Search the Community

Showing results for tags 'bikepacking'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 41 results

  1. Buon pomeriggio a tutto il foro, avrei bisogno di un suggerimento e di un aiuto per trovare un telaio per assemblare una bici per la mia ragazza. L'idea è quella di avere una bici da gravel con dei rapporti adeguati per lei che si sta affacciando ora al mondo della bici. Mi piacerebbe trovare un telaio che abbia le seguenti caratteristiche: - copertoni con larghezza fino a 40 di larghezza - freni a disco - qr 100 + 135 (mi permetterebbe di riutilizzare un paio di ruote che ho già a disposizione) - che possa funzionare sia in modalità flat bar (al momento ho un deragliatore posteriore slx con relativo comando) che piega - supporto per singola e doppia (al momento lo monterei con la singola ma nella vita non si sa mai) - allumino/acciaio - 250/300€ budget massimo - disponibile in taglie piccole (lei è alta 1,60) - valuto sia il nuovo che l'usato Ogni suggerimento è ben accetto, grazie a tutti!!
  2. Cosa*: BORSA SEAT-PACK ORTLIEB da bikepacking Tipologia: gravel/strada/cx/bikepacking/tuttoMarca: Ortlieb Modello: Seat-Pack Taglia / misura: Grande / 16,5 L Dettagli tecnici: link alla borsa: https://www.ortlieb.com/it/seat-pack+F9901 Stato*: usata per una sola settimanaSegni di usura o segni particolari *: nessuno Smembro: XPrezzo*: 115 euro Costo e tipologia spedizione*: carico acquirente Precedenza*: ritiro a mano AREZZO/FIRENZEIn vendita su altri canali*: noAllegare foto originali* Come Da descrizione vendo borsa Ortlieb da bikepacking sottosella. Esattamente la Seat-Pack da 16,5 L. Ho acquistato la borsa per fare un viaggio di 5 giorni in abruzzo due settimane fa e la rivendo perchè necessito di liquidi e perchè la sua forma a conica stretta alla base non mi esalta.. e soprattutto non so quando potrò rifare un viaggio in bici. La borsa è ancora in garanzia (ovviamente). Non ho la scatola orginale di cartone ma ho tutti i suoi foglietti, garanzia compresa. Acquistata da internet a 132,50 euri avanti tutta! G.
  3. Telaio Fabrica Cycles all road , forcella Columbus mud cross full carbon con serie sterzo Columbus Compass full Carbon , telaio predisposto 1x11 con freni disc post mount e montaggio porta pacchi posteriore , ovviamente si parla di acciaio , il collarino reggisella è saldato ed è in inox ( Xcr) Cosa*: telaio , forcella , serie sterzo Tipologia: all road , gravel .Marca: Fabrica Cycles Modello: all road Taglia / misura: di fatto un 54 Dettagli tecnici: una bomba Stato*: Usato Segni di usura o segni particolari *: normali segni di utilizzo Smembro: noPrezzo*: 850 trattabili Costo e tipologia spedizione*: 10 euro pacco tracciato in tutta Italia Precedenza*: primo in coda / ritiro a mano Riva del Garda ma ci si mette d’’accordoIn vendita su altri canali*: No
  4. Ciao gentaglia, Sarei intenzionato a sborsare un pò di soldini per una bella borsa grassoccia da sottosella per bikepacking ma sono indeciso fra questi due modelli: https://www.ortlieb.com/it/seat-pack Ortileb in versione da 17L . Classica borsona capiente e resistente. Ho letto recensioni positive un pò dappertutto quindi dovrei andare sul sicuro. https://eu.restrap.com/collections/the-carryeverything-range/products/saddle-bag-14-litres Poi ho visto questa di Restrap che ha insinuato in me il dubbio. Il sistema qui è un pò diverso, dato che la borsa è composta da una dry bag tenuta ferma da un apposito supporto posizionato sottosella. Il vantaggio sarebbe quindi la possibilità di togliere e rimontare la borsa con facilità, senza dover fissare ogni volta strap ecc. La dry bag inoltre sarebbe sostituibile con una di dimensioni diverse. Costano entrambe sui 100 euri e qualcosa, quindi il prezzo non mi aiuta nella scelta. Qualcuno possiede o ha provato una di queste borse (in particolare la Restrap)? Grasias
  5. Borsa fatta a mano in Italia dai ragazzi della Kicking Donkey, ordinata per un viaggio estivo che purtroppo non si è più concretizzato. Mai usata, quindi nuova. A differenza del modello base, ha un cordino elastico anche dal lato che guarda la ruota, pensato per appendere esternamente infradito o scarpe. Pagata in totale 50€ + la spedizione. La borsa ha una capacità di 6 Litri, si riesce a farci stare praticamente tutto il necessario per un viaggi di 2/3gg. Altre foto su richiesta senza problemi :) 2 disponibili (dovevamo partire io ed un mio amico) :/ Cosa*: Borsa sottosella Tipologia: cicloturismoMarca: Kicking Donkey Modello: Gravel Seat Bag https://kickingdonkeybags.com/shop/gravel-seat-bag/ Taglia / misura: 6 Litri Dettagli tecnici: Impermeabile antistrappo Stato*: nuovoSegni di usura o segni particolari *: nessuno Smembro: Prezzo*: 45€ SPEDITA l'una Tipologia spedizione*: corriere Precedenza*: primo in coda / ritiro a manoIn vendita su altri canali*: sì (marketplace FB)
  6. https://www.repubblica.it/economia/2019/07/28/news/la_ortlieb_batte_amazon_in_tribunale_possibile_rivoluzione_negli_acquisti_sul_web-232081052/?ref=RHPPBT-BH-I232235646-C4-P10-S1.4-T1 SBABAM
  7. Cosa*: Bici completa in acciaio Tipologia: 29er 1x11v da bikepacking, avventura, gravel spinto, viaggi, ecc.Marca: Haro modificata Alman / Surly Modello: Haro Mary 29 XC con forcella Surly Taglia / misura: M 56,5cm di orizzontale virtuale centro / centro, 40cm centro / fine di tubo verticale Dettagli tecnici: Telaio e forcella in acciaio, portapacchi posteriore saldato, triangolo porteriore con tubi schiacciati e sagomati Stato*: usato Segni di usura o segni particolari *: Qualche segno visibile in foto, ma niente di che. reggisella un po' segnato nella parte bassa Smembro: noPrezzo*: 600 non trattabili Costo e tipologia spedizione*: ritiro a mano a Bologna Precedenza*: ritiro a manoIn vendita su altri canali*: per ora no, ho solo avvertito qualche amico fuori forum Come da titolo, metto in vendita il gioiellino di bici che mi ha accompagnato in svariate avventure, perfetta per bikepacking, avventura, viaggi e gravel spinto! … o anche robe tipo Tour Divide se volete :) È una bici abbastanza particolare, che nasce da un telaio in acciaio Haro Mary 29 XC (con tubi schiacciati e sagomati al triangolo posteriore) , con forcella Surly e modificato dalle sapienti mani di @Aldo (Alman). Misura 56,5cm di orizzontale virtuale centro / centro, 40cm centro / fine di tubo verticale e la parte superiore della sella che vedete in foto è a 75cm dal centro del mc. Le modifiche fatte da Aldo consistono nel portapacchi posteriore saldato, un piccolo capolavoro che mi ha permesso di portare in viaggio mia figlia fino al raggiungimento dei 30 kg (l’avrebbe trasportata anche dopo all’aumentare del peso, ma poi ci siamo parzialmente trasferiti in Inghilterra e la bici è rimasta a Bologna) e nell’aggiunta di fori per portaborracce o altro, nella parte inferiore del tubo obliquo, rispettivamente tre fori verso il movimento centrale e due fori più in alto salendo verso il tubo sterzo. La forcella come dicevo è una forcella Surly di quelle che hanno buchi ovunque per attaccarci qualsiasi cosa. Come si vede dalle foto la forca monta al momento dei portapacchi lowrider, ma nulla vieta di mettere un portapacchi anteriore classico (nella sua esistenza questa bici ha montato ad esempio un Surly Nice Rack), dei portaborracce o dei supporti tipo Anything Cage di Salsa (ho montato anche delle robe simili per un paio di giri per tenere due sacchi a pelo, uno da un lato, uno dall’altro). La bici era stata sverniciata per togliere l’arancione di serie della Haro Mary e verniciata con un trasparente da cui si vedevano saldature, segni delle modifiche e tutto il resto e così è rimasta fino a poco tempo fa quando ho deciso di verniciarla con una vernice protettiva da wrapping grigio opaco con effetto tipo martellato. Avendola usata sempre con una frame bag (non avendo quindi possibilità di montare i portaborracce all’interno del triangolo) ho montato alla sella uno stabilizzatore per seat bag della Woho con possibilità di attacco per borracce, più un supporto da portaborraccia al tappo della serie sterzo e infine un portaborraccia per borracce grandi o bottiglie sul tubo obliquo, vicino al mc. Sempre sul tubo obliquo è montata una piastra che permette di legare, o col suo velcro o con degli strappi della Voile se volete fare i fighi, altre cose tipi rotolo attrezzi o altro. La bici monta un gruppo misto 1x11v composto da: guarnitura e mc shimano con corona 38 denti Deckas nuova, deragliatore posteriore Sram Apex e comando al manubrio Sram NX. I freni a disco sono meccanici ma non ricordo proprio che freni siano. Il pacco pignoni è uno Sram 11v 11-42 e le ruote hanno mozzi Sram, cerchi Mavic TN719 disc e copertoni Halo Twin Rail 29x2.2 nero/para con pochi km all’attivo. Il manubrio è un manubrio M-Wave fatto sullo stile