Erre69

67° Salone del ciclo..

29 posts in this topic

Non che mi aspettassi granchè onestamente.. però sono rimasto parecchio deluso, non solo x le poche fisse ma proprio in generale x la scarsa partecipazione di costruttori..

Comunque, qui di seguito quello ho trovato un "minimo" interessante, se non altro si comincia a vedere un minimo di interesse, anche se con montaggi ed abbinamenti estetici alquanto infelici in qualche caso..

Bottecchia

P1040750_1.jpg

P1040751_1.jpg

Colnago

Discreta direi, almeno nella cura dei particolari..

P1040754_1.jpg

P1040755_1.jpg

P1040756_1.jpg

P1040757_1.jpg

Rossin

Lo stand + ricco di single speedfisse, un paio di modelli mtb con gomme cruiser e 4 modelli da 28"

P1040761_1.jpg

P1040762_1.jpg

P1040763_1.jpg

P1040764_1.jpg

P1040765_1.jpg

Cerchio Gipiemme "chiodo fisso" da 26", carina la finitura..

P1040760_1.jpg

Infine una marca a me sconosciuta, Montante, che nello stand esponeva bici stile classico e questa..

P1040769_1.jpg

P1040770_1.jpg

Inoltre, era presente un minuscolo stand italiano, che esponeva una fissa notevole, con un telaio particolare di cui però non sono riuscito ad effettuare foto, però vi rimando al loro sito..

http://www.nobrainbikes.com

Share this post


Link to post
Share on other sites

insomma non mi son perso nulla.....meno male! haha

La Montante è sfiziosa ma costerà un botto sicuro...

Direi proprio di no.. contavo ci fossero molti + espositori di componentistica, ma ahimè.. poco niente.. tolto un'espositore della Miche..

P1040768_1.jpg

Mi ha fatto piacere invece conoscere un ragazzo della DodiciCicli, che ha portato qualche fissa all'ingresso della metro con l'intento di farle provare.. peccato gli sia stato vietato dalla sicurezza.. che bachettoni..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il telaio della NoBrain è uguale identico al mio Frugeri... mi piacerebbe sapere dove li fanno anche se il presentimento che siano asiatici si fa piu' forte.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Su quello che chiamano "Le Shizzle" non saprei dirti con sicurezza la provenienza..

leshizzle02.jpg

però x quelli + classici tipo questo sotto si appoggiano all'Officina Girardi con geometrie a richiesta..

officinagirardi00.gif

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il telaio della NoBrain è uguale identico al mio Frugeri... mi piacerebbe sapere dove li fanno anche se il presentimento che siano asiatici si fa piu' forte.

da NoBrain c'erano 3 telai: lo Shizzle verde da tricks e il "vintage" azzurro sono fatti artigianalmente in Italia con tubi Columbus, poi c'era un telaio da pista anodizzato blu con lo scasso sul tubo sella che, come da loro stessi dichiarato, è made in Asia, lo stesso identico telaio (chiaramente con altri colori) era esposto montato da SAB, Bottecchia, Guerciotti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

concordo, l'unico interessante come novità era il Nobrain...

da rossin tutte le fisse con lo sgancio rapido dietro...che secondo me non tiene...no.

La bottecchia che è in foto ha lo stesso identico telaio della guerciotti...che sarà fatto a taiwan o simili...

La Colnago bellina, ma in effetti montata scarsa, ed i forcellini dietro li avrei fatti più lunghi, visto il flip-flop...

Allo stand Montante la cosa più bella erano due o tre tope da schianto (PS: le uniche di tutta la fiera...)

Ho chiacchierato di scatto fisso allo stand della MIche e mi son sembrati competenti e soprattutto cortesi..

Solo per velodromo, ma la look da pista è veramente una spada!!

...

...

La DeRosa è uno schianto vista da vicino, e lo stand e le bici son tutte da 10 e lode...la storia che ha scritto il buon Aldone sul suo blog poi fa capire di che pasta son fatti...

PS: di vero vintage c'era una fissa da pista allo spazio dedicato a Coppi, era ovviamente una bianchi, bellissima!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

no si possono vedere...!!!!!SENZA PAROLE...

FORTUNATAMENTE HO A CASA UNA COLNAGO SUPERPISTA E UNA ROSSIN MONTECARLO....VERE....DA COLNAGO E ROSSIN 2 ABORTI DEL GENERE NON ME LI SAREI MAI ASPETTATI....MA ANCHE DALLE ALTRE MARCHE....OK CHE POI IL VINTAGE PIACE...MA NON POSSONO TUTTI FARE COLORAZIONI VECCHIE....CON TELAI NUOVI !!!!!DAI!!!!E POI COLNAGO.....CAZZO MA CON CHE COMPONENTI è MONTATA QUELLA BICI.....????PER FAVORE!!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si,il NoBrain a cui mi riferivo è quello blu anodizzato.Il Frugeri in Al che ho io è identico anche nei forcelli posteriori in acciaio sostituibili.

Insomma 'sto telaio lo usano un po' tutti e ci appicciacano su il loro nome italiano ma poi è fatto chissa' dove in Asia...bella merda!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si,il NoBrain a cui mi riferivo è quello blu anodizzato.Il Frugeri in Al che ho io è identico anche nei forcelli posteriori in acciaio sostituibili.

Insomma 'sto telaio lo usano un po' tutti e ci appicciacano su il loro nome italiano ma poi è fatto chissa' dove in Asia...bella merda!

ti assicuro che non è così strano, la serietà sta poi nel dichiararlo o nel fare finta che sia un modello esclusivo, magari fatto in Italia, per pura curiosità il sig. Frugeri come te l'ha spacciato?

Share this post


Link to post
Share on other sites

la storia che ha scritto il buon Aldone sul suo blog poi fa capire di che pasta son fatti...

Ti dà l'idea di che pasta è fatta la persona che ha incontrato Aldone. Quelle che ho incontrato io (e che non erano agenti...) erano di tutt'altra pasta, purtroppo, e non si trattava di fare 4 chiacchiere.

Colnago sono molto più formali probabilmente e meno inclini ad un dialogo "familiare", tuttavia quando tiri fuori dallo scatolone un prodotto Colnago e inizia a lavorarci su per assemblarlo/controllarlo, ti rendi conto perchè Colnago ha un nome prestigioso in tutto il mondo.

P.S.: visto che siamo in tema Nagasawa ha imparato a saldare i telai da Sante Pogliaghi e solo in seguito è andato a bottega da Ugo De Rosa.

Share this post


Link to post
Share on other sites

la storia che ha scritto il buon Aldone sul suo blog poi fa capire di che pasta son fatti...

Ti dà l'idea di che pasta è fatta la persona che ha incontrato Aldone. Quelle che ho incontrato io (e che non erano agenti...) erano di tutt'altra pasta, purtroppo, e non si trattava di fare 4 chiacchiere.

quello con cui ho parlato ti assicuro che non era un agente, poi dimmi te se le ruote del Super non sono da citybike e se ti sembra una bici fatta bene in linea coi livelli di Colnago.

se dici che è fatta bene è ovvio che la pensiamo diversamente, ma questo si sapeva già.

Share this post


Link to post
Share on other sites

non l'ho vista dal vivo ma non piace, i cerchi sembrano quelli da bici sportiva, magari non da supermercato ma non piacciono... l'attacco manubrio è osceno... di sicuro colnago lavora bene, ma questa bici credo sia un'accozzaglia di pezzi buttata la e non un progetto sensato, una bici assemblata solo per colmare un vuoto nel catalogo, visto che tutti ormai hanno una fissa simil-vintage da offrire... magari sbaglio, ma stamattina quando ho visto la foto è stata la prima impressione...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infine una marca a me sconosciuta, Montante, che nello stand esponeva bici stile classico e questa..

Allo stand Montante la cosa più bella erano due o tre tope da schianto (PS: le uniche di tutta la fiera...)

E' logico che tu non la conosca. Montante è un marchio defunto, recuperato dal nipote del fondatore unicamente a scopo di marketing (da ciò anche la presenza di tope allo stand).

Con la complicità di Camilleri (quello di Montalbano) e la donazione di alcuni modelli R a personaggi "illustri" (Napolitano, Montezemolo, Fiorello ecc. ecc) si è creato un marchio di sicuro successo abbinato a bici ordinarie.

Ovviamente, in tema di marketing, non potevano lasciarsi sfuggire l'occasione di presentare una fissa.

Nulla in contrario nei confronti di Montante o altri marchi "furbi". L'unica cosa che mi disturba è il messaggio

che viene lanciato da questi produttori (tra cui Atala con la Dei fatta in Cina). In sostanza si cerca di far passare

alcuni tipi di biciclette come nuovi "status symbol", alla pari di barche, auto, ecc ecc, senza curarsi del fatto che

la filosofia costruttiva e di utilizzazione della bicicletta si dovrebbe basare su altri presupposti.

Ma credo che a tutti i frequentatori di questo forum siano chiare le differenze tra strategie di marketing

e reale valore di una bicicletta

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.