Jump to content

Censimento nuovi telaisti


 Share

Recommended Posts

14 ore fa, Cecio ha scritto:

Interessante.
Mettiamo che uno decida di provare a mantenere un livello qualitativo medio-alto: tubi = Columbus o Dedacciai.
Columbus non vende a chi è senza partita IVA. Dedacciai nemmeno.
Un set di tubi costa al pubblico una cosa tra i 200 e i 350€, dipende dalla tipologia (l'inox lo salto, ok?).
Poi vanno aggiunti circa 100€ tra forcellini, scatola movimento, attacchini vari e tubo sterzo; solito discorso di prima, paghi IVA, dogana, dazi vari a seconda di dove trovi le cose.
Aggiungiamo almeno altrettanti se uno volesse fare qualcosa coi dischi.
Mettiamo poi che uno debba anche avere uno spazio, l'attrezzatura e garantire mediamente che quello che si fa sia utilizzabile (vedi alesature sterzo, ripasso filetti scatola e tuttoilresto, controllo qualità a telaio finito) e non sia pericoloso.
Mettiamo che decida di non considerare attuabile l'idea di farsi pagare ad ore, in quanto l'esperienza è troppo poca e il tempo necessario a realizzare un telaio con tutte le caratteristiche di cui sopra è superiore alle 30 ore.
Mettiamo però che magari sarebbe carino riuscire a rientrare prima o poi delle spese (diciamo in 5 anni? diciamo in 10?).

Sai a cosa serve l'umiltà quando mi chiedi "una roba fatta bene, pagata il giusto" e poi il prezzo lo decidi tu? A dirti che a meno di 1000€ non ti faccio neanche il disegno.

Login to view the image

 

 

io rimango dell'idea che bisognerebbe fare un bel bagno di umiltà ed esperienza prima di iniziare a chiedere cifre importanti.
se guardiamo al passato tutti i telaisti si sono fatti il mazzo e hanno lavorato anche come terzisti, per cui lavorato anche parecchio.
Ora bastano 4 foto su IG e 4 telai in croce e ci si crede arrivati.
non esiste più la gavetta (e questo vale in tutto il mondo del lavoro), ma forse sono vecchio io.

 

.

Link to comment
Share on other sites

10 minuti fa, mariazzo ha scritto:

io rimango dell'idea che bisognerebbe fare un bel bagno di umiltà ed esperienza prima di iniziare a chiedere cifre importanti.
se guardiamo al passato tutti i telaisti si sono fatti il mazzo e hanno lavorato anche come terzisti, per cui lavorato anche parecchio.
Ora bastano 4 foto su IG e 4 telai in croce e ci si crede arrivati.
non esiste più la gavetta (e questo vale in tutto il mondo del lavoro), ma forse sono vecchio io.

 

.

 

Ok ma quindi di che cifre stiamo parlando? Sono molto curioso.

A meno di 1000€ non ci stai dentro, anche con zero foto su IG.

 

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

4 ore fa, mariazzo ha scritto:

io rimango dell'idea che bisognerebbe fare un bel bagno di umiltà ed esperienza prima di iniziare a chiedere cifre importanti.
se guardiamo al passato tutti i telaisti si sono fatti il mazzo e hanno lavorato anche come terzisti, per cui lavorato anche parecchio.
Ora bastano 4 foto su IG e 4 telai in croce e ci si crede arrivati.
non esiste più la gavetta (e questo vale in tutto il mondo del lavoro), ma forse sono vecchio io.

 

.

 

2 ore fa, Cecio ha scritto:

 

Ok ma quindi di che cifre stiamo parlando? Sono molto curioso.

A meno di 1000€ non ci stai dentro, anche con zero foto su IG.

 

Perdonate l'intromissione, non ho mai comprato un telaio fatto da un artigiano né so usare un cannello. Sono quello delle metafore più o meno azzeccate e non voglio difendere né attaccare nessuno.
Segnalo a @mariazzo che il mondo del lavoro è cambiato ed evidentemente anche quello dell'artigianato.

La gavetta che dici una volta era normale farla per chi si sporcava le mani, si lavorava a gratis da chi aveva già la bottega e al termine dell'apprendistato s'era imparato un lavoro e anche qualcosa di più.
Però lavoravi a gratis da chi aveva già l'attrezzatura, non avevi affitti o alte spese, eri un ragazzetto. Se andava bene s'entrava in società col signore ereditando la bottega, se andava male si andava a fare un altro mestiere invitato a calci in culo da almeno un genitore. Solo per i maschi, poi.
Adesso un minorenne non può nemmeno lavorare e a diciotto anni, magari, subentrano anche altre spese (alimentari, affitti o altro) se si deve trasferire per imparare un mestiere (a Ferrara o Rovigo, per esempio, non mi risulta che ci siano tanti telaisti che tengano ragazzetti a bottega). A me l'analisi di @Cecio sembra lucida e per niente arrogante (o qualunque sia il contrario di umile), se voglio spendere meno o non posso spendere di più mi faccio un alluminio cinese o una bici usata. Un elettrodomestico, uno smartphone o un pezzo di arredamento quanto costano? Da duecento a mille e passa euro. Un telaio marchiato è proporzionato, come costo, no? E nessuno mi illude di averlo "coccolato", come farebbe anche il più inesperto dei telaisti.
Ripeto, non siamo vecchi noi, è il mondo che è cambiato o in qualche modo è diverso.

