Teo Mat

E' solo una mia impressione?

19 posts in this topic

 

Di sicuro ha una catena rossa.

 

Di quelle da due lire che si rompono e poi ti fai male.

 

ha pure l'attacco positivo... che loser... poteva almeno scegliere la taglia giusta...

 

 

Cmq mi pare solo una posizione momentanea, come il mettersi in piedi, per dare un po piu' di potenza... la sella è abbastanza piu' in dietro..

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

è vero che in avanti a spingere, ma a me sembra avere comunque una bici corta, anche messo sulla sella il posizione la gamba non starebbe a 90 gradi.

mi sembra una situazione parecchio accentuata

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tutti a cambiare bici... la moda vuole almeno 2 cm in meno!!! (Pure wiggins in un'intervista dice di aver la bici più piccola... e mi pare pure Cavendish l'avesse annunciato prima del tour)

Share this post


Link to post
Share on other sites

O è molto corto/avanzato?

Non è corto avanzato è ruotato in avanti attorno al movimento centrale guarda gli angoli articolari e ignora la linea di terra, è tutto molto "naturale" non ci sono angoli chiusi o tensioni. Quando dici 90 gradi li prendi al suolo ma dato che le pedivelle disegnano un cerchio il suolo non conta.

Direi che è un posizionamento molto triathlon.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

È una posizione da triathleta perché essendo più avanzati permette di spingere di più con i quadricipiti femorali e tenere i polpaccio (quanto possibile) per la corsa

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

È una posizione da triathleta perché essendo più avanzati permette di spingere di più con i quadricipiti femorali e tenere i polpaccio (quanto possibile) per la corsa

 

No il concetto non è quello; il problema da affrontare era far ottenere un vantaggio aerodinamico ad un'atleta che deve mantenere quella posizione per ore ed ore. Il problema è stato affrontato concentrandosi in primis sull'eficienza, posso costringerti a fare il fachiro per un'ora ma se devi stare in bici 5-6 ore la storia cambia, ma allo stesso tempo se riesco a farti guadagnare anche solo 1/2 secondo al km in penetrazione aerodinamica tu su 180 km (distanza bici ironman) mi guadagni 90 secondi che non è poco. Quindi si sono tenuti fissi gli angoli articolari e si è adeguato il telaio a questi angoli in modo da ottenere il massimo possibile, fino a qualche anno fa si stiravano gli atleti sulle bici adesso si piegano le bici alle esigenze di efficienza e cx. La cosa straordinaria del giochino è che si è ottenuta anche una migliore potenza e si sta gradualmente riversando questa teorie anche su discipline più "corte" non per far stare comoda la gente ma perchè se sta comoda spinge più watt.

 

http://www.motusport.it/area-tecnica/triathlon-ironman-nuoto-running-corsa-2xu-zoot/posizione-in-bici-crono-e-triathlon

 

Una spieghina di cui sottolineo a @Teo Mat una frase

 

Non preoccupatevi con pedivella orizzontale di avere il ginocchio sopra il perno del pedale (KOPS), in quanto la regola non è più valida su telai con tubi piantone più eretti.

 

Immagini come questa con atleti protesi in basso ed in avanti appartengono ormai al passato

 

4yXh9Tr.jpg

  • Like 7

Share this post


Link to post
Share on other sites

È una posizione da triathleta perché essendo più avanzati permette di spingere di più con i quadricipiti femorali e tenere i polpaccio (quanto possibile) per la corsa

 No il concetto non è quello; il problema da affrontare era far ottenere un vantaggio aerodinamico ad un'atleta che deve mantenere quella posizione per ore ed ore. Il problema è stato affrontato concentrandosi in primis sull'eficienza, posso costringerti a fare il fachiro per un'ora ma se devi stare in bici 5-6 ore la storia cambia, ma allo stesso tempo se riesco a farti guadagnare anche solo 1/2 secondo al km in penetrazione aerodinamica tu su 180 km (distanza bici ironman) mi guadagni 90 secondi che non è poco. Quindi si sono tenuti fissi gli angoli articolari e si è adeguato il telaio a questi angoli in modo da ottenere il massimo possibile, fino a qualche anno fa si stiravano gli atleti sulle bici adesso si piegano le bici alle esigenze di efficienza e cx. La cosa straordinaria del giochino è che si è ottenuta anche una migliore potenza e si sta gradualmente riversando questa teorie anche su discipline più "corte" non per far stare comoda la gente ma perchè se sta comoda spinge più watt. http://www.motusport.it/area-tecnica/triathlon-ironman-nuoto-running-corsa-2xu-zoot/posizione-in-bici-crono-e-triathlon Una spieghina di cui sottolineo a @Teo Mat una frase Non preoccupatevi con pedivella orizzontale di avere il ginocchio sopra il perno del pedale (KOPS), in quanto la regola non è più valida su telai con tubi piantone più eretti. Immagini come questa con atleti protesi in basso ed in avanti appartengono ormai al passato 4yXh9Tr.jpg grazie della spiegazione, avevo capito male io allora

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.