dei manubri Jones e per questo tipo di bici è davvero una figata. Permette un ottimo controllo, la possibilità di tenere diverse posizioni e di montare un sacco di robe tra luci, telefono, grarmin, borse da manubrio e tutto quello che vi può venire in mente. È largo 66cm. È rivestito con un astro Ritchey Classic in tinta con la sella, che è una splendida Ideale Norex 42 di fabbricazione francese. A seguito delle due prime foto, vi metto una foto di com’è quando la caricate di borse, in modo che possiate farvi una idea E ora lista componenti dettagliata: - Telaio Haro Mary 29 XC con forca Surly e modifiche Alman. Misura 56,5cm di orizzontale virtuale centro/centro, 40 cm di verticale centro/fine. la sella nelle foto è a 75cm - SS Cane Creek Forty - portapacchi anteriore lowrider XLC - attacco manubrio Cinelli Ant da 60mm - manubrio M-Wave tipo Jones H-Bars - nastro manubrio Ritchey Classic - mc e guarnitura shimano con corona Deckas 38T - deragliatore posteriore Sram Apex 11v e comando al manubrio Sram NX - pedali dual (SPD e flat) credo VP - reggisella Ritchey WCS da 31.6 un po’ segnato nella parte bassa - sella Ideale Norex 42 Made in France - stabilizzatore da seatbag Woho, con portaborraccia - ruote 29” con mozzi Sram X7 su cerchi Mavic TN719 disc - copertoni nero/para Halo Twin Rail 29”x2.2” Con il telaio regalo un po’ di cose, alcune delle quali visibili nell’ultima foto. Ciò vuol dire che chi si prende la bici si becca anche i regali, che li voglia o no, perché sto facendo spazio in garage… Vuole anche dire che essendo in regalo, anche se non li volete, la cosa non serve a trattare sul prezzo :) - borracce varie (una da 1l e due da 500ml) - borsa da tubo orizzontale - seatbag Roswheel - borse per portapacchi posteriore Decathlon (che hanno sempre fatto egregiamente il loro dovere - reggisella aggiuntivo Bontrager da 31.6 - coppia di copertoni neri Planet-X 29x2.3 con camere d’aria (se li ritrovo in garage) Se nei prossimi giorni vedo che non mi serve, potrei regalare anche la framebag Roswheel che si vede nella foto della bici da carica. Non smembro ma nel caso vi interessasse qualcosa che vedete montato sulla bici scrivetemi perché potrei averne altri (tipo sicuramente un altro stabilizzatore Woho, delle borse e delle seat bag). Tutto questo ben di dio, tra bici completa e regali vari, a 600 euro. Il prezzo non è trattabile e non spedisco. Quindi ovviamente la precedenza va a chi ritira a mano a Bologna.
  8. Salve a tutti. Uno dei problemi che sto tentando di risolvere ormai da un po' di mesi è quello di portarmi il pc in università senza dovermi spezzare la schiena in due. Premessa. In uni ci vado in bici praticamente sempre. Avevo trovato la pace dei sensi usando una borsa da manubrio della PODSACS. Questa qui per la precisione: https://www.planetx.co.uk/i/q/CCPDHB/podsacs-waterproof-handlebar-bag Arrotolando tutto per bene riuscivo a metterci il mondo dentro, tra libri, appunti, programmabile eccetera. Purtroppo, o per fortuna, è arrivato il momento in cui devo mettere da parte un po' la carta e cimentarmi nell'utilizzo di software. Mi è molto più comodo portare il pc in università e stare lì tutto il giorno piuttosto che stare a casa. Al momento non ho bici con forcelle provviste magari di fori laterali per poter montare dei portapacchi lowrider o cose così. Entrambe hanno la classica forcella con foro per il caliper. In città uso solo ed esclusivamente la fissa. Al momento mi sto muovendo con un classico zaino tech, ma mi fa rabbia il fatto che sia dovuto tornare ai fastidi iniziali prima di usare delle borse da bikepacking. Arrivo completamente pezzato sotto le ascelle che ci siano 40°C o 0°C, e dopo 10/15km la schiena con 4.5kg di roba sopra comincia a fare capricci. Ho trovato una soluzione carina da Decathlon: https://www.decathlon.it/borsa-anteriore-900-id_8398268.html In pratica ha lo stesso sistema di ancoraggio del cestino sulla bici di mia madre. L'ho provato e non sembra male. Non vorrei però che il supporto cucito sulla borsa, sia posizionato in modo tale che la borsa sotto mi tocchi la ruota. Dopo tutta sta roba, le domande principalmente sono 2: 1) Ci sono possessori di questa borsa che magari possano scrivermi un abbozzo delle misure? 2) Se la borsa dovesse risultare incompatibile, esiste una soluzione per portarmi il pc sulla bici senza dovermelo portare nello zaino? Grazie a tutti in anticipo!
  9. Ciao a tutti, Ammetto di essere un po una merda perche' scrivo raramente e principalemte quando ho bisogno, ma vivendo a Londra i miei contributi possono essere limitati e di solito passo il tempo su LFGSS, se non bevo birra. Mi son licenziato un anno fa ed ho passato l'ultimo anno in viaggio per il mondo, zaino in spalla, esperienza che raccomando a tutti. Subito prima del viaggio con lo zaino, e dopo esserci licenziati (pure la mia ragazza ha fatto la stessa cosa) ho fatto alcuni viaggi in bici piu' consistenti del weekend allungato, tipo da Londra a Cesena con la mia ragazza (mia citta' natale) e poi la bellissima Torino Nizza con alcuni ragazzi del forum. Bene, tutto questo per dire che dopo un anno senza bici sotto al culo la voglia e' alle stelle. Per questo abbiam deciso di tornare un po prima in Europa e fare un viaggio in bici prima di tornare alla vita da adulti a Londra. Long story short: Partendo da Cesena pensiamo di andare verso nord fino alla Slovenia, e da li scendere erraticamente fino all'Albania, da dove poi prendere un traghetto per Ancona e rientrare a Cesena il tutto in circa un paio di mesi e 3000/4000km. Ora la parte in cui ho bisogno dell'aiuto del forum: consigli su posti da non perdere, route mozzafiato, campeggi stupendi, qualsiasi cosa vi venga in mente. A breve iniziero' seriamente a mettere insieme la route per cui ogni contributo lo accetto piu che volentieri! Ecco alcuni punti che ho gia' in mente (non necessariamente in ordine): Italia: Burano, Monte Grappa Slovenia: Parco Nazionale Triglasvki, Bled, Lubjiana Croazia: Plitvicke Bosnia: Sarajevo, Mostar Montenegro: Kotor, Durmitor, Lovcen Serbia: Belgrado Albania/Macedonia: Ohirid Come potete vedere, non ne ho un'idea ed ho molti compiti a casa da fare. Appena la route sara' un po meglio dello sgorbio attuale, la postero' qua sotto! Grazie a tutti del contributo! PS. Se qualcuno fosse interessato a foto dei viaggi in bici e/o con lo zaino, IG: @gioelenunziatini, @wanderers.on.purpose
  10. Ospitalità 27 maggio

    ciao a tutti, cerco ospitalità per una sera, va benissimo anche giardino o orticello, sono in tenda e mi adatto. Grazie a todos
  11. Canifornia - Calisciolti

    A Gennajo dovevo andare in California per aiutare un amico a fare dei minidocumentari. Siccome dopo questo "lavoro" avevo 2 settimane libere ho costretto @marianel a raggiungermi. Lui che e' montanaro voleva a tutti i costi vedere il deserto e così siamo andati a fare un giretto di qualche giorno. Eravamo ospiti da amici a Palos Verdes, poco sotto Compton, LA. Abbiamo preso una macchina a noleggio, ci abbiamo caricato le bici e siamo andati sopra San Diego, che di farci così tanto asfalto in bici non c'era cazzi. No. Ecco le bici scaricate dalla bici e assemblate: Si nota subito che Cello ha fatto i compiti a casa e me lo ha tirato in culo benebene portando la bici con le gomme grosse. Pero' lui sta male, tipo ha la febbre o qualcosa del genere, fattosta che si patisce parecchio all'inizio, non e' così dope ecco. io perdo lascio il cappellino preferito a km di distanza e devo tornare indietro a prenderlo che non sia mai che vado nel deserto senza cappellino. Si sale, si scende, si arriva al passo di Anza Borrego e si incontra due ciclisti che forse ci vogliono tenere per mano, non so. Ci indicano un percorso alternativo che involontariamente prendiamo. si comincia a scendere verso il deserto, io casco da fermo e madonnaputtano i cantilever. nel deserto comincianoad essere un po cazzi: le ruote, specialmente le mie, affondano nella sabbia e in molti punti faccio fatica pure a spingerla, la bici. inutile dire che tutte le soste erano state programmate in funzione della presenza o meno di birra, qui tipo l'abbiamo preso in tasca che il negozio era già chiuso e riapriva tipo dopo tre giorni. altro deserto, altre bestemmje. deserto quello vero: disperazione, mista a stokeness di quella pesa. quando il deserto comincia veramente a rompere il cazzo ci imbattiamo in un acquitrino con canneto impenetrabile che pareva la border: il tracciato era un ruscello, con acqua. Qui la borraccia depurante viene testata. Ci sono molte altre foto del resto del giro che arriva poi ad Idlywild, forse dopo le pubblico. Qui la traccia del giro, come si evince dai numerosi KOM siamo andati fortissimo: https://www.strava.com/activities/1390472189 IMG_2278.MP4
