BB5. pedali: GUB presi su amazon. la cina è vicina ma il ticino è più vicino. piega, stem e reggisella: FSA Compact, DedaZero1 trovato nello scatolone, Brand-X arretrato fake Thomson La speranza è che col trasferimento nella casa nueva, diventi il mezzo definitivo per farmi muovere il culo. Magari con l'1x11... ringrazio come sempre @SkyDrake @Amedeo23 e tutti quelli che non riesco a taggare perchè passano gli anni ma sto forum rimane sempre scritto di merda. <3
  5. È la bici con cui affronterò il mio primo viaggio: una tre giorni per un coast to coast (Adriatico - Tirreno, dalla Puglia alla Basilicata). L’ho presa usata, pari al nuovo, per davvero una sciocchezza, proprio in funzione del viaggio (in arrivo le borse posteriori). Nel frattempo, sono passato da un assetto da mtb/trekking ad uno più gravel. Mi piace molto, anche le geometrie. Nonostante la rigidità dell’alluminio, é abbastanza comoda (le gomme 700x35 aiutano parecchio). Per l’assetto gravel ho scelto una curva salsa woodchipper2, shimano sti 105 3x10 e pinze freno meccaniche trp (prima montata un flatbar bmc, comandi mtb 3x10 tiagra e freni a disco idraulici Shimano entry Level. Mi piace. Ma un po’ di abitudine a questa posizione particolare devo farcela. Presto coperture da cx con un minimo di tasselli per qualche sterrato più leggero. Che ve ne pare? in foto prima e dopo.
  6. Premetto che non é una cosa che metterò in cantiere nell'immediato (no cash no party). Ho sempre fantasticato su un telaio per lo scatto fisso con su delle 26" ciccie, poi ho visto la scena fgfs arrivare e scomparire, poi sono arrivate le cx e mtb ss e prima ancora, quel telaio dal nome mitico qual'é l'on-one Pompino. Dopo tutto questo popo di passaggio di scene che hanno, chi più chi meno, influenzato la mia idea di telaio ho deciso come dovrebbe essere. Partiamo dalla forca. Sicuramente sarà, come il telaio, in acciaio e la vorrei da fgfs ma con la predisposizione per per i v-brake e capace di contenere dei copertoni da 2.5 (anche se credo che andrò per i 2.2). Il telaio sarà simile a quelli da fgfs ma con un movimento centrale classico (non voglio limitarmi alle guarniture da bmx, e comunque userò rapporti maggiori con guarniture da mtb) alto 300mm. 74° su sterzo e tubo sella, orizzontale virtuale 52c-c (avrà sloping positivo, ma non esagerato come su alcune fgfs) e un bel rinforzo tra obliquo e piantone (la faccio apposta per saltare dai marciapiedi senza rimorsi). Al posteriore ci saranno sempre i supporti per i v-brake e magari anche l'occhiello per il deragliatore posteriore (chissa) con forcellini orizzontali tipo pista e spaziatura 135mm. Il carro dovrebbe poter alloggiare gomme da 2.5. Logicamente sterzo da 1-1/8. Forse sto scrivendo solo un mare di stronzate, però e quello che mi piacerebbe avere, qualcosa che posso montare come voglio, fisso, ss, contropedale o con cambio posteriore che sia e che possa prendere buche, salti e penne fatte male senza la paura di spaccarlo troppo facilmente. Al momento per questo sto usando la mtb fissa ma spero di poter fare questo cattivo investimento quanto prima. Detto questo vai con le opinioni (buone o cattive che siano) e magari i nomi di telaisti per cui non serve vendersi un rene per pagarli. Appena posso faccio un progettino su bikecad.
