riky76

Copertoncini gravel - discussione unica

304 posts in this topic

6 ore fa, oldschool ha scritto:

La latticizzazione di gomme non TLR è una pratica che per la mia esperienza non garantisce affidabilità, soprattutto con gomme sotto i 35, per la cedevolezza della spalla....forse stiamo dicendo la stessa cosa

Con il tubeless non porto copertoncino di scorta ma una banale camera d'aria. Un tubo di scorta (anche un Tufo S3Lite da 22 come quello che mi porto su strada) sarà sempre più grosso

Concordo con te che il tubolare, salvo applicazioni specifiche (es. chi fa garini in strada/pista, cx per la possibilità di viaggiare a bassa pressione mantenendo le performance) non è molto indicato per l'uso "normale" su strada/gravel/viaggio e simili dove non si cerca la performance assoluta, infatti mi pare molto di nicchia.

Approfitto della tua esperienza sul tubeless, che per qualche strano motivo stenta a prendere piede, almeno sulle bici da strada, nonostante sia l'unica alternativa disponibile in altri ambiti (auto, moto) da anni, dopo l'abbandono della camera d'aria, sulla quale ha vinto a mani basse (boh?!?)

Secondo me proprio sul gravel, molto più che su asfalto, ha tantissima ragione d'essere rispetto al copertoncino, perché il poter viaggiare basso di pressione senza penalizzare (troppo) le prestazioni e soprattutto senza pizzicare, è un plus non da poco, così come la maggiore resistenza alla foratura (se con lattice). Alla peggio c'è sempre la camera d'aria, quando la sfiga si accanisce.

Avevo già fatto una ricerchina tempo fa, ma l'ho rifatta perché me n'ero dimenticato: sostanzialmente ho capito che hai 3 alternative tra cerchi e gomme: 1. tubeless "vero" (UST), che fanno in pochi, devi avere l'accoppiata cerchio/gomma, costa, però puoi non latticizzare (il pneumatico è impermeabile all'aria) 2. tubelss ready, in pratica un copertoncino quasi normale, modificato sui talloni, per il cerchio non ho capito bene la differenza, forse solo il kit tubeless già installato (come le mie Novatec CXD vendute come TLR), boh?!? 3. conversione a tubelss, il cerchio viene "sigillato" (nastro e simili) alla bene meglio, il copertoncino viene tallonato in qualche modo (non ho capito molto bene, ma non pare facilissimo) e latticizzato, in ogni caso questa cosa artigianale mi fa paura, non la farei mai, anche se non dubito che funzioni.

Essendo nella situazione cerchio TLR, al prossimo giro mi verrebbe quasi la curiosità di comprare un pneumatico TLR (tipo lo Schwalge G-One Speed, nella versione da 30, il G-One da 35 temo potrebbe toccare) e montarlo, così mi tolgo la curiosità (alla peggio camera e fanculo). Quello che non ho capito: un TLR tiene l'aria di per se come l'UST, o comunque va sempre latticizzato? (non parlo di protezione alle forature, ma di tenuta all'aria). Va su facile o è da bestemmia tallonarlo? (da qualche parte leggevo di compressori, mica ho capito tanto)

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, Pinkus ha scritto:

...

.....Quello che non ho capito: un TLR tiene l'aria di per se come l'UST, o comunque va sempre latticizzato? (non parlo di protezione alle forature, ma di tenuta all'aria). Va su facile o è da bestemmia tallonarlo? (da qualche parte leggevo di compressori, mica ho capito tanto)

 

dipende. In teoria poco, in pratica i G-One che sono TLR stanno su da soli, ma dipende dall'accoppiata con il cerchio e se è nastrato bene.

Quindi: vai di lattice comunque.

La questione bestemmie per tallonare dipende anche qua da diversi fattori, 

ad esempio se vuoi fare il masochista cerca di montare dei WTB su cerchi Stans, si fa si fa ma è opera zen.

Quindi l'accoppiata cerchio/copertoncino incide molto, come anche l'età del copertoncino (se comincia ad essere "stagionato" so cazzi) oppure ancora la temperatura (con il caldo viene meglio), la lubrificazione con saponata, la manualità, la pompa...insomma anche qua ogni situazione è un po a se.

Io recentemente ho avuto difficoltà a far tallonare dei ProONE 25 su cerchio Alpha340 (strada) ...dove altri lo hanno fatto a occhi chiusi.

Anche sulla BDC in diversi stanno passando al tubeless, nastrando cerchi non nati per il Tubeless senza troppi problemi seppur  con qualche accortezza (ci sono topic appositi sull'azurro) a partire da Fulcrum e Campagnolo. Ci vuole un buon nastro e una buona valvola.

enjoy

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

@oldschool grazie per la spiegazione.

Che gli Stans siano difficili lo posso capire, dopo un breve scambio di email con loro, avevo capito usassero un particolare sistema proprietario per l'uncino che tiene il tallone del copertone (scrivo uncino, ma non so come si chiami, hook in inglese, quello)

I miei cerchi li danno TLR, in più sono arrivati già nastrati (non con il paranippli, proprio il nastro sigillante), e in più un paio di valvole da montare, non ho il problema di convertire niente (e non mi cimenterei).  Ok per il sigillante, non mi pare un grande problema, guardando i filmati sul web.

Notavo che ci sono anche gli S-One, che sono in misura unica da 30 (i G-One speed da 30 non sono facilmente reperibili a prezzi non disumani), li danno anche per stradacce, strade bianche, mi pare siano ok per la mia "filosofia" di gravel, in fondo ora uso le slick da 30, non saranno mica peggio delle mie Espoir...

 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma perdio! ho forato di nuovo...  chiudo la MVV2017 arrivo a casa, lascio la bici 2gg ferma in cantina e stamattina me la ritrovo a terra. :D

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ruote mavic Ksyrium (primi tipi) che misure mi consigliate max?

La mia idea era di partire da tutto il materiale sul corsa disponibile, e costruire una "trekking" su un vecchio telaio acciaio non da corsa....

700x32 mi sembrano larghi per le mie Mavic

Edited by Eliamwzz (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 hours ago, Eliamwzz said:

Ruote mavic Ksyrium (primi tipi) che misure mi consigliate max?

La mia idea era di partire da tutto il materiale sul corsa disponibile, e costruire una "trekking" su un vecchio telaio acciaio non da corsa....

700x32 mi sembrano larghi per le mie Mavic

Misura il canale interno del cerchio. Comunque io su degli open pro ci ho montato dei 42, secondo me coi 32 vai tranquillo. 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
9 ore fa, Eliamwzz ha scritto:

Ruote mavic Ksyrium (primi tipi) che misure mi consigliate max?

La mia idea era di partire da tutto il materiale sul corsa disponibile, e costruire una "trekking" su un vecchio telaio acciaio non da corsa....

700x32 mi sembrano larghi per le mie Mavic

sui miei drc con ertro 622 x 13C ho montato dei 35, senza alcuna remora!

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aggiorno: ho preso dei PANARACER PASELA PT 700x38.

Appena li testo per bene riporto.

p.s. li ho presi wire invece che folding che costavano un cazzo. mi armero' di cacciagomme in titanio.

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

a ecco: avevo infatti letto che c'è chi ha montato i 35 sul 13, e di fatto l'ho provato anche io, sia sul 13 che su una mavic Ksyrium, se non erro il canale interno è da 15.

se devi venire giù a razzo dal Pordoi magari meglio altra soluzione, ma per uscite gravel non ho riscontrato nessun problema ne di montaggio ne di tenuta, alle pressioni e velocità  di lavoro.

 

facendo due conti della serva, facciamo che gonfi un 700x35 (o x32, è la sessa cosa, è per dare un range veritiero) a 4 atm, quindi a circa 4 kg\cm^2

 

la superficie di appoggio del copertone è lunga circa 2 metri, quindi 200cm (qualche cm in meno, i 200 cm sono circa la circonferenza esterna del copertone, ma è per dare anche qui un numero facile da calcolare), la larghezza interna è di 1,5 cm; quindi una superficie di circa 300cm^2.

 

ne viene che il tuo copertone "abbraccia" il tuo cerchio con una forza di circa 300cm^2 x 4 kg\cm^2 = 1200 Kg!

dove vuoi che scappi?

poi per carità  se appunto vieni giù da un passo alpino a 80 all'ora sul cerchio si hanno delle forze paurose per cui magari potrebbe anche uscire, ma a 30 all'ora hai voglia di scalzare più di una tonnellata!

 

Edited by skullbone (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
4 minuti fa, skullbone ha scritto:

a ecco: avevo infatti letto che c'è chi ha montato i 35 sul 13, e di fatto l'ho provato anche io, sia sul 13 che su una mavic Ksyrium, se non erro il canale interno è da 15.

se devi venire giù a razzo dal Pordoi magari meglio altra soluzione, ma per uscite gravel non ho riscontrato nessun problema ne di montaggio ne di tenuta, alle pressioni e velocità  di lavoro.

 

facendo due conti della serva, facciamo che gonfi un 700x35 (o x32, è la sessa cosa, è per dare un range veritiero) a 4 atm, quindi a circa 4 kg\cm^2

 

la superficie di appoggio del copertone è lunga circa 2 metri, quindi 200cm (qualche cm in meno, i 200 cm sono circa la circonferenza esterna del copertone, ma è per dare anche qui un numero facile da calcolare), la larghezza interna è di 1,5 cm; quindi una superficie di circa 300cm^2.

 

ne viene che il tuo copertone "abbraccia" il tuo cerchio con una forza di circa 300cm^2 x 4 kg\cm^2 = 1200 Kg!

dove vuoi che scappi?

poi per carità  se appunto vieni giù da un passo alpino a 80 all'ora sul cerchio si hanno delle forze paurose per cui magari potrebbe anche uscire, ma a 30 all'ora hai voglia di scalzare più di una tonnellata!

 

io non sono stato così scientifico, ma c'ho fatto due volte la LLL e un po di gare di cxss....gonfiando sempre a caso.....e sono ancora vivo e bello come il sole!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

beh pensandoci è la camera d'aria che abbraccia il tutto con quella forza, per cui il conto andrebbe ricalcolato tenendo conto che la camera tiene premuto il copertone sui bordi del cerchio con una superficie minore, si parla comunque di centinaia di kg.

 

a ecco che allora tutto circoncide e così mi raccapezzolo: ricordo uno che aveva fatto gare cx con il 35 sul 13, e sei proprio tu!

Edited by skullbone (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Finito ieri il venetogravel, il percorso non è stato uno scherzo, chi c'era può confermare, bei singletrack, tanti ghiaioni, i tubolari tufo hicomposite carbon dal 28mm (quasi 30 in realtà) sono stati cosmici.

Sono stati scorrevoli da paura, gonfiati a 3,5 bar molto sotto il range teorico consigliato (machissene), sembrava di andare su un tappeto volante sulla ghiaia, e mi hanno portato all'arrivo senza il minimo graffio, scalfitura, nulla.

Come nuovi.

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Testati per bene i G-ONE anche sul bagnato alla Super To.Pa. domenica scorsa. Mi hanno stupito tengono abbastanza e caricano poco fango. Mi hanno mollato solo un paio di volte su dei sentierini viscidi dove forse terrebbero i tubolari da cx superspecifici e su un ponticello di legno bagnato dove siamo caduti in 3 su 3 e uno aveva una MTB gommata cattivissima. Gonfiati 3 post 2.8 ant; montaggio tubeless.

Per delle gomme scorrevoli da gravel direi che non è male.

Edited by Dens (see edit history)
  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.