  12. Ciao Ragazzi, abbiamo preso i bilgietti aerei! il primo giugno imbarchiamo le bici fisse (io e la mia compagna) e partiamo alla volta di Catania, da quì in scatto fisso contiamo di risalire a Trieste in 9 - max 10 gg (tenendo conto che il primo giorno inizieremo a pedalare nel pomeriggio). le tappe indicative dovrebbero essere: Catania - Messina (Traghetto) Reggio Calabria - Paola - Agropoli - Sorrento - Sora - Spoleto - Rimini - Venezia - Trieste in realtà durante il viaggio ci piace improvvisare e quindi qualcosa cambierà di sicuro. se qualcuno ha dei consigli su percorsi che rispettino più o meno questo tragitto sono i benvenuti Mi farebbe molto piacere incontrare qualcuno durante il viaggio, quindi chi avesse volglia di pedalare qualche km con noi è il benvenuto, purtroppo visti i tempi stretti non sarà facile darci appuntamenti ma cercherò di pubblicare sul mio profilo fb ( https://www.facebook.com/enrico.bernardi.395 ) i programmi della giornata in modo da incrociarci strada facendo. aspetto consigli e compagnia :)
  13. Incontro con Dino Lanzaretti

    Domenica 28 gennaio 2018 alle ore 18.00 sarà con noi Dino Lanzaretti appena tornato dal suo ultimo incredibile viaggio in bicicletta, iniziato un anno fa nella gelida Siberia!Presenta l’incontro Pietro Osti, speaker di RadioBue.it. IN SINTESI Nome evento: Incontro con Dino Lanzaretti Dove: Laboratorio Culturale I'M - via Brustolon 3 - Abano Terme (PD) Orario di ritrovo: alle ore 18.00 Data: Domenica 28 gennaio 2018 Tipo di evento: documentario - intervista / cena / aperitivo Tipo di bici: qualsiasi bici Costo iscrizione: Ingresso gratuito con tessera 2018 dell’Associazione Culturale Khorakhanè (Il costo della tessera è di € 5,00 e ha validità annuale) Link evento FB: https://www.facebook.com/events/169788433634767/
  14. Domenica 28 gennaio 2018 alle ore 18.00 sarà con noi Dino Lanzaretti appena tornato dal suo ultimo incredibile viaggio in bicicletta, iniziato un anno fa nella gelida Siberia!Presenta l’incontro Pietro Osti, speaker di RadioBue.it. IN SINTESI Nome evento: Incontro con Dino Lanzaretti Dove: Laboratorio Culturale I'M - via Brustolon 3 - Abano Terme (PD) Orario di ritrovo: alle ore 18.00 Data: Domenica 28 gennaio 2018 Tipo di evento: documentario - intervista / cena / aperitivo Tipo di bici: qualsiasi bici Costo iscrizione: Ingresso gratuito con tessera 2018 dell’Associazione Culturale Khorakhanè (Il costo della tessera è di € 5,00 e ha validità annuale) Link evento FB: https://www.facebook.com/events/169788433634767/
  15. Ciao a tutti, non pensate sarebbe bello organizzare per la primavera/estate qualche pedalata collettiva con un paio di notti in campeggio da qualche parte? Roba totalmente "unsupported" con campeggio libero e good vibez: Si pedala, si campeggia, si mangia, si beve, si fa festa, si parla e ci si gode un po' la vita all'aperto. Chiaramente sarebbe difficile riunire gli utenti di tutta Italia, perciò pensavo intanto a una serie di uscite "per zona" , esempio, Nord-ovest / Nord / nord-est e via dicendo. Posti fighi , belli da visitare e belli da pedalare, dove nessuno rompe le palle, dove ti senti in pace con tutto, che siano mare, montagna, collina o pianura ce ne sono tantissimi e sono sicuro che ognuno di noi può dare un contributo segnalandoli o condividendo le proprie esperienze. Ci si può poi organizzare per le cose necessarie in base al gruppo che si crea di volta in volta, in modo da aiutarsi a vicenda e dividersi i "compiti", diventare una carovana di nomadi in bicicletta ehehehe. Una occasione per conoscere anche gente nuova e rivedere gli amici al di fuori delle solite gare, più rilassati e senza orari da rispettare. che dite? vi garba l'idea?
