decky

Differenze tra un telaio saldobrasato e tig

12 posts in this topic

Come da titolo vorrei avere chiarezza sulle differenze (pregi e difetti) di un telaio saldobrasato e di un telaio saldato al tig di pari livello. So ad esempio che un telaio al tig in linea di massima dovrebbe pesare meno dell'altro, vero? grazie

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' una domanda abbastanza difficile.

Bisognerebbe capire prima cos'è la saldobrasatura e così il TIG...

La saldobrasatura è una saldatura che avviene senza fondere i due componenti da unire, ma fondendo invece una lega diversa che va a congiungerli. E' una saldatura usata per vari motivi, fra cui anche la saldatura di due materiali diversi.

In campo ciclistico è la tipica saldatura dei telai a congiunzioni, in cui il tubo è incastrato all'interno della congiunzione stessa e saldobrasato con una lega di ottone che penetra per capillarità.

Nel TIG invece si ha una saldatura ad arco, in cui l'elettrodo è di tungsteno (e perciò non si consuma come nella saldatura ad elettrodo o a filo) e sull'area della saldatura viene "spruzzato" del gas inerte (tipicamente argon, ma anche altri gas nobili, che non reagiscono cioè con altri elementi - detta in soldoni eh!) per proteggere la zona da saldare. Può esservi o meno del materiale d'apporto. E' un'ottima saldatura per spessori ridotti, fino a qualche millimetro.

Il TIG è stato usato in ambito ciclistico a partire dagli anni '80 se non erro, su acciaio e su alluminio. L'arrivo del TIG ha permessso la saldatura di telai in alluminio, prima costruiti per incollaggio (o in casi più rari addirittura in "monoscocca" per dirlo con un termine moderno :D) e di sviluppare la saldatura dell'acciaio andando fuori dai classici schemi fino ad allora utilizzati. Due pionieri in questo ambito furono due grandissimi telaisti come Stelbel (Stellio Belletti, che arrivò alla telaistica di bici dopo una lunga esperienza in campo areonautico) ed ovviamente Dario Pegoretti (forse impropriamente ritenuto il papà del TIG in Italia).

Vantaggi in termini di resistenza non credo ce ne siano.

Senz'altro il TIG permette di costruire un telaio in acciaio moderno, con tubazioni dalle forme e dai diametri non più vincolati dalle congiunzioni (anche se oggigiorno si usano anche le oversize che fanno 31.8-28.6 contro i 28.6-25.4 tradizionali). Il TIG è infatti molto versatile non avendo il limite della congiunzione, in quanto si saldato i tubi "testa contro testa".

Ultima cosa che so dirvi sul TIG è che si può distinguere molto facilmente, in quanto il cordone di saldatura è un succedersi di "pallini". E' molto evidente nell'alluminio, un po' meno nell'acciaio in cui il cordone stesso è molto più piccolo. Il bravo saldatore al TIG fa queste passate successive in maniera regolare, alla stessa distanza, con la stessa forma, con una linea perfettamente raccordata intorno alla giunzione.

I bravi saldatori al TIG sull'acciaio quasi si offendono se gli chiedi di limare le saldature, come fanno a volte i mediocri per nascondere una saldatura magari solo esteticamente non perfetta.

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Dimenticavo:

la limitazione delle forme dei tubi che si hanno in un telaio saldabrasato limita anche le proprietà del telaio (rigidità, reattività ecc.), così come le sue geometrie.

Inoltre, a parità di tubazioni, un telaio saldato al TIG è senza dubbio più leggero mancanto appunto le congiunzioni che sono tutto materiale in più.

Non so tuttavia se le tubazioni per congiunzioni possano essere saldate al TIG (credo di sì comunque, anche se non avrebbe molto senso).

Share this post


Link to post
Share on other sites

In sostanza il tig è più moderno, riesci a usare un po' i tubi che vuoi ed è anche più leggero. Però le bici a congiunzioni costano di più perché fanno figo e sono vintage. Eh eh...

Share this post


Link to post
Share on other sites

nella mia ricerca ho trovato una bici Stelbel fine anni 80 con saldature al Tig,costruita dal milanese Stelio Belletti

leggerissima ,priva di congiunzioni il telaio assume una eleganza davvero sbalorditiva,ho venduto questa road bike

ad un amico esperto e conoscitore di marchi di bici italiane "vintage" anche un grande collezzionista.

(sono tranquillo è in buone mani)

http://www.classicrendezvous.com/Italy/stelbel.htm

Share this post


Link to post
Share on other sites

A parità di qualità, costa di più un telaio a congiunzioni perchè è molto più lungo costruirlo ma soprattutto rifinirlo.

Ed è anche più bello esteticamente. Ma per quel che riguarda la resa o il raporto qualità prezzo il TIG mi sembra di capire che sia vincente sulle congiunzioni.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esteticamente a me piace mille volte di più uno a congiunzioni. E' questione di gusti.

Poi il mio telaio della bdc "ufficiale" è in TIG, ma fatto come Dio comanda ed è esticamente è bellissimo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Esteticamente a me piace mille volte di più uno a congiunzioni. E' questione di gusti.

Poi il mio telaio della bdc "ufficiale" è in TIG, ma fatto come Dio comanda ed è esticamente è bellissimo.

sempre conginzioni in vetta! quoto lanerossi!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.