Search the Community

Showing results for tags 'sturmey archer'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 13 results

  1. Sostituire spessori su mozzo pista

    Salve gente mi sono fatto fare due ruote da ridewill con mozzo pista Sturmey Archer ma purtroppo quello posteriore è montato con battuta da 128mm (così dice il calibro), ci sono due spessori più piccoli che presumo si possono sostituire per scendere agli agognati 120mm, però io non ho mai smontato un mozzo dite che se compro l'attrezzo per svitare il bullone che va in battuta con la rondella da sostituire basta ? nella foto in mano la rondella più piccola di fianco a quella montata più grande. Come attrezzo avevo individuato questo Parktool DCW-1 da 13/14mm Link DCW-1 consigli ?
  2. Ciao ragazzi, vi spiego il mio piccolissimo problema..spero sappiate darmi qualche dritta. Nell' immagine allegata potete vedere la mia gazza realizzata con tantissimo amore e con alrettantissime spese. Ho cercato, infatti, di scegliere sempre componenti fidate (guarnitura e freni dura ace, sella brooks, curva deda..) tuttavia spinto dalla volontà di voler realizzare una fissa nera con qualche dettaglio arancio, sono stato "costretto" a comprare le uniche ruote in circolazione arancioni ad alto profilo con pista frenante ovvero le RMS a 80 euro la coppia.. Come volevasi dimostrare però la loro qualità uguaglia il loro prezzo e mi hanno dato sin dal primo giorno problemi come rumorini di scatti nel mozzo posteriore o di sfregamento dei raggi posteriori, quindi sono fortemente intenzionato a cambiarle mantenendo inalterata l'estetica della bici acquistando questa volta dei pezzi di maggiore qualità e affidabilità.. o per lo meno non delle cinesate come le attuali.. La mia domanda dunque è: sapete indicarmi individui, siti, beduini disposti e in grado di realizzarmi delle ruote sotto lauto compenso simili a quelle in foto ma con le seguenti caratteristiche: - profilo alto arancione con pista frenante rettificata (non verniciata) perchè si uso ancora i freni.. - raggi in acciaio inox e possibilmente di qualche marca affidabile - mozzi dignitosi, non dico i campagnolo ma anche gli sturney archer mi andrebbero bene..l'importante è che non siano fatti da qualche cane sciolto come i miei attuali.. vi ringrazio per la pazienza e il tempo dedicato a leggere tutto il mio papiro..in attesa di qualche suggerimento, riprendo a far finta di lavorare..PACE!
  3. Posto qui in caffetteria la bici che ho appena terminato di assemblare. Stanco di restare in ansia durante il lavoro, con il timore mi alleggeriscano della mia BdC, ho pensato ad una SS da palo che mi portasse in ufficio. Certo, la paura del ladrocinio rimane sempre, ma i valori in gioco (almeno quelli economici) sono diversi. Ho iniziato così da una vecchia BdC purtroppo abbastanza compromessa, pensando di far una cosa "alla buona", ma poi, va da sè che mi ha preso la mano e mi sono complicato la vita, pur rimanendo in un budget inferiore ai 250 euro (pur utilizzando un mozzo Sturmey Archer Duomatic con cambio integrato a 2V da 60 euro) Venendo al sodo, ecco la descrizione della mia “Duomatic”: Telaio + Forcella: proveniente da BdC Olympia Sprinter anni '60, misure 54ox53v (cc) Finitura: trattamento superficiale con formazione "chimica" di velo di ruggine (senza andare ad intaccare i tubi, niente salamoie o esposizione alle intemperie o altre corbellerie...) e bloccaggio della stessa con olio (essicante) apposito al fine di mantenere colore ed aspetto dell'ossido (senza conversione/passivazione tipo ferox). Tale finitura permette all'occorrenza, in caso di graffi e segni del tempo, di riprendere lo strato senza che si vedano le sovrapposizioni tipici delle vernici e in più la ruggine non "trama" al di sotto della vernice (dato che non c'è vernice). Il risultato è simile all'acciaio "corten" (da qui il nome nel titolo), pur sapendo che il corten (anzi, cor-ten) è ben altra cosa. MC: VP perno quadro, cartuccia sigillata Guarnitura: Prowheel 46t, bianca Pedali: doppio uso SPD/piani, no brand (riciclati, magari da cambiare in futuro) SS: Ofmega Attacco manubrio: no brand, alluminio, bianco, 10 mm, negativo Manubrio: no brand, alluminio, bianco, 440 mm Nastro: MV-Tech traforato, color marrone/cuoio Reggisella: no brand, alluminio, bianco, 35 mm Sella: Velo Plush Vintage 6007 con molle; non scandalizzatevi, ma così al lavoro ci vado senza fondello; inpltre le dimensioni, molle a parte, sono praticamente le stesse delle corsa Freni: no brand, alluminio, bianchi Leve freno: Dia-Compe, tipo rovescio, su supporto in resina color marrone Cavi freno: Alligator sleek bianchi, fissati con fascette cromate Dia-Compe Ruota anteriore: Beretta 30 mm, cerchio bianco in alluminio doppia camera, mozzo (no brand) su cuscinetti sigillati, 36 raggi Ruota posteriore: Beretta 30 mm, cerchio bianco in alluminio doppia camera (36 raggi) su mozzo Sturmey Archer Duomatic S2 con cambio integrato a due velocità (interne), azionabili direttamente dando colpetto di contropedale, gear ratio della 2a velocità +38%... figata pazzesca, divertentissimo! E niente cavi, manettini, mautenzione! Pneumatici: Kenda K193 28-622 brown (al limite su questi cerchi, purtroppo non ho trovato copertoncini scolpiti color marrone da 25 mm) Pignone: 22t (in dotazione con il mozzo Sturmey Archer S2 Duomatic) tenendo in considerazione che la 2a velocità ha un gear ratio di +38% pari ad un pignone 16t (15,9 volendo esser precisi). Se mettessi su il 20t sarebbe come avere la seconda a 14,5t Catena: KMC 1/8” Nota: ho trovato stamattina lo stemma/fregio metallico dell'Olympia, che devo installare sul tubo sterzo. Inoltre devo usare del nastro adesivo telato bianco per fissare il nastro manubrio.
  4. Dopo circa un anno e più a leggere e sfogliare pagine e pagine di forum, ecco la mia bici definitiva. Ho iniziato con la mia convertita ma, dopo km e km sapevo che disponibilità permettendo avrei preso il più classico dei classici, il telaio BREDA non prima di aver venduto la mia convertita, riciclare qualche componente e magari risparmiare qualcosa Basta fare il romantico e via alla lista componenti: TELAIO breda in alluminio CERCHI no brand da 40 mm MOZZI miche flangia alta pista/pista 16 denti PEDALI look keo SELLA iscaselle tornado (regalata dal meccanico, doveva buttarla) vertu-simil tioga (made in china) SERIE STERZO fsa MOV.CENTRALE vp component GUARNITURA prowhell solid 46 stronglight track 2000 49 denti REGGISELLA simile al miche, da catalogo bernardi cinelli pilar FORCELLA carbon, rake da corsa STEM fsa PINZA FRENO campagnolo athena COLORE TELAIO ral 6034 stem e piega sono in modalità provvisoria, devo ancora capire la giusta posizione e poi taglierò la forca. Anche la leva freno è in modalità provvisoria dato che attendo che arrivi in negozio quella più corta pace e bene e VIA AGLI INSULTI! Il titolo deriva da un proverbio toscano e anche perchè adesso il telaio grezzo arriva color oro
  5. Salve, dopo aver provato la comodiá di un telaio alan cx da usare in cittá, la forcella é fantastica, le buche sostanzialmente non esistono, il telaio risulta molto leggero e comodo Mi chiedo se qualcuno ha mai montato e usato un mozzo strumey archer...nel mercatino tempo fa c'era un annuncio ma non ricordo se era mai stato usato Qualcuno ha un'esperienza diretta? Mi interessa avere qualche feedback! :D
  6. Cinelli MASH Tit.Bolt

    Vi presento una delle mie bici, modello che sicuramente tutti conoscete. Telaio Cinelli Mash Titanium Bolt serie sterzo Columbus a cuscinetti sigillati attacco manubrio Cinelli Pista curva manubrio Cinelli Pista reggisella Cinelli vai sella Cinelli Unicanitor ruote Ambrosio Fixie Red 35mm guarnitura Sturmey-Archer 48T black
  7. da un paio di giorni mi chiedo se sia fattibile verniciare i cerchi della bici senza smontare i raggi e i relativi mozzi. per fare un lavoro "pulito" è necessario passare solo la carta vetrata?cosa mi consigliate? allego una foto dei cerchi
  8. Da supereroi

    dopo settimane di ricerche tra forum e e meccanici, ecco la mia bici...non è da mettere in vetrina, è solo da pedalare! ho provato di fare un decoupage con topolino e direi che non è venuta male vi elenco alcuni componenti: telaio peugeot super sport misura 54 se non sbaglio(c'era scritto cosi nel telaio) cerchi mavic basso profilo con mozzi sturmey archer flip flop da 36 fori sella peugeot, cannotto sella, movimento centrale, pipa e manubrio alquanto sconosciuti ma fanno il loro mestiere guarnitura 50 denti peugeot pignone 18 denti devo mettere gli straps e accorciare il manubrio ma per ora pedalo e mi diverto A voi le considerazioni e i suggerimenti Ah!sabato sono andato da dafne a prendere il pignone e sono stati gentilissimi e inoltre mi hanno anche sistemato anche un paio di cose nella bici!
  9. Dopo qualche mese di utilizzo è finalmente giunto il momento di presentare la mia bici! La mania, che sta diventando una vera passione, per le fixed è nata a Londra, dove ho speso quasi tutta la scorsa estate e dove ho visto,andando spesso a Brick Lane, un sacco di bici. Per un po' ho usato una fissa a bassissimo budget assemblata là con pezzi usati e piuttosto scadenti, ma come inizio mi ha lasciato soddisfatto. Adesso sono passato a qualcosa che, seppur sempre semplice, è decisamente superiore alla mia biga precedente. Molte parti come telaio, ruote, pipa e piega sono nobrand, per il resto: Sella: San Marco Regal Guarnitura: Sturmey Archer FCT 48T e pignone posteriore a 18T ma presto diventerà 17 o addirittura 15 Pedali: MKS Sylvan made in jappaaaan Gabbiette: VP La catena è tesa, la sella direi in bolla e la bici fa sempre egregiamente il suo dovere, venerdì sera è stata anche battezzata all'alley in notturna organizzato qui a Modena dai ragazzi di Iride. Poi boh... beccatevi qualche foto (se fanno schifo è perché quelle fatte con il telefono erano troppo pesanti e ho dovuto ridimensionarle) edit: UPGRADES VARI: pignone da 17 dietro reggisella inox lucina sotto al culo campanello gay friendly piega cinelli criterium o riser bello ignorante con manopole oury nere
  10. Non la volevo la bici a scatto fisso e invece.....me la ritrovo per caso. Ecco più o meno com'è andata. Avevo intenzione di farmi una nuova bici e mi affascinano le bici stile path racer inglesi (Pashley Guv'nor per capirci). Però non amo la roba preconfezionata e ci sono alcuni elementi di questa bici che non mi sembrano coerenti con il resto del mezzo (tipo leve freno, freni a tamburo etc.) quindi ho deciso di farmela da solo. Ho coinvolto un meccanico vicino casa nell'assemblaggio, abbiamo fatto una lista della spesa e abbiamo atteso i seguenti pezzi: - Telaio basic-generalista con forcellini orizzontali - Cerchi in legno ghisallo - Copertoni Schwalbe Delta Cruiser color crema - Sella Brooks Flyer - Serie sterzo miche - Guarnitura sturmey archer - Pedali MKS sylvan Touring - Manubrio Nitto North Road - Freno anteriore miche - leva freno rovesciata (tipo crono) Diacompe - Mozzo anteriore Sturmey Archer - Mozzo posteriore Sturmey Archer 3 marce contropedale - Leva cambio Sturmey Archer bar-end E qui inizia il tutto.... Per un errore del venditore è arrivato, invece del contropedale, un mozzo SX3, 3 marce scatto fisso. Il venditore riconoscendo l'errore mi ha proposto di sostituirlo accollandosi le spese di spedizione A/R o di lasciarmi il mozzo a scatto fisso accollandosi la differenza di prezzo (non da poco). Il mozzo è molto bello e ho pensato che forse il destino abbia voluto così quindi ho deciso di tenerlo e di farmi montare le ruote con il mozzo SX3. La bici a scatto fisso mi affascina, non tanto per l'aspetto modaiolo ma per la curiosità di provare quelle sensazioni descritte da tutti quelli che l'hanno provata: l'unione con il mezzo, la fluidità della pedalata, etc. tutte cose che descrive benissimo Rotafixa nel suo sito movimentofisso. Devo dire però che mi incute un po' di timore reverenziale: sarò in grado di pedalarla e di cambiare il mio modo di andare in bici? Lo scoprirò solo vivendo immagino....A volte mi dico: "non è che sto facendo una boiata? Non c'ho più l'eta pe' ste cazzate!!" Vi faccio però una domanda: è proprio necessario montare le gabbiette? Voglio dire, considerando che il freno anteriore ce l'ho e che roba tipo skid, trick, e tutte quelle altre cosacce che fate voi fissati non mi interessano. Visto che la bici la userò per andare al lavoro e per qualche scampagnata domenicale in tranquillità non è sufficiente il freno anteriore e un minimo di resistenza alla pedalata per fermare il mezzo? Le gabbiette proprio no le sopporto e con le scarpe che uso per andare in ufficio non sarebbero molto indicate...al limite se proprio non se ne può fare a meno monterei un paio di puntapiedi in metallo. Intanto vi metto un po' di foto dei lavoro in corso.... poi arriveranno quelle della bici finita. Ovviamente quando ci avrò messo il deretano sopra vi farò anche sapere com'è andata la prima pedalata (ammesso che ne esca vivo !!)
  11. la mia prima fissa!

    ciao ragazzi! sono nuovo del forum e volevo presentarvi la mia prima fissa, la Salmona: telaio no brand con forcella in carbonio taglia 52 cerchi extra+ profilo 42mm nero anodizzato corona sturmey archer 48d pignone fisso miche 16d come la trovate?? non insultatemela troppo ahaha la corona è rivestita con la pellicola stickerbomb
  12. Battaglin corsa (La Drilli)

    Il progetto parte dall'idea di dare nuova linfa ad una Battaglin da corsa regalatami nei primi anni 2000 e a cui sono molto molto affezionato ma che ahimè non ho mai avuto modo di utilizzare per lo scopo per cui era stata concepita. Grazie a voi, ai ragazzi de LaSO, e al mio salvadanaio!! è nata La Drilli... Premetto che la situazione attuale, rispetto alle foto che seguono, è cambiata poichè ho dovuto subito provvedere a installare il freno anteriore (a Firenze si fa fatica senza...) e sostituire il relativo cerchio con uno con pista frenante rettificata. Provvederò in seguito a mettere anche foto aggiornate. - La Drilli - Telaio: Battaglin corsa tg.60 alu 7003 (primi anni 2000) riverniciato grigio micalizzato + patches originali Forcella: originale in carbonio Guarnitura: Sturmey Archer 48T Movimento centrale: Miche Primato Pignone: White Industries 17T Pedali: Exustar + straps CKC Reggisella: Battaglin (by Selcof) Sella: Battaglin (rivestita finta pelle coccodrillo) Attacco manubrio: Cinelli Ant Manubrio: Bullhorn Airwing OS (rivestito finta pelle coccodrillo) Ruota anteriore: mozzo Sturmey Archer 32h flangia alta + cerchio Velocity B43 anodizzato verde Ruota posteriore: mozzo Eno WI 32h flip-flop ('tacci sua!!) + cerchio Velocity B43 anodizzato verde Copertoncini: Scwhalbe Durano
  13. Sturmey Archer FCS72

    ciao a tutti, vorrei chiedervi un consiglio su questa guarnitura. leggendo le specifiche tecniche ho visto che ha : 44 t pedivella 170 mm giro bulloni 104 mm e gli serve un mc 113 JIS per catena 3/32 la mia domanda è voi che nè pensate? come la vedreste su una bici da palo puro uso cittadino? qualcuno l'ha provata? dite che faccio nà cagata a prenderla e mi conviene stare su una strong mygal o sulla Sturmey Archer FCT track classica? grazie a tutti