Teo81

specialized sequoia 2018

857 posts in this topic

1 minuto fa, Alb ha scritto:

sul video direi che per il 70% sembra una gita al parco con i ciclononni della domenica, il 30% ti farebbe pensare che puo' essere un'avventura e le musiche discutibili.

 

my 2 cents.

per fortuna c'era il ns @Teo81 a raccontarci quel sapore di sangue nella bocca.

grazie davvero

ma davvero! dal video sembra una scampagnata. solo facce sorridenti, mai una smorfia di dolore o stanchezza.
Avrei messo del sano black metal norvegese come colonna sonora altro che la trap.

Share this post


Link to post
Share on other sites
In questo momento, mariazzo ha scritto:

ma davvero! dal video sembra una scampagnata. solo facce sorridenti, mai una smorfia di dolore o stanchezza.
Avrei messo del sano black metal norvegese come colonna sonora altro che la trap.

piu che altro non ho visto le condizioni meteo avverse riportate fedelmante da teo.

Altra roba,

nel video vedo un tizio con le mavic thermo ai piedi (che ho pure io): se e' partito da Arco con quelle ai piedi con 40 gradi dovremmo essere in grado di produrre una nuova forma di penicillina che sterminera' tumore/ebola e il tartaro ai denti.

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 minuti fa, Alb ha scritto:

piu che altro non ho visto le condizioni meteo avverse riportate fedelmante da teo.

Altra roba,

nel video vedo un tizio con le mavic thermo ai piedi (che ho pure io): se e' partito da Arco con quelle ai piedi con 40 gradi dovremmo essere in grado di produrre una nuova forma di penicillina che sterminera' tumore/ebola e il tartaro ai denti.

erano 2 percorsi diversi. :D
 

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, mariazzo ha scritto:

erano 2 percorsi diversi. :D
 

teo ha fatto quello con la nuvola di fantozzi?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/1/2019 at 10:36 , Alb ha scritto:

sul video direi che per il 70% sembra una gita al parco con i ciclononni della domenica, il 30% ti farebbe pensare che puo' essere un'avventura e le musiche discutibili.

 

my 2 cents.

per fortuna c'era il ns @Teo81 a raccontarci quel sapore di sangue nella bocca.

grazie davvero

Continuerò a breve.. dico solo che quando l'ho visto ho detto: "eh?" tant'è che ho scritto ad Andrea uno degli organizzatori dicendogli: "Andrea.. sarebbe bello che montaste anche gli altri filmati ecc ecc..". Mi ha risposto gentilmente che sono "pieni di materiale", non sanno neanche come metterlo giù.. Questi film che vedete, li sponsorizzano le grandi case. Sono solo slogan e motivetti.. di NC li dentro c'è poco niente. Credetemi. Facessero vedere le piaghe che avevo in faccia, alle mani, al culo solo dopo 7 giorni. Delle ustioni in Austria appena partiti.. del tutte le volte che ho buttato la bici in un fosso a Rosenheim in Baviera.. bestemmie e disperazione nel trovarmi un passo bello incazzato e appena partito di notte, dopo che il giorno prima avevo dato tutto.. avevo 16o battiti a riposo! Okkey, io sono una pippa confronto molti mostri che vi hanno partecipato, ma quella "scampagnata" che mostrano non è così.. anzi. Lo dimostrano la metà dei partecipanti ritirati.. Poi le tappe incazzate Cece, infino l'arrivo a Praga, dove volevo mollare. Da inesperto poi ho saputo dai pro che è normale il tutto. Il trucco è "mai adagiarsi troppo nell'endurance", dove si tengono ritmi e tappe dove si deve dare tutto. Chi lo fa è perduto a meno ché non abbia una volontà di ferro o dei solidi trascorsi in merito. Io ovviamente "ho pensato bene" di andare a troie, rilassarmi, fermandomi un giorno in più.. Il secondo giorno volevo mangiarmi una merda. Male ovunque, sconforto e morale al minimo. Chiamai la mia donna, guardai il mio conto in banca e le dissi:"  la vuoi quella bici che un giorno ti avevo promesso di comprarti?" (2000euro). Te la compro e torno.. (mi restavano 3200 euro). La NC è troppo grande per me".. Sentii silenzio, mi disse: "fai come vuoi, vedi tu".. le dissi "pensi che sia una smarzata, se mollo a Praga e torno?".. "Un po' si" mi rispose.  Mi vergognai molto e giurai a me stesso di crepare sui pedali. Alla fine era più il rimorso di essermi fatto una troia, che il resto. Alla fine noi uomini siamo dei cazzoni.. quando abbiamo i coglioni pieni, ci si chiude la vena. Poi ce ne pentiamo , volendo tornare all'ovile dicendoci "non succederà più". Poi due mesi dopo hai i coglioni pieni, litighi e ti scoperesti anche un cespuglio.. Cmq partito da Praga qualcosa di nuovo era nato in me. E non parlo del virus della zoccola. Mi ero superato, avevo battuto me stesso prendendo la decisione di avanzare nonostante tutto. E così fu.. non fu per niente facile poi, ma io non ero più lo stesso, che ci crediate o meno. Ero un fottuto lupo mannaro. La Polonia, infinita e calda.. sempre di notte, come un vampiro. Avevo capito che max alle 11.00 di mattina dovevo trovare riparo. O la pressione mi saliva a mille e andavo giù.. Roba da lasciarci le strazze, altro che "passeggiatina del video". Nel video non ti fanno vedere le emorroidi nel culo, che per andare al bagno mi veniva da piangere, e quando non ci riuscivo partivo per pedalare 8-10-12 ore con un mattone nello stomaco. Mangia ogni 45minuti in quelle condizioni se ci riesci.. ecco, la "passeggiatina" te la facevi a spalmarti le chiappe di crema. da solo, se sei un pirla come me, devi sopravvivere.. e così fu, ma ci ho messo tutto, anche quello che non sapevo di avere. Nella vita di tutti i giorni sono considerato uno abbastanza tosto, li ero una merdina. Poi arrivi nelle repubbliche baltiche e giù tapponi di sterrato e a volte di miseria attorno. Quando hai il morale al tappeto, e passi per gli sterrati Lettoni , vedendo le condizioni di certi posti beh.. sei spezzato. Il mangiare inizia a far cagare, non riesci a nutrirti quasi mai come vorresti. La miseria te se magna.. e te magna dentro. Quelle cose, non le hanno mai mostrate nel filmini "specialized".. Una volta sono entrato in un supermercato dove vendono di tutto. Ho visto dei "crostoli", quella specie di gnocco fritto dolce che usa a carnevale per capirci. Esco, lo addento eh? SA DI PESCE PUTRIDO DOLCE!!.. ho tirato due porchi e due madonne. Nel mentre vedo 3 boci, tutte e tre si divertivano a sgarrupare una graziella, uno pedalava e due in piedi dietro sul porta pacchi. Mi si avvicinano, erano incuriositi da me e la mia Sequoia così allestita. Agli occhi loro è come se vedessimo noi l'ENTERPRISE del cap. Kirck. Mi toccano, sono sporchi in faccia ma sono simpatici, carini. Guardo il capetto e gli dico "Italia" , porgendogli la confezione di crostoli al pesce-merda. Mi guardò negl'occhi incredulo,  fissandomi come se lo stessi traendo in una sorta di  trappola allungò la mano fino a prendermene uno. Tutti in silenzio gli altri bambini speravano la stessa sorte del compagno. All'ultimo gli lasciai tutta la confezione. Hanno iniziato a ridere e ad urlare come se gli avessi dato le chiavi di una Ferrari.. Capì in quel momento dov'ero capitato, del reale contesto, della disparità sociale, di possibilità di futuro e  di vita stessa. La stessa notte a 120 km da lì per 50 euro (avevano solo quella disponibile), alloggiai in un attico con 8 stanze tutte per me.. Io avevo 8 letti benché fossi solo, quei pischelli manco il mangiare per il giorno dopo. Questo la Specialized non te lo fa vedere. La cosa che più mi ha stranito, è la loro scelta di territorio e di immagini. Tranne quel bel stradone Finlandese larghissimo nel nulla, tutto il resto fa cagare, ed è proprio tutto quello che non mi ricorderò mai della mia NC. Poi comprendo che ogni immagine dei vari Gate, ogni menata la decide lo sponsor di turno, o il rider che volevano pubblicizzare. Tutto questo mi ha lasciato un pizzico di amaro in bocca. Vero è che creare una corsa del genere è difficilissimo, soprattutto a seguirla divinamente come hanno fatto gli organizzatori. E' un lavoro colossale. Quindi alla fine, lo sponsor sceglie, impone e detta molte cose.. poco male io ho tutto dentro. L'ultima repubblica baltica L'Estonia, quella è l'unica tappa dove tutto, ma veramente tutto è perfetto. Facile, scorrevole, piatta e pure col vento a favore quasi sempre!.. in odore di Finlandia e si sente, ricca e piena di passere sorridenti. Si torna a vivere. Poi si passa il mare..  la Finlandia è bella.. ma di certo non facile. In Finlandia se sbagli son cazzi tuoi. Dal centro e  al nord in Lapponia, era  prima volta che mi sentivo nel nulla cosmico. E quando vai in calo di zuccheri, quando hai poco cibo e sei sotto l'acqua da ore.. quel nulla cosmico è molto, molto introspettivo. Fu li che mutai nuovamente in qualcosa di nuovo. Ho capito che la maggior parte di queste paure, io le portavo dentro. Mostri, mostri che mi dominano fin da quando son bambino. Paure ataviche, qualcosa che hai nel profondo e che lì vi posso assicurare.. guardi in faccia. Posti di rara bellezza e solitudine, posti che se sbagli.. ci rimani in quella solitudine che di notte si anima..e non sono tutte renne.. Per assurdo la tenda che mi scorazzavo da 3000km fu li che iniziai ad usarla. Tu, il più delle volte sei solo sei un povero stronzo con una lucetta Sigma 600 lumen in mezzo a distese incontrastate di boschi di pini piccoli e betulle, sei su una lingua d'asfalto tirata nel niente. Fu li che per salvarmi il culo feci una tappa da 245km, dal pomeriggio, all'alba, tutta la notte sotto fulmini e temporali e con 40kg di bici.. Io, persona qualunque. Dopo 25 giorni che non parli con nessuno, inizi a farlo da solo per tenerti compagnia.. ti da morale. Quando pedali così tanto oltre la soglia di sfinimento ed oltre.. sei allucinato, ti ritrovi più in botta di quando sgabberavi da piccolo al Number one a Brescia, con la mandibola di traverso..

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 6

Share this post


Link to post
Share on other sites

Questa la specialized non lo fa vedere.. e non ti fa neanche vedere l'ipotermia che rischiavo appena arrivato alle 06:00 di mattina a Rovaniemi.. aspettando le 10:00 che mi dessero la stanza stavo sotto un tetto di un autogrill  avvolto di tutti i vestiti asciutti che disponevo, compreso il sacco a pelo. Svenivo, mi ripigliavo, mi agitavo per restare caldo e risvenivo.. avevo paura, paura ammerda. Ma dal video pare che in Finlandia ci siano andati giusto a scaldare le gambe.. Alla lunga: insonnia,fatica,zero regolarità,abitudini,cibo,meteo avverso,solitudine ecc ecc ti piegano come un filo d'erba. La verità la si ascolta dai partecipanti, qui Oliva racconta la realtà dei fatti (visti dagli occhi di uno che ne sa', non un novizio come il sottoscritto). Queste interviste le trovo molto più vere dello spot specialized. Non so se la vedete si chiama "Polar 1 con Massimo oliva Ita" nella pagina Facebook NC. Casomai cercatevela, ma guardatevele tutte quelle italiane e non. Carpitene i segreti e la realtà dei fatti dai partecipanti. I video pubblicitari lasciano il tempo che trovano e non vi danno e lasciano nulla.

