Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'mavic'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


City


Interests


IG


Strava


Feedback Mercatino


Website URL


Skype

  1. Ciao, vorrei mostrarvi la mia nuova compagna di allenamento-viaggio, si tratta di una Cinelli Vigorelli Road, taglia L, colorazione viola, unica nel 2020 per la versione rim. E' stata una odissea farselo consegnare da Probikeshop, ma ci son riuscito dopo soli 2 mesi e spiccioli, appena aperto lo scatolone, sono rimasto affascinato dal colore e dalle decals. Avevo visto video e foto varie, ma dal vero è ancora più bello e affascinante. Durante il periodo in cui son stato isolato per via della positività al covid, me lo sono montato ed oggi ho potuto farci la prima uscita... Insieme al telaio la Cinelli, da la serie sterzo marchiata Columbus, sotto a cartuccia, sopra con gabbia e sfere, il collarino stringisella e il supporto per il deragliatore a saldare. Io, visto che avevo la piega Deda, ho deciso di accoppiarla allo stem Deda 0 il reggisella stessa serie, la sella è una Specy Power, gruppo completo Shimano 105 11v serie 7000, nastro manubrio fantastico della Supacaz in tinta con la bici, nero con le stelline iridescenti a base viola. Le ruote, ho tenuto le mie vecchie Mavic Ksyrium ssc poi ho delle assemblate in carbonio alto profilo... A me la bici esteticamente fa impazzire, e dopo il primo giro, sono felicissimo dell'upgrade che ho dato passando dalla vecchia bici a questa, avevo un acciaio anni 90 montato 105 serie 5800. Spero piaccia anche a voi.
  2. Introduzione facoltativa [togliere questa riga] Cosa*: ruota anteriore mavic cosmos Tipologia: corsa Marca: mavic Modello: cosmos Stato*: buono stato, cuscinetti in ordineSegni di usura o segni particolari *: senza adesivi, sgancio rapido non originale Smembro: sì / noPrezzo*: 25 Costo e tipologia spedizione*: da concordare(con poste) Precedenza*: primo in coda, sempre meglio il ritiro a manoIn vendita su altri canali*: annuncio aggiunto su altri canali di venditaAllegare foto originali* [togliere questa riga]
  3. Ciao a tutti, al momento dispongo di un mozzo Campagnolo Record flangia bassa 32 fori senza sgancio rapido e un cerchio Mavic Open 4 CD 36 fori brunito (copertoncino) e vorrei completare una ruota. Il mozzo è stato smontato, pulito ed ingrassato, il cerchio presenta invece sulla parte bassa della pista frenante un segno su tutta la circonferenza. Per cui chiedo di scambiare il mozzo con foratura da 36 fori senza sgancio, oppure il cerchio con foratura da 32 fori. Eventuali spese di spedizione a mio carico.