  7. ciao a tutti! come avevo accennato nel post della bici di @Alb e visto che stanno venendo fuori queste bici tuttofare vi presento il progetto a cui sto lavorando da parecchi mesi insieme a Diego Brunello (qualcuno lo conoscerà per le Alpacargo) e Claudio della mente comune di Padova. Per motivi prettamente di impegni tra noi, telaisti, taglio laser ecc... ci abbiamo messo più tempo del previsto a fare il primo modello ma adesso dovremmo sistemare qualche dettagli e sarà pronta! ogni consiglio e critica è ben accetto! dateci i vostri punti di vista per migliorarla è una bici che abbiamo studiato per poterci fare di tutto e di più, dai viaggi, al gravel, commuter, road, mtb con gomme da 2.2 dietro e 1.9 nella forcella carbon o 2.2 con una forcella ammortizzata (a-c 470mm massimo per non stravolgere le geo), si possono cambiare forcellini e passare da qr, PP12, orizzontali, sliding o verticali fissi. si possono montare le 700x45+parafanghi, 27.5x2.2, 29x2.2 al post e 29x2.1 ant con forcella carbon, variando i forcellini puoi fare quello che vuoi e riesci ad avere anche una bici super reattiva grazie al carro molto corto... ovviamente occhielli per parafanghi e portapacchi! NB: con forcellini sliding la pinza deve rimanere esterna, in questo modo ha 25mm di escursione nel carro, interna ne avrebbe 10mm, dunque il giro del cavo freno in foto non è il massimo, va passato sotto l'orizzontale e giù dai pendini del carro, per tutti gli altri forcellini la pinza sta interna, ovviamente deve ancora essere verniciata e i passacavi definitivi devono arrivare se funziona come deve verrà commercializzata molto a breve da Diego Brunello ad un prezzo bomba! ah il nome è completamente casuale o quasi....
  8. Fresca fresca di KingCog chiusa sul filo delle 2 ore ecco che rinasce la mia Rossin in versione tuttofare monocorona. Venduto il Breda (troppi casini e mi servivano soldi*) avevo bisogno di una bici affidabile con cui poter fare commuting in inverno e che potessi usare quando inizierò a consegnare in giro per Milano (*). Telaio: Rossin 57quadro Columbus Gara Forcella: Carbonio salcazzo (provvisoria finchè non trovo un acciaio) Ruote: Mozzi Exage cerchi Trek Matrix Coperture: Schwalbe Lugano active 25c (provvisorie anche se hanno tenuto bene sul fradicio e il fanghino. Potrei farci stare dei 28 forse) Freni: Leve Shimano Deore pinze Miche Performance Cambio: cambio Sunrace R80 (thanks @Kaffa) e comandi Shimano Alivio 7v Guanitura: Shimano 600, corona 46t marchiata Scapin (thanks @matilda) e spd Shimano m520 Sella: Selle Italia Q-bik Pipa 3ttt e riserone da 62 no brand (thanks @SkyDrake) con manopole Ebon nere stracomode In attesa di front rack e di parafanghi Grazie al mio gruppo di Proci per le consulenze e i 500 messaggi all'ora @SkyDrake @Kaffa @Sebagallizia @Amedeo23 @n0rman @Alexandru Popiniuc @crisbike E un grazie anche a @matte82 per lo spaccio di tette
  9. Ciao a tutti Mi chiamo Stefano e da poco sono entrato nel mondo delle bici Mia moglie mi ha regalato una Scott Comp Cx del 2013 e mi sto divertendo a capire come va e come mi trovo comodo a farla andare: vorrei trasformarla in una bici da commuter quale io sono. Tutti i consigli sono bene accetti Grazie a tutti Stef
  10. Ciao a tutti Mi hanno regalato da poco una scott comp cx ma fatico ad abituarmi al tipo di manubrio e mi piacerebbe provarne uno flat. Qualcuno ha esperienza di modifiche simili e sa darmi un consiglio? Quale manubrio dovrei usare? Freni e cambio? Non faccio agonismo, uso la bici soprattutto per spostamenti urbani e per giri nel parco. Grazie
  11. vi presento il mio muletto instancabile. fuji tread 1.5 la uso soprattutto per andare al lavoro. grosse modifiche non ne ho fatte, dato che la bici giá di serie va benone. qui il link della foto: https://imgur.com/Qx8Y7tJ
  12. Questo è quanto sono riuscito ad estorcere a mio papà al riguardo della bici, sulla quale finora ha fatto circa 400km. Molti di voi erano curiosi di vederla e sentire le opinioni a riguardo, così oggi ho fatto qualche foto. Frame: Surly CrossCheck - Foamy Hospital Green - 54cm Fork/Headset: Surly CrossCheck - Cane Creek Crankset/Bottom Bracket: Shimano Deore - Shimano Octalink Pedals: Shimano SPD Drivetrain/Cog/Chainring/Chain: Shimano Deore XT 9s - Shimano Deore - Shimano 9s Derailleurs/Shifters: Shimano Deore XT - Shimano Dura Ace bar end Handlebars/Stem: Salsa Cowbell 46cm - Salsa 100mm Saddle/Seatpost: Brooks B17 - Easton Brakes: Cannondale Accessories: Carradice Lowsaddle Longflap - parafanghi SKS Longboard
