Di seguito dopo richiesta di alcuni di voi proverò a buttar giù un piccolo tutorial per la lucidatura a specchio dell'alluminio, materiale che nelle nostre amate bici è spesso presente in grande quantità. La guida per la lucidatura è comunque valida anche per gli altri metalli con qualche piccolo accorgimento . La prima cosa da scoprire prima di lucidare un pezzo è se esso sia in alluminio naturale o anodizzato color naturale (come nel 95 % dei casi accade per irrobustirlo dei graffi) o colorato. Se il pezzo è anodizzato lo si capisce passando un po' di carta fine (6-800) perchè attorno la zona di abrasione si crea come un alone che circonda la parte che abbiamo grattato scoprendo il primo strato di materiale. Bisogna sapere che l'anodizzazione va tolta completamente è questo è un passagio fondamentale per ottenere un risultato finale eccellente. lo si può fare sia chimicamente che meccanicamente : il processo chimico con la soda caustica è un poco piu veloce ma non sempre si può scegliere di utilizzarlo come quello adatto al caso in quanto la soda non è un prodotto facile da maneggiare e può essere pericolosa....potrebbe inoltre non essere possibile utilizzarla perchè il materiale da de anodizzare è molto vecchio e si deteriorerebbe o perchè non disponiamo di un locale molto ben areato o una zona all'aperto (ancora meglio). Se si adotta la strada della soda è molto importante quando la si utilizza, adottare delle precauzioni...: vanno messe le scaglie di soda in un contenitore plastico asciutto (un secchio tipo quelli da tempera pulito è l'ideale per parti tipo pipe e guarniture) poi va messa l'acqua mescolando con un manico di legno (qualsiasi parte in metallo viene aggredita) e questa operazione va fatta all' aperto perchè la soda emette vapori tossici per il nostro organismo. Una volta immerso il pezzo comincerà il processo e bisognerà attendere che cominci a staccarsi l'anodizzazione. Appena comincerà a scoprirsi il materiale e a tornare allo stato grezzo, potrebbero apparire delle piccole bollicine provenienti dal pezzo stesso . non esagerate con i tempi di immersione perchè l'alluminio grezzo viene attaccato dalla soda che ne riduce lo spessore di qualche micron. Di seguito una foto di un particolare (non di bici) a metà strada. Ripetete le immersioni ed i risciacqui sotto acqua corrente fino ad ottenere i risultato che vedete in foto a destra - l'alluminio decapato e grezzo diventa opaco. usate degli occhiali per proteggere gli occhi e dei guanti in gomma per le mani, in caso di contatto con la pelle, se la soluzione è molto concentrata, lavate immediatamente con acqua corrente. Se disgraziatamente dovesse finire negli occhi son dolori procedete con abbondanti riscacqui. Mentre sciogliete la soda la temperatura si alzerà di parecchio, l'acqua diventerà calda ed è una cosa normalissima data l'energia prodotta dalla reazione chimica... Una volta che il pezzo è al grezzo ed è stato risciacquato dovete procedere con la lucidatura. Io utilizzo questi dischi qui che si applicano alla mola o al trapano e che con il polish in pasta danno risultati eccellenti I dischi cuciti e fatti con fibre di juta sono per un primo lavoro di sgrossatura mentre quelli a dischi separati di cotone sono per la rifinitura. Se non si vuole decapare chimicamente con la soda, e necessario rimuovere l'anodizzazione meccanicamente con i vari dischi abrasivi o ruote lamellari da applicare a trapani o levigatrici angolari (il classico flessibile) I pezzi vanno abrasi a piccoli passi con grane sempre piu fini finchè non si ottiene una superfice opaca e priva di rigature Buon lavoro