 

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

Prima della Lapponia partono i fiordi e 1-2 tappe da spezza gambe.. un continuo sali scendi senza assistenza, con i punti food molto distanti.. Sono distanze che a volte per 70-80km non trovi nulla. Poco male direte.. ma se vieni da 100km precedenti e conti di rifornirti in quello spaccio ma lo trovi chiuso.. beh, sei nella merda. Le case che hai vicino sono tenute di caccia o pesca, le usano sporadicamente qualche fine settimana. E comprendi di essere fottuto. Mettere giù una tenda, senza troppi viveri o acqua, butta male. Sia perché è possibile ricevere qualche "visita" a quattro zampe, sia perché sprecheresti altro cibo o acqua inutilmente. Tu devi avanzare. Punto. La Lapponia è stupenda, la pedali con la bocca aperta dallo stupore.. ma devi "saper vivere", avere il giusto "rispetto" e soprattutto "capire, leggere bene gli eventi e te stesso". Questo mi ha dato la Finlandia. Praga l'ho lasciata più forte di corpo e di mente, la Lapponia mi ha lasciato un quadro molto più preciso di me stesso e di ciò che mi circonda. Il boscaioletto Bolzanino, diventa un piccolo guerriero. La Norvegia, seppur mai in vita mia mai avrei pensato di vedere e provare tanto, era già sconfitta. Oramai sapevo che potevo battere il mostro. Per la prima volta ero sicuro di me, ero un arma di corpo e di spirito. Zero passeggiate nella mia NorthCape, ve lo posso giurare. Quelle le facevo all'interno delle big City, nella sola Varsavia alla fine mi sono fatto 50km o più.. Vedo concorrenti che dicono di aver finito la NC con neanche 4400km.. io arrivato a casa, dopo 36 giorni, ne avevo 4995.. Quelli sono bestie, al 13 giorno erano in Norvegia!! io scorazzavo a destra e a manca in Polonia nel mentre, vivendomi tutto. TUTTO. Quindi quelli sono campioni, o atleti semi professionisti con i contro coglioni. Io sono un ragazzo de na volta, sguinzagliato per l'Europa, un Capitano di ventura, avevo solo 3 obbiettivi: Non mollare mai,finirla entro il 30agosto e prendermi tutto. Tutto. E così ho fatto. Così ho vinto la mia NC. Arrivavo distrutto nell'albergo. Avrei dormito 1 anno intero. Invece mi facevo una doccia, bestemmiavo quando l'acqua mi entrava sotto le vesciche, e mi vestivo per uscire. Ciabatte di gomma, calzettoni,zainetto e via a vedermi il posto, la gente,l'aria che tira. Ho preso tutto, ho impresso tutto compattandolo infondo, dentro quello spazio che avevo liberato cancellando le mie paure, i mostri che mi tenevano attanagliato a quella vita che da troppo tempo mi stava stretta. Ora a distanza di mesi, posso dirvi che se c'è una cosa che ho fatto di bello e giusto nella mia vita, quella è la NC. Per come me la sono vissuta, per quello che ho capito, di me e di tutto quello che mi circondava. Sono delle medaglie, dei gradi che per sempre avrò appuntati al mio petto. Chissenefrega se gli altri non le vedono o non lo sanno, questa era una cosa mia e tutta mia. L'ho sofferta, l'ho goduta, l'ho vissuta.Per questo ho evitato di essere "social", mi sono concesso solo un post arrivato a casa di auto masturbante celebrazione di me stesso.. tutto il resto l'ho raccontato qua. con voi a tenermi compagnia per ogni tappa. Posso solo dirvi: "fatelo anche voi,  fatelo presto fin che ne siete ancora capaci". Adesso sto aprendomi una ditta.. io si, io che odiavo lavorare. Che avevo tutti quei preconcetti sulla società moderna e bla bla bla.. Il mio capo è in galera, da gennaio sarei stato disoccupato. Gli ho lasciato le sue belle biciclette da carico, ha detto "che non me le lasciava se mi fossi arrangiato da solo". Ho comprato un carrellino da 85euro cinese su Amazon.. ho rispolverato la mia vecchia front rinsecchita e son di nuovo in strada.. a pagare iva, inail,commercialista  cazzi e mazzi.. io che lavoravo in nero, e che gli unici soldi che ho mai dato allo stato stati in processi. Dopo essermi votato tanto ad Odino lassù al Nord, l'ho chiamata "Berserker", in onore dei guerrieri d'elite Vichinghi. Quelle bestie vestite con testa d'orso e pelliccia,che drogate ammerda  si scagliavano  con impressionante furia sul nemico.. perché d'ora in avanti è con "furia" che voglio prendere la vita. Voglio riprendermi tutto, tutto quello che per questioni di vita, di scelte sbagliate e di sfiga non mi sono mai potuto prendere. Questa è la forza del mio viaggio. Sentivo che mi serviva, sentivo che era arrivato il momento a 37anni di svoltare.Proprio come si faceva da ragazzo, quando mi bastava poco per cambiare tutto e la vita scorreva più naturale. La cena di Natale l'ho passata da solo in un albergo vicino casa mia, dopo aver mandato a cagare mezza famiglia, neanche finita la prima portata.Non ho resistito, era da tempo che dovevo togliermi dei sassolini dalle scarpe. Alla fine son stato bene in quel bell'albergo, avevano un  caminetto e una poltrona Frau tutta per me. La cosa non da poco è che seppur a tardo orario, mi servivano ancora un "Negroni" delizioso. Mi sono ubriacato come una scimmia, dopo mi hanno raggiunto alcuni amici. Stupendo, credo uno dei miei più bei Natali. A capodanno il 31 pomeriggio ho mandato definitivamente a cagare la donna, dopo ovviamente aver comprato della buona carne, una Sacher torte e una  bottiglia di Ferrari per brindare all'anno nuovo..tutto rimasto da lei ovviamente. Alla fine l'ho passato nella mia stanza a giocare a "World of Tank's " a computer. Mentre giocavo quelli della mia squadra che non so neanche chi fossero mi hanno fatto gli auguri.. a me è bastato. Il primitivo di manduria ha fatto il resto. mi rendo conto di far parte di altro, da sempre ho fatto parte d'altro. La NC mi ha solo aiutato a far fuoriuscire questa consapevolezza, da tempo troppo assopita. ricordo ancora finita la gara, quando dopo 36 giorni arrivai a casa. Chiamai uno degli organizzatori e gli dissi: "Mi avevi detto che comunque fosse andata, non sarei tornato quello che ero partito..  Avevi ragione, se chiudo gli occhi una parte di me è ancora là".. La risposta fu secca: "Quella.. non torna più". 

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Queste pagine le ho scritte di getto, domani lavoro e ho una giornata piena..

una sera che sarò malinconico e probabilmente brillo, vi finirò il racconto.

Perdonate gli errori, la sintassi e sticazzi.. carpitene il succo. Ho solo le terza media.

Purtroppo mi sono affezionato a voi, non vi libererete facilmente.

Grazie ancora per avermi tenuto compagnia quei giorni, per me è stato molto importante.

Ciao stronzi

 

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/1/2019 at 10:48 , Alb ha scritto:

teo ha fatto quello con la nuvola di fantozzi?

per assurdo si, se calcoli le tempistiche. Essendo un brocco sono passato 15-20 giorni dopo su quelle strade.. il clima ottimale si stava esaurendo. L'acqua che ho preso io in Finlandia loro neanche la metà..

 ricordati che il fine Agosto a Capo Nord assomiglia molto al nostro inizio Ottobre ma con le condizioni atmosferiche del posto..

Solo gli stronzi come me o come quelli che vi racconterò (no spoiler) potevano campeggiarci ancora..

Quindi si, per certi versi. Essere scarsi e "fare meno", in queste gare più delle volte vuol dire soffrire di più per certi versi..

Zingarare per 36 giorni in quelle condizioni non è stato facile.

Anche questo poi mi venne spiegato da chi prima di me l'aveva fatto.

Ma cosa vuoi, se nasci tondo non muori quadrato. In parte coglione ci rimarrò sempre.

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites
15 ore fa, Teo81 ha scritto:

per assurdo si, se calcoli le tempistiche. Essendo un brocco sono passato 15-20 giorni dopo su quelle strade.. il clima ottimale si stava esaurendo. L'acqua che ho preso io in Finlandia loro neanche la metà..

 ricordati che il fine Agosto a Capo Nord assomiglia molto al nostro inizio Ottobre ma con le condizioni atmosferiche del posto..

Solo gli stronzi come me o come quelli che vi racconterò (no spoiler) potevano campeggiarci ancora..

Quindi si, per certi versi. Essere scarsi e "fare meno", in queste gare più delle volte vuol dire soffrire di più per certi versi..

Zingarare per 36 giorni in quelle condizioni non è stato facile.

Anche questo poi mi venne spiegato da chi prima di me l'aveva fatto.

Ma cosa vuoi se nasci tondo, non muori quadrato. In parte coglione ci rimarrò sempre.

E' sempre un piacere riuscire a leggere il tuo resoconto così nudo-crudo-hardcore. a volte mi immergo talmente che sembra di essere io quello seduto su quella sequoia.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 8/1/2019 at 10:44 , mariazzo ha scritto:

erano 2 percorsi diversi. :D
 

anche a questo posso risponderti. Per assurdo si.

Mentre un pro segue la traccia (e se può accorcia)  stando attento a non sprecare un km in più fuori rotta, ci sono stronzi come il sottoscritto che hanno fatto l'opposto.  Oltre ad aver seguito la traccia sempre e cmq  a costo di finire come di consuetudine finivo, e cioè inghiottito nelle voragini del millesimo cantiere di turno,  arrivato a destinazione mi ritrovavo a viaggiare nuovamente.. In ogni località dove dormivo, visitavo il centro e le zone limitrofe, facevo la spesa al mercato, stavo il più possibile con la gente.. svariati km a piedi e in bici ,alla fine del viaggio erano circa 700 i km in più dei pro che gareggiavano sulla stessa tratta. 700 i km in più di libertà, fatti per capire e capirsi.A me di fare micro sogni per riuscire a pedalare come uno zombie sempre me ne fotte sega. Onore a chi ha la forza di farlo, ma questo viaggio mi è costato 10.000 cucuzze e un bel po' di tempo e preparazione. Per poi cosa? per scivolare via davanti a tutta questa meraviglia? Ero a caccia della "bellezza", sono stato un cannibale. Ho divorato tutto ciò che potevo divorare. Con una fame di vivere che neanche immagini. Erano anni che mi sentivo morto dentro. Ho compreso che questa possibilità forse mi sarebbe capitata solo una volta nella vita. Così ho fatto. Senza farti le pippe da guru del cazzo quale proprio non sono, ti espongo il perché "questi percorsi erano diversi". Dipende con che motivazione tu li affronti, quali sono i tuoi obbiettivi e ciò che ti porta a fare una cosa come la NC , in solitaria e con 40kg di bici. La pippa: "Più e più volte mi sono spezzato un osso. La volta che ho sofferto di più è stata quella volta che con un CRE500 2tempi, palesemente ubriaco, volevo mostrare al mondo quanto fossi bravo ad impennare, finendo poi tra i paletti di ferro di una ringhiera a bordo strada. Sono stato 1 mese in trazione in ospedale, con dei pesi che mi mettevano in asse l'osso del femore, prima che mi venisse messa una barra di titanio all'interno del midollo per tutta la la sua lunghezza. Il giorno che sono uscito in stampelle, dopo aver cagato 1 mese nelle padelle a letto, mangiai una mela. Una cazzo di banale mela. Aveva un gusto assurdo. La più buona mela che abbia mai mangiato. Scommetto che se mangiassi adesso la stessa mela, mi risulterebbe una normale mela qualunque, addirittura insipida. La domanda è: " che sapore ha realmente una mela?".. Ecco, se avessi orientato la mia NC esclusivamente a livello prestazionale, avrei tenuto 10-15  concorrenti sicuramente dietro. Non sarei andato a dormire a casa il primo giorno solo dopo 100km a farmi l'ultima chiavata, non mi sarei fermato a troie un giorno in più a Praga..non avrei mai campeggiato dove poi ho campeggiato, ne mi sarei mai preso tutto questo tempo per vivermi la mia gara, la mia vita e i luoghi dove passavo. Non avrei mai sprecato tutto quel botto di energie extra per visitare, pedalare, conoscere e camminare per tutti questi posti fuori rotta.. per 700km. Equivale ad una tratta Roma-Bolzano.. Ma quella mela, quella cazzo di mela.. volevo provare ancora qual'era il suo reale sapore. Se potessi rifarei le stesse cose, anzi, con ancora più fame. Se avessi orientato la mia NC solo a livello prestazionale, da pirla, sarei rimasto un pirla che si sarebbe perso molto. Tutto per arrivare da 74esimo a 60esimo..sai che gloria? Quella che spetta ai coglioni. Quelli bravi, fanno un altro sport. punto. Il mio massimale l'ho raggiunto in una tappa di 245 km, dal pomeriggio, all'alba seguente, tutto sotto un temporale incredibile. Si avevo 40kg di bici, ma per un pro, una tappa "normale" viaggia dai 300-350km.. tutti i giorni.. Questo è spaventoso. Aggiungo che loro arrivano consumati, finiti. Se stessero in gara per 36 giorni al loro ritmo morirebbero. Io l'ho fatto, ho dato il massimo quasi sempre, a volte anche quello che non avevo.Loro sono molto più bravi e preparati. Si conoscono meglio. La realtà è che io ne ho meno, in base a questo ho affrontato strategicamente il tutto. La mia gara era con me stesso e con la fame di vita che avevo. I costi, quei 10.000 euro me li sono sudati ammerda per partire. Non potevo ridurre tutto ad una semplice gara. Non ho mai pensato fosse una competizione che avrei potuto terminare, ci speravo, mi dicevo "vediamo dove puoi arrivare". Per terminarla, son dovuto diventare un altro. E poco importa dirmi come faceva la mia stupida donna: " prima di te è arrivata una Signora, prima di te è arrivato uno con la pancia, prima di te è arrivato un vecchio". Io i loro occhi li ho visti da vicino, vi posso assicurare che non erano persone "comuni".Avevano dentro un potere. La Signora che mi ha preceduto "Loretta",  ha  sconfitto prima una brutta malattia della NC. Quella aveva inforcato una bicicletta per salvarsi la vita.. la sua gara, quella più difficile l'aveva già portata a casa.In questi termini una NC è una passeggiata. Il panzone davanti a me, era un ex triatleta da qualche anno votato alla birra.. sotto quella pancia ha una tartaruga ninja. Lo spirito è guerriero, seppur ricoperto dal grasso. Altri erano fratelli, insieme sconfiggevano i mostri di percorso. Molti erano pro o atleti semi professionisti..  Quel vecchio beh..  quel vecchio era un Belga, ho fatto nella prima tappa una 50ina di km con lui prima che mi fermassi a casa. Lui quel giorno ne face 280 e passa, scollinando oltre passo Resia.. parlando il mio inglese Renziano, gli spiegai che "credevo sarebbe stata dura in futuro ,quando la gara inizierà a logorarci". Mi rispose sorridendomi "today is today, tomorrow is tomorrow".. Concluse la sua NC credo in quasi la metà dei giorni che ci misi io o poco più. A metà avventura, quella massima se vogliamo banale che mi disse continuava ad essere una costante nelle mie orecchie. Mi fu così difficile proseguire, che divenne impossibile pianificare i successivi giorni di gara. Sopravvivevo giorno per giorno, tutto si resettava ogni 24ore, ogni 24ore una nuova fottuta battaglia iniziava. Visitavo, mangiavo, cagavo e dormivo. A volte vincevo,altre perdevo. Il giorno dopo ero in bici verso chissà dove.. a metà tragitto valutavo meteo ed energie e prenotavo qualcosa su booking pedalando, o di persona strada facendo. Era sempre un'ipotetica meta giornaliera scelta in corsa, a volte troppo corta, il più delle volte troppo lunga..era la mia casa, la mia doccia,il mio letto. E allora "today is today, tomorrow is tomorrow".  Quello non era un semplice Signore di mezza età con la faccia da cioccolataio Belga.. quello era l'esperienza che io non avevo. Non stava un passo davanti a me, lui era già su tutt'altra strada. Questi rispondendoti sono anche "i percorsi diversi", quelli che non ti segna il gps. Per me visto tutto, passare per un posto senza viverlo veramente sarebbe equivalso a scivolarci sopra..  mi sarebbe rimasto solo il feeling della strada e poco più. Questo non vuol dire che per un altro sia così, ma per me rappresentava questo. La realtà è che tanto finito tutto sarei ritornato a casa. Sarei ritornato in quel posto che  pochi giorni prima avevo lasciato con il pretesto di cambiar vita o perlomeno di vivermi un'avventura spettacolare e pregna di significato. Quindi forse si, "le strade erano diverse". Diversi sono gli intenti e le cose che ci spingono a farle, diverse le persone e le storie che si portano appresso. Non basta un gps come vedi, a rendere una traccia NC uguale all'altra. Ho pedalato molti tramonti e molte albe, "ho visto navi da combattimento in fiamme al largo dei bastioni di Orione, ho visto i raggi B balenare nel buio vicino le porte di Tannhauser.. e tutti quei momenti andranno perduti nel tempo.. come lacrime nella pioggia."  Potrei finirtela così, ma sarebbe una cazzata. Comprendo i dubbi di vedere quei filmati merdalized , sommandoli ai miei racconti,..

