TheSnatch

Scelta sella e posizionamento

10 posts in this topic

Ciao ragazzacci, allora sto facendo il corriere in bici da un bel po, macino un po di km al giorno, ma purtroppo facendolo nel centro di Roma ho continui problemi con buche e sampietrini, causa di irritazioni e bolle . Sicuramente oltre ad essere causa dell'asfalto è colpa selle selle che ho usato, vorrei provarne altre, in primis smp, ma vorrei capire come scegliere modello e misura.

Partiamo dalla posizione in sella....sella in bolla e altezza tale da stendere quasi completamente le gambe nel punto inferiore delle pedivelle.

Detto cio mi pare di capire  che devo mettermi sulla sabbia e misurare la distanza tra le ossa ischiatiche, e poi? 

L'inclinazione giusta è sempre in bolla? Chiedo perché quando pedalo per me la posizione in cui mi trovo meglio, o almeno è la mia impressione, è quella in cui sono appoggiato solo con le ossa ischiatiche sulla parte posteriore e più larga della sella, ma poi pedalando scivolo avanti perdendola.

Forse la cosa è soggettiva, ma in una posizione corretta il peso va schiaricato solo sulla zona ischistica o anche su quella prostatica?

Grazie

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

anche io quando pedalo mi metto sempre arretrato sulla sella, con le ossa appoggiate alla parte larga.

credo sia un comportamento sbagliatissimo

Share this post


Link to post
Share on other sites
12 minuti fa, TheSnatch ha scritto:

 

L'inclinazione giusta è sempre in bolla? Chiedo perché quando pedalo per me la posizione in cui mi trovo meglio, o almeno è la mia impressione, è quella in cui sono appoggiato solo con le ossa ischiatiche sulla parte posteriore e più larga della sella, ma poi pedalando scivolo avanti perdendola.

 

io sono abbastanza convinto che la favola del "sella in bolla" sia una paranoia da foto instagram.

ogni sella ha la sua forma e conformazione, come le nostre ossa; se ti trovi più comodo con un'inclinazione differente non vedo motivi per non attuarla.

come dici giustamente tu durante la pedalata non ci si posiziona per forza nel punto ideale della sella, quindi io adeguo la posizione della sella a come mi posiziono io in modo che il sistema sella+culo sia confortevole e non faccia male dopo diversi km.

 

contro ogni teoria scritta mi sto trovando bene con una sella senza imbottitura, leggermente avanzata e inclinata con la punta verso il basso...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
1 ora fa, cornelius ha scritto:

... sono degli estratti della mia tesi, che è stata proprio sviluappata sul concetto di stare bene in sella.

e ce lo dici così...

se non ti dispiace mi piacerebbe leggerla, e penso anche a tanti altri quà dentro

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, white-scorpion ha scritto:

e ce lo dici così...

se non ti dispiace mi piacerebbe leggerla, e penso anche a tanti altri quà dentro

Mi piacerebbe, dal momento che so che è un argomento bello caldo. 
 

Ma ci sono un paio di questioncine legate a brevetti e cose legali che per il momento non mi consentono di renderla nota.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 6/2/2020 at 10:30 , cornelius ha scritto:

La sella dovrebbe essere in bolla per permetterti di spostarti sulla punta, o tornare indietro, non gravando sulla posizione: è ovvio che se la tieni inclinata una di queste due posizioni sarà svantaggiata perché quando ti sposterai rispetto a quella in cui sei abituato la sella tenderà o a farti scivolare o a tirarti in dentro.

Per una migliore posizione, ed al momento sto parlando solo di posizione, è necessario scegliere la sella con il profilo adeguato. per capire qual è più giusta per te dovresti controllare la tua mobilità facendo il classico esercizio di stretching in cui, da in piedi, vai a prenderti la punta dei piedi: se ci arrivi senza problemi non hai bisogno di una sella che ti aiuti a mantenere la posizione e poi andare sulle selle più racing a profilo laterale completamente dritto vedi fizik Arione o la selle italia SLR, se arrivi attorno allo stinco avrai bisogno di un profilo leggermente arcuato che come la san marco aspide o la selle italia flite. Se hai poca mobilità tutte le selle con profilo molto accentuato possono aiutarti e quindi fizik aliante, sworks power e ovviamente le SMP.

 

relazione.thumb.jpg.8b5cba23bd74462b485e9558f457bd17.jpg

 



Una volta selezionato il profilo giusto per te prenderai la dimensione della distanza delle tue ossa ischiatiche (puoi farlo anche sedendoti su un cartone) e a questo numero dovrai aggiungere 30 mm, ti verrà un cifra che varia tra i 125 mm e i 155 ed a quel punto cerchi la dimensione più giusta per te.

relazione_1.thumb.jpg.2def0a229cfff66af5507fc23db5c729.jpg

 

Il peso va scaricato solo nella parte ischiatica, che è una parte molle e dove non ci sono terminazioni nervose. La zona prostatica si può appoggiare ma non bisogna metterci del peso sopra, che potrebbe provocare indolenzimenti e fastidi vari, oltre che se sbagliata posizione in maniera continua danni all'apparato genitale.

Spero di essere stato d'aiuto, la pagine che ho messo sono degli estratti della mia tesi, che è stata proprio sviluappata sul concetto di stare bene in sella.

grazie 1000. per la lunghezza?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hai arretrato o avanzato la sella nella giusta posizione? 

una buona cosa sarebbe quella di acquistare una sella cava al centro per liberare la zona prostatica dalla compressione.

sulla sella in bolla io preferisco sempre 1 grado di inclinazione della punta verso il basso sulla rando e 2 gradi di inclinazione verso il basso sulla mtb, dove però monto anche un reggisella telescopico ed in discesa sono quasi sempre sui pedali.

una volta che tutto è regolato nel migliore dei modi, se i problemi persistono compra dei pantaloni con inserti in gel.

si sta seduti con le tuberosità ischiatiche che non sono una zona molle, ma essendo parti (tuberosita) dell’osso ischiatico (che insieme a pube ed ileo, compongono il cingolo pelvico) sono appunto dure. Non è vero che non ci sono terminazioni nervose: ci sono, ma ce ne sono di meno rispetto ad altre zone corporee.

Edited by RandagioOfSteel (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
13 ore fa, TheSnatch ha scritto:

grazie 1000. per la lunghezza?

La lunghezza, secondo gli studi che ho potuto trovare, non determina sensazioni di comfort o discomfort su un uso misto e standard. Infatti fino a un paio di anni fa la lunghezza delle selle da corsa era più o meno la stessa (intorno ai 270mm), ad oggi sono state introdotte anche le shortfit. Diciamo che la sensazione qui non è direttamente legata ad un fattore biomeccanico: io mi trovo molto bene con una specialized power corta, ma alla san marco corta preferisco quella standard. 

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.