  13. Bellalì, oggi vi faccio la recensione del front rack Sunlite QR-Tec, acquistato a ottobre dell'anno scorso. Era da tempo che cercavo un portapacchi che si attaccasse all'asse mozzo e asse freno anteriore e questo mi è sembrato tra tutti (i pochi che rispondono a queste caratteristiche) quello migliore. Premetto subito che è non è economicissimo e dovete avere una gran voglia di bricolage per fittarlo bene sulla bici (a meno che non vi chiamiate @fedep e saldiate qualunque cosa si muova), in quanto arriva con numerosi difetti di produzione. Se però ci riuscite, diventa uno dei migliori front rack in commercio, personalmente ne sono davvero entusiasta. I guai iniziano già quando volete ordinarlo: su ebay si trova, ma la spedizione costa più del rack stesso e se ci mettete pure le tasse diventa improponibile (fortuna che in Australia le tasse di importazione si pagano solo oltre i 1000$), su amazon invece non spediscono al di fuori degli States. Li trovate anche su altri negozi online, ma o costano troppo o non spediscono fuori dagli States. Aaaaaanyway, una volta ordinato, recapitato a casa e spacchettato inizierete subito a cristonare come poche volte in vita vostra, noterete subito che la foto dell'annuncio non corrisponde a quello che vi arriva, in quanto l'attacco del rack all'asse del freno è diverso ed è totally fucked up. Fortuna che lo ordinai su ebay, così ho avuto la possibilità di minacciare il venditore di un feedback negativo che se lo sarebbe ricordato per il resto dei suoi giorni se non mi avesse rimborsato fino all'ultimo centesimo. E rimborso totale fu, quindi ebbi il rack aggratis. Però a sto punto vi ritroverete con un bellissimo front rack in mano (oggettivamente, è davvero bello, leggero e robusto), ma inutilizzabile per via di due grandi difetti di produzione. Il primo lo si risolve segando brutalmente l'attacco per il freno anteriore e mettendo a dura prova le vostre capacità di bricolage: dovrete trovarvi una staffa di ferro ignorante, robusta e forata, in modo da fittare la vite del freno e delle viti per fissarla al rack tramite una piastra forata (lavorando in un negozio di bici specializzato in bici da commuters ho la fortuna di aver sottomano molti pezzi di ricambio per racks di ogni genere e dimensione e trovai la staffa che mi serviva abbastanza facilmente, messa poi in morsa e piegata a mano) Il secondo problema è che i due barilotti di attacco ai forcellini / asse mozzo sono troppo lunghi, quindi vi toccherà segarli di qualche centimetro per parte (adesso non ricordo più precisamente quanto, però un bel po'). Vi faccio il disegnetto, che a spiegarlo ci metto una vita e forse ci capireste anche meno. Beh finito tutto questo vi accorgerete che la ciliegina sulla torta è lo sgancio rapido che vi mettono nel pacco, una bestia di sgancio da 160mm che non fitterebbe neanche sugli ultimi standard di mozzi posteriori da mtb, larghi oltremisura. Quindi, buttate sta bestia di skever da 160mm e prendetevene uno da 130mm (ovvero un normale sgancio per ruota da corsa posteriore) Che dire, una bella rogna però una volta finiti tutti sti lavori di bricolage e diy viene fuori un front rack della madonna, molto leggero (è in alluminio, con i tubi principali da 10mm) quindi non condizionerà la guidabilità della bici tanto quanto certi front racks in acciaio, robusto, sul sito dicono possa portare un massimo di 20kg, ma non è vero, ci ho portato sopra la mia ragazza (50kg) per diversi km e nulla è successo, quindi pure affidabile. Questo è come si presenterà il rack alla fine dei lavori e fittato sulla bici: Quindi: voto iniziale, per come vi arriva: 2/10 voto finale, dopo i lavori diy: 10/10 Nota bene, non l'ho ancora provato con borse varie, appena ho l'occasione di provarle ve lo faccio sapere. Tra l'altro, ne approfitto per dirvi che su Mash SF avevo trovato sti elastici da portapacchi che costavano una fucilata, tipo 12 dollari l'uno senza spedizione.. beh, cercando un po' online li ho trovati a molto meno: 1,86€ con spedizione inclusa worldwide. Agganciano benissimo al rack e sono un 3-in-1 di bande elastiche, per avvolgere anche i pacchi più grossi.