ma mostri a parte.. è tutto vero. Anzi, forse c'erano anche quelli..

 

 

blade runner.jpg

Edited by Teo81 (see edit history)
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Teo81ho seguito tutta la tua impresa, giorno dopo giorno facendo il tifo per te, silenziosamente e senza mai scrivere nulla. Sono veramente felice per te, per quello che sei riuscito a portare a termine che è un qualcosa di unico e straordinario.

Complimenti! 

P.s. quando e se ne avrai tempo e voglia...magari scrivici due righe riguardo la tua sequoia, sulle condizioni in cui è arrivata al traguardo, componenti, usure, cazzi e mazzi. È stata la tua fedele compagna...se lo merita. 

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
17 minuti fa, LupinRS ha scritto:

@Teo81ho seguito tutta la tua impresa, giorno dopo giorno facendo il tifo per te, silenziosamente e senza mai scrivere nulla. Sono veramente felice per te, per quello che sei riuscito a portare a termine che è un qualcosa di unico e straordinario.

Complimenti! 

P.s. quando e se ne avrai tempo e voglia...magari scrivici due righe riguardo la tua sequoia, sulle condizioni in cui è arrivata al traguardo, componenti, usure, cazzi e mazzi. È stata la tua fedele compagna...se lo merita. 

 

grazie 1000 Lupin.. avrete tutte le foto, oltre la fine di questo racconto.

Devo solo trovare il tempo per ubriacarmi.

Vi darò dei dati, delle recensioni, analizzando ai raggi X la mia bici, la sua componentistica e tutto l'equipaggiamento.

Così se un giorno vorrete fare anche voi una cosa del genere, almeno sentite un parere in più.

Nel mio piccolo, s'intende.

Mi sono appena comprato una tastiera da 50 sacchi, di quelle con i tasti meccanici che fanno un casino tipo macchina da scrivere Olivetti anni 60'.

Ora devo solo passare in enoteca e poi la provo..

Edited by Teo81 (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.