  4. Vi propongo un articolo del 2015 pubblicato sulla sezione Engineers talk di Mavic. Si chiamava "The right tyre width on the right rim width". Dico si chiamava perché questa sezione non esiste più e tutto il contenuto è andato perso. O meglio...non è più disponibile sul sito di Mavic, ma ne esistono delle copie grazie ad Internet Archive. Per renderlo un po' più reperibile (e aggiungere del mio anziché fare un copia e incolla) ho deciso di tradurlo e postarlo sul forum, ma il consiglio è di leggerlo direttamente in inglese. Lo trovate a questo link. 1. PREFAZIONE Nell'ultimo periodo si sente parlare sempre più spesso di "modern rim shape" (nuovi profili dei cerchi per biciclette). Questa descrizione si usa per indicare cerchi più larghi dei predecessori, nulla di più. Sempre più ciclisti si sono convinti del fatto che sia meglio avere una ruota con un cerchio più largo; questo ha portato ad una vera e propria corsa alla larghezza e tutti i produttori si sono affrettati ad immettere sul mercato ruote con profili 1 mm più larghi dei concorrenti. In questo frenetico rincorrersi, spesso, ci si dimentica dei copertoni. Non si parla della forma che il copertone assume quando montato su un canale più largo, non si parla della giusta larghezza dei copertoni in relazione a quella del canale e il rischio è che ci si dimentichi delle normative e degli standard di sicurezza. Parlare della sola larghezza dei canali significa affrontare il discorso a metà. L'approccio giusto al problema è quello di considerare entrambe le variabili, copertone e cerchio, senza dimenticarsi di sicurezza e performance. 2. MISURE DI LARGHEZZA 2.1 Larghezza del cerchio La larghezza di un cerchio può essere misurata in due modi: - larghezza esterna (A): frequentemente misurata in corrispondenza della pista frenante - larghezza interna (B): misurata fra i due bordi La dimensione A, oltre ad influenzare l'aspetto estetico della ruota, riveste un ruolo fondamentale sull'aerodinamica del sistema ruota-copertoncino. Allo stesso tempo non ha alcuna influenza sul comfort, sulla resistenza al rotolamento, né sulla forma del copertone. La dimensione B, invece, è quella che, stringendo i fianchi del copertoncino, ne determina la forma. Di fatto, quando si parla della relazione fra larghezza del copertone e resistenza al rotolamento, comfort e volume d'aria, l'unica misura di cui ha senso discutere è la larghezza del canale. 2.2 Larghezza del copertoncino Come appena scritto, la sezione del copertoncino è direttamente influenzata dal cerchio sul quale è montato. Non solo, anche la pressione di gonfiaggio ne influenza la sezione. Per neutralizzare queste variabili, esiste un'organizzazione che indica come misurare correttamente la sezione di un copertoncino. Questa organizzazione si chiama ETRTO (European Tyre and Rim Technical Organisation) e ha stabilito i parametri di sicurezza e prestazione che un copertoncino e un cerchio devono rispettare per essere compatibili fra di loro. Nonostante il nome sia European, questa organizzazione funge da riferimento per tutte le norme nazionali ed internazionali nell'industria del ciclismo, come le norme ISO, CEN e le loro declinazioni a livello nazionale. Per misurare la sezione di un copertone, ETRTO ha fissato alcune condizioni: - la larghezza del canale sul quale effettuare la misura per una data sezione del copertone - la pressione alla quale effettuare la misura, considerando che nelle prime 24 ore dal gonfiaggio si noterà un aumento della sezione Per esempio, un copertoncino per il quale si suppone una sezione da 23 mm va misurato su cerchio con un canale da 15 mm, gonfiato a 6 bar dopo un'attesa di 24 ore. Un copertoncino da 28 mm va misurato su un cerchio con un canale da 17 mm, gonfiato a 6 bar dopo un'attesa di 24 ore. La misura va effettuata solo sulla carcassa del copertone, escludendo eventuali tasselli o strati di gomma aggiuntivi posati sulla spalla. Detto ciò, la responsabilità di indicare la giusta dimensione del copertoncino è del produttore. Per poter fare delle scelte in sicurezza, al consumatore, non resta che fidarsi delle dichiarazioni dei produttori. 3. PRESTAZIONI 3.1 Influenza della sezione e della pressione sulla resistenza al rotolamento Per aumentare la velocità a parità di sforzo, il coefficiente di resistenza al rotolamento (Crr) deve essere il più basso possibile. Le nostre misurazioni evidenziano come all'aumentare della pressione il Crr diminuisca: È interessante notare come il Crr diminuisca anche all'aumentare della sezione. Il grafico riportato sotto mostra che, a parità di pressione e larghezza del canale, la differenza di Crr fra un copertone da 23 mm e uno da 25 mm è di circa 0,3 millesimi: Dunque, leggendo il secondo grafico alla luce del primo, si nota come questa differenza di 0,3 millesimi sia equivalente ad una differenza di pressione di circa 1,5 bar. In parole povere il Crr di un copertoncino da 23 mm gonfiato a 100 PSI (6,9 bar) è pari a quello di un copertoncino da 25 mm gonfiato ad 80 PSI (5,5 bar). Così è possibile aumentare la sezione del copertoncino mantenendo la stessa resistenza al rotolamento e ottenendo un vantaggio in termini di comfort. Se, invece, l'obiettivo fosse solo quello di abbattere la resistenza al rotolamento, la soluzione sarebbe quella di aumentare la sezione del copertoncino senza diminuire la pressione. Lo stesso concetto si applica a copertoncini di sezione maggiore (28 mm), ma il rischio è che alcuni effetti legati all'aumento della massa e dell'inerzia siano più evidenti e che possano inficiare i vantaggi in termini di Crr. 3.2 Aumento del comfort in funzione della larghezza del copertoncino e del canale La percezione della "qualità" mentre si è in sella è influenzata da più fattori e non può essere ridotta ad un singolo numero. È più che altro una questione di feeling e, dunque, è una questione personale, avulsa da una definizione universale. Ciononostante, per la maggior parte dei ciclisti, una pedalata di qualità è misurabile in termini di comfort e rapporto sforzo/velocità. Il volume d'aria è una quantità utile per rappresentare questo aspetto. Più aria significa più distanza fra il suolo e il bordo dei cerchi, quindi più protezione contro le forature da pizzicata. La pressione di gonfiaggio può essere ridotta con vantaggi in termini di comfort e trazione, ma senza il rischio di pizzicare. Come possiamo aumentare il volume d'aria? Di seguito una tabella con alcune misure. Un aumento di 2 mm sulla sezione del copertone produce un incremento molto maggiore (+15%) rispetto a un aumento di 2 mm della larghezza del canale (+2,2%). Chiaramente combinando entrambe le variazioni si ottengono entrambi i miglioramenti. 3.3 Vantaggio aerodinamico dei cerchi larghi Un pensiero comune sull'aerodinamicità in generale e in particolare per le ruote di bicicletta, è che perché un oggetto sia veloce questo debba essere sottile per avere una bassa sezione frontale. È vero, ma non tiene in considerazione le condizioni del mondo reale nel quale il vento non soffia sempre in faccia al ciclista. Con il sempre maggiore successo di ruote ad alto profilo è diventato altresì ovvio che la facilità di manovrabilità di queste ruote dovesse migliorare. In base a queste due considerazioni, i ricercatori hanno cominciato a migliorare le prestazioni aerodinamiche delle ruote e sono emerse due caratteristiche fondamentali: - il copertoncino deve prendere parte allo studio aerodinamico della ruota: si possono spendere centinaia di ore cercando di sviluppare la ruota perfetta, ma non appena si cambia il copertoncino cambia il comportamento del sistema ruota-copertoncino, specialmente in presenza di vento. - il miglior modo di ottenere ottime prestazioni aerodinamiche è quello di usare un profilo del sistema cerchio-copertoncino il più possibile simile ad un profilo NACA. Il punto più largo del profilo dovrebbe essere abbastanza lontano dal bordo d'attacco. Su una bicicletta significa che il punto più largo deve essere al di sotto del copertoncino, o, in altre parole, il cerchio deve essere più largo del copertone. In questo modo il raggio di curvatura del bordo d'uscita aumenta apportando benefici alla stabilità in caso di venti con direzione non parallela a quella di marcia. Il coefficiente di resistenza aerodinamica aumenta con angolo di incidenza pari a 0°, ma diminuisce per tutti gli altri angoli. Il grafico sotto riportato compara due ruote con profili da 40 mm di altezza, ma con diversa larghezza, insieme a un copertone da 23 mm. La curva blu rappresenta la ruota con cerchio largo 19 mm, mentre la curva rossa quella larga 25 mm. La differenza è di 2,5 W in favore del cerchio largo. (Valore ottenuto utilizzando il metodo indicato a questo link) Se invece di usare un copertoncino da 23 mm ne usassimo uno da 25 torneremmo alla linea blu, o meglio a risultati un po' peggiori dovuti all'incremento della sezione frontale. In conclusione il vantaggio aerodinamico di un cerchio largo esiste solo se il copertoncino è più stretto del punto più largo del cerchio. Ruote con cerchi larghi potrebbero indurci ad usare copertoncini larghi. È bene sapere che così facendo non si sfrutta il potenziale beneficio aerodinamico delle ruote, ma solo quello in termini di comfort e bassa resistenza al rotolamento. 4. SICUREZZA La larghezza del cerchio e del copertoncino devono essere compatibili l'una con l'altra. Se il copertoncino è troppo largo rispetto al cerchio allora non sarà ben supportato da quest'ultimo e la pedalata potrebbe risultare poco piacevole. In aggiunta esiste un rischio maggiore di pizzicata. Se il copertoncino è troppo stretto rispetto al cerchio assumerà una forma più piatta con alta resistenza al rotolamento e pessime sensazioni durante la pedalata. Nel caso in cui si parli di MTB, questo potrebbe significare che i tasselli laterali siano costantemente in contatto con il terreno, anche pedalando in linea retta. Il copertoncino non avrà una deformazione come da progetto e né l'aderenza né l'efficienza di rotolamento sono garantite. In questi casi sono di maggiore importanza le preoccupazioni sulla sicurezza. Alcuni test effettuati da più di un produttore di copertoncini, Mavic incluso, hanno mostrato come un copertoncino sottile su un cerchio largo abbia una probabilità più alta di stallonare. Le norme fissano limiti e regole per assicurare la sicurezza del ciclista. ISO4210 e ETRTO hanno recentemente ridefinito le combinazioni cerchio-copertoncino utilizzabili in condizioni di sicurezza. In aggiunta è stato aggiunto un'importante parametro: la pressione di gonfiaggio. I risultati di questo lavoro sono riepilogati nelle tabelle che seguono e sono applicabili per copertoncini tubeless. Per copertoncini con l'uso di camere d'aria è bene incrementare di circa 15% i valori di pressione indicati. Glossario: TC: cerchio compatibile tubeless TSS: cerchio tubeless hook-less 1 bar = 14,50 PSI Le celle grigie indicano che non è stata determinata una pressione tale da garantire condizione di completa sicurezza per la combinazione in esame. Se le indicazioni sull'utilizzo del cerchio o del copertoncino indicano pressioni diverse da quelle indicate nelle tabelle, allora bisogna utilizzare il valore più basso fra i due. CONCLUSIONI - Copertoncini e cerchi più larghi permettono di ottenere una migliore resistenza al rotolamento migliorando allo stesso tempo il comfort - Un cerchio più largo migliora le prestazioni aerodinamiche (basso attrito e alta stabilità) solo se la larghezza del copertoncino non eccede quella del cerchio - La sicurezza è una componente fondamentale. Le norme hanno stabilito parametri di funzionamento fra copertoncino e cerchio e questi vanno sempre rispettati. E questo è quanto. C'è sicuramente del marketing, ma mi sembrava interessante. Ogni modifica, correzione, considerazione è ben accetta.
  5. Come da titolo. Solo in buone condizioni, non rottami alla frutta. Foto e prezzo in mp. Denchiu
  6. VENDO RECORD PRESTIGE (MONZA) GUARNITURA GIPIEMME SS GIPIEMME CAMBIO CAMPAGNOLO FRENI UNIVERSAL 125 MOZZI MICHE CERCHI TUBOLARE MAVIC SPECIALE SPORT MANUBRIO E ATTACCO 3TTT PREZZO: 150,00€ SOLO RITIRO A MANO (MILANO CITTA')
  7. Cosa: Bici completa RHEVO Cycling Project Pista Tipologia: strada/pista/SS. Marca: RHEVO Cycling Project Modello: Pista - Tubazioni DEDA Alu e Forcella Deda Stream Carbon Taglia: 56cm Stato: Usato tenuto bene Segni di usura o segni particolari: Lievi segni di usura Prezzo: 680€ Costo e tipologia spedizione: NO spedizione solo consegna a mano a Torino e limitrofi Precedenza: Primo in coda In vendita su altri canali: a breve su Subito.it Tipologia: strada/pista/SS. Di seguito foto e specifiche, con prezzi per eventuale smembramento, per i quali si potrà valutare spedizione (esclusa dal prezzo) + Telaio Rhevo Cycling Project Pista con tubazioni in alu Deda 56cm (M/L) con Forcella Deda Stream Carbon, Movimento centrale e Serie sterzo Deda 200€ + Ruote Mavic ellipse con copertoncini seminuovi Schwalbe One 25mm skinwall, pignoni Miche Acciaio 16T-17T e ring inclusi (come nuove, nessun segno) 270€ + Guarnitura Sram Omnium 170mm con corona Sram 48t 180€ + Catena D.I.D 1/8" track chain NJS 20€ + Stem Thomson Elite 31.8mm X4 120MM -10° 50€ + Manubrio Renthal Fatbar Lite 760mm Rise 20mm 50€ + Piega DedaElementi RHM Zero 2 con nastro supacaz bianco/nero fade nuovo 30€ + Reggisella DedaElementi Zero 2 31,8mm 15€ + Collarino Sella Thomson 31,8mm 20€ + Sella Selle San Marco Aspide (con lieve taglietto sul lato) 15€ + Frenino anteriore (mai montato) 20€ Foto difetti:
  8. Cerchi mavic cxp 30. Mozzi campagnolo con corpetto 9v (stesso corpetto che montano le Shamal 12hpw). Camere d’aria e copertoncini ancora sfruttabili. Buonissime condizioni generali. Ruote centrate e scorrevoli. Piste frenanti ok. Condizioni estetiche molto buone, solo qualche segno di normale utilizzo. Sganci rapidi Campagnolo, con tappi di chiusura spaiati (visibili in foto). prezzo: 65€ (Spedizione a parte). in vendita anche su altri canali, ma a prezzo maggiore.
  9. Upgrade pag.3 Dopo vari esperimenti, telai orientali, cancelli industriali, soldi spesi, e tempo tanto tempo a leggere il forum, vi presento la mia adorata bastarda, tra i telai moderni in alluminio mi ha sempre appassionato più degli altri...fino al giorno che l'ho vista e me ne sono [email protected] telaio: vetta columbus airplane 54*55 forca: nervesa cicli carbonio cerchi: no brand (dodici) mozzi:miche attacco:cinelli ant 6 /pista 8 manubrio:cinelli bull lola/decathlon riser sella:selle italia ctwo guarnitura:miche rapporto:47*16 pedali:mks(verygood) decalz: homehandmade foto: jive(denghiù!) amemipiacemolto... pace.
  10. Come da titolo cerco ruote basso profilo con mozzi chorus 9v
  11. JasonCM

    AAA bici rubata

    Ciao a tuttx, Ho recuperato questa bici da uno scioppino vicino a Porta Nuova che me l'ha tirata dietro per 20 euro. Ovviamente visto il gruppo dura ace e le ruote, mi sono mangiato la foglia in 4 secondi, e penso che lx proprietarix ne mastichi e che quindi possa essere su questo forum o giri affini. Ricapitolo: Cerchi mavic e mozzi dura ace, der. Ant. Shimano 600, guarna, leve e der. Post. Dura ace, pipa reparto corse bianchi corta, flatbar piuttosto largo, un freno diacompe e l'altro dura ace, reggisella ritchey, telaio toreau taglia 52-54 ad occhio. Se sapete qualcosa scrivetemi in pvt.
  12. Ciao ragazzi dopo un bel lavoretto di fino ad adattare tale guarnitura mavic da corsa a pista (a breve metto qualche foto del lavoro ho dovuto fare per adattare delle boccole femmine a spessori per non far ballar la corona singola) adesso mi sorge un dubbio la guarna necessita un perno iso e fin qui ok , il bcd è 130 e fin qui ok...... la domanda è su velobase ho visto come asse consigliato il 114 ma per un monocorona è decisamente largo (spero non sbagliare), dall'altra parte la corona che monta è una bella padella da 53.......quindi???...... qualcuno sa consigliarmi che asse montare per non far toccare il forcellino post, oppure dite devo scendere di denti anche se per come è fatta la guarnitura credo non si possa scendere più di tanto ???
  13. ciao fissati, da buon poser ho deciso anche io di presentare la mia fissa, non è chissà che roba e non puó competere con tante altre ma a me piace, è crucca so solo questo. Ecco la lista componenti: telaio 53x53 in alluminio SOIL track team prestige riverniciata perché faceva cagare; forcella Rossin testa piatta (la sua non l'ho mai avuta); serie sterzo Miche team; canotto thomson elite 27,2 con arretramento; Sella fizik arione cx; stem 3ttt pro chrome 90mm; riser da 1 pollice 600mm; catena miche; corona NJS sugino 75 50t; mozzo post shimano iso con pignone mquadro 17t; mozzo anteriore shimano Sora; Cerchi mavic cxp 12; AGGIORNAMENTO pag.3 SPD Time Atac; serie sterzo suntur superbe a filetto; pedivelle Campagnolo Record 165 con mc in carbonio. Che ve ne pare??
  14. CIao a tutti, qualcuno ha una ruota MAvic Aksium Race (meglio se modello vecchio quello con i mozzi grigi) e mi sa dire l'altezza del profilo del cerchio? grazie mille!
  15. CIao a tutti, qualcuno ha una ruota MAvic Aksium Race (meglio se modello vecchio quello con i mozzi grigi) e mi sa dire l'altezza del profilo del cerchio? grazie mille!
  16. GIPEL

    Blackmatt

    Ciao a tutti, vi presento in versione, per adesso, definitiva, la mia Blackmatt... Tutta autopitturata, lucidata e montata... Il telaio di partenza, dovrebbe essere, Battaglin in acciaio, saldato filet sul cannotto di sterzo e poi a congiunzioni il resto, con tubi con rinforzi elicoidali, 55 x 55, trovato dal mio mecca tinto col fondo antiruggine, tinto a bomboletta professionale col nero opaco. SS dura ace ahead, forcella Colnago carbitubo in alluminio da 1"fatta sabbiare e lucidata a mano. Gruppo cambio Shimano 105 a 10v, con guarnitura compact 50-34 più recente del resto, ruote Mavik Aksium, sella Specialized toupe in carbonio. La bici finita pesa qualche grammo sopra i 9kg, ma considerando che io sono 95kg, non è assolutamente un problema... A me esteticamente piace un botto, piano piano, considerando che ho speso poco sopra i 300€ per assemblarla, cercherò di guadagnare qualche centinaio di grammo con componenti più leggere, assolutamente senza svenarmi, non avrebbe senso. Ho fatto già qualche km, sabato 75, ci si sta anche benone, la sella un pochino maola il culino, ma tanta roba... Ho cambiato anche i portaborraccia, con altri più moderni...
  17. Ciao a tutti, ieri sono venuto in possesso di una ruta anteriore mavic ksyrium sl ssc solo che manca il perno per il fissaggio della ruota alla forcella. Essendo ancora un mezzo novello, vorrei sapere da voi se ci sono particolari standard per questi perni oppure posso andare tranquillo e comprarne uno qualsiasi tipo questo https://www.amazon.it/Alluminio-Mountain-Biciclette-Anteriore-Posteriore/dp/B075F7Y9K3/ref=sr_1_fkmr2_2?ie=UTF8&qid=1520093105&sr=8-2-fkmr2&keywords=perno+sgancio+rapido+mavic Altro dubbio, posso comprare solo sganci rapidi oppure ci sono anche semplici perni filettati con dadi agli estremi? Grazie a tutti, allego le foto della ruota.
  18. Ciao ragazzi vi presento il mio mezzo che posseggo da un po di tempo... Telaio: Rivola crono tubi columbus MS a sezione variabile, forcellini campagnolo forcella pantografata da 650c. Serie sterco: Campagnolo record. Mov. centrale: Miche primato pista. Guarnitura: Miche primato pista 47t. Reggisella: Secolf 25mm. Sella: Selle Italia max flite gel team edition. Pedali: Rino. Catena: KMC. Pipa: 3ttt. Bull: Nitto. Freno: No brand con leva tektro. Ruota ant: Fir aria 18 raggi da 26 con copertoncino vittoria rubino pro - mavic cosmic carbon 16raggi sempre da 26 su tubolare tufo s3 lite. Ruota post/mozzo/pignone: Campagnolo atlanta 96' raggiata in terza su mozzo miche primato pista flangia bassa 36 fori, pignone miche con slitta 15t, copertoncino vredestein volante tricomp. Credo sia tutto si accettano consigli e critiche, magari farò foto migliori... Nuove ruote! Ambrosio balance basso profilo 32 fori 700c post e 650c ant raggiate su mozzi miche pista. Le ruote precedenti sono in vendita sul mercatino!!!
  19. Ciao a tutti sto componendo la mia prima ss vorrei un consiglio, una valutazione sui cerchi da poter montare Mavic Ellipse Miche Xpress ...etc etc la bici avrà freni ant e post campagnolo...una bici come una volta! Fatemi sapere Grazie
  20. Ciao a tutti, ho queste ruote senza scrittine. Dicotto raggi piatti radiali all'anteriore e venti in seconda al posteriore. Mozzi, nippli, Google e la mia discreta ignoranza sembrano suggerirmi che siano delle mavic: qualcuno più esperto può aiutarmi? Per ora non è preoccupante, ma vorrei far centrare la posteriore prima che inizi a interessarsi troppo alla geometria non euclidea. Ho un centraruote, ma l'ho usato poco e con ruote tradizionali con tanti più raggi. Nel caso avete suggerimenti su come metterci mano? O ancora, mi sapreste consigliare qualcuno a Milano a cui portarla? Per il tragitto che faccio mi verrebbero comodi, da sud a nord, Detto Pietro a Milano e la Decathlon di Baranzate. Grazie!
  21. Salve ragazzi, è la mia prima discussione e vorrei parlarvi delle ruote mavic Cosmic, è già da un paio di mesi che vedo sui social network foto di telai track come ad esempio la pagina Jam Bicycles su Insta dove hanno montato delle ruote COSMIC mavic... Ma convertite in pista. Qualcuno ha magari qualche idea? Ho un piccolo pensierino sul farmi una bella coppia di essa ma ho le idee pratiche pari a zero. Qualcuno ne sa qualcosa su quale mozzo mettere? Riguardo ai raggi ecc? Help me guyz.
  22. Cdt, mi chiedevo, perchè per la pista e il wheelbuilding i grandi marchi non abbiano mai investito abbastanza come con la strada, mtb e le altre discipline. Per esempio, il mese scorso ho mandato una mail a Mavic, chiedendo se per caso in futuro ci fosse la possibilità di vedere sul mercato delle nuove ruote da pista che colmassero il gap tra le Ellipse (450 euro la coppia) e la combo iO/Comete (5500 euro la coppia), tipo delle 50-60mm in carbonio su mozzi Ellipse come quelle usate di recente alle RHC dal team Look Criterium, per rendere l'idea. Niente da fare, il catalogo 2018 è già uscito e non ci saranno modifiche almeno fino al prossimo anno. Allora ho chiesto perchè con l'uscita dei nuovi Open Pro UST non avessero almeno esteso la foratura dei cerchi fino a 20/24h, per permettere la costruzione di un paio di ruote da corsa su mozzi moderni e pure lì, dei cerchi da 20/24h non sono e non saranno in proramma. Poi prima capito sulle foto del BMC TR01 e noto che quelle bombe di ruote della DT Swiss sono raggiate su mozzi DA7600 20/24h, assurdo per due motivi: il primo è che i DA7600 da 20/24 non esistono sul mercato, ma solo da 28/32/36, il secondo è che essendo cerchi DT Swiss non abbiano scelto proprio i nuovi mozzi DT Swiss (tra l'altro proprio da 20/24h) per far quelle ruote.. e invece no, usano i mozzi della concorrenza, fatti fare apposta con specifiche più uniche che rare invece di usare i propri, prodotti in casa. Ma poi, DT Swiss produce sti mozzi pista da 20/24h e non produce nessun cerchio con quella foratura.. Pretty dumb isn't it? Ora io mi chiedo, ma a quali santi bisogna rivolgersi per avere dei mozzi pista e cerchi sia strada che pista con forature basse (oltre che di varie dimensioni e materiale)? Bisogna per forza farsi uno stramaledetto paio di ruote Enve da 2500 euro per avere le ruote che si vuole? Cioè, non penso di essere l'unico stronzo a sto mondo che vorrebbe ste cose, no? Tra l'altro, altro esempio, mi ritrovo fra le mani due cerchi anni 90 da 16 fori che vorrei raggiare su mozzi pista.. morire se se ne trovano. Ero riuscito a trovare e comprare in Australia dei Miche Pista a flangia bassa da 16 fori ma che purtroppo per ristrettezze economiche dovetti vendere e no sono mai più riuscito ad ordinarne. La prossima volta piuttosto che dar via un altro paio di sti mozzi piuttosto vendo il culo. Ma poi dico, giù in Australia ho seguito molto la scena della pista avendoci corso anch'io per un po' ed è incredibile quanto siano richiesti sti mozzi. E' pieno di gente che riconverte tutte le Shamal/GPM Tecno 416 possibili e immaginabili in pista appena trovano sti Miche e quelle ruote sono tuttora usatissime. Perchè Miche quindi non ne mette in commercio altri invece di fare sempre i soliti 28/32/36 con possibilità di averli anche da 20/24 su ordinazione se pure quelli da 16 sono richiestissimi? Sono solo io che mi faccio ste fisime scacciafiga o sono domande legittime? O siete di quelli che fregacazzo che mozzo abbiate sottomano, lo raggiate sul primo cerchio che trovate che abbia lo stesso numero di fori e se volete delle ruote da crit comprate le 60mm in carbonio cinesi da 450 euro con i cuscinetti che vi esplodono dopo due mesi e i cerchi che si sfaldano appena gonfiate il copertoncino a 9 bar?
  23. Ciao a tutti, durante la regolazione della tensione dei raggi ho scoperto che si è rotto un ferma raggio che sta nel cerchio, i cerchi sono dei Mavic Cosmic equipe degli anni 90, qualcuno ha idea di come posso recuperarne uno o come ricostruirlo ? Dal servizio Mavic nessuna risposta....
  24. hola! vorrei inscurire la pista frenante dei mavic open pro (neri)...qualcuno ci ha mai provato? che mi consigliate?
  25. Salve ho visto questi pedali online, che secondo alcuni, sono fatti da time atac, secondo altri, invece, sono pedali mavic che usano brevetto time ad occhio, assomigliano ai time xc4 vecchio modello (perchè hanno la regolazione della molla), oppure forse di più ai nuovi xc6 (quelli bianchi), che alcuni usano ma non ho letto soltanto recensioni entusiastiche Vorrei sapere se qualcuno di voi li usa, se sono sicuri e non si sganciano negli skid, in quanto si trovano ad un costo non eccessivo Grazie
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .