Leaderboard


Popular Content

Showing most liked content since 08/18/18 in all areas

  1. 28 points
    BACK TO THE 2009 Ebbene si, si torna alle convertite con i cerchi tamarri e le stickerate violente. Se vi ricordate il Moro convertito pettinatissimo di Boston rieccolo in versione un pelo più arrogante(per chi non se lo ricorda vi lascio il link sotto) Telaio: Moro TopRace/forca pista Stem: WR compositive carbonio Manubio: riser china carbon swag manopole: Cannondale Reggisella: no brand MTB Sella: Prologo Guarnitura: Omnium + corona by @Cecio MC: Omnium Catena: KMC Pedali: no brand Ruota anteriore: Tecno Ruota posteriore: ambrosio excursion mozzo iso xt pignone @Cecio yess
  2. 27 points
    Volevo riprovare un acciaio e così, ancora incerto, finì per codare un Pinarello marchiato FCI. Arrivato a Milano ci ho schiaffato subito una Wound Up che girava in casa da un sacco di tempo e questo è quello che ne è uscito Frame: Pinarello (Montello?) FCI 50x52 tubi oria Fork/Headset: Wound Up / Tecora Crankset/Bottom Bracket: Stronglight 165mm bcd144 JIS / Miche 107mm Pedals: Shimano m525 Cog/Chainring/Chain: Fixkin iso 17t / Miche 47t / Miche Handlebars/Stem: riserone KCNC Rampant da tagliare/ ITM eclypse Saddle/Seatpost: Selle Italia SLR/ Thomson 27.2 Front Wheel/Hub/Tire: Ambrosio boh / Ambrosio by FRM (una chicca) / Conti GatorHardshell Rear Wheel/Hub/Tire: Ambrosio Excursion / Novatec iso+ Bobsaxle / Conti GatorHardshell Ringrazio di nuovo tutti quelli che hanno contribuito nel farmi arrivare questo bel telaio Pics di @Amedeo23
  3. 24 points
    condivido con voi che mi conoscete quello che ho scritto in merito alla tragedia del crollo del viadotto Morandi a Genova, buona lettura, spero di aver usato parole comprensibili da tutti https://riky76omnium.wordpress.com/2018/08/23/il-dovere-di-scrivere-il-mio-pensiero-sul-crollo-del-pontemorandi-a-genova/
  4. 20 points
    Ciao Bbelli, é lunedì e quindi presento. poi presento/aggiorno anche le altre. Intanto quella che ormai uso tutti i giorni: Lino Tempesta pista di inizio anni 80. Arrivato dalla Lituania col furgone (dio solo sa che cazzo ci facesse sta prelibatezza in mezzo a quei bevi-vodka) a fine giugno. Nel frattempo che arrivasse ho contattato Silvio (il figlio di Lino, saldatore nonché zio di guerciotti per chi fosse all'oscuro) che mi ha dato qualche informazione tipo le tubazioni, tipo il fatto che sia stata fatta su misura per un seigiornista di cui non mi ha rivelato l'identità, le tubazioni e che questo modello con il doppio scasso (vedere foto per capire) è stato prodotto solo in 6/7 esemplari. il montaggio è poco coerente con provenienza e anni ma a me FOTTESEGA LISTA: -telaio e forca: Lino Tempesta 53.5v x 54 o in columbus pl -mc e ss: dura ace 7600 e campagnolo mista -attacco e manubrio: pipa dura ace e riser generico random con nastro di tela -reggi e sella: dura ace (1ª gen credo) e flite titanium guarnitura: dura ace 7600 165mm con @Ceciocorona da 47t (bacini) catena: hkk vortex blu (bacini @fedep) ruote: dura ace 7600 su cerchi ambrosio nemesis tubolare a raggi saldati con pignone random da 15 pedali: suntour sprint
  5. 19 points
    Aggiungo altre foto qui perché non me ne fa aggiungere altre
  6. 19 points
    Ogni tanto, a cazzo, una bici nuova... questa la uso solo col giacchetto di jeans e lo zainone Invicta. Tutta roba che avevo accumulato in casa inutilizzata aggregata su un telaio di recupero (aveva il canotto bloccato nel telaio e qualche macchia di ruggine) Telaio: Moser marchiato 51.151 (sembra un evolution ma non sono affatto certo che lo sia) 61v x 59o Forcella: la sua S.S.: la sua M.C. VP Reggisella: SBR (solito generico rimarchiato) Sella: Selle Bassano "Mission" Stem: 3t 120mm panto "Moser" Manubrio: 3t Jammin' 640mm Manopole: Flybikes Leva freno: Shimano LX Freno: Tektro Guarnitura: Shimano 600 170mm 53t Pedali: BMX resina Straps: VP Ruota ant: RWS Constrictor Ruota post: Ritchey AERO su mozzo generico Gomme: Kenda fighe perchè oggi il para tira Pignone: Surly 22t
  7. 18 points
    ... va bhè le foto si sa che le faccio di merda ... ma dato che @maestroyoda ci tiene tanto a vederla e che l'anno prossimo compie 10 anni ve la faccio vedere ... tra l'altro sono arrivato a quasi 34 anni per togliere il frenulo. Praticamente 33 anni vergine ma da quando l'ho tolto il divertimento si è moltiplicato. Beata vecchiaia che m'insegna a vivere. Ci ho messo anche qualche gnocca che non guasta mai. Questa biga ha attraversato tantissimi step e 1000 componenti (quasi tutti targati FF). TELAIO: CINELLI GAZZETTA RUOTE: mozzi PHIL WOOD con cerchi HSON+ GUARNITURA: MICHE con corona M2 -13- PEDALI: BMX con straps BRN (FANNO IL LORO MESTIERE) SS: DIA COMPE ... prossimamente CK PROMESSO STEM: FUNN STRYGE RISER: SPANK SPOON con manopole ignoranza by @NEKRO REGGISELLA: MICHE SELLA: SELLE ITALIA FILANTE Se non vi piace fottesega è la mia bici!
  8. 18 points
  9. 16 points
    Dovere di cronaca: Sono due giorni fa sul thread e un nickname che non ho mai conosciuto, visto, sentito mi dice : “ se hai finito i soldi una bevuta te la offriamo noi! “.. Ringrazio, penso “che gentile”. Ieri sera mentre pedalo un messaggio privato (che Signore). Dice “mandami il codice della tua prepagata che ti offro qualche bicchiere”. Declino l’invito ringraziando e togliendomi il cappello. Risposta: “Carissimo, grande sei te, che stai vivendo un'avventura pregna di emozioni e la condividi con l'utenza del Forum. Sul discorso prepagata non insisto, ma se fossimo di persona lo farei. Una bevuta non si rifiuta mai!! “ Ecco. Signori questo è @Capiero . Onore
  10. 16 points
  11. 15 points
    Salve a tutti! Dopo la preview dell'altro giorno annunciando la presentazione in gallery ho fatto dei ritocchini ad hoc alla biga per renderla presentabile. Presa verso la fine di maggio, da ieri è finalmente montata con pezzi soltanto miei, quindi ho aspettato questo momento per metterla su. Sotto la mia presentazione sul forum, nonché il primissimo assemblaggio. Non è stato facile trovare l'assetto giusto anche vista la misura un pelo grande per me, e sicuramente ci sarà ancora da metter mano al tutto, ma intanto così si presenta: - Telaio: 54x54 cc di origine e tubi sconosciuti, niente verniciatura ma solo trasparente. Come scritto anche in presentazione , è stato ipotizzato che possa essere un Renesto a giudicare da alcuni elementi, e del resto sulla scatola del mc a memoria non ci dovrebbe esser scritto niente (ma ricontrollerò). - Forcella: come sopra ma cromata, i forcellini recitano "Columbus", rake 55 e bye bye overlap. - Serie sterzo: Boh, ma funziona. - Pipa: 3ttt Record 84 da 80mm con attacco da 26. - Manubrio: Riser no brand 25,4 da 480mm e manopole Specialized Enduro XL con lock. - Reggisella: ITM black fluted da 26. - Sella: Concor light. - Mc: VP components 113mm. - Guarnitura: Gipiemme special 165 strada convertita (nel senso che c'ho montato solo una corona, non l'ho fresata). - Corona: Gipiemme 48t arrivata fresca fresca da @B-boz. - Pedali: Shimano 600 completi di gabbiette presi da @Eliamwzz e cinghiette Decathlon. - Catena: Miche pista. - Ruota Anteriore: Ambrosio Balance da 28" su mozzo Shimano 105 e copertoncino Michelin Lithion da 23. - Ruota posteriore: Cerchio no brand da 28" su mozzo Joytech flip flop, con un pignone (ahimè) libero e una slitta Miche. Momentaneamente monto un 17t, ho anche un 15t. Copertoncino china brutto da 23 che così non mi sento in colpa a skiddare. Il portapacchi c'è e non c'è a seconda del bisogno, in estate diventa tassativo per le birrette e per evitare lo zaino sulle spalle, le foto sono fatte col telefono perché fa caldo. Ringraziando il forum per i consigli, il mercatino, la passione, gli eventuali commenti e critiche per migliorare, ma soprattutto per il mercatino, e soprattuttotutto ancora ringraziando @Pleffas, godetevi sta biga maleducata.
  12. 15 points
    dai non facciamo i sommelier della figa
  13. 15 points
    Complimenti, Teo, e grazie per aver condiviso con noi quest'avventura. Ti ho seguito con piacere e apprezzato il tuo stile genuino, spesso sopra le righe. Sei un ragazzo che sa pensare e scrivere, qualche deriva qualunquista te la perdono volentieri. Mi hai fatto compagnia in questo mese di molto caldo, molto lavoro e poco piacere. Mi hai fatto sognare un'impresa che probabilmente non compirò mai e fatto conoscere luoghi che difficilmente visiterò. Ci hai offerto un punto di vista inedito e molto umano su una competizione che solitamente immaginiamo riservata ai Superman. Hai dimostrato che una persona "comune" - nel senso buono del termine: un non professionista, per quanto in forma - può spingere molto oltre l'asticella dei propri limiti, grazie a una volontà ferrea. Grazie di tutto. Ora però regalaci l'ultimo capitolo.
  14. 15 points
    tornato a pieno regime :)
  15. 15 points
    Vi sto scrivendo dalla mia tenda, nel sacco a pelo a 70km da “Inari”.. roccaforte “Sami” a 370km da CapoNord. Ma nel racconto siamo 3 tappe indietro. Bene, torniamo a Rovaniemi e alla sua caduta. La mattina mi sveglio, a mezzogiorno come solito ho il check out di rito. La sauna (che a me fa cazzo) l’ho usata per asciugare i vestiti. Oltre a quelli mizzi di pioggia del giorno prima, visto che avevo la lavatrice ho approfittato per lavare un po’ tutto. Stavano in piedi da soli ormai sti vestiti da quanto erano lerci. La Sauna a 120 gradi “secca”, fa miracoli con gli indumenti bagnati. Mezza giornata e sono asciutti e caldi. Preparo la biga per l’ennesima tappa, e parto alla volta di “Sodankylä” . Prenoto un albergo, il più “economico” mi ruba 90€. Bestemmie. Ma davano pioggia la notte, fino a mezzogiorno seguente. La tenda non era una buona opzione. Così mi faccio sti 130 km sciolti, niente di che. A parte che un tir mi passa e dopo 3 curve lo trovo rebaltato.. tutto bene. “Non era la mia ora” penso. Mi becco un po’ d’acqua nel mezzo ma non succede nulla di rilevante. La strada è scorrevole, mi costa poco impegno. Le ore le passo al telefono con vari amici mentre pedalo rilassato. I km come le ore volano. Entro nell’hotel. Bici in stanza come solito. Una stanza modesta, carta da parati anni 70, ma chissene meglio della strada. Però 90€ non li vale neanche a pagarli. Pensare che per 40€ in Polonia avevo una camera da Signore, o con 52€ in Lituania una suite con 8 letti.. come cambiano le cose da una manciata di km all’altra. Dalla finestra socchiusa entra un freddo porco, la chiudo. Guardo fuori e vedo la strada riflettere la luce. Il manto stradale è uno specchio d’acqua. “Spero di non beccarla domani” mi dico. In quei 90sacchi rubati, ero riuscito a strappare un check out invece che a mezzogiorno, alle 4 di pome. Ma aveva poco senso comunque. Dove cazzo vai alle 4 di pome se quattro ore dopo ci sono i pinguini per strada? Meglio sfruttare il calore del giorno.. se solo smettesse di piovere. Mi sveglio ho una linea di febbre, mi sento stanco morto. A mezzogiorno lascio l’albergo, e mi dirigo in farmacia. Piglio delle aspirine e delle caramelle al miele. Sento così freddo che ho su anche l’antipioggia. Ma sudo e faccio peggio. Vedo sempre fuori dal supermercato e dagli altri esercizi commerciali delle lepri. Come fossero gatti. Rimangono vicino le persone come fossero animali domestici. Sorrido e parto alla volta di “Ivalo”. 170km di tappa. Ivalo è selvaggia, si avvicina al confine Sami. Per arrivarci altri svarioni alla Morrison. La tappa prima di quella di Rovaniemi, uno strano animale mi aveva tagliato la strada a 10m di distanza. Mi pareva un cerbiatto, ma più grande,con la coda stile shitzu e il culo bianco.. boh. Poi pedalando verso Ivalo ho capito. Posto stupendo, pieno di fiordi, laghi e... invaso di Renne. Sono ovunque! La prima volte becco due maschi con un bel palco, mangiare a bordo strada. Mi fermo, e tributandogli a quei cornazzi il dovuto rispetto, scatto qualche foto. Riparto pensando sia una rarità. Ogni mezz’oretta ne trovo qualcuno. Dalla mamma col piccolo, ai maschi fermi in mezzo alla carreggiata. Questi ultimi non si muovono. Uno dei due abbassa la testa come a dirmi “se passi t’inculo”. Passo largo, un po’ cacato. Ma sono buone ste renne, son più pezze mie. Più ne vedo, più mi abituo. Finché divento un renna stalker. Strano vedere dei grandi “cervi”, starti a 5 metri senza scappare. Qualcuno scappa, altri se ne fottono di te. La pet terapy mi mette di buon umore. Ivalo è ancora lontana.. e alle 18.00 quindi le 17.00 vostre, qui fa già freddo. La strada sale continuamente in maniera morbida, fino ad arrivare in un posto dove non esistono più gli alberi. Sembra una steppa o forse più un confine americano, dove il cattivo di turno lo valica facendo perdere le proprie tracce. È tardi tramonta. Arrivato in cima vedo dinanzi a me una strada scendere, srotolarsi tra infiniti boschi, talmente infiniti che non se ne vede fine in tutte le direzioni. Qui gli abeti o le betulle sono sottili, piccoli alberi di 3-4 metri ma fittissimi, uno vicino a l’altro. Ai loro piedi un muschio gonfio e verdissimo gli fa da tappeto. Non vedo più renne, poco importa sto gelando. Un altra ora di pedalata e arrivo ad Ivalo alle 21.30.. (continua) PS: tra una renna e l’atra guardo i km.. son 4000.
  16. 14 points
  17. 14 points
    Frame: Cinelli Speciale Corsa Pista (54.5 x 55.5) Fork/Headset: Cinelli Pista/ Campagnolo Pista Crankset/Bottom Bracket: Dura Ace 7710 / Shimano Pedals: MKS Drivetrain/Cog/Chainring/Chain: Superbe/Suntour/ Sugino/ DiD Handlebars/Stem: Nitto/ Nitto Saddle/Seatpost: Selle Italia/ Randoms Front Wheel/Hub/Tire: Zefiro T50/ Zefiro/ Tufo Rear Wheel/Hub/Tire: Mavic CXP14/Superbe/ Gatorskin
  18. 13 points
    mi ha ricordato fortemente la mia infanzia
  19. 13 points
    e anche la chris king da 1" è arrivata, thanks a @GOFRENGOGO per la pazienza e disponibilità e la bella chiacchierata in casa Masi. per un bel po' non toccherò più nulla.
  20. 13 points
    Dopo ormai parecchi anni di progetti cambiati all'ultimo, disegni strappati e telai maltrattati posso finalmente presentarvi il ciclomezzo che mi accompagnerà per qualche tempo. Dopo essermi deciso a ripiegare su una produzione su misura, costosa ma efficace, di qualche telaista in zona Lombardia ho adocchiato questo telaio della ridewill che ha delle misure e geometrie mooolto vicine a quelle desiderate (mezzo grado in meno del voluto al tubo verticale e mezzo in meno al tubo sterzo); ad essere sincero è stato il prezzo a convincermi in quanto essendo un povero e miserabile studente non ho fondi per investimenti seri, così risparmiare qualcosa dal telaio mi ha aiutato nella ricerca dei componenti (molti usati). Ringrazio tutti voi del forum per i preziosi consigli che ho ricevuto leggendo discussioni o chiedendo direttamente a voi, sono stati indispensabili per portare a termine questo progetto che mi ha tormentato per oltre un anno e soprattutto leggendovi mi sono convinto a lanciarmi nell'impresa. E ora si parte con le danze, criticate tutto ciò che dovete perché è sempre buona cosa trasmettere qualcosa ai novelli come me ;) Telaio: ridewill conico 52 Forcella: ridley noah flow presa da @ppezzo con serie sterzo data da un mix di cuscinetti (viaggiava con la forca), expander columbus Attacco: pure raza 80mm (da aliexpress) Piega: deda rhm 02 con freno ant / 3t aura pro senza freni, tutti i nastri selle italia smootape Reggisella: aero (da aliexpress) finitura 3k opaca Sella: selle italia q-bik / 3k finitura opaca (presa di seconda mano senza segni di uso, sicuramente di aliexpress, adesivi time) Collarino: miche x carbon Guarnitura: miche pistard air 165mm 49t Pedali: btwin con resistenza allo sgancio regolabile (simpatici ma da sostituire) Mc: miche evo max (da sostituire a breve) Catena: miche pista con una mezza maglia Ruota ant: cerchio token t50 (tubolare, 50mm) su mozzo miche pista (flangia alta) 20 fori, raggi alpina inox 2.0 radiali / 3k opaco 50 mm per copertoncino su mozzo ant corsa 20 fori, raggi alpina inox 2.0 in seconda Ruota post: cerchio token t5 (tubolare, 90mm) su mozzo miche pista-pista (flangia alta) 24 fori, raggi alpina inox 2.0 in terza / 3k opaco 50 mm per copertoncino (spalla del cerchio leggermente deformata dal precedente proprietario dopo una frenata in discesa) su mozzo miche pista-pista (flangia alta) 20 fori, raggi alpina inox 2.0 in seconda Tubolari: tufo s33 pro 21 mm Copertoncini: cst ultraspeed 23 mm / kenda kadence 23 mm Pignoni: 12 + slitta miche per la posteriore da 90mm, 13 + slitta miche per la posteriore da 50 mm, solitamente uso un 14 La verniciatura è un nero perlato azzurro/blu soprannominato nero recidivo: Per le raggiature ho prima dovuto fare molte prove con altre ruote, poi mi sono cimentato nell'impresa e grazie ai vostri consigli sono più che soddisfatto Credo sia la ciliegina sulla torta, è molto rigido e permette così tante posizioni da non stancarmi mai, ma quando lo si prende per le corna lo si può solo definire brutale: Qualche dettaglio che a me piace molto del frameset: Cerchi accuratamente sverniciati con carta abrasiva ed in seguito lucidati (dopo aver chiesto ad un esperto nella produzione e lavorazione del carbonio se ci fossero controindicazioni): Peso: 7,6 kg montata come in foto 7,3 kg con la sella in carbonio
  21. 12 points
    Nonostante la fissa sia morta ho deciso di comprarne un altra... A giugno avevo venduto il mio telaio vetta e dopo un paio di giorni avevo gia capito di aver fatto na cagata... dopo un paio di mesi tutti quei pezzi inutilizzati mi guardavano tristi tristi e cosi ho compato sto telaietto. Cinelli mi consigliava una S ma ho preso una XS e credo di avet fatto bene la S sarebbe stata troppo lunga per me. Frame: cinelli vigorelli steel Fork/Headset: columbus/columbus Crankset/Bottom Bracket: sram omnium Pedals: shimano m520 Handlebars/Stem: carbon/ kalloy uno Saddle/Seatpost: slr / in attesa di uno della misura giusta Brakes: shimano 105 Front Wheel/Hub/Tire: reynolds carbon/ continental gp 4000 da 25 Rear Wheel/Hub/Tire: reynolds carbon/ continental gp 4000 da 25 e ora due foto fatte a la cazzo In questi 10 giorni da quando è arrivata ho cercato di usarla il piú possibile e per ora mi ci sto trovando da dio, anche nella mia taglia da nano mi pare non ci sia overlap. il telaio è abbastanza pesante ma la forcella incredibilmente leggera, la serie sterzo si puo migliorare: la parte sotto va bene ma quella sopra è a sfere libere che potrebbe anche andare ma lo spessore conico in plastica non si puo proprio vedere. https://www.pedalroom.com/bike/cinelli-vigorelli-steel-38419#photo311160
  22. 12 points
    acciaio retro-mod non ne ho, tocca accontentarsi
  23. 12 points
    Arrivo ad Ivalo dicevo..Ivalo è un posto da western dei ghiacci. Ci sono le “ciclabili” per le motoslitte. Vendono pelli, corna attaccate alle case, camicie quadrettoni e coltellaccio nella cintola. Sono dei duri ad Ivalo. Nei supermercati vendono di tutto, dalle taniche di benzina, fino alle eliche per i motoscafi. Assomiglia a posti che fanno vedere su quelle serie sull’Alaska. Quelle famiglie disperse nel nulla con ciaspole, fucili e tabacco da sputo per capirci. Quei luoghi dove chi vive qui, è tosto come un Alce. Non che quelli prima fossero da “ballerina” ma questo è da veri duri. Tra la popolazione distinguo a volte chi è Sami e chi è Finlandese. I Sami hanno gote più tonde e occhi che tendono a mandorlarsi. Ma fa freddo, sono le 21.30 e il check-in scade alle 22.00. Ho prenotato una mini casetta 45€ in un camping, indovinate un po’? .. sul lago. In questo posto ci sono più laghi che terra ferma. La vita brulica li attorno. L’entroterra è pressoché disabitato. Seguo le ultime indicazioni del navi e eccomi nel camping. Vado alla reception, apro la porta e come nell’inizio di un “resident evil” mi trovo un tizio in poltrona davanti ad un camino. “Ti stavo aspettando “ mi dice in inglese. Mi fa dire il mio nome, mi chiede qualcosa che non comprendo, mi difendo col mio consueto “renziano” e capisce d’essere di fronte ad un analfabeta. Glielo leggo in faccia. Ma il tipo, sui 55 anni e voce da porno narratore anni 80’, è benevolo e spreca tempo scandendomi bene le parole.. come si fa dinanzi un ebete. Tant’è che prendo coraggio e gli spiego che sono ad Ivalo per comprare gli ultimi souvenir, e magari con la scusa farmi saltare fuori un coltello “Sami” originale. Il porno narratore è bello stagno, è grosso come me e in un nano secondo pianta un coltello sul bancone in legno.. l’ha estratto svelto, da dietro la cintura alla Steven Segal.. fisso la lama ed è nera, col filo a specchio. Un bel manico ciccio in legno bello grosso, per poterlo usare bene anche coi guanti. Lo stacca dal banco, noto che il banco è pieno di segni. Dev’essere un numero che fa spesso.. me lo da in mano. Pesa parecchio, la lama corta tipo “skinner” pare serva per scuoiare. Tocco il filo è un rasoio. Mi dice che al supermercato ne vendono di belli, sorrido, mi fa strano la cosa. Lui mi guarda come “se ridi ancora ti sviscero”.. mi dice “vai ad Inari 40km a nord da qui, vai a visitare il museo “Sami”, li troverai parecchi coltelli originali. Ma il prezzo è per turisti..”. Gli chiedo se lui fosse Sami e credo che per poco non mi svisceri veramente. Mi spiega che c’è una divisione etnica abbastanza faidosa tra i Sami e i Finlandesi. Mi dice che oggi sono tutti mischiati. Raramente li riconosci. “Non aspettarti indiani Apache che ballano attorno al fuoco perché non è cosi” dice. I Sami mettono i loro tradizionali costumi solo alle ricorrenze, e come già detto oramai son quasi tutti mischiati. Saluto Steven e vado a scaldarmi nella mia microcasetta sul lago, è carina, sembra un funghetto. Dentro due letti,una stufa, un bollitore,frigo, microonde e un tavolino. Cessi e doccia sono in un altra struttura. Erano oramai le 22.00 di sera e faceva un freddo porco..non mi lavo, fanculo troppo freddo, di uscire non ne ho mezza. Mi incollo alla stufa. Metto la Sequoia sotto la mini tettoia, mangio due schifezze che mi rimanevano e collasso.
  24. 12 points
    breve storia triste ... vedo un bambino che gioca con il Diablo. Mi avvicino con il sorriso da spaccone " posso provarlo così ti faccio vedere qualche trick". Neanche 2 secondi e me lo tiro in faccia ad una velocità supersonica ... e il bambino: " magari quando eri giovane eri più bravo" "quando eri giovane" "eri giovane" p.s. stò ancora piangendo "quando eri giovane" fa male ...i genitori dovrebbero insegnare che le parole fanno male ... dentro .. vicino al cuore!
  25. 12 points
    Tweet di San Pietro: "Si è presentato così" Mancherai… Ciao Dario!
  26. 12 points
    Per chi se lo fosse perso
  27. 11 points
    Fuori moda e fuori tempo, come il jazz, pubblico qualche foto della convertita che pedalo da un paio di anni. Ho comprato il telaio qui sul forum e l'ho montato con pezzi di recupero o comprati qui. Tutto materiale ultra umile ma affidabile! Le foto e la lista la ritraggono nel montaggio che ho tenuto più a lungo, ultimamente l'ho usata per un paio di viaggetti in versione doppio freno, gomme da 28 e portapacchi anteriore, e sto considerando di tenerla montata così in vista dell'autunno imminente. Telaio: Marcelli 54x54 da @Jonsey Ruote: posteriore Ambrosio flip-flop, pignone Miche 15t; anteriore Ambrosio Super Elite su Shimano Exage Guarnitura: Shimano Exage Corona: Shimano strada 42t Catena: Miche Pista Movimento Centrale: VP Pedali: Shimano SPD Reggisella: Kalloy Sella: Selle Italia Daytona Serie Sterzo: Shimano 105 Golden Arrow Pipa: ITM Eclypse da @pike44 Piega: ITM Super Training da @pike44 Leva freno: Dia-Compe Pinza freno: Shimano Exage
  28. 11 points
    Anche quest'estate, per un motivo o per l'altro, non sono stato capace di stare fermo, e ho deciso di assemblare una nuova bici. Forse è davvero adatta al 98% delle mie ucite in bici, stavolta c'ho preso... Sperem! Ho assemblato una gravel a partire dal nuovo telaio di Planet X, il Full Monty SL: si tratta di un telaio in alu, quindi vistose saldature e tubi grossissimi; telaio e forcella da tagliare, appena disimballati stavano sui 2,5kg, non pochi, ma la forcella ha il cannotto in alu pure lei e la verniciatura è veramente di ottima fattura (ho sscelto il glossy red, che, dal carrozzaio, ricorda il rosso ciliegia metallizzato). Imballo impeccabile, sopra gli standard di Planet X, e oltretutto arrivato in 4 giorni lavorativi (incredibile, in questo caldo agosto). Si aggiungono ruote da mtb, che con i qr del telaio ci stanno e col canale da 19 permettono diverse misure da copertoncino; pesano come macigni, ma ero stanco di tornare a casa col male ai polsi perché le strade fanno cagare e non mi voglio precludere qualche stupidaggine in montagna. Qualche cinesata qui e là, il trittico della bdc con cui mi trovavo bene, il borsello à la TheRadavist e due pesantissimi portaborraccia (ai quali non rinuncio perché ormai ci sono affezionato-il primo dei due è stato il primo pezzo comprato per la mia prima mtb) completano il tutto. In realtà stocazzo, perché devo ancora montare la cassetta 11-42 (@riky76 doesn't approve) e non potrò farlo finché non ricevo il Roadlink, fermo in dogana da un paio di giorni! Ma avevo troppa fretta di montarla, 11-34 Tiagra, regolazione da rodare e ieri il primo giretto! Sabato la porto al mare e poi ci becchiamo in giro! Lista componenti e foto @Nekrologiche Frameset Planet X Full Monty SL taglia M Ruote WTB SX19 29" Manubrio BMC RAB 03 Pedali Crank Brothers Eggbeater 1 Copertoncini Continental Cyclocross Race 700x35 (che sò rigidi, ma scorrono bene e spero mi preservino dalle forature) Freni TRP Spyre Comandi Shimano Tiagra 2x10 (che col monocorona non c’azzecca, ma mi trovo bene e son compatibili col der. Tiagra, perciò sticazzi) Cassetta SunRace CSMX3 11-42 (che monterò) Corona Fouriers E1 5800 42t (bellina, ma i bulloni sono per il 105, un po’ diverso rispetto alla fusione del Tiagra) Deragliatore posteriore Shimano Tiagra Serie sterzo Selcof Headset Tapered Oversize 1.5" - 1" 1/8 Sellino PuraRaza EC90 (recensito qui) Cannotto reggisella BMC RSP 03 Pipa 3T Arx Team 100/6°
  29. 11 points
    vabbè dai, che c'entra, a salsomaggiore c'è il raduno mondiale delle apecar, se per questo. (lol)
  30. 11 points
    cominciamo con i quote molesti @vito666 @Stick @Coidda @Jag @Trevi @Key @SimoMeña @Pier @carlomarrone @Cecio @enky @Pleffa @otreb @Nekro @-Nemo- @Visconte Cobram @marianel @Turku @riky76 @psychonaut @RudeRider @Antanimaster @Lukigno78 @Frost @beforeitwascool @matteozolt @il_gobbo @fastidio @andrea90 @Teobass @[email protected] e i vari ragazzi di Milano di cui non conosco il nick giusto o non sono sul forum annunciamo già a tutti che ci saranno 6 e dico 6 CHECK. Avremmo quindi bisogno di un po' di aiuto per coprirli , chi fosse disponibile può scrivere in mp a me o @taldeital
  31. 10 points
  32. 10 points
    Ciao a tutti, vendo questa telaio a dir poco raro...Tokyo Fixed ONO realizzato in pochissimi esemplari nel 2013 e verniciato (NON C'E' MANCO UNA DECAL...E' TUTTO VERNICIATO) dai maghi della verniciatura di DEATH SPRAY CUSTOM (https://deathspraycustom.com) Ne ha uno anche Kyle Kelley di Golden Saddle Cyclery...lo potete vedere al seguente link di The Radavist (https://theradavist.com/2013/12/beautiful-bicycle-kyles-tokyo-fixed-and-death-spray-custom-ono-track/#1) Telai in acciaio Columbus MAX e ZONA fillet brazed...geometria compatta con tubo orizzontale corto e leggermente pursuit Il telaio è NUOVO con ancora il CARTELLINO ATTACCATO. La taglia è una 57 ma le misure sono: SEAT TUBE: 56 centro-centro TOP TUBE : circa 54 centro-centro Vendo a malincuore ma dopo anni che lo tengo in casa non penso che lo monterò mai Se interessati ho anche altri pezzi croccanti con cui montarlo ma che venderò solo insieme al telaio o dopo di esso (Sugino 75, AARN ecc tutti nuovi di pacca) PREZZO 900€ NO PERDITEMPO PLEASE Cosa*: telaio + forca Tipologia: pista / ssMarca: Tokyo Fixed Modello: ONO by Death Spray Custom Taglia / misura: 57 (vedi misure in descrizione) Dettagli tecnici: Stato*: nuovo di paccaSegni di usura o segni particolari *: no Smembro: noPrezzo*: 900€ Costo e tipologia spedizione*: 10€ Precedenza*: primo in coda / ritiro a manoIn vendita su altri canali*: al momento no
  33. 10 points
    Un po' di scatti da una meravigliosa tre giorni sulle dolomiti
  34. 10 points
  35. 10 points
  36. 10 points
    (poi chiudo perché si sta andando OT) Allora te la spiego così con un esempio pratico, perché mi pare che si faccia finta di non capire: posso dire "io gli omosessuali non li capisco" oppure "voi froci mi fate schifo". In entrambi i casi hai espresso la tua opinione. Nel primo caso, "io gli omosessuali non li capisco": aprirai un tavolo di discussione. Nel secondo caso, "voi froci mi fate schifo": se il tuo interlocutore sarà intelligente ti darà le spalle e se ne andrà altrimenti potresti correre il rischio di prendere anche degli schiaffi. Penso di essere stato chiaro.
  37. 9 points
    Eh, dolanisti, gazzettisti, MTB e chi più ne ha più ne metta e non c'è una gallery dedicata alle convertite? ma dai, per favore... Saranno una marea, quasi tutti siamo partiti da una convertita, bici economiche, tirate su al risparmio per iniziare.. Io ne metto alcune, la prima non può che essere questa:
  38. 9 points
    Vendo per problemi fisici e impossibilità di pedalare. Usata 6 mesi abbondanti. Alman pista 56,5 con soluzioni uniche quando è stata commissionata. Carro posteriore a clessidra, tubi oversize e scasso sul verticale. Ss Chris King e forca da 30 rake, forcellini e testa forcella in acciaio inox tagliato a laser. Vernice viola Fiat. Geometria spinta credo sui 75 gradi e MC alto 29 Marca: alman Modello: oversize Taglia / misura: 56x56,5 Dettagli tecnici: tubi Columbus MC BSA sterzo 1/8 reggisella 27,2 Stato*: Segni di usura o segni particolari *: piccola bozza sull'orizzontale e tubo reggisella da alesare. Aldo si è dimenticato di farlo e non ho mai avuto tempo di passare a Bologna Smembro: noPrezzo*: 700 Costo e tipologia spedizione*: compreso Precedenza*: primo in coda
  39. 9 points
    La prossima sarà la Settimana Europea Della Mobilità e gli Arieti vi portano a girare in velodromo. A Ferrara, il nostro consueto Mercoledì FISSO, il 19 settembre sarà inserito nel programma di questa bella iniziativa. Dalle 17 in poi, tutti potranno entrare al Fausto Coppi di Ferrara. Sarà una bella serata all'insegna della bici da pista, la bici fissa, quella senza freni... mi raccomando! Le bici da strada, quelle con i freni, lasciatele a casa o comunque fuori dal cancello del velodromo ed entrate a piedi, eventualmente, anche solo per stare in compagnia. Chi entrerà con la bici da pista, potrà iscriversi ad un paio di garette o semplicemente fare qualche giro di pista, anche dopo il tramonto, avremo fari che illumineranno tutta la pista. Ci stiamo organizzando per fornirvi anche il food & beverage! Dove il food potrebbe essere un bel panino con la salsiccia appena cotta e fumante e il beveraggio... birra a fiumi! Per chiudere questa calda estate in bellezza, venite al velodromo mercoledì 19, più saremo e più ci divertiremo! VIVA LA BICI! IN SINTESI Nome evento: Ferrara Goes To Velodrome Dove: Velodromo Fausto Coppi Data: 19/09/2018 Orario di ritrovo: 17.00 Tipo di evento: garette in pista / festa / cena / aperitivo Tipo di bici: fissa / brakeless Costo iscrizione: 5 euro (solo per chi si iscrive alle garette) Cosa portare: casco / bici Link evento FB: https://www.facebook.com/events/727057210985939/ Hashtag: #arietiferrara #arietigoestovelodrome #ferraragoestovelodrome #mobilityweek #uispfe #arietiferraraasd #velodromofaustocoppi sett_mob_progr.pdf
  40. 9 points
    Hey! Ne ho una anche io! :) Adesso è un po' diversa, ho messo dei Panaracer Gravelking SK un pelo più cicciotti (oltre che nettamente migliori dei gravel grinder, almeno per le mie sensazioni) e dei time nuovi, quelli sgarrupati sono tornati sulla bici da polo.
  41. 9 points
    ultimo restauro fresco fresco di montaggio. Stelbel Integrale ritrovata in condizioni terribili, riverniciata colore rosa salmone sulla falsariga delle altre bici presenti nel registro storico, alla fine il colore è venuto un po' più scuro di quel che mi aspettavo in ogni caso non mi dispiace affatto. In quanto (farina) integrale le foto davanti al mulino per sgranare il mais erano doverose.. equipaggiamento: -Gruppo completo Super Record (1st gen) -Guarnitura + MC -Serie Sterzo -Cambio posteriore + Deragliatore a fascetta + manettini alleggeriti -Leve Freno + Freni -Pedali + gabbiette ALE -Mozzi Record su cerchi Fir per copertoncino -Reggisella Record da 25mm -Sella Cinelli Unicanitor -Pipa Cinelli 1R (vecchio logo) pantografata Stelbel -Piega Cinelli Campione del Mondo -Nastro Benotto Retinato nero
  42. 9 points
    Finalmente l'ho finita (per ora) Ci sono ancora un bel po' di cosette che voglio cambiare... Ho visto che ci sono in giro anche pipe da 1" con l'attacco manubrio da 31,8 mm e ne sto cercando una. Un reggisella e una sella come si deve. Magari anche una Serie sterzo nuova (Record) E poi le ruote vabbe.... Per adesso però me la pedalo un po'... Il primo giretto stamattina per venire qui in ufficio. Mi sa che anche questa non lascerà mai più la stalla... Telaio: Colnago Master (1st Gen Team Malvor) Forca: Colnago Serie Sterzo: Campagnolo Boh... Gruppo: Athena Carbon 11v Ruote: Maddux RX Light (Reparto Corse) Reggisella: Boh Sella: Boh Stem: 3T Manubrio: Deda (credo) Grazie @vic765 per il telaio, la pazienza, la disponibilità.
  43. 9 points
    Oggi non ce la faccio a raccontarvi la tappa “Oulu-Rovaniemi” (credo sia la mia migliore). Cerco di riposare. Mi godo questa super casa sul lago che mi sono trovato in offerta a 52€ su Booking. Grandissima, e con sauna. Cucina arredata con tutto. Una bellezza. Mi piange il cuore lasciarla. Oggi per andare da quel Coca-cola babbo Natale a farmi dare il timbro , che poi per me sotto la barba c’è Paolo Brosio, ho perso alcune ore di sciallo. Ora me la godo. Ovviamente avendo i fornelli (dell’Husqvarna 😆) è partita una aglio e olio da spavento. Due cazzate al supermercato 45€!! Sticazzi! Costa come la mia casetta sul lago. Cagatevi in mano, ma di mangiare ancora le loro merdate non ne avevo mezza. W L’Italia! e beccatevi sto timbro.. Ps: nella sauna ci asciugo le scarpe.
  44. 9 points
    Grazie ragazzi. Ma tra ciclist, la solidarietà e la vicinanza è cosa naturale, viene da sé. <3
  45. 9 points
    Rovaniemi cade e lo fa di schianto. Il quarto ed ultimo mostro è stato battuto. Ha combattuto fino alla fine. Tutt’ora sono nelle sue viscere, rimango prigioniero di una tettoia. La città è allagata da un temporale apocalittico. Ho freddo e anche se indosso tutto quello che ho, l’umidità me se magna. Mangio, cerco calorie. Oggi ho scritto la storia, la mia piccola grande storia. “Oulu-Rovaniemi” dista 230km. Li ho fatti tutti sotto temporali da paura, con 36 e più kg di bici e gomme da 42c. Navigando in solitaria tra le strade del bosco Lappone. Sono fiero di me. Il corpo ha ceduto, la testa vacillava, il cuore mai. Perché è col cuore che l'ho fatta. Solo col cuore. (Sono le 05.15 di mattina.. Domani ve la racconto)
  46. 9 points
    @round quando hai tempo finite le pratiche di passaggio dall'altra parte ributta un occhio a questa discussione che noi siamo sempre qui. Ciao
  47. 9 points
    Wound up presa sul forum :) Mi piace, parecchio. La sensazione è di guidare una bici più equilibrata e l'avantreno è bello solido, probabilmente anche grazie al cannotto in acciaio. Yep yep yep.
  48. 9 points
  49. 8 points
    Me l'ero persa, e sì, faccio foto di continuo alle mie bici. Una sorta di malattia. Questa giusto perché stava piovendo e sì, insomma, le decal sono ad acqua, ma non potevo non farle una foto. Ma la mia workhorse preferita è ovviamente l'alman. Mi ricordo di quando l'ho presentata, che si era sollevato un polverone, eh ma le geometrie, gli angoli, la storia... Ormai ha 4 anni e non le cambierei una virgola. Anzi si le cambierei MC e mozzo dietro che mi sa che li ho rullati. Viva UBM! Poi ho consegnato anche con questo gioiellino, anche se montato così è rimasto poco. I muri rosa a Bologna sono abbastanza rari, comunque.
  50. 8 points
    @Teo81 Si Teo è solo testa, se riesci ad usare le man per farti i selfie puoi usarle anche per pulire i dischi è la testa che decide cosa far fare alle mani, se hai problemi alla catena è perchè la testa ha deciso di dire al meccanico di specymerda di non cambiarla, sei oltre il circolo polare artico se ti stupisci del freddo è un problema di testa perchè è assolutamente ovvio che vicino al Polo Nord fa freddo, come è assolutamente ovvio che in pianura ad agosto fa caldo. "E' uno sport di merda" (cit) non c'è l'aria condizionata tutti abbiamo avuto un caldo porco e un freddo porco, non facciamo mica spinning! Se hai la febbre prendi un paio di aspirine se non le hai portate è un problema di testa, se ti sei sputtanato tutti i soldi in alberghi quando potevi dormire in tenda e adesso che sei al Polo Nord non ne hai più e ti tocca dormire in tenda è stata la testa a decidere di spendere quando si poteva risparmiare. Hai impiegato 3 ore per fare 42 km? E dove sta il problema dovevi timbrare il cartellino? Avevi appuntamento con una bella finlandese a cui piacciono i maschi italiani all'aroma di muflone? Se li hai fatti si potevano fare pensa ai km di domani che questi sono passati e non sono più un problema. "Ride, eat, sleep repeat" (aricit). non è mia è di uno che ste gare le vince, 4 cose devi fare convinci la tua testa a pensare SOLO a queste 4 cose il resto è tempo perso. Pedala mangia e dormi, fin che riesci a fare queste cose vuol dire che tutto va bene, pensa positivo e guarda avanti.
This leaderboard is set to Rome/GMT+02:00