  • Like 5
Link to comment
Share on other sites

Io ne ho comprati due artigianali.

Non comprerei lo stesso tipo di bici ma sicuro ritornerei da quei 2 ragazzi 🙂

Andrei anche da un terzo ma non mi piace il suo logo :()

  • Haha 3
Link to comment
Share on other sites

dall'analisi di Cecio di cui mi fido perche e' un bravo cinno mi vien da capire che per starci dentro a poco prezzo (e tiriamo dentro i vari vetta etc), dovresti fare un salto nel passato, comprare 50mila tubi in nero quando l'economica era florida e il nero era la normalita' e poi da li con un po di inesperienza fai i telai.

cristo la tuberia costa, un minimo di macchinare pure....non si puo' paragonare uno che ha "aperto" l'officina negli anni 70-80 a uno che vive nel 2mila.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

29 minuti fa, Alb ha scritto:

dall'analisi di Cecio di cui mi fido perche e' un bravo cinno mi vien da capire che per starci dentro a poco prezzo (e tiriamo dentro i vari vetta etc), dovresti fare un salto nel passato, comprare 50mila tubi in nero quando l'economica era florida e il nero era la normalita' e poi da li con un po di inesperienza fai i telai.

cristo la tuberia costa, un minimo di macchinare pure....non si puo' paragonare uno che ha "aperto" l'officina negli anni 70-80 a uno che vive nel 2mila.

Bisogna anche dividere i De Rosa, i Colnago, i Pinarello, i Cinelli (insomma piccole fabbriche di bici) da Bianchi, dai F.lli Masciaghi (fabbrica di bici più grande) e anche dai Camilotto, Stelbel, Losa, Pegoretti.

Facciamo finta che i primi spesso e volentieri si servissero degli ultimi, in segreto. Però cambiano molte cose. E ora i piccoli, se si escludono i giovani che tutti conosciamo, non esistono più!

Edited by legnogrezzo (see edit history)
Link to comment
Share on other sites

8 ore fa, mariazzo ha scritto:

io rimango dell'idea che bisognerebbe fare un bel bagno di umiltà ed esperienza prima di iniziare a chiedere cifre importanti.
se guardiamo al passato tutti i telaisti si sono fatti il mazzo e hanno lavorato anche come terzisti, per cui lavorato anche parecchio.
Ora bastano 4 foto su IG e 4 telai in croce e ci si crede arrivati.
non esiste più la gavetta (e questo vale in tutto il mondo del lavoro), ma forse sono vecchio io.

 

.

Da un lato ti do ragione. Non esiste più la gavetta, anche perché alcuni giovani non la vogliono fare, sono convinti che tantissima teoria più o meno aggiornata sia equivalente a 20, 30, 40 anni di esperienza, anche perché il mondo del lavoro è cambiato e tutto questo in molti ambiti si nota molto. Si va avanti lo stesso per carità. Però una volta andavi a bottega da Pogliaghi e dopo la gavetta uscivi da lì e potevi aprire la tua officina e sfornare centinaia di telai all'anno. Ma erano altri tempi. Ora per fare questo in Italia chi è rimasto? De Rosa, qualche piccolo artigiano, qualche fabbrichetta che produce cancelli. Si può ancora fare, forse, ma in qualche fabbrica nel sud est asiatico.

Dall'altro lato no. Se a Cecio un telaio standard costa 1000 Euro, dovrebbe chiederne 500 perché non ha il nome? Un tempo era tutto qua, tutta la minuteria e le congiunzioni parlavano italiano. Ora bisogna comprare all'estero, pagare spedizione, dogana e poi ci sono i numeri. Colnago comprava le congiunzioni a bancali, ora come fai?

Link to comment
Share on other sites

1 ora fa, legnogrezzo ha scritto:

Da un lato ti do ragione. Non esiste più la gavetta, anche perché alcuni giovani non la vogliono fare, sono convinti che tantissima teoria più o meno aggiornata sia equivalente a 20, 30, 40 anni di esperienza, anche perché il mondo del lavoro è cambiato e tutto questo in molti ambiti si nota molto. Si va avanti lo stesso per carità. Però una volta andavi a bottega da Pogliaghi e dopo la gavetta uscivi da lì e potevi aprire la tua officina e sfornare centinaia di telai all'anno. Ma erano altri tempi. Ora per fare questo in Italia chi è rimasto? De Rosa, qualche piccolo artigiano, qualche fabbrichetta che produce cancelli. Si può ancora fare, forse, ma in qualche fabbrica nel sud est asiatico.

Dall'altro lato no. Se a Cecio un telaio standard costa 1000 Euro, dovrebbe chiederne 500 perché non ha il nome? Un tempo era tutto qua, tutta la minuteria e le congiunzioni parlavano italiano. Ora bisogna comprare all'estero, pagare spedizione, dogana e poi ci sono i numeri. Colnago comprava le congiunzioni a bancali, ora come fai?


Tu forse hai spiegato meglio di me la situazione. Non ho idea di quanto costino i tubi grezzi e le congiunzioni. 
Fatto sta che mi sembra di percepire che molti si tuffano a bomba in questo "business" senza averne realmente l'esperienza. e sembra quasi che dopo aver fatto 4 telai per gli amici si è pronti e arrivati. Se hai passione, prima lo fai per passione e poi magari ti butti nel business. Questo in soldoni vuol dire che il tuo investimento in materiali(saldatrice, dima, ecc) verrà ripagato in anni e anni di lavoro ed esperienza. e se io mi rivolgo da te "novellino" spero di portare a casa un telaio ad un prezzo decisamente più basso da quello che mi chiederebbe il "maestro". ma se la differenza è di "pochi spicci" vado dal maestro.

Faccio un esempio ot: io sono appassionato di fotografia. ho speso e investito soldi nella mia passione: lenti, corpi macchina ecc... sono più di 10 anni che scatto... tutti soldi investiti a fondo perduto perché non c'ho guadagnato un cent. ma se volessi monetizzare di certo non andrei a chiedere le cifre di un Oliviero Toscani.

Link to comment
Share on other sites

Boia sull esempio di toscani come fotografo no pls 😂

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

Il 23/9/2022 at 19:44 , mariazzo ha scritto:


Tu forse hai spiegato meglio di me la situazione. Non ho idea di quanto costino i tubi grezzi e le congiunzioni. 
Fatto sta che mi sembra di percepire che molti si tuffano a bomba in questo "business" senza averne realmente l'esperienza. e sembra quasi che dopo aver fatto 4 telai per gli amici si è pronti e arrivati. Se hai passione, prima lo fai per passione e poi magari ti butti nel business. Questo in soldoni vuol dire che il tuo investimento in materiali(saldatrice, dima, ecc) verrà ripagato in anni e anni di lavoro ed esperienza. e se io mi rivolgo da te "novellino" spero di portare a casa un telaio ad un prezzo decisamente più basso da quello che mi chiederebbe il "maestro". ma se la differenza è di "pochi spicci" vado dal maestro.

Faccio un esempio ot: io sono appassionato di fotografia. ho speso e investito soldi nella mia passione: lenti, corpi macchina ecc... sono più di 10 anni che scatto... tutti soldi investiti a fondo perduto perché non c'ho guadagnato un cent. ma se volessi monetizzare di certo non andrei a chiedere le cifre di un Oliviero Toscani.

Metto qui alcuni prezzi trovati online.

Bice: da 3000€.

Bonanno: da 3000€.

Bixxis (De Rosa): da 4000€.

Battaglin: da 5000€.

Crisp (titanio): da 4300€.

Passoni: da 3200€ per l'acciaio, da 5300€ per il titanio.

Pegoretti: da 4500€.

De Salvo: da $2600 per l'acciaio, da $3300 per il titanio.

Tetsuro Harada (Samson): da $6000.

Bishop: da $4800.

Moots (titanio): da $6000.

Sachs: da $6000.

Se uno ha saldato 4 telai e chiede 4500€ è un sognatore (e un po' un illuso).
Se trova chi glieli dà, tanto meglio per lui.

  • Like 9
Link to comment
Share on other sites

Il 24/9/2022 at 13:14 , Alb ha scritto:

Boia sull esempio di toscani come fotografo no pls 😂

😄 lo so ma era per rendere l'idea.

  • Haha 1
Link to comment
Share on other sites

22 ore fa, Cecio ha scritto:

Metto qui alcuni prezzi trovati online.

Bice: da 3000€.

Bonanno: da 3000€.

Bixxis (De Rosa): da 4000€.

Battaglin: da 5000€.

Crisp (titanio): da 4300€.

Passoni: da 3200€ per l'acciaio, da 5300€ per il titanio.

Pegoretti: da 4500€.

De Salvo: da $2600 per l'acciaio, da $3300 per il titanio.

Tetsuro Harada (Samson): da $6000.

Bishop: da $4800.

Moots (titanio): da $6000.

Sachs: da $6000.

Se uno ha saldato 4 telai e chiede 4500€ è un sognatore (e un po' un illuso).
Se trova chi glieli dà, tanto meglio per lui.

Questa lista si può dividere in due senza problemi. E così facendo noto anche io che c'è qualcuno che chiede troppo. Sempre basandosi sul discorso che ho fatto prima.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .