Search the Community

Showing results for tags 'viaggio'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 48 results

  1. Cosa*: portapacchi anteriore Tipologia: per bici da avventura/viaggioMarca: Ragley / Surly Modello: Rack 'em Up / Nice Front Rack 2.0 Stato*: usatoSegni di usura o segni particolari *: segni d'uso visibili in fotoPrezzo*: 40 Costo e tipologia spedizione*: Precedenza*: ritiro a manoIn vendita su altri canali*: no Come da titolo vendo un portapacchi anteriore Ragley Rack 'Em Up, identico al Surly Nice Front Rack 2.0 ( questo per intenderci: https://www.hibike.it/surly-nice-rack-2-0-anteriore-portapacchi-26-29-p1386c5786353c9dda5216b5b1ca91cc5#var_95360265 ). Ad essere sincero non so se si tratti di un Surly rimarchiato per il mercato britannico o una copia esatta. Li ho avuti entrambi nello stesso periodo su due bici diverse e nel caso si trattasse di una copia, sarebbe una copia perfetta in tutto e per tutto. Detto questo, c'è poco da aggiungere. È un portapacchi solidissimo, con portata fino a 32Kg e possibilità di regolarselo per bene a seconda del diametro delle ruote o delle caratteristiche della forcella. Ha un po' di segni d'uso visibili in foto e manca uno dei due gommini a chiusura di uno dei tubi. Prezzo 40 euro. Preferirei il ritiro a mano a Bologna, che ha quindi precedenza sulla coda.
  2. Romagna Bike trail

    Ciao a tutt* C'è qualcuno che si è iscritto? Il mio "compagno di merende" ha dato forfait per motivi di famiglia e mi piacerebbe trovare qualcuno con cui condividere la scampagnata
  3. Sto valutando l'acquisto di bici da viaggio o cicloturismo lento uso 95% urban (335 giorno all'anno) e 5% viaggio distanze medie (200-300 km)(30 giorni all'anno). Budget 1000, gruppo che resista almeno 3 anni. Solito acciaio preferito. Gruppo 9-10v. Google non mi aiuta, avete esperienze? Anche usati.
  4.  

     

    420 EURO, SPEDITO, SOLO TELAIO FORCA SS SHIMANODURA-ACE E MC

     

  5. CINESI (fuck) WORK

    E via, ho smontato il Viner e sono passato anche'io al lato oscuro dello sterzo da 1 1/8. L'idea era semplice: la solita. "Voglio una bici fissa da poter montare (quasi) come cazzo mi pare e che all'occorrenza mi porti anche su sterrato e in viaggio." Ho fatto passare tutti i telai fixie immaginabili, fino ad arrivare a questo: forcellini orizzontali con occhielli, doppio portaborraccia attacchi portapacchi e geometrie tipo Pompino. Preso! Però la forca fa schifo, e allora che fai? Beh, morale della favola, qualche soldino l'ho speso anche stavolta, quasi tutto di seconda mano e in super offerta chiaramente... ma il risultato è più che soddisfacente da tenere sotto al culo e anche da guardare direi :-) la verniciatura l'ho fatta io a bomboletta, con degli spray del '96 super glitter che prendono a testate l'ozono. citando la confezione "Ideali per Mountain Bike". non potevo non usarli. La sto violentando da 2 mesi e non si lamenta, fa almeno 20 km al giorno e si comporta bene: porta anche la spesa e altri carichi, manca solo che sappia cucinare. Prossimamente vedremo se ci sta anche in versione cxss. Seguiranno altre foto e aggiornamenti con nuovo set di ruote tuttofare & more! TELAIO: Origin8 Fix8 tg. XS (48 verticale X 53,5 orizzontale) - tolleranze ampie / sterzo 1 1/8 / occhielli portapacchi ant. e post. / doppio portaborraccia FORCELLA: Surly Crosscheck SS: Chris King 1 1/8 MC: VP 115 mm ATTACCO MANUBRIO: Ritchey 115 mm MANUBRIO: Riser XLC 650 mm MANOPOLE: Ritchey spugna GUARNITURA: Gipiemme Cronosprint - corona Gipiemme pista 47t CATENA: KMC ZH510 PEDALI: Shimano SPD REGGISELLA: Thomson Elite 27,2 zero SELLA: Vetta SL Titanium RUOTE: temporanee Cerchi FIR EA60 - anteriore mozzo Campagnolo con skewer viola swag / posteriore mozzo ISO Ridewill + Bob Axle / pignone Fixkin 17t GOMME: Michelin World Tour 700 x 35 "FATTIES FIT FINE" PORTAPACCHI ANT: copia artigianale e povera del Nitto - DELTANOVE DIY presto qualche foto decente con le ruote nuove
  6. Premetto, non so se lo faro, ma è un'idea che mi è balenata in testa. Dovrei raggiungere la mia ragazza in calabria i primi di agosto per poi rimanere fino a poco prima di ferragosto, il fatto è che in macchina non posso scendere perché poi dovrei guidare la sua al ritorno, e con i mezzi non ho tutta questa voglia, e vorrei approfittare per fare un bel viaggio in bici. Ho dato un occhiata su google maps e mettendo l'impostazione a piedi mi da 761 km che dovrei riuscire a coprire, spero, in 4 (meno probabile) 5 giorni. Ora il discorso è fino a vasto conosco la strada e non ci sono problemi, poi è buio totale fino a pizzo calabro e l'aspromonte dove conosco qualche strada e alcune di quelle che mi ha proposto google maps non mi entusiasmano molto. Ora la domanda è qualcuno ha mai attraversato queste zone? Consigli per un itinerario per arrivare fin giù? Diciamo che non vorrei andare oltre gli 850 km e volendo potrei essere anche disposto a farmi qualche tratto in treno
  7. Premetto, non so se lo faro, ma è un'idea che mi è balenata in testa. Dovrei raggiungere la mia ragazza in calabria i primi di agosto per poi rimanere fino a poco prima di ferragosto, il fatto è che in macchina non posso scendere perché poi dovrei guidare la sua al ritorno, e con i mezzi non ho tutta questa voglia, e vorrei approfittare per fare un bel viaggio in bici. Ho dato un occhiata su google maps e mettendo l'impostazione a piedi mi da 761 km che dovrei riuscire a coprire, spero, in 4 (meno probabile) 5 giorni. Ora il discorso è fino a vasto conosco la strada e non ci sono problemi, poi è buio totale fino a pizzo calabro e l'aspromonte dove conosco qualche strada e alcune di quelle che mi ha proposto google maps non mi entusiasmano molto. Ora la domanda è qualcuno ha mai attraversato queste zone? Consigli per un itinerario per arrivare fin giù? Diciamo che non vorrei andare oltre gli 850 km e volendo potrei essere anche disposto a farmi qualche tratto in treno
  8. Premessa: se ho sbagliato sezione prego i signori moderatori di provvedere Pochi preamboli, il 13 Luglio parto per Vancouver con la mia ragazza e staremo là almeno 6 mesi con un visto Working Holiday. Abbiamo fatto entrambi un biglietto in businness class con Lufthansa per avere 2 bagagli da stiva da 32kg a testa ma è impensabile riuscire a farci stare la biga più i vestiti in un singolo bagaglio anche avendone a disposizione uno completamente dedicato ai vestiti. Me la porto la fissa? Ci sto pensando da quando ho fatto richiesta per il visto e ora che manca meno di 1 mese alla partenza sono sempre più indeciso. Prima di tutto avrei bisogno di qualche info sulle modalità di spedizione. Se ci fosse qualcuno che ha esperienza in merito e vuole condividere mi farebbe un piacere anche perchè vorrei capire i costi, i tempi e tutt 'e cose. Se poi ci fosse qualcuno che è stato a Vancouver potrebbe raccontarmi com'è la situazione là. Grazie Pace e bene
  9. Stampa GPX per viaggio

    Ciao! Ho pianificato il mio prossimo viaggio in bici con l'apposito tool di Strava, ho quindi esportato il file Gpx. C'è un modo bellino e rapido per stampare questo percorso a pezzi? Così da avere più pagine da mettere poi nel portamappe della mia borsa al manubrio. ps: una volta lo trovai (online) ma le mie ricerche sono vane grazie!
  10. Ciao a tutti, con 2/3 amici stiamo organizzando un viaggetto verso maggio, sarebbe il nostro primo viaggio in bici e quindi vorremmo partire senza esagerare, diciamo massimo una settimana. Viviamo a Milano e Torino, ma non necessariamente dobbiamo partire da qua. Consigli su qualche itinerario? @maicol3 @Robixx
  11. IL PRIMO VIAGGIONE

    Hi Guys! la prossima primavera voglio fare il mio primo viaggio, da solo, con la mia bici da strada, Specy Roubaix sl2. Può non sembrare molto adatta, ma si tratta di una bici molto confortevole e piacevolissima da usare. Voglio stare qui in toscana e magari arrivare all Elba, ovviamente avevo pensato di fare un po di Francigena. Siccome si tratta del PRIMO VIAGGIO voglio qualche informazione importante ed in generale. Sella, attrezzatura e altro il quale non potrebbe venirmi in mente. ps: 23 anni a marzo, resistenza 100km. CONSIGLIATE!
  12. Ciao a tutti! Non me ne vogliate, ma vorrei acquistare una bici da turismo ma non so una mazza sull'argomento...come sceglierla? che marche sono valide e quali no? freni a disco o no? ammortizzata o no? acciaio o alluminio? Vorrei fare il giro dell'Olanda in bici e volevo munirmi di un mezzo comodo e funzionale; premetto che il tracciato non è eccessivamente impegnativo (mio fratello fece lo stesso "giretto" con una mtb del cavolo), quindi non cerco il mezzo della vita, ma mi piacerebbe capire cosa è fondamentale per un viaggio comodo e cosa no. Il costo della bici quindi deve essere in linea con le premesse. Grazie
  13. BOLOGNA >> BARI

    Buondì a tutti. Dal 12 agosto al 25, io e @bingo abbiamo in programma un viaggetto per l'Italia, da Nord a Sud, passando per la costa Adriatica. Le tappe saranno le seguenti: Bologna Rimini Ancona San Benedetto del Tronto Pescara Termoli Foggia Andria Bari Le domande sono le seguenti: 1) Qualcuno ha gia fatto la tratta e ha dei consigli tecnici da darci per quanto riguarda le strade da prendere? 2) Qualcun'altro avrebbe la possibilità di ospitare in casa o in qualsivoglia luogo due ciclisti avventurieri? Accettiamo anche dritte su luoghi low cost in cui dormire ( case di ospitanti, B&B, fienili, camerate) Peeeeeeeeeace
  14. Ultimamente molti amici, non curandosi della mia inutilità ciclistica (cit), mi hanno chiesto consigli per comprare (o addirittura farsi fare) un telaio da viaggio. Visto che è un argomento su cui c'è tanto da dire, e credo di aver accumulato una discreta esperienza, pur non pretendendo di elevarmi a guru del settore, ho pensato che poteva essere carino mettere a disposizione i miei consigli a tutto il forum. Partiamo col dire che il cicloturismo a cui mi indirizzo io non è quello del cinquantenne tedesco con manubrio a farfalla e stem regolabile: ciò che mi piace fare è viaggiare veloce e leggero su asfalto ma anche ghiaia e sterrati leggeri, campeggiando piuttosto che fermandomi in albergo ma senza sconfinare nel bikepacking. La stessa bici con cui faccio queste cose, poi, è anche una buona gravel e un'ottimo mezzo per il commuting. Ecco quindi cosa sceglierei e cosa cercherei se dovessi farmi una bici da viaggio da zero. Telaio Senza dubbio la parte più importante della bici. Il mio materiale preferito è l'acciaio; non è ovviamente il più leggero, ma senz'altro quello che risponde meglio alle caratteristiche secondo me fondamentali: resistenza, elasticità e riparabilità. Un telaio in alluminio è ugualmente resistente, ma molto più scomodo, uno in carbonio è elastico ma difficile da caricare. Va poi detto che l'acciaio è il più personalizzabile come occhielli e passacavi vari. Geometrie: la bici da viaggio deve essere più comoda che reattiva, perché a nessuno interessa rilanciare a cannone con 15kg di borse appresso. Meglio quindi scegliere un carro lungo e una forcella con rake abbondante (45 o 50mm sono generalmente la misura più diffusa). E' importante anche avere tolleranze generose, per poter montare copertoncini tassellati o parafanghi ed evitare che il fango, incastrandosi nelle ruote, rischi di fare da tappo. Altro punto importante è lo sloping: un telaio con orizzontale 0° costringe quasi sempre a mettere un paio di spessori sotto l'attacco, per evitare drop sella-manubrio esagerati o stem positivi. Meglio quindi scegliere un telaio con sloping positivo. Occhielli: gli occhielli sono quei simpatici fori filettati che permettono di attaccare portaborraccia, portapacchi, parafanghi ed altri accessori indispensabili per noi che amiamo viaggiare carichi come muli. L'ideale è avere due occhielli per ciascun forcellino (si possono così montare contemporaneamente parafanghi e portapacchi), uno per parte ai foderi posteriori, e altrettanti a metà forcella anteriore. Alcuni modelli di serie (Surly su tutte) ne hanno anche alla testa forca, anche se l'unico accessorio per cui servano è un portapacchi prodotto dalla stessa Surly e ben poco diffuso. Altro punto importante sono i portaborracce: l'ideale è avere la predisposizione per montarne tre. Non capiterà quasi mai di viaggiare con tre borracce d'acqua, ma quello sotto al tubo obliquo è ottimo per portare una bombola di gas liquido per il fornello. Ricordate poi di far forare anche la testa forcella, indipendentemente dai freni che sceglierete, e i due ponticelli posteriori: senza quei fori (che non devono per forza essere filettati) sarebbe quasi impossibile montare un fanale e dei parafanghi. Tutti gli occhielli, infine, dovrebbero essere filettati M5: è uno standard universale che vi permette di trovare ricambi ovunque e sistemare tutte le viti della bici con una brugola da 4mm. Passacavi: si tratta di un punto molto discusso: mentre alcuni preferiscono averli interni, per evitare che i cavi freno o dell'impianto luci possano impigliarsi in giro, altri obiettano che sono punti potenzialmente pericolosi per l'ingresso di acqua e umidità nel telaio. La cosa migliore è ovviamente discuterne con il telaista e, se sceglierete quelli interni, usare dei piccoli anellini di gomma in corrispondenza dei fori per prevenire l'ingresso di acqua. In ogni caso vi serviranno dei passacavi per i deragliatori e per il freno posteriore (e se avete i dischi anche per quello anteriore). Molto comodi sono anche dei passacavi per i fili dei fanali: anche se non pensate di farvi da subito un impianto con dinamo nel mozzo, predisponete già un passaggio al fodero destro della forcella, e uno lungo il tubo obliquo per il fanalino posteriore. Ma di questo parleremo meglio più avanti Freni Visto che servono per fermarsi, è evidente che si tratta di un accessorio di notevole importanza. Per comodità di manutenzione e semplicità di riparazione, i migliori sono senza dubbio quelli meccanici. I caliper tradizionali non sono adatti perché accolgono copertoncini fino al 28 e basta, e i dischi - già abbastanza ostici come regolazione - limitano molto il montaggio di portapacchi anteriori. La scelta ideale sono quindi i Mini V-Brake. [I dischi non sono in ogni caso il male assoluto, la mia bici li ha; sono solo abbastanza rognosi e imparare a conviverci non è stato facile]. Trasmissione I gruppi migliori sono quelli da ciclocross o addirittura mountainbike, che hanno due vantaggi: la rapportatura molto ampia che permette andature veloci e salite impegnative, e la resistenza a qualsiasi agente esterno. Davvero, ho fatto le peggio cose al mio Deore XT e va ancora bene come il primo giorno. Al momento sono disponibili gruppi 2x11 così come 1x11: personalmente, eviterei i secondi perché una corona singola davanti, a meno di non essere in mtb, è davvero limitante. Manubrio Ovviamente, una piega. Non tutte le pieghe, però, sono uguali: è necessario guardare il drop, che non dev'essere esagerato (i 120mm di una compact sono l'ideale), e anche la forma. La mia preferita è la Salsa Cowbell, che si allarga verso il basso permettendo un'ottima stabilità in presa bassa; anche una normale piega abbastanza larga (44mm) fa bene il suo lavoro. Ruote Le ruote di una bici da viaggio sono, di fatto, delle 29er da mountainbike con copertoni più snelli. Il numero perfetto di raggi, almeno per mia esperienza, è 32 (raggiati in terza). Il giusto compromesso tra peso, robustezza e confort di guida anche su sterrato. Per l'anteriore consiglio un mozzo dinamo, il migliore è di sicuro lo Shutter Precision PD8; al posteriore un qualsiasi mozzo mtb va bene, tenendo conto che il peso di quelli economici influisce non poco sul totale. I copertoncini sono una scelta molto personale e dipendono anche da cosa volete fare con la bici. Dei 32 o 35 con scolpitura profonda (ma non tassellati) sono forse i più universali: vedi Vittoria Randonneur o Schwalbe Marathon. Accessori Veniamo ora alla voce più ricca di questa lista: il bello di una bici da viaggio è, infatti, la possibilità di spendere quantità di denaro virtualmente illimitate per comprare accessori belli e utili. Parafanghi: ottimi per l'uso su strada o più in generale per il commuting di tutti i giorni, devono essere circa 1cm più larghi del copertone per fare il loro lavoro. Molti, sul web, consigliano gli SKS longboard, i parafanghi più lunghi del mondo. Non fate come me, non cascateci. Sono belli, al primo impatto, ma sono davvero troppo lunghi: ho spezzato l'anteriore scendendo da un marciapiede sovrappensiero, e da quel momento uso un flap di plastica morbida [un ass saver] fissato a ciò che rimane del parafango. Continuo ad avere i piedi asciutti, e posso scendere tranquillamente dai gradini. Morale della favola: è fondamentale avere un parafango (specie anteriore) che arriva fino a terra, ma dev'essere molto flessibile per non rompersi: meglio quindi un modello corto con l'aggiunta di un flap. Portapacchi: parlando di portapacchi, bisogna innanzitutto rispondere all'eterna domanda peso davanti o peso dietro? Beh, assolutamente davanti. A meno che non abbiate bisogno di montare 4 borse - e a me non sono mai servite, nemmeno per viaggi di una settimana - è fondamentale montarle sul portapacchi anteriore. Così facendo sono molto più basse ed evitano di far dondolare la bici, grande difetto di quelle montate dietro. La sterzata, poi, è molto più precisa, e l'aderenza della bici ne guadagna. I migliori portapacchi sono quelli con un piano d'appoggio sopra, che purtroppo si contano sulle dita di mezza mano: Nitto Campeur, esageratamente costoso, Blackburn Outpost, quasi introvabile in Europa, e Surly Nice Rack, non economico ma comunque accessibile e robustissimo. Generalmente ci carico la tenda e il sacco a pelo. Borse: si fissano ai portapacchi di cui al punto precedente, ma non solo. Il mio setup preferito è infatti borse da 20l anteriori e borsa Carradice da 24l sotto la sella. Le anteriori esistono di tantissime marche diverse, e l'unico requisito fondamentale è l'impermeabilità; la posteriore invece esiste di ben poche marche e quella appena citata è senz'altro la migliore come rapporto qualità/prezzo. Si fissa agli anelli dietro la sella (quindi serve una Brooks o similare) e ad un telaietto a sua volta fissato ai rail della sella. Fanali: la scelta migliore è un impianto luci collegato al mozzo dinamo. Il prezzo può spaventare, ma approfittando del mozzo Shutter Precision e delle offerte bike24, quasi sempre attive, si riesce a farsi un set completo con luci Supernova a poco più di 200€. Non dovrete più ricaricare i fanali o portarvi appresso batterie di riserva, e avrete un'intensità luminosa costante quasi impossibile da trovare in luci di altro tipo. Marchi ottimi sono appunto Supernova ma anche Son e BüschMuller. Mi pare sia tutto (e credo di aver scritto un bel mappazzone). Spero di essere utile a qualcuno, e ovviamente sono sempre qui se volete chiedermi qualcosa o discutere del setup migliore per il viaggio!
  15. Video

    Girando sul tubo mi sono battuto in questi due video spero Vi sia d'inspirazione come lo e stato per me. Buona visione
  16. ciao. chi ha percorso tanti km in sella ad una bici, viaggi lunghi e roba del genere, saprebbe dirmi cosa ne pensa sul prendere una bici da ciclocross per un bel viaggio? portapacchi dietro, leggera, montata con piega, gruppo affidabile, resistente e addatta a tutti i terreni. cosa potrebbe non andare bene? ho gia' fatto melbourne-sydney in bici, ma era una scatto fisso e, nonostante sia stato grandioso, non voglio ripetere gli stessi errori, soprattutto quello di non avere freni. grazie a chi mi dara' la sua idea a proposito.
  17. viaggio in bici

    Daje a tutti, tra le mie idee stravaganti dovute al fatto che stamattina ho appoggiato prima il piede sinistro alzandomi, c'è quella fresca fresca di affrontare in bici in sequenza isole tremiti, gargano, costiera amalfitana e cilento, volendo anche parte della basilicata ionica se gambe e tempo lo permettono. In linea di massima ci vorrei dedicare 2 settimane, andando con relativa calma, circa 50-70km/giorno. Vi pongo le seguenti domande: 1) possibilità di fare campeggio libero nelle suddette località, vorrei viaggiare leggerino, quindi rinunciare alla tenda. 2)a me piacciono i posti pieni di fica, magari distese a prendere il sole su scogli,rocce ecc ecc....comunque coste rocciose. Per quanto riguarda il cilento vorrei capire fino a dove arrivano coste così. La parte bella bella dovrebbe iniziare a paestum/agropoli ed arrivare fini a praia a mare/scalea.....in verità c'è anche tropea,ma è troppo in giù. 3)Come e dove passare dal tirreno allo iono evitando di fare salite toste ed essere investiti dai tir? Per ora è tutto ciao
  18. OSPITALITA' UDINE

    ciao a tutti! sabato me ne parto da Arezzo in solitaria in bici per Capo Nord. Come terzo giorno mi fermerò a Udine. Cerco quindi un posto letto/divano/giardino dove mettere tenda/portico per dormire etc... per la notte di lunedì 20 luglio Non sporco e non do fastidio! dai! gabriele
  19. Cdt, da tempo la mia dolce metà mi scassa la minchia perché l'aiuti a trovare una bici. La compro già fatta? La assemblo io? Se la assemblo, cosa cerco a partire dal tipo di telaio? La vuole performante, leggera e veloce, ma non da corsa. Ci vuole andare sulle strade bianche, ma non una mtb. Ci vuole fare i viaggi, ma non vuole sembrare una vecchia. Fissa, nemmeno a parlarne. Pensavo a un cx, forse più una rando ma bo. Brancolo nel buio. vi prego, aiutatemi a capire. A, non sparate cazzate, la mia è una reale sofferenza. Non ne posso più. In ultimo aggiungo che, il budget potrebbe aggirarsi intorno ai 400€. Ma non è indicativo. Intanto grazie
  20. The Roosters

    Salve, ieri sera sono andato con amici e conoscenti a pescare questi 5 uomini dotati di gambe e maroni poco fuori Valencia per accompagnarli in un negozio di bici in cui è stata organizzata una semplice ma calorosa accoglienza ;) Si sono fatto Madrid-Valencia in fissa e senza assistenza: solo loro e loro 10 gambe e una messanger sulle spalle pesa quanto 1 bimbo di 8 anni. Niente cerimonie, niente big party. Solo gambe e maroni. Ho scambiato alcune parole con loro e mi sono sembrati delle persone normalissime con tanta passione, nonostante la loro giovane età poco poseraggio e tanti sorrisi! http://vimeo.com/118468380 Spero possiate godervi i loro viaggi, chau
  21. Viaggio in Fissa

    Hi all! Qualcuno di voi ha mai pensato / fatto un viaggio in bici a scatto fisso? Ci sono gruppi / associazioni che organizzano? Ci stavo pensando per quest'estate, l'obbiettivo era viaggiare molto leggeri e soprattutto macinare molti chilometri in fissa, dite che si può fare? Se qualcuno ha esperienze ecc posti pure, thanks!
  22. Milano goes to alleyfish n.2

    Qualcuno ha intenzione di andare a Trieste questo sabato? Io pensavo di cogliere l'occasione per portare un telaio a Verona e un altro a Trieste, chiunque voglia aggregarsi me lo faccia sapere. Ho almeno 3 posti sulla mia macchina, ma se siamo di più posso chiedere la macchina a mio padre
  23. Firenze goes to Serchio

    Ciao fiorentini! Questa domenica c'è la Chi viene? Come andate? Questa discussione per organizzarci. Io purtroppo non ho la macchina a disposizione, quindi cercavo un passaggio, sennò vado in treno...ma sarebbe più comodo in macchina ovviamente!
  24. Viaggiare attraverso Cuba in fixed

    Ciao a tutti, siamo due ragazzi umbri Walter e Adriano. Il 22 ottobre partiremo per Cuba e attraverseremo l'isola percorrendo piu di 1000 km con bici offerte da EXTRA+. Vogliamo proporre un modo alternativo di viaggiare in bici ispirato sul concetto minimalista di una fixed: viaggiare con il minimo indispensabile e rigorosamente senza freni. Partiremo da Santiago e raggiungeremo l'Avana postando ogni giorno i dettagli della nostra viaggio. Vi volevo invitare a seguire e condividere la nostra nostra pagina facebook ufficiale: https://www.facebook.com/pages/Viaggiare-in-fixed-Travel-by-fixed/1528070357430797?fref=ts Grazie e stay tuned. Walter&Adriano
  25. A giugno finisco finalmente il liceo. Come ogni bravo maturato che si rispetti, andrò in viaggio di maturità, e la scelta è caduta su un Milano - Londra da farsi in bici. Le tappe che ho pensato sono 13, i giorni 14 o 15. Ne ho tenuti un paio in più per eventuali soste di riposo (non penso che serviranno) e per visitare una città che potrebbe essere Reims. L'impresa è ancora in via di definizione, e vorrei avere un po' di consigli - soprattutto sulla notte. Dato che andare in albergo è assolutamente troppo costoso - e anche molto molto lontano dalla mia idea di viaggio in bici - ho pensato di portare una tenda. E fino a qui tutto bene. Però anche 14 notti in campeggio non sono propriamente economiche. Quindi: fare campeggio libero in giro per l'Europa è vietato? Pericoloso? Sconsigliato? Si/no perché? Si trovano ostelli tipo quelli sulla via francigena a offerta libera? Insomma ditemi voi. E qualsiasi altro consiglio è ben accetto!