Thelorleo

Stem oversize inox WIP

23 posts in this topic

1 ora fa, skullbone ha scritto:

che cannello usi?

professionale o quello piccolo del brico?

Dunque, uso un cannello di livello medio presumo, non è una ciofeca del brico, non credo sia propriamente un prodotto da hobbista.

Recita un Made in denmark (marca exact), ed è talmente vecchio che l'azienda ora si limita a produrre macchine da taglio tubi,  l'importatore italiano ora fa esclusivamente tagli plasma e acqua. Diciamo che è un ottimo cannello (per monogas)  con i suoi anni sulla groppa.

30 minuti fa, mar_lad ha scritto:

Ti consiglio comunque di non indebolire troppo il clamp del manubrio. Facendo troppi intagli, sì, ti agevoli la manovra di inserimento del manubrio rendendo il tutto più flessibile, ma a lungo andare la troppa mobilità della parte potrebbe tradursi in crepe nei punti di congiunzione con il corpo dello stem. Piuttosto ti conviene fare meno intagli e accorciare direttamente il clamp come mi hai già accennato su.

In ogni caso, ottimo spunto. Io lo coderei :D

Con le ore che ho impiegato ti conviene chiedere direttamente a english, è fatto meglio e stai sereno senza futuri conti dal dentista :)

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 ore fa, Thelorleo ha scritto:

è un ottimo cannello (per monogas)

interessante.

avresti una foto del cannello acceso?

 

io con monogas ad aria aspirata non riesco a fare brasature nemmeno con barrette al 40% di argento, a meno che non siano pezzi molto piccoli. (io uso un vecchio cannello tedesco con regolazione del flusso d'aria). anche il mio cannello è talmente vecchio che la ditta non ne fa più, ma lavora solo su materiali per saldatura TIG.

 

per contro il cannello ossidrico del brico lo uso e con quello riesco a fare anche lavori strutturali, ma uso direttamente ottone o bronzo, visto che non ha problemi a fare questo tipo di lavori. uso il cannello a propano per preriscaldo e mantenimento di temperatura e con l'altro faccio il lavoro.

se avessi un cannello a GPL in grado di lavorare ad argento penso che tornerei su questa tecnica. come costi siamo li: quello che risparmio in ossigeno lo spenderei in argento (l'ultima volta che ho preso 5 barre di bronzo da 1 metro sono stati 10 minuti a battere sulla macchina calcolatrice a rotolino di carta e alla fine mi ha detto ""vabbè, dammi un euro", mentre 40 cm di barra da 1,5 mm al 40% di argento, rivestita di borace, mi costa 13 euro ), ma il monogas lo trovo decisamente più pratico.

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 @skullbone Ho questa, ma in realtà ho 2 becchi, uno con la fiamma larga 1.5 cm circa (con cui si fa una fatica immonda a fondere anche il 40%) e uno a fiamma stretta che va benissimo(qui in foto).

Per il prossimo provo a prendere Delle bacchette con meno argento in modo da poterlo depositare un po' meglio.

IMG_20171220_123154.jpg

IMG_20171219_204713.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

cavolo che bel dardo!!!

quello si scalda!

anche io cercavo qualcosa di simile, il mio invece è a dardo largo, e appunto va bene per scaldare in pre-brasatura, ma non per il lavoro definitivo. 

 

occhio che abbassando la % di argento si alza il punto di fusione della lega.

 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Thelorleo complimenti. Visto che hai le mani d'oro, per non sforzare sull'attacco del manubrio potresti provare a fare una testina separata e mettere 2 viti , come il 3t ahead forge

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, modu ha scritto:

@Thelorleo complimenti. Visto che hai le mani d'oro, per non sforzare sull'attacco del manubrio potresti provare a fare una testina separata e mettere 2 viti , come il 3t ahead forge

Mani d'oro no, diciamo che ho un po' di manualità una buona dose di attrezzature (rigorosamente mal funzionanti) e taaaanto tempo.

L'idea della testina smontabile la avevo valutata ma con 2 viti avevo paura di sbagliare gli allineamenti. Inoltre non mi piaceva troppo con solo una vite sopra, ne avrei messe 2 e 2, andando a complicare ulteriormente il lavoro (tornitura bussole X 4 etc).

Da non sottovalutare che con la fiamma poco forte come la mia bisogna stare molto sul pezzo per far correre bene la lega e tutti ste extra scaldate mi impensierivano non poco!

PS dopo 3 mesi, e un paio di uscite hardcore su terrà e radici ho ancora tutti i denti e pare solido!

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 ore fa, Thelorleo ha scritto:

tutti ste extra scaldate mi impensierivano non poco!

a dire la verità quella è la temperatura di ricottura quando si sottopone a trattamento de-tensivo una struttura reticolare a daldatura elettrica. a quella temperatura la struttura cristallina del metallo, o meglio della lega ferro-carbonio si riorganizza e lasciata raffreddare normalmente dovrebbe avere una struttura omogenea.

se non erro è molto più instabile il limite saldatura-metallo "nativo" (che appunto arriva a temperatura di fusione e con un velocissimo gradiente spaziale arriva a "zero") che la brasatura a ottone e similari dove le temperature restano basse.

inoltre la brasatura ad argento è proprio citata come più forte e meno stressante fondendo più di 200° sotto la temperatura dei bronzi.

da qualche parte inbvece avevo trovato un telaista che usava un cannellino poco più grande del mio (ossiacetilenico) e citava lo stesso vantaggio rispetto al cannello classico: cioè minor stress termico.

correggetemi se sbaglio, magari i comincio a mescolare i ricordi :P

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dopo un anno esatto di utilizzo tiene ancora molto bene ma: le bussole delle viti continuano a non piacermi, la parte centrale si innesta male sul tubo sterzo.

Indi per cui è in corso d'opera la Mk2.

Stesso procedimento dell'altra volta ma ho usato un tubo da 28*1.5mm portato a 1.1 e sono stato 0.2 mm più abbondante nella sezione forcella.IMG_20190309_184533.thumb.jpg.60278019477f118f1976c68188b544b2.jpg

Simpatico effetti matrioska, 

IMG_20190309_184217.jpg

IMG_20190309_184231.jpg

IMG_20190309_184249.jpg

IMG_20190309_184334.jpg

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.