  16. - Prezzo: in offerta acquistata per 93 euro - Descrizione: sacca da bikepacking modulabile comprensiva di 2 unità separate, il supporto si ancora a sella e reggisella in 3 punti, sa sacca impermeabile (classico sacco stagno come altri 1000) si infila nel supporto e viene tenuto stretto da una singola cingia di chiusura - Periodo di utilizzo: 4 giorni in tour tra Germania, Austria e Svizzera - Tipo di utilizzo: bikepacking lazzarone/ludico tra b&b e hostels - Pregi: il supporto è ben rifinito in cuciture, cinghie, nastri e fibbie; Il sistema è completamente modulabile, quindi si possono inserire sacche stagne più piccole o più capienti a seconda delle necessità (non per forza Restrap) , le stesse sacche posso essere utilizzate anche fissate a stuff-cage o simili in altre occasioni. La sacca da 8litri per il sottoscritto che viaggia abbastanza minimal è risultata sufficiente per 4 giorni di viaggio. Contenuto: una felpa, un paio di scarpe barefoot, 2 calzini, una mutanda, pantaloni cotone lunghi, pantalone cotone corti, maglietta ricambio, spazzolino e dentifricio. - Difetti La sacca stagna al primo riempimento si è rotta in 2 punti: strappo da 1cm a metà sacca circa, strappo da 2cm sull'apertura. La rottura è avvenuta durante la compressione per fare fuoriuscire l'aria e compattarla Durante la marcia la sacca non è stabilissima, ma ha una moderata oscillazione. Il mio compagno montava una MissGrape (soggetta anch'essa ad una rottura di un anello in plastica) e la sacca era molto più stabile sulla bici. - Rapporto qualità prezzo Costa meno dei concorrenti Apidura, MissGrape, RD, ecc eccc..... è una soluzione semplice ma sull'efficacia NON HA CONVINTO! - Prodotti simili provati e relativi paragoni La Miss Grape del mio compagno era più stabile e robusta. Il peso da vuota è però chiaramente superiore. - Lo ricomprerei si/no e perchè Aspetto la restituzione in garanzia, avendola comprata con quella da telaio in misura media, che aveva dimensioni perfette per l'installazione su 2 telai, e che per il momento non ha dato nessun problema, non sparo sentenze su Restrap. Tant'è però che una DRY BAG per bikepacking servirebbe di ben altra robustezza e fattura. Sperando di aver fatto cosa gradita. Saluto
  17. Tool Roll Bag

    non sapevo in che sezione scrivere...sto cercando una borsetta porta attrezzi da mettere sottosella, di quelle morbide che si arrotolano, tipo questa ne avete qualcuna da consigliare/suggerire? grazie mille
  18. In realtà dovevamo rientrare in bici a Trieste ma un problema di salute ci ha costretti ad interrompere la pedalata a un giorno (175 km) da casa. partiti da casa il venerdì pomeriggio, rubando qualche ora al lavoro, siamo arrivati la sera a Lubiana dove abbiamo cenato e bevuto alcune birre con l'amico Bor, sabato siamo partiti in direzione Budapest e in 2,5 gg di belle strade, salite/discese e vento contrario abbiamo raggiunto la prima meta dedicando poi il pomeriggio a fare un po di turismo (la avevamo già visitata in passato) e la sera ad una lauta cena, martedì abbiamo fatto una tirata fino a Bratislava tappa di pianura con un vento caldo pazzesco ovviamente sempre in faccia, cenetta e poi giornata di pausa per visitare la città, giovedì siamo ripartiti verso casa, passando per l'Austria, percorsi stupendi, salite (e discese) fino al 18% e rientro in Slovenia passando per Maribor; purtroppo venerdì, causa uno stratempo in arrivo, invece che arrivare a Celje ci siamo dovuti rifugiare in un b&b 25 km prima, giusto in tempo prima che si scatenasse l'inferno, non trovando un locale aperto per mangiare qualcosa abbiamo optato per l'unica cosa aperta nelle vicinanze: un kebabbaro. Rientrati in stanza inizia a salirmi la febbre fino a 40° e al mattino iniziano anche i problemi intestinali, imbottito di paracetamolo e immodium proviamo a ripartire ma già dopo la prima salita tosta la febbre ritorna e decidiamo di fermarci a Celje dove arranco fino ad un hotel dove passerò 24 ore chiuso in stanza fino a che delle anime pie non vengono da Trieste in macchina a recuperarci. combinazione i problemi si sono verificati proprio dove il percorso del ritorno si andava a sormontare con l'andata ma avremmo comunque preferito rientrare con le nostre forze ma è stato comunque un bellissimo cicloviaggio in autonomia, 1.100 km, 6.500 d+, bikepacking, con le scatto fisso e 1 freno in due :) non vedo l'ora di ripartire!
  19. Ciao a tutti, partendo da questa discussione: mi sono sentito un po' con @Sebagallizia e volevo farvi vedere cos'è riuscito a fare il ragazzo.... sono andato oggi a Milano a ritirare la framebag che @Sebagallizia ha fatto su mie specifiche (=https://www.apidura.com/product/road-frame-pack-small/) ho fatto una trentina di chilometri per tornare a casa e non ho riscontrato problemi ovviamente ora non mi resta che provarla un po' di tempo e km ma già così devo dire che il lavoro che ha fatto è ottimo..... Vi metto qualche foto che @Sebagallizia mi ha inviato mentre era all'opera e qualche foto della borsa montata sulle due bici...
  20. Ciao a tutti, con 2/3 amici stiamo organizzando un viaggetto verso maggio, sarebbe il nostro primo viaggio in bici e quindi vorremmo partire senza esagerare, diciamo massimo una settimana. Viviamo a Milano e Torino, ma non necessariamente dobbiamo partire da qua. Consigli su qualche itinerario? @maicol3 @Robixx
  21. Scusate il titolo del menga ma non saprei come dirlo meglio, ora vi spiego: Il buon Marco di Empoli mi ha fatto una frame bag bellissima ma il "problema" e' che le borracce ci stanno a pelo, sapete no come va la cosa, ci stanno ma tirarle fuori e' una menata perche praticamente toccano sopra. Allora una soluzione sarebbe i portaborraccia a carico/scarico laterale (e qui vorrei dei consigli) ma la cosa migliore sarebbe un portaborraccia laterale che abbia il punto di appoggio inferiore della borraccia ben sotto il buco per il bullone inferiore. Insomma che permetta di montare il portaborraccia più in giu. Mi son spiegato?
  22. Ciao a tutti popolo di FF, torno con una delle mie recensioni, questa volta su una combo di oggetti che ho usato per un breve giro (5 gg) all'isola d'ELBA - Tenda CAMP MINIMA 1 SL (monoposto) http://www.pescifirenze.it/scheda_articolo.asp?idarticolo=2351 - Sacco a Pelo Forclaz light 15 gr taglia S (170 cm) http://www.decathlon.it/sacco-a-pelo-forclaz-15light-viola-destro-id_8242831.html - Materassino Forclaz Air http://www.decathlon.it/materassino-forclaz-air-id_8298497.html - Prezzo: Tenda Camp MINIMA 1 SL 125 euro Sacco a pelo : decathlon 35,95 Materassino: decathlon 39,95 - Descrizione: A parte la tenda il resto fa parte della linea di decathlon per il campeggio marca Quechua - Periodo di utilizzo: Utilizzati per ora in un giro cicloturismo a Settembre all'isola d'elba di 5 giorni. - Pregi: Tenda: La Camp minima SL è credo una delle tende migliori da cicloturismo. Il pregio più grande è sicuramente la "compattezza" e il peso (tutta la tenda compresa di paleria e picchetti non arriva ai 950 gr!!!! La tenda è una doppio telo, quindi permette di avere un comfort notturno a livello di normali tende più capienti. Si monta con estrema facilità. E' a prova di idiota, anche per chi come me non aveva dimestichezza con il campeggio è impossibile non riuscire. L'interno è rifinito benissimo con ganci e tasche, il telo esterno è ben cerato e risponde bene a una pioggia leggera (io ci ho dormito sotto due ore di pioggia leggera). Il design è molto bello e una volta messa in tirare è solida. La paleria è leggera e maneggevole. I picchetti sono forse la sorpresa più bella, leggerissimi ma in buon duralluminio. non si piegano facilmente. ce ne sono almeno 5 in più. La tenda si piega con molta facilità e rientra nella propria custodia, bastano un paio di volte per imparare. Sacco a pelo: leggero, non esageratamente coprente ( da considerare che io non ho mai freddo, quindi di solito mi ci infilo a metà nottata). Si ripiega bene, finiture ben fatte. molto leggero. Il pregio maggiore è la custodia con fibbie che permette di spremerlo e ridurne parecchio il volume. Anche questo lo rende ottimo per il cicloturismo. Ovviamente essendo io un nano la misura S rende il sacco molto piccolo. Materassino Air: Questo è stata la vera sorpresa, l'ingombro è veramente minimo, più piccolo del sacco a pelo. Si ripiega veramente molto bene. Si gonfia facilissimamente a bocca, la valvola ha un meccanismo di blocco dell'aria che non lo fa sgonfiare, permettendo di gonfiarlo con estrema facilità. E' molto comodo, anche ben gonfiato. Una volta sgonfiato si riesce a rimetterlo nella sacca che lo tiene chiuso molto facilmente. La combo sacco a pelo + materassino entrano bene nella borsa sotto sella KTM, uno accanto all'altro, prendendo poco meno della metà della lunghezza della borsa. - Difetti: -Tenda: Non ha dei VERI difetti, l'unico problema è il prezzo, 125 euro, vi posso garantire per che LI VALE TUTTI. L'unico piccolo difetto di progettazione è un filo che serve per legare lo sportellino interno che almeno a me penzolava esattamente sulla faccia. La camera interna è data per 220x90 cm , anche se io HO PIù DI QUALCHE DUBBIO DI COME QUALCUNO CHE SIA PIù ALTO DI 180 CM RIESCA A STARCI COMODO. Devo fare una prova con @Visconte Cobram -Sacco a Pelo: per ora non ho trovato grande difetto , in relazione al prezzo contenuto. - Materassino: Anche per questo non ho trovato grandi difetti, se non si fora con facilità, è veramente un ottimo prodotto per il prezzo che costa. Va provato più a lungo. - Rapporto qualità prezzo: Tenda : costo alto ma prodotto che vale il prezzo Sacco a pelo e Materassino: per il prezzo che costano sono ottimi prodotti. - Prodotti simili provati e relativi paragoni: Ho una tenda monotelo che ho usato una volta sola. Non mi sono trovato male nemmeno con quella, ma il montaggio della Camp è molto più facile e l'ingombro è minore. Il peso non è molto differente. Il comfort interno è a favore della CAMP, doppio telo. - Lo ricomprerei SI /no , perchè Perchè con questa combinazione, che sono riuscito a far entrare agilmente sulla mia bici caricata con borse da bikepacking, ho fatto un giro di 5 gg all'isola d'Elba , montando tutte le sere e smontando tutte le mattine per cambiare posto. Lo smontaggio di tutto quello che avevo prendeva circa un ora, il solo smontaggio dei tre pezzi recensiti era di circa mezz'ora, poi dovevo sistemare la bici ricaricandola. Se avete esperienze, opinioni o volete aggiungere qualcosa siete i benvenuti.
  23. Giro dell'Elba

    Buonasera a tutti, da Lunedì 12 a Venerdì 16 sarò all'isola d'Elba faccio il giro dell'isola in solitaria se qualcuno capita o è in zona fatemi sapere ci vediamo per birrette, se vi volete aggiungere fatemi sapere, vi avverto però, il mio programma consiste nel parlare il meno possibile con degli esseri umani, salvo le minime interazioni indispensabili. Cheers
  24. Bikepacking - Sicilia

    Ciao a tutti, Stavo pensando di farmi una settimana in giro per la Sicilia in bici, piu precisamente la settimana prima di Natale per poi rientrare a casa il 24/25. Pensavo di farlo con bdc e bikepacking setup, non so ancora se dormendo in tenda o couchsurfing/warmshowers/airbnb/hostels. L'idea per ora e' di volare su Palermo e da li partire in senso antiorario scendendo giu. Ancora non ho le idee chiare, ma le prime preoccupazioni gia' iniziano a farsi avanti, per esempio, qualcuno sa dirmi piu o meno qual e' la temperatura media? O piu o meno a che altitudine e' lo zero termico? Qualsiasi idea/route/gpx/frammento di informazione e' piu che ben accetto, per ora sto pensando 120/140km al gg massimo (date le 7/8 ore di luce soltanto) che potrebbero scendere nel caso di dislivelli importanti (ergo troppo poco tempo per fare qualcosa come Sicilia Non Stop). Grazie Gio
  25. apro questo thread per radunare in un colpo solo tutte le esperienze e recensioni sulla borsa da turismo con il maggior (spero) rapporto qualità/prezzo dato che costa tipo un quinto delle Apidura. la borsa KTM! cito qui in ordine sparso che la usa o vorrebbe prenderla @andrygroove @Xero @mpagha29 @Fuser @Revo