  14. Eh sono di nuovo qui a presentare una bici... Era da un po' di tempo che volevo cambiare la mia convertita da città, che mi accompagnava ormai da più di tre anni, con un telaio da pista: il movimento centrale basso e le pedivelle lunghe a volte sono davvero limitativi. Ho colto l'occasione quando @MrHarp, dopo essersi fatto fare un bel Ponc, ha messo in vendita il suo parallax. Lo so come telaio da palo è un po' eccessivo ma a quel prezzo non potevo non prenderlo, oltretutto può essere un valido sostituto del mio Ponc per correre le crit. Lo uso da una decina di giorni ed è tutto un altro mondo rispetto alla convertita, la reattività della forca da 28 di rake con il riser largo si fa sentire. Passo alla lista componenti: Telaio e forcella: Cinelli Mash Parallax Optical 2014 (grazie @MrHarp) Serie sterzo: Columbus compass Stem: Thomson X2 110mm -10° Riser: Ritchey Comp 53cm (20mm di rise) Reggisella: Simil Thomson economico preso da ridewill Sella: San Marco Aspide Raicing narrow (come ogni bici che posseggo) Guarnitura: Shimano Dura-Ave 7710 njs 167,5 Corona: Shimano Dura-Ace 7710 49t njs Movimento Centrale: Shimano Dura-Ace 7700 Catena: Taya pista Pignone: Miche 17t Ruota Anteriore: Miche Xpress (grazie @severinodigiovanni) Ruota posteriore: Cerchio 30mm su Novatec 32h in terza (grazie @stez) Pedali: Deca con straps Vp Copertone anteriore: Vittoria zaffiro 23.. Copertone posteriore: MIchelin Lithion 2 Foto fatte male con il cellulare: p.s. lo so mancano le manopole, presto le recupererò
  15. ciao ragazzi l'avete vista sta focus? non mi dispiace affatto, anche perché sembra poter fare anche del leggero cx due però le pecche, telaio in allu e forca non predisposta con i vari buchi per il portapacchi (almeno io non li ho proprio trovati :( )
  16. Salve a tutti, mi sapete dire dove posso trovare e SE si puo' trovare un telaietto economico dove posso adattare freni a disco oppure vbrakes o cantilever e dove poter alloggiare copertoni anche dai 28 in su max 35? acciaio direi. mi bastarebbe anche una cinesata per fami una bici da citta' ma vorrei farla cosi'...mi e' presa la smania! grazie
  17. Mi aiutate? Ho questa ciclocross Sannino in acciaio tg 48 da poco riverniciata. Visto che non riesco a venderla e che alla mia ragazza serve una bici con i rapporti per andare a volta al lavoro ( solo 1km ma con una bella salita con il ciotolato), sto pensando di trasformarla, rendendola più appetibile e usabile da una ragazza che non ci vorrebbe fare ciclocross. Pensavo a un portapacchi posteriore e a uno anteriore e, se si riesce, a dei parafanghi. Dovrei renderla più civile, quindi mettere una paracatena sula corona anteriore, e più comoda. Pensavo ad una pipa regolabile che possa alzare il manubrio e renderlo più comodo. Non badate alla foto, ora la sella è più bassa e il manubrio nella giusta posizione. Secondo voi ne vale la pena? E in termini di pezzi, quando potrei spendere in tutto? Il telaio è un signor telaio, la bici si pedala bene, ppurtroppo però i fori per i portapacchi non ci sono. SOluzioni?
  18. Ciao a tutti, sono nuovo del forum e scrivo per chiedere consigli per realizzare la mia commuter, sto cercando un portapacchi anteriore, qualcosa che si possa montare su un telaio da corsa quindi sprovvisto di appositi occhielli, qualcuno mi può aiutare?? Possibilmente non una cinesata ? Grazie!!
  19. non c'è molto da dire.. la vita è poco hardcore qua a Melbourne e la vecchiaia mi ha contagiato. se contate che devo pure farmi una 20ina di km al giorno ogni giorno per andare e tornare da lavoro ci vuole poco a farsi una bdc! beh il risultato è questo: Telaio: Scapin KR che mi sta grosso mannaggiaddio, quindi se ne avete uno leggermente più piccolo intervenite qua please Gruppo: Shimano Ultegra 6500/6510 9v con ss 105 5500, reggisella Dura Ace 7410 Team Edition e corona 50t TA Specialites Attacco e piega: Deda Quattro2 e Deda RHM01 Ruote: Mavic Cosmos con sganci rapidi Lifeline CrMo Copertoni: Continental Gatorskin 700x23 Sella: Flite Titanium Gel che non cambierò mai che dire, mi basta solo trovare un telaio leggermente undersized e sono apposto
  20. Lo conoscete? http://torchapparel.eu/collections/flux-backpack/products/flux-backpack-black per 108 stelle poi non è neanche tanto caro.
  21. Salve gente, torno con una breve recensione. Stavolta di questa giacca. - Prezzo: 79.95 Euro da Decathlon - Descrizione: Giacca impermeabile in tessuto un po plasticoso ma tutto sommato gradevole. (Novadry) Colori un po' imbrazzanti. - Periodo di utilizzo: Da Dicembre fino ad ora prevalentemente in città anche la mattina con 2-4° C anche se per tratte brevi. - Pregi: La giacca è leggera. Comoda da vestire con un maglioncino in lana leggero sotto. Il tessuto esterno sembra di buona qualità. Le rifiniture sono ottime, le cuciture anche. Dal punto di vista dell'impermeabilità devo dire che tiene molto bene, anche in condizioni di pioggia moderato/intensa. Non intendo sotto il monsone. Le zip delle tasche sono siliconate e ben sigillate quando chiuse. Ha anche due grandi aperture sotto le ascelle da aprire con zip per far defluire il profumo di bestia bagnata. Tiene piuttosto caldo, soprattutto per la traspirazione che non è proprio eccelsa, ma potrebbe essere un difetto da trasformare in vantaggio. - Difetti: Fondamentalmente la traspirazione. Non è esattamente un tessuto traspirante, ma diciamo che essendo interessato più alla impermeabilità alla fine ci si può stare. Nei giorni anche abbastanza freschi con 8-9 gradi l'ho portata solo con la maglietta a maniche corte sotto (io c'ho sempre caldo). La circolazione dell'aria migliora molto grazie alle due lunghe zip sotto le braccia, nel caso vi ci faccia caldo le aprite per buona parte e il problema si dovrebbe attenuare. Naturalmente se si spinge molto si suda come arista al forno. Hai voglia ad aprire le zip sotto le braccia. - Rapporto qualità prezzo: Il prezzo non è malvagio. Alla fine la marca è nota per fare sia roba accessibile anche ai poser dello sport (come me) sia roba di pregio. In questo caso direi che il prodotto ha una buona finitura e per ora anche una buona tenuta. Se fosse costata 10 euro in meno sarebbe stata sicuramente un affare migliore. - Prodotti simili provati e relativi paragoni: non ho esperienza con altri prodotti. Lascio a voi il dibattito. - Lo ricomprerei SI /no , perchè per ora ha svolto la sua funzione egregiamente. Sono sempre arrivato a destinazione, asciutto, a volte un po' accaldato ma asciutto. Anche se l'ho comprata azzurro puffo nano, non è così orripilante all'occhio e ci sono anche uscito un paio di volte la sera, soprattutto quando pioveva parecchio. Credo che con l'arrivo del caldo dovro rinunciare in favore di un k-way tascabile in caso di pioggia, ma diciamo che ha svolto la sua funzione nei mesi invernali. La prossima recensione sarà sugli Endura Gridlock sopra-pantaloni da pioggia che sono con la giacca la mia accoppiata salva acqua. Stay tuned.
  22. Cosa: Scarpe Marca: Chrome Modello: SPD Misura: 13 US - 47,5 EU Dettagli tecnici: Stato: nuovo appena arrivato Prezzo: 40 euro Costo spedizione: 7 euro Tipologia spedizione: Corriere Precedenza: ritiro a mano (Roma) In vendita su altri canali: passaparola tra gli amici Acquistato a scatola chiusa, senza averle mai provate e sono troppo grandi per me. Se qualcuno le vuole, le cedo a prezzo di costo, altrimenti tra una settimana le rimando indietro. Foto originali
  23. E voilà, dopo averne parlato velocemente nell' ho trovato la voglia e il tempo di far due foto all'ultima bici che mi son fatto e che ultimamente utilizzo quotidianamente con piacere al posto della fissa momentaneamente accantonata (le motivazioni e le ostie varie che mi han portato a sta scelta ve le risparmio). Ecco una piccola descrizione: - Telajo : On-One Pompetamine tg. 54 - Forca : Kinesis DC37 in carbo da CX - Mozzi : Ant. Shimano Deore XT 32h, post. Shimano Alfine 8 36h - Cerchi : Mavic A319 - Raggi : DT Swiss - SS : Crank Brothers Cobalt 2 - Attacco manubrio : DMR - Manubrio : Ritchey Comp Rizer - Freni : A disco meccanici Tektro Aquila con dischi da 160 (in arrivo Avid BB7 con dischi da 180) - Reggisella : Deda 01 - Sella : Selle Italia SLR XP - Guarnitura : Shimano Alfine Hollowteck II 45t (e pignone da 19) - Coperture : Michelin City Protek 700x32 (per l'inverno arrivano delle Schwalbe CX Pro) Ormai ci ho fatto circa 1500 Km, compreso un viaggio da Parigi a Londra. La bici completa non è leggera, pesa circa 13 Kg (il solo mozzo post. ne pesa quasi 2) ma è meravigliosamente bilanciata tra anteriore e posteriore, e una volta che si pedala, non lo si sente per niente. Devo dire che il telaio, nonostante il prezzo contenuto (170 euro spedito) è un ottimo telaio, si presta bene a molteplici usi ed anche a livello di geometria non lo trovo affatto male, abbastanza compatto al posteriore e flessibile al punto giusto. Dateci coi pareri! YO!
  24. Ciao ragazzi, apro questa discussione per domandarvi secondo voi quanto l'uso quotidiano, costante ed intensivo della bicicletta in ambito urbano può essere una buona forma di allenamento in generale. So che la domanda può risultare banale, perché so già da me che l'esercizio quotidiano è essenziale per una buona forma fisica e per la saluta. Ma la mia domanda è un pelo più mirata, voglio dire per una prestazione intensiva (es. criterium, cicloturismo, granfondo e vattela a pesca) può essere un buon componente della preparazione? contando che comunque l'utilizzo urbano è ricco di ogni forma di sforzo (lunghe percorrenze, curve, riprese rapide etc) e se svolto per una 40/50ina di kilometri al giorno può anche risultare più impegnativo di quanto si creda. Insomma, infine molti pro del mondo delle crit arrivano dal bike messengering e le skils sappiam tutti quali sono. Detto questo, fuoco alle polveri; non sono entrato nel dettaglio, ma se qualcuno vorrà delucidarmi con qualche parere e nozione, esplicherò bene la situazione.
  25. Ciao a tutti, vi presento la mia opera di conversione su un'Atala corsa anni '80. Concepita per uso urbano quotidiano, spostamento casa/lavoro, quindi essenziale e senza frills per la testa. Componenti recuperati quasi totalmente dalla versione originale corsa (reversibile all'occorrenza), con aggiunta ruota posteriore flip-flop, economica ma illibata, e catena 1/8 single speed. Componenti - Telaio: Atala Cesare Rizzato – Tubi Tullio. Campione d’Italia e del Mondo 1982; - Ruota Anteriore: Mozzo Miche/Cerchio Ambrosio Champion Olympic/Tubolare Vittoria Competition Rally; - Ruota Posteriore: Mozzo Flip-Flop in Alluminio ED, con movimento su cuscinetti sigillati/Cerchi Beretta/Copertoncino Hutchinson Equinox; - Serie Sterzo: Ofmega; - Freno anteriore Weinmann Type 500/Leva freno: Weinmann; - Movimento Centrale: Gipiemme; - Guarnitura: Ofmega/Corona: Ofmega 52t; - Pignone: No logo 18t; - Pedali: Gipiemme Sprint; - Gabbiette puntapiedi: Anonime/Cinghietti cuoio: Christophe; - Reggisella: San Marco G.S.; - Sella: Gipiemme Iscaselle Nitrec (o San Marco 313 Corsaire, poi vediamo); - Catena: Sram PC-1 Nickel; - Stem: 3TTT; - Piega: 3TTT Mod. Competition Gimondi; - Nastro: “Pregiatissima” camera d’aria riciclata; - Tappi Manubrio: Vintage anni ’70; - Luce anteriore: Knog. Sparate a zero consigli, che ho tutto da imparare...
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .