Jump to content

Search the Community

Showing results for tags 'convertita'.

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Find results in...

Find results that contain...


Date Created

  • Start

    End


Last Updated

  • Start

    End


Filter by number of...

Joined

  • Start

    End


Group


City


Interests


IG


Strava


Feedback Mercatino


Website URL


Skype

  1. Cosa*: telaio corsa (ruote NON incluse) Tipologia: corsa Marca: Pasi Taglia / misura: 53X51 centro/centro (orizzontale x verticale) Dettagli tecnici: Telaio in acciaio a congiunzioni larghezza carro posteriore 120mm (come telai pista) movimento centrale Campagnolo a perno quadro (113mm) Ideale per allestire una convertita Stato*: usato Prezzo*: 40 Costo e tipologia spedizione*: €15 con corriere Precedenza*: ritiro a mano su Milano In vendita su altri canali*: sì, su subito
  2. [ENNESIMO UPGRADE A PAGINA 5!!!!!!] Dopo aver letto per mesi il forum in incognito, aver fatto domande stupide in wannabe e dopo essermi presentato nella apposita sezione, sono finalmente pronto a presentarvi la mia prima bici a scatto fisso!! Era il 22 agosto quando mi trovai in campagna dai miei nonni nel cuneese, e non avendo nulla da fare decisi di farmi un giro in macchina tra le colline del luogo, ad un certo punto mi ritrovo quasi per caso davanti al ciclista della zona al quale espongo il mio desiderio di crearmi una fissa. Lui si guarda un po' intorno e mi da un telaio. Lo prendo e subito me ne innamoro!! Lo pagai la bellezza di 5 euro e tornai di corsa a casa con l'eccitazione di un bambino il giorno di Natale. Da allora è partita una ricerca ossessiva di tutti i pezzi per la costruzione della bici, i pezzi sono stati quasi interamente comprati su subito.it, ebay e da ragazzi in giro per Torino (grazie a tutti), tutti con la sola caratteristica che dovessero costare il meno possibile, e così è nata Green Lantern! la bici è stata costruita interamente da me e luchino (alias carlotto <3) nella sua cantina! ma basta con le chiacchiere ecco un po' di pezzi: Telaio: Rossin Corsa 55 anni 90 con forcellini Campagnolo. del telaio non so' assolutamente nulla di più, se sapete qualcosa a riguardo ben venga! un adesivo recita "hand made by rossin, the dupont system" Forca: Acciao cromata dritta (ss economica) Ruote: mozzi joytech con copertoncini Vittoria Zaffiro Pro.Mozzi miche Primato su cerchi Ambrosio excursion (posteriore in quarta, anteriore in terza) [foto pag. 4] Pipa: 3ttt Bull: ex piega 3ttt m.c.: miche Guarnitura: Campagnolo super record 53t pedivelle 170 strada Pignone:18t: 17!!!!!! Reggisella: ritchey sella San marco a voi i commenti!
  3. Ciao a tutti! Premessa iniziale. Fino ad 1 mese fa, non sapevo manco come si montasse un portaborraccia su una bdc e le mie nozioni sull'argomento bici rasentavano il pedala-vai, freno-fermo. Però l'anno scorso sono venuto in possesso da un tipo svedese, qui a Madrid, di questa bdc e nella mente piano piano è cresciuto un progetto. Vi presento quindi la mia Peugeot A.I.A.T.-D.C.(acronimo di amore ignorante ai tempi della crisi). E' un mezzo pensato al risparmio ma con i criteri minimi per scarrozzarmi tutti i giorni in Uni (9km A e R). telaio: Peugeot (anni 90) 52,5x52,5 cm forcella: la sua ruota ant & post: no logo profilo 30 mozzi: joytech flangia alta pignone posteriore: no logo flip-flop da 18 mc: il suo cambiato a novembre 2014 con un miche guarnitura: Shimano con corona FSA a 52 denti sdentati (comprata usata) no logo 42 denti pedali: atm nessuno, ordinati a Fede (Forum) mi arrivano a fine mese qui SPD shimano 520 sella: Selle Royal Italia gel (ma il gel il mio culo non lo avverte) Selle Italia SLR flow manubrio: porta un alloro con scritta Franco Italia piega corsa 44 cc no logo freno ant: il suo Shimano leva freno: Promax Maneta Ciclo X pipa: no logo catena: kmc 1/8 singlespeeed pedali: wellgo primoprezzo reggisella: Kalloy UNO copertoncini: Michelin City Protek Plus 700x28c Schwalbe Marathon GreenGuard 700x28c nastro manubrio: bike ribbon cork plus nero sistemi antirrrobo: Abus mini + Krypto keeper, rimasuglio di catena alla sella. P.s. il manubrio è stato storto nel rimessaggio estivo dal nonno di una mia amica spagnola....maledetto! Special 10x to skidman e a tutti quelli che mi hanno dato consigli, nonchè alle guide disponibili su FF! Ecco qualche immagini per consentire al meglio le offese,critiche e baciamani. Abrazos edit: la sella me la uppa con foto storta...mah. NUOVE FOTO A PAGINA 2. a Valencia
  4. E niente, ecco la nuova arrivata. Quarta fissa, dopo la prima, il pistino, il mash work si ritorna alle origini con una bella convertitona low cost. È veramente uno spasso e ci skiddo facile sul parquet nel tragitto letto-bagno-divano-cucina (non per forza in quest'ordine). Ho provato a mettere il 47-17 come rapporto e devo dire che è veramente una bomba. Telaio: Falaschi, preso da @Macrobob, grazie a @danieledp per lo sbatti per farmelo avere Forcella: Columbus, non la sua Serie sterzo: Shimano 600 presa da @sean Pipa: 3t pro chrome, presa sempre da @sean Riser: Ergotec, tagliato a 60cm con frenino anteriore Movimento centrale: Miche Guarnitura: Stronglight track 2000 presa da @saimonfvg con corona miche da 47 presa da @riky76 Pedali: Mks sylvan track con gabbiette e laccetti doppi blb Ruote: Cerchi nisi laser HR 22 con Mozzo ant campa e Mozzo post ISO Shimano M525A con pignone M2 da 17 prese tempo fa da @Dinosauro Reggisella e sella: Boh, sella Flite titanium Baci
  5. "Ed egli pose il suo simbolo su di essa, ed essa prese vita, e iniziò l'era delle ruote ciccie, ed egli vide che era cosa buona. Egli, dunque, impose un altro simbolo su di essa, ed essa incominciò a vagare per terre e per mari, per alleycaz e per hillzbombink, ed iniziò l'era della birra. Ed egli vide che era cosa buona e giusta e dunque impose un solo comandamento: NON AVRAI ALTRE RUOTE ALL'INFUORI DELLE 26" ECONOMICHE DA SUPERMERCATO! E quindi essa iniziò il suo cammino skiddando sullo sterrato e impennando in partenza ai semafori, ed iniziò l'era della Biomeccanica." Parola di YOLO In questi bui tempi di stritcrêpe e ingogngnranza pochi eroi possono riportare i dafneboys sulla retta via dello skid iniziata da Scienza e Dick. tutti i grandi fabbri stanno forgiando armi e armature per l'epica battaglia che si sta combattendo per le terre di 7emezzo, bobaxle, M2 e fixkin stanno esaurendo le miniere di duralluminio italico già messe a dura prova dalla produzione di massa di italici telai STØRM velocipedi. La dura battaglia è già cominciata e le truppe della resistenza hanno solo un'unità corazzata, adattata alla bell'e meglio per resistere agli attacchi di skid in salita, ma quella bici era stata forgiata millenni addietro per quello scopo e poi persa nelle cantine e nei pollai/pogliaghi, ma EGLI la resuscitò e gli impose una corazza (leggera) di adesivi e chi la pedalava non poteva distruggerla perché essa già fu distrutta e mai più lo sarà. Ecco dopo questo mappaffone vi presento seriamente il mio velocipede la storia inizia qui: Ho salvato questo catorcio, l'ho smontato a bestemmie e montato con poca spesa e poca resa. Non è un moser moser, ma è un moser finto, mi dissero che quelli col tridente sono del cugino di moser, quello che una volta è uscito con una poi dopo non si ricorda più niente e alla fine si è svegliato in un fosso che gli mancava un rene, ed è un telaio fatto male, di qualità scadente che era in origine una mtb da supermercato. Ma cazzomene c'ho l'hype. Sì signori è una bici sbagliata, il telaio è leggermente storto, ho lo sgancio rapido al post (cambiato con uno sgancio a brugola, grazie tatranky) tra l'altro è una ruota da 135 montata su forcellini 130, standard a cazzodicane, manubrio undersize, interasse chilometrico, geometrie veryrelax tipo emiflex, pesa una tonnellata ma non m'importa, resiste sia alle alleycat che ai giri lunghi, ci ho bombato un paio d'hillz però essendo bifrenata (col cazzo che mi fermo senza freni con ste ruote) non vale. Le foto rendono meglio di quello che è, ma chissene io skiddo sulle rotaie e ciao Ps il nome è dato dal primo adesivo appiccicato. ed ora, se proprio volete, i COMPONENTI Telaio e Forcella: Moser finto moser, tubi innocenti saldati da Bocelli Ciöcc con l'acido e forcella a standard francese rake 50mm, misure telaio 50v*54o, angoli 72° piantone e 70° sterzo, interasse di 107 cm, evidenti tolleranze pista e geometrie scattanti e reattive Manubrio: Riser saldato con la pipa che fa cred, preso dalla mia prima bici, quella con le ruote da 16", perché è l'unica cosa che ci entrava Nastro: doppia camera d'aria intercalata da pluriball e nastro isolante Leve Freno: prese sempre dalla mia prima bici, una montata bene, l'altra fascettata e nastroisolantizzata (manà) perché ho perso il daduccio quadratuccio Serie Sterzo: Shimano deore lx, almeno penso Reggisella: quello originario penso da 26 a candela reso aero dalla morsa perché non voleva uscirsene dal telaio, il tutto consolidato da buon ductape Sella: Selle Angola Turbominchia binariless regolabiless scomoda dopo 15 km Guarnitura: prowheel urban 46t perché l'originale ofmega sirio si era piegata dopo la kingcog Movimento Centrale: uno recuperato dai rottami che ho in casa, a sfere libere (nuove) e regolato da dio (cioè me medesimo) Catena: una qualsiasi 1/8" da cambiare Pedali e Straps: no brand presi sul forum da nicolettapony Freni: cantilever Shimano deore lx ant e sis post Ruota anteriore: No brand mozzo joytech 36h che scorre benissimo, trovata in stazione da sola, ciapada e purtada a cà Ruota posteriore: btwin 26" disc messa al contrario, 32h Pignone: M2 17t 3/32" Copertoni: Kenda boh ant scolpito e btwin semislick post Accessori: paratoptube di Frost gentilmente vandalizzato dalle poste, adesivi vari e un parafango posteriore diy fatto da un parafango ant.
  6. Dopo aver lurkato per più di un anno, aver montato una bici di cui adesso mi vergogno un po' e che cmq pedalo alla grande, aver bestemmiato in un po' tutte le lingue del mondo conosciute e non, presento l'attuale bici da palo per spostamenti in città. Il telaio proviene dal forum (grazie @obefix), capitato a fagiolo mentre cercavo qualcosa più vicino alla mia misura. Il resto ha preso forma dopo che ho trovato le ruote al Trocathlon. Telaio + Forca: Maffioletti corsa 60x58 SS: la sua MC: il suo Guarnitura e corona: Dodici cicli 46t (cheap by Subito, giuro che il colore è casuale, l'avrei presa pure se fosse stata viola x il prezzo) Catena: Miche pista Pignone: 18t (non skiddo, e cmq ho lì anche il 17) Ruote: coppia di ruote Deca per freno a disco, cerchi Rigida Flyer, mozzi boh, post con cassetta shimano 9v battuta 135. Usato flip flop con pignone iso e adattatore single speed sulla cassetta. Trittico: 3ttt Sella: boh, la sua, non mi dispiace e finchè non si sfonda la tengo Freni: Miche con leve Sunrace To do list: Piega in bolla (visto adesso in foto) Rondellare pignone x migliorare lc (idem) Guarnitura GPM strada e pignone 3/32 No, i freni non li tolgo. Ho 40 anni e una gamba ridicola, ho ricominciato ad andare in bici da due anni. Se non avessi letto FF a morte sta bici non ci sarebbe.
  7. Ebbene, dopo 5/6 anni di onorato servizio, parecchie alleycat, pavé, ciottolato e sanpietrini fra Milano e Padova, due tentativi di furto e molte altre avventure, il telaio della mia convertita da palo ha deciso di rompersi. Cercasi telaio corsa, acciaio, per convertita, 50x50 ±1cm Foto di repertorio del mezzo e della crepa
  8. BACK TO THE 2009 Ebbene si, si torna alle convertite con i cerchi tamarri e le stickerate violente. Se vi ricordate il Moro convertito pettinatissimo di Boston rieccolo in versione un pelo più arrogante(per chi non se lo ricorda vi lascio il link sotto) Telaio: Moro TopRace/forca pista Stem: WR compositive carbonio Manubio: riser china carbon swag manopole: Cannondale Reggisella: no brand MTB Sella: Prologo Guarnitura: Omnium + corona by @Cecio MC: Omnium Catena: KMC Pedali: no brand Ruota anteriore: Tecno Ruota posteriore: ambrosio excursion mozzo iso xt pignone @Cecio yess
  9. Ciao amici, mi ero ripromesso di non convertire più bici, ma sono peggio di un politico in gambaggna elettorale. Ho preso questo telaio nel mercatino tempo fa dal simpatico Leo @lesente, perchè mi giravano le palle a vederlo lì senza che nessuno lo prendesse. Oggi pomeriggio invece, mi giravano i coglioni a vederlo li in garage senza che nessuno lo montasse, così ho preso quasi tutti i componenti che avevo montato sul Maietti e li ho messi qui. E' divertente da pedalare per i nani come me. Vado con la lista componenti, come ogni bravo utente sa che deve fare. Telaio: Faggin Campione del mondo tg 52x53 in oneste tubazioni Columbus Aelle Forcella: Dodisciscicli pista, modello Tollero poco i copertoni da 21, quelli da 23 mmmmm, quelli da 25 ahahahahahaah no. Serie sterzo: Cambio Rino a filetto diocaro è bella fes Stem: Cinelli Pista 90mm carteggiato come se non ci fosse un tumorrou perchè Migovic ce l'aveva solo nero Manubrio: riser alluminio Ridewill da 7 euro con manopole Oury Movimento centrale: Shimano non so il modello (arrivato con il telaio) Guarnitura: Gipiemme Spescial Pista 165mm con corona pista Fixkin girata dall'altra parte perchè sono in quaresima e non dico le parole brutte. Pedali: spd Shimano M520 Reggisella: Campagnolo Chorus da 26.8 o forse Athena o forse no. Vite reggisella is for boys, vite e dado is for alpha men Sella: Flite titanium più in bolla di quel che sembra Ruota anteriore: Gipiemme raggiata a nido di chiurlo Ruota posteriore: Cerchio alu con mozzo Fixkin iso/iso con pignone Fixkin da 17 perchè a me mi piace avere i punti schìd e anche un pignone da 16 dellà. Copertoni: Michelin Dynamic sport dei poveri come me Ma diocane adesso ho capito perché si lamentano tutti della dimensione delle foto che si possono caricare. mi è già quasi passata la voglia. fanculo
  10. Ciao a tutti, volevo presentarvi la mia ciofeca convertita che ho assemblato il weekend scorso. Sono iscritto a questo forum da parecchio, ma non ho mai avuto veramente una fissa. L'altro giorno mi stavo recando in ciclofficina qui a Lione e noto abbandonato per strada un telaiaccio blu mezzo arrugginito e probabilmente pure storto. Lo porto in ciclo per dargli un'occhiata e trovo che non ha crepe e di storto ha soltanto il forcellino destro. A questo punto ravatto un po' tra le montagne di pezzi e trovo una ruota bianca profilo medio con mozzo flip flop. Decido che e' il momento di farmi una fissa. Il 95% dei pezzi sono trovati in ciclofficina, ho dovuto comprare solo il pignone (19t), gli straps e le manopole fucsia per matchare la sella. Lo so che fa schifo, ma mi sto divertendo come un matto a guidarla. Sto anche scoprendo di avere dei muscoli nelle gambe che non sapevo di avere e che mi fanno un male del dio perche' mi ostino a cercare di skiddare anche se non sono capace. Telaio: Gitane mezza corsa 56 trovato per strada Guarnitura: Campagnolo Racing T 170 con corona da 52t (trovata in ciclofficina pure lei, ma valeva la pena di menzionarla) Il resto dei pezzi: a caso trovati in ciclofficina
  11. Ciao, mi son iscritto mesi fa sul forum (ma lo leggo da molto tempo); mo ho deciso di affrontare l'ordalia del fuoco postando una delle mie bici in gallery. Vado in fissa da anni (2011) ma dal 2015 al 2017 avevo smesso di andarci per vari motivi, l'estate scorsa mi é tornata la scimmia della fissa e dopo tanto tempo ho ricominciato a pedalare quasi seriamente! Utilizzo la bici in un contesto prettamente cittadino, quindi ho messo un rapporto abbastanza agile in modo da star tranquillo anche brekeless; grazie allo slope leggermente negativo e alla forcella con rake basso (mi pare 35) la bici é molto reattiva ma al tempo stesso non troppo scomoda, ci faccio sui 30km ogni giorno e mi trovo bene! Procediamo con la lista componenti e la foto lato guarnitura: Telaio: Morin Torino Cronometro 49x51 (Grazie a @Il Mac) Forcella: Pista da 1" testa piatta non forata per ruote 650C made by Aldo Renesto Serie Sterzo: Stronglight A9 Movimento Centrale: Sakae Ringyo Royal Corsa Pedivelle: Sakae Ringyo Royal Corsa 165mm Corona: Andel Track 42 Denti Catena: Miche Track Mozzo Anteriore: Shimano 105 Quick Release Cerchio Anteriore: Mavic Open 4 CD 650C Copertoncino Anteriore: Kenda 23x650C Mozzo Posteriore: Shimano XT M576 126mm convertito con kit Velosolo Cerchio Posteriore: Araya CT 19N 700C Copertoncino Posteriore: Continental 23x700C Sella: San Marco Concor Light Reggisella: Sakae Ringyo da 26.6 Pipa: ITM Eclypse da 80mm Manubrio: Riser ad cazzum Manopole: Oury Pignone: Velosolo Cromo 17 Denti Pedali: Token Road
  12. dadebraio

    Bianchi1953

    Ciao a tutti, vi presento la mia seconda fissa venuta fuori in questo periodo di poco lavoro, eh si lavoro nella ristorazione..., prima che il figlio millenial me la devastasse mi son deciso a trasformarla per vedere come veniva e il risultato mi piace. Era una vecchia Bianchi da corsa del 1953, con il tempo aveva perso molti suoi pezzi originali purtroppo... e si era trasformata in bici da passeggio, poi 2 anni fa una prima trasformazione veloce" in fissa e conseguente maltrattamento continuato del "figlio millenial" del quale si accennava, 2 mesi fa la definitiva requisizione poi sverniciatura di varie parti del telaio in acciaio, una bella "spaiettatura" ritocco a mano delle decalcografie ormai quasi sparite e verniciatura trasparente protettiva, "assemblaggio mixato" di vari pezzi fermi in garage il tutto fatto cercando di spendere il meno possibile e far tutto da me, adesso è completa e la pedalo con la gioia di aver salvato qualcosa che sembrava vecchio ma ora mi piace di più di qualsiasi "cartonio con le ruote". Grazie buona visione spero un po' vi piaccia. Descrizione: Bianchi da corsa anno 1953 era del mio papa' che la usava negli anni sessanta telaio in acciao numerato manubrio cinello giro d'italia Pipa cinelli anni '90 leva freno... appena ne trovo una cromata la cambio guarnitura originale 52T pedali niente di che gabbiette di recupero cerchi fir nettuno anni '90 mozzo anteriore campagnolo super record corsa mozzo pista-pista gipiemme pignone 18T reggisella niente di particolare sella rolls molto usata nastro manubrio fizik di recupero e non definitivo il tutto fatto cercando di spendere il meno possibile e far tutto da me
  13. Eccola finalmente! Commenti e critiche sono benvenuti ;P Telaio e forcella: Olmo Sanremo tg.57 Pipa Cinelli forse 1a (non sono sicuro del modello, magari qualcuno la sa riconoscere) Riser Ergotec economico Guarnitura Campagnolo strada con Corona da 42 Catena Miche pista Ruote Ambrosio con Mozzi Miche Primato Pista e Pignone da 15 Copertoni 700x28c Sella Italia Super Turbo Reggisella Campagnolo
  14. Da mesi leggo il forum e vedo, in galleria, bici della madonna; questa di più, quella di meno, ma quasi sempre della madonna! Quasi sminuissero il mio acciaietto convertito, ho sempre rimandato la sua presentazione! Ma oggi, interrotto la pedalata per rispondere al telefono, la guardo l'ennesima volta e decido- anche grazie alla presenza di un amico, con obiettivo fotografico migliore del mio (pur sempre le fotocamere dei nostri cellulari)- che sarebbe stato il suo giorno! Scusandomi per l'atmosfera surreale delle foto (ho dovuto giocare un po' con la luce), vi presento la mia Terruzzi convertita nella versione che preferisco! Solitamente viene utilizzata con riserino e ruote per copertoncino senza sgancio rapido! Telaio e forca: Terruzzi in acciaio Columbus Serie Sterzo: Ofmega Corsa Pipa e Piega: 3TTT panto Terruzzi - 3TTT competizione rivestita in Almarc Reggisella: Il suo! Sella: La sua! Mozzi: Campagnolo Record Cerchi: Nisi per tubolari (Pirelli Gran Corsa) Movimento Centrale: Ofmega Guarnitura: Ofmega corsa Pedali: I primi che ho trovato, nulla di che, con gabbie
  15. Ciao Mi chiamo Luca, ho 18 anni, abito in provincia di Trieste e frequento la quinta al Nautico. La passione per la bici mi è stata trasmessa dal mio prof di inglese (che sicuramente qualcuno di voi conosce): da quando ero in prima ero attratto dalla sua bici, e, con il passare degli anni mi sono fatto un po' di cultura in merito. Negli ultimi due anni ho cercato un telaio che mi andasse bene e che mi piacesse allo stesso tempo, fino a quando un paio di mesi fa ho trovato un telaio di cui mi sono innamorato. Dopo aver concluso l'affare, mi sono messo a cercare il resto dei componenti, un po' recuperati un po' comprati; tre settimane fa sono finalmente riuscito a montarla. A parte qualche dettaglio (pedali, reggisella e sella) sono molto soddisfatto del risultato, e la sensazione, finchè non ti salta la catena, è fantastica. A breve le presentazioni dei miei compagni di pedalate. Lista componenti: Telaio: dalle mie ricerche è risultato essere un CBT Italia in Columbus gara, scasso nel verticale, orizzontale e obliquo a sezione quadra Forcella/SS: presumibilmente in Columbus gara/Miche Ruota post: Cerchio Fiamme Duran (grazie @fobiafabio) su mozzo Shimano ISO spaziato da me (...), pignone Fixkin 17t, copertoncino Michelin Dynamic sport Ruota ant: Cerchio Fiamme Duran (sempre preso da @fobiafabio, sulla buona strada per la distruzione) su mozzo Miche strada, copertoncino Michelin Dynamic sport MC/guarnitura/catena: Miche/Gipiemme Dual Sprint strada con corona Gipiemme 49t/KMC usata per due settimane, in arrivo Miche pista Pedali: VP con straps Pipa/piega: simil-3ttt nera 75mm/3ttt Superleggero 42cm nastrato con camera d'aria Freno/leva: Modolo Flash/Campagnolo eroica Reggisella/sella: Bottecchia rubato alla mia vecchia mtb/Bassano
  16. Due settimane fa decido di partecipare a questa intensa gravel. Non avendo una bici dedicata ho ponderato ben bene come agire, e ho riunito in un unico angolo del garage i seguenti componenti che montati assieme mi hanno permesso di soffrire per 9 ore. Ma oggi sono contento. Manca una manopola persa cadendo ad un km dall'arrivo, la ss si è allentata spezzando la calotta superiore, il dado stringisella si è spezzato lasciandomi in mano la sella, che abbiamo opportunamente fissato con un vitone di fortuna risultato della gentilezza di una signora veneta e della sua cantina. Telaio: Rossin Columbus Aelle 56x56 (fine '70?), trovato nel cassonetto con mc e ss sconosciuti. Ruote: assemblate con mavic SUP 700/32 e mozzo shimano xt + sgancio rapido, mozzo posteriore novatec con rondella supplementare e pignone da 18. Copertoncini Vittoria CX da 32. Guarnitura: Shimano 600 105 con Sugino 49t e corona interna Oval solo per fare spessore. Catena Taya. Pedali CB. Sella: Flite con reggisella In-Line copia thomson. Manubrio: Riser BRN e pipa no name da 11 cm. Portaoggetti Lidl vari e parafango generoso.
  17. Dopo i primi timidi tentavi da novello ormai un anno fa, ripropongo la mia convertita. Chi mi conosce, conosce la storia di come questo telaio sia finito tra le mie mani ([@member="Il Canottiere"]). I primi di aprile mi rubarono la prima vera prima convertita, un Benotto 54,5x54,5 vendutomi da @Macrobob. Tralasciando gli smadonnamenti, dopo la denuncia e infinite ricerche su internet (che cotinuano ancora oggi), m'imbatto in questo telaio. Lo ammetto, all'inizio non l'ho comprato per tenerlo, anche perché è leggermente grande per me, ma dato che il prezzo era davvero conveniente, decisi di prenderlo. Lo avrete visto sul mercatino, sotto la falsa dicitura di "Pogliaghi". Grazie a @Doc.Giò, ne siamo venuti a capo, è un Basso, il marchio SP sulla testa della forcella risale all'epoca in cui il marchi fu venduto a Basso, morto S. Pogliaghi. Non si finisce mai d'imparare. Ero convinto di dovermi fare un telaio pista in alluminio, ma grazie a @Gallistor e alla sua opera di persuasione mi ha convinto a tenerlo e adesso non riesco a separarmene. Gli ho montato i pezzi che m'avanzavano e adesso sono felice come un bambino. Mi manca il mio Benotto e continuo a cercarlo ma per adesso mi "consolo" con questo. Due parole sui componenti: - Telaio Basso, tubazioni Columbus El - Guarnitura Shimano Exage con Corona Truvavit Track 48t - Cerchi Mavic Sup su mozzo no logo 36h ant e mozzo Sturmey Archer 32h post, pignone Miche 17t - Reggisella Campagnolo Aero (non conosco il modello), sella Concor Light - Pedali Odissey e Straps HoldFast, grazie @ - Pipa, riser e manopole no logo Assetto urbano, rapporto tranquillo, senza freni. Incredibilmente leggera grazie alle sue tubazioni. È molto divertente da guidare. Un ringraziamento particolare va ad Antonio di @Ardenza Bike, che mi ha permesso di assemblare la ruota posteriore in tre giorni e a @Righe per avermi fatto notare che la potrebbe guidare benissimo anche Filippa Lagerback. Intanto l'ha pedalata @Visconte Cobram, finendoci la Kill'em All, certo fosse stata Filippa... P.s. Quando potrò metterò altre foto!
  18. bella, questa è la mia prima ruota fissa, una convertita su cui ho speso in totale di mio la bellezza di 8.50 euro (piu un chesini olimpiade shimano 105 che prendeva la polvere in garage). ero della scuola "la fissa deve averci un senso" e in una città come bruxelles tutta colline, che senso aveva? beh come scritto in un altro post, il senso è quello di viaggiare a regime (o come cavolo si chiama), son molto più sereno che con il corsa (l'unico Carlà del Belgio :-). beh bando alle ciance, vi seguo da molto bla bla bla, siete fantamitici e tanto affetto la manopola sinistra è da montare, ero impaziente e ora non ho mai il tempo ma è sempre nello zaino la pipa è positiva, brutto un pochino, ma perfetta in presa bassa, (e in alta è quasi un riser :-) e visto che ci faccio i km con questa, mica bar e spriz, la tengo barzotta il telaio è un po' grande, ma a parte un centimetro di troppo sul orizzontale mi ci trovo perfetto.. (meglio che con quelle che i calcolatori mi dicono perfette). lo stringisella è avvitato, quella levetta neanche a cannonate la piegano (inotre è incastrata sotto ai pendini perciò non gira). foto di classe boom -Telaio: Gazelle AA Champion du Monde tg. 56 completamente in tubi reynolds 531 -Guarnazza, Corona, Pignone, MC, serie sterzo e Mozzi : Miche pista -Ruote: Mavic Open Pro -Pipa: FSA 80mm -Manubrio: Stratos 4ZA carbo+alu -Reggiculo: Roto aero -Sella: Selle Italia Filante (ne vorrei comprare una decina) -Forca: Misteriosa Nobrand Carbo+Alu da 1" -Catena: KMC (unico acquisto di mio) -Pedali: MKS? con puntapiedi Christophe -Leva freno+Freno: Cane Creek+ Shimano Sora
  19. Presentazione doppia perchè non c avevamo cazzi di scrivere due volte la mia è l'altieri mentre la RC è di Il Canottiere -------------------------------------------------------------- RC TELAIO - alluminio RC misura 56 con tubi deda (?) FORCELLA - Mash da 1/8 RUOTE - cerchi Campagnolo omega su mozzi miche pista. PIEGA - FSA WING REGGISELLA - Specialized Carbon SELLA - Italia GUARNITURA - Miche Primato 165 mm RAPPORTO - 47/16 ------------------------------------------------------------- ALTIERI TELAIO - Altieri alpier misura 48x52 RUOTE - Anteriore corsa AmBrosio Prisma Durex ( perchè sono uno che ci tiene ) Posteriore Gipiemme su mozzo shimano deore xt 525 con pignone Mquadro (grazie etoy per tutto, davvero) SELLA - Aeroyal GUARNITURA - Miche competition RAPPORTO - 46/17 ( tutto 1/8) -----------------------------------------------------------------
  20. zinzu

    domani smetto

    Questa è la bici a cui voglio più bene. Molti di voi la conoscono, perché è la mia bici da alleycat. Ci ho vinto, ci ho perso, ci sono caduto, ci ho pedalato da ubriaco. Ci ho corso le criterium quando si correvano la notte con le convertite nei parcheggi di Modena con straps, jeans e vin brulè. E' una bici vissuta, di quelle che cambiano di continuo come ti rimane un pezzo in mano. Il telaio non ho idea di cosa sia: lo comprai da @saragozzass un pomeriggio d'estate, pochi giorno dopo essere tornato a Bolo da Barcellona. Avevo lasciato lì la bici da palo, regalata ad un amico... e cercavo un telaietto da fissare al volo. Trovai questo: bello. Mi innamorai subito del nodo sella. Reattivo e leggero. Per ovviare al problema dei forcellini verticali il buon saragozzass mi vendette anche un bel mozzo eccentrico fixkin. Il giorno dopo ci feci la Sagra del pignone di Ferrara, che finii con una pedivella sola. Lista dei componenti? Telaio Principia (?) crono Anteriore: mozzo campy SR su cerchio Galli basso profilo Posteriore: mozzo Fixkin eccentrico , pignone 16t, su cerchio medio profilo no logo Guarnitura che avevo in casa con corona Sugino 48t. Forca Tange in acciaio, pipa 3t, riser con manopole oury, serie sterzo ofmega, reggisella aero gipiemme, sella selle Italia slr. Pedali campy SR decathlon con gabbiette del decathlon. Questa bici sarà proprietà di @OhSantissimaMaria quando smetterà di fumare. Quindi ci farò ancora su parecchie alley.
  21. Ciao a tutti, dopo il Vianelli Mexico vorrei presentarvi un altra convertita che ho recentemente montato. Mi è rimasta viva la passione di convertire i telai corsa, per me è un esperienza sempre istruttiva e che mi diverte molto :) So che @matte82 può capirmi, un altro appassionato di convertite che ho sempre ammirato ;) E ancora qui a scrivere in gallery è sempre emozionante come le prime volte. Ma bando alle ciance smielate: Telaio Ravasi Super by Losa, senza forcella, a tubazioni stellari, ricco di dettagli pornografici, in primis i foderi superiori a sezione “goccia”, congiunzioni di pregio pantografate in ogni dove, passacavi interni, manettini aero e scatola mc pantografata Cinelli, spero che vi piaccia Forcella: Kory York R28 Pista Serie Sterzo: Tange Attacco manubrio: Nitto Jaguar plastidippata nera Manubrio: Riser TrazX nastratocred Reggisella: Gipiemme Crono Sprint 27.2 Guarnitura: Campagnolo Record Pista 165mm con corona Aarn 49t Catena: Miche Pista Pedali: Crank Brother Candy 2 Ruote: Cerchi carbon con mozzi DTSwiss. Anteriore 24 raggi raggiatura inox radiale. Posteriore raggiatura inox in seconda by @AnSe Copertoncini :Veloflex da 25 usati ma in buono stato Sella: Flite Titanium
  22. Bene Ragazzi non servono molte parole per descrivere quest'alluminio radioattivo! quindi passiamo alle cose serie! Innanzi tutto ringraziamo come sempre il buon @fedep per le ottime fotografie telaio : Marin bdc tg56 Tubi Columbus Altec2 plus comprato dal buon @BobsHaero (che ha anche fatto risaldare il tubo sterzo) Forca:full carbon 1" headset guarna: Guarnitura Dura Ace con corona Sugino messanger da 48 ruota post: Mavic Cxp 30 Silver con Mozzo ISO FSA, pignone ISO 17t Copertoncino ruota ant: Mavic Cxp 30 Gold con mozzo Shimano Riser : Deda light (roba MTB relagata da un collega) stem: Xtasy da 100mm donato dal buon @ sella: Booo Pedali :VP Dirt con straps uno cinelli l'altro no logo causa rottura in quel di reggio del fratello cinelli con relativa vista in diretta della mia morte! reggiculo: Shimano 600 Aero Questo zombi Radiattivo è bello maneggievole essendo una taglia più piccola rispetto al mio ideale e diciamo che per i forcellini post ha avuto una bella battaglia con il buon signor biciclo di Macherio e per sua sfortuna ha avuto la peggio (si preso una bella fresata)
  23. 5 anni fa mi iscrivevo al forum, per 3 anni leggo di mozzi ISO, forcellini, linee catena, copertoni strapVSgabbiette. E poi non si legge di freni, che sono sempre stati per me uno sbatti da mettere a posto. Io ho sempre avuto mtb dell’Auchan, e nella mia testa si forma anche l’idea di fissa da città, quindi una convertita, umile, che non ti deve piacere troppo, ma che va “fino a spaccarla” e ti diverte. 2 anni fa trovo un telaio usato, della mia misura (credo), mc, ss, e forca. Chi me lo vende ha anche sella e reggisella (madò quanto mi fomentano le righine su quel selcof). Quindi cerco di non strafare e di tenere a bada la voglia di comprare chissà quali pezzi, chè se poi non mi piace o non ci so andare, è tutta roba buttata. Quindi tutti pezzi di seconda mano o recuperati, solo il set ruote+copertoni è nuovo. In sti 2 anni ci ho lavorato un po’, ma finalmente con la quarantena mi son deciso a metterci il frenino, nastrarla e a tirare la catena per poterla pedalare. Ora è riaperto tutto e andare con questa bici è strano, mi impedisce di correre e sudare come un dannato, oppure di pezzare il doppio quando spingo davvero. La colorazione mi fa schifo, la scritta pure, ma non riesco nemmeno a stickerarla troppo: ha il suo perché e tutta insieme mi piace, mi da soddisfazione...e poi corre. Ah, e la forca l'ho scartavetrata e ricolorata io a bombolette. Infine, non so skiddare ma mi diverto lo stesso. Conseguentemente voglio metterci il rack frontale e farla diventare la bici di tutti i giorni. Questa convertita di un wannabe-fixie ha delle foto che fan cahare, infatti penso di aver ancora molto da imparare (tipo lasciare il cavo del freno più lungo), quindi ecco i componenti e sotto con le critiche cattive, o i consigli per gli upgrade. Telaio: Peruffo 55 orizzontale, tubi Columbus Chromor Forcella/SerieSterzo: brutta ridipinta bianca/Campagnolo veloce trattata male Guarnitura/MC: Lasco 170 / ???Shimano Pedali: VP corsa + gabbiette CKC Pignone/Chainring/Chain: Cog 17t/ Lasco 46t / SunRace 1/8” Manubrio/Pipa/Nastro: Ambrosio / Ambrosio / Camera d’aria Feno/Leva: Caliper da passeggiona / Shimano 600 Sella/Reggi: San Marco qualcosa / Selcof Ruote/Gomme: Gipiemme pista A40 V-brakes flip-flop / Vittoria Randonneur (Deca) 28
  24. Eccomi di nuovo qui, dopo un po di navigazione anonima dovuta a 740 traumi ossei, ospedale, letto ecc che mi hanno impedito di pedalare con annesso odio per il mondo... Recuperata la gambetta ho messo su un'altra bastardina urbana che sto usando come tutto fare (s'è fatta anche qualche salita negli ultimi tempi)... Base è un telaio rossin corsa, purtroppo salvato tardi da un macellaio che l'aveva già mutilato.. Credo si tratti di un slx ma non riesco ad esserne certo, riuscite ad aiutarmi? panto ovunque ma non riesco a riconoscere i tubi... A distanza di 4 anni e mezzo e una fraccata di strada fatta vi aggiorno un pò sulle condizioni della mia troia preferita.. al momento monta: ss, mc, guarnitura (con il solito paracorona tornito) e reggisella (non in foto) campy super record e delle ruote su mozzi miche flangia bassa su cuscinetti. i parafanghi sono in alluminio e sella concor:
  25. È capitato che un mio amico stradista ridacchiando mi ha mandato un messaggio su whatsapp dicendo che ha trovato una bici in un cassonetto e quasi quasi fa cambio con la sua. Io vedo la foto e gli dico che deve assolutamente portarsela a casa! Lui se la prende e dice che potrebbe tenersela per farsi una bici da usare in città. Peccato che per lui è un po' grande e tra una cosa e l'altra me la lascia in cambio di un piccolo contributo monetario o, meglio ancora, di una bici in cambio per spostarsi e non dover sempre prendere la metro. La bici è la classica bdc di gamma medio bassa con un telaio carino, ma montata economica. un po' trascurata, ma nel complesso in buono stato. Il telaio, che è quello che mi interessa seriamente, è ben messo. Dopo una prima indecisione per capire cosa farne (muletto bdc, passeggio, etc...) ho optato per fissarla con dei pezzi di recupero che mi avanzavano e farci una fissa da palo bella comoda. Telaio: Raleigh Kellogg's Pro Tour taglia 63 centro fine (è enorme pure per me) Ruote: Bernardi camo pimpate con mozzo ISO di recupero Copertoncini: boh, quelli che pescati dal cassonetto Guarnitura: Offmega strada 170 Corona: Miche Advanced 46t 1/8" Pignone: Velosolo 17t 1/8" Pedali: no brand allu con gabbiette di plastica e cinghietti di nylon della Zefal Catena: KMC con le maglie trapezoidali, non ricordo il modello Movimento centrale: perno quadro Shimano 107mm Reggisella: allu no brand 27.0 Sella: Selle Italia X2 Trans Am Serie sterzo: quella che c'era montata Adattatore filetto-head set: Decathlon Pipa: Ritchey pro 120 Manubrio: Decathlon Rockrider Manopole: boh, di recupero Bar ends: non ricordo, allu anodizzato viola Considerazioni sulla guida: giocattolosa. Abituato a telai pista in alluminio con forka carbo e posizione corsaiola questa bici è super rilassata e dura da rilanciare. Nel complesso però in città si guida bene. Chi ha avuto l'idea di vendere ruote ad alto profilo per le fisse da città è un malato di mente, ma queste sono troppo carine anche se pesano una tonnellata. mi sento ringiovanito di 6 anni a rimontare una conversione!
×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .