signal

Daedalus 88, volando da Heraklion a Santorini con la forza delle gambe

5 posts in this topic

Casualmente su youtube ho finalmente trovato il documentario relativo al progetto che ha battuto il precedente record del sorvolo sullo stretto della manica.

post-1053-0-32623300-1358983469_thumb.jp



 

Volo record di Daedalus 88

Il volo record di Daedalus 88, spinto da Kanellos Kanellopoulos[2], partì il 23 aprile 1988 dall'aeroporto di Heraklion e sorvolò il mar Egeo in una traversata di 115,11, coperta in 3 ore e 54 minuti, alla velocità media di oltre 29 km orari, fino a giungere nelle immediate vicinanze dell'isola di Santorini, dove a rendere impossibile l'atterraggio furono raffiche crescenti di vento dovute alle turbolenze atmosferiche generate dall'elevato gradiente termico nella zona di transizione tra il mare e il terreno di natura vulcanica, dell'isola.

Le turbolenze causarono la torsione del boma di coda, e un primo cedimento strutturale. Perdendo il controllo, l'aeroplano si dispose a naso in su, mentre un'altra raffica causò il cedimento della struttura principale dell'ala.

Il Daedalus, secondo il resoconto ufficiale, finì nell'Egeo a 7 metri dalla spiaggia di Perissa e il pilota, abbandonato il velivolo, raggiunse la riva a nuoto.

Gran parte dei rottami del Daedalus 88 è ora conservata presso il laboratorio di restauro "Paul E. Garber Restoration Facility", al servizio del National Air and Space Museum della Smithsonian InstitutionLight Eagle è invece conservato a Manassas, in Virginia.

Daedalus 87 è stato in mostra, fino al 2009, nell'atrio del Museo della scienza di Boston. In seguito, è stato spostato nell'atrio del Terminal B, del Dulles International Airport, presso Washington D.C.

Caratteristiche tecniche del velivolo
  • Lunghezza: 8,6 m
  • Massa: 32 kg (a vuoto), 104 kg (con pilota al decollo)
  • Apertura alare: 34 m
  • Superficie alare: 29,98 m²
  • Carico alare: 3,4 kg/m²
  • Velocità di volo: 25 km/h in assenza di vento; 29 km orari nella trasvolata da Creta con leggero vento a favore
Potenza espressa dal pilota
  • Potenza meccanica erogata dal pilota al decollo: circa 600 Watt
  • Potenza meccanica espressa con continuità: da 200 a 250 Watt
  • Potenza metabolica del pilota: 900 W
  • "Carburante":
    • Tipo di "carburante": bevanda energetica in soluzione salino-glucosica (acqua zuccherata al 10% e contenuto in sali minerali di una parte su 1.000)
    • Capacità del serbatoio: 5 litri
    • Consumi: 4 litri di "carburante" (equivalenti a un consumo di circa 1 litro per ora, e a una percorrenza di 23 km con un litro)


       

    • Nonostante il velivolo sia precipitato in vista del traguardo, fallendo per pochi metri il completo successo, il suo exploit detiene ancora oggi vari record mondiali, registrati dalla Fédération Aéronautique Internationale, quale volo di maggior durata, e su più lunga distanza, che sia mai stato realizzato da un mezzo volante spinto da energia muscolare umana.

    • L'esperimento Daedalus ha fornito importanti informazioni sui principali obiettivi scientifici del progetto, nel cui scopi il significato simbolico si sovrapponeva all'aspetto puramente tecnologico:









      Enjoy




      Qualche interessato al progetto?
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

bello, tutto bello, ma resta roba da museo o quasi. Carico alare troppo basso, se si leva un po' di vento se lo porta a spasso. La struttura è talmente leggera che alla fine del volo il boma si torce paurosamente , piani di coda e cabina ruotano alla grande.

Durante la richiamata per mettere in piano il trabiccolo, che aveva preso una brutta piega, si rompe anche l'ala...

Secondo me per una cosa un minimo divertente si deve prendere in considerazione solare + pedale.

Il timone non mi è ben chiaro come si manovra.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ai tempi, studentello avevo seguito tutta la faccenda ....fu un esperienza davvero incredibile

 

piccolo particolare che mi ricordo la sella utilizzata era una sella Italia ;)

 

Aloha

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nelle campagne di una calda e assolata isola italiana vidi coi miei occhi un maxi ripetitore per telefoni cellulari alimentato da un maxi generatore a gasolio. Di cui qualcun, evidentemente, aveva il compito di rifornire periodicamente il serbatoio. brrrrrrrrrr

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.