Jump to content

VIGORELLI SI al RESTAURO


TheNathan
 Share

Recommended Posts

 

 

Si sblocca la vicenda legata al Vigorelli, storico «tempio» milanese del ciclismo, dopo il vincolo sulla pista storica che aveva portato alla «bocciatura» del progetto di profondo restyling deciso dal Comune di Milano. L’amministrazione comunale ha concordato oggi con Alberto Artioli, soprintendente per i Beni Architettonici e Paesaggistici, e Caterina Bon Valsassina, direttrice regionale della Soprintendenza, il via libera prima dell’estate ai lavori di restauro conservativo. Il vincolo della Soprintendenza riguardava non solo la struttura architettonica, ma soprattutto l’anello protagonista dei primati mondiali di velocità: da quelli di Fausto Coppi ai record di Francesco Moser. Chiuso da oltre un decennio, il Vigorelli - che ha ospitato anche mitici concerti come quelli dei Beatles, dei Clash e dei Led Zeppelin - è stato sfruttato negli ultimi anni solo per il football americano e per la preghiera dei fedeli musulmani. La pista in pino svedese non sarà quindi demolita, ma ricoperta da un nuovo tipo di legno, bisognoso di minori cure. Il problema è che con la conservazione dell’anello originale, il Vigorelli non sarà omologato per le competizioni (la pista è lunga 400 metri invece di 250) e quindi, a meno di deroghe non sarà possibile ospitare gare o appuntamenti internazionali. Nell’operazione di restauro verranno recuperati gli spazi sotto le tribune. Il costo dell’intervento sarà di 5 milioni di euro, contro i 18 previsti per il rifacimento completo, frutto degli oneri di urbanizzazione per la costruzione della vicina City Life. I lavori andranno avanti per tre anni.

 

fonte coriere

 

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

Ovviamente contento, ed immagino la soddisfazione di chi si è battuto per salvare il Vigorelli.

Peraltro avevo capito (male a questo punto) che il problema, oltre del fondo da rifare, fosse anche nella struttura portante della pista, anch'essa in legno, che non tenesse più un gran che. Meglio così, sempre che l'articolo non sia un po' semplicistico.

 

Mio pensiero da ignorante: chepppalle sta cosa dell'omologazione, e sta fissa dei 250metri. Capisco che correre sui 400 metri è diverso che sui 250, a parità di lunghezza chilometrica la stessa tipologia di gara non è paragonabile sui due circuiti, inoltre gli atleti "si tarano" su un determinato tipo di anello, però boh...  

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Fossimo stati in un altro paese, 365 giorni sarebbero stati il tempo limite per sistemarlo. Speriamo bene!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .