Jump to content

perchè fissarsi?


tomkaya
 Share

Recommended Posts

cari amici della ruota fissa,

come potete supporre dal titolo della discussione sono nuovo sul tema "fixed" ma ho nelle gambe qualche migliaio di kilometri e nelle mani un tot di riparazioni e mod. Di recente mi sono un po' appassionato alle vostre creature (nonostante abbia visto gente maltrattare telai da 1000 e più euri) e sto pensando di fare qualche primo passo nonostante le prove che ho fatto sulle fisse di qualche amico mi abbiano poco convinto. Ho quindi perlustrato il vostro forum (stra!) in lungo ed in largo ma senza trovare la risposta alla fatidica domanda: pechè fissarsi? Nonostante i più sgargiuli di voi mi risponderanno che "la risposta è dentro di te" voglio cercare di andare più a fondo nella questione perchè ancora non mi sono convinto a buttare la mia ruota posteriore.

Dunque: la questione della proprietà intellettuale e manuale della nostra compagna mi è chiara da tempo: deve nascere da noi, di lei dobbiamo sapere tutto (anche - anzi soprattutto - i difetti), con lei dobbiamo crescere e sudare. Padri e padroni insomma. Da qui anche (ma non secondaria) la questione estetica che le fisse (hand made dal telaio in giù) affrontano moooolto bene.. E devo dire che ultimamente sto impazzendo dal piacere nel vedere (e questo forum è uno degli apici!!) ogni sorta di persone appassionarsi seriamente e "studiare" dimensioni di tela, di cerchi, di copertoni, corone, canotti, compatibilità di perni, prodotti e fornitori, distribuzione di pesi e biometrie varie.

Ancora non capisco l'avversione per quel meccanismo, a mio parere geniale, che è il giunto di sopravanzo (detto anche ruota libera). Mio nonno (classe 1892) parlava del passaggio dallo scatto fisso alla ruota libera come di una rivoluzione nel comfort di marcia come nel mantenimento della resistenza fisica ed io nel mio piccolo (classe 1981) ho seguito l'evoluzione dei cambi (abusati e superflui tranne che per le scalate) ma soprattutto dei freni (dalla bacchetta ai freni a disco - provati, gioiellino ma eccessivi). E a chi mi cercasse di zittire con la chimera del controllo del mezzo vorrei ricordare che i nostri controllatissimi cugini del bike trial (veri guru del ciclo) vanno di ruota libera senza eccezioni (ruote da 20 o da 26).

Ora, se detto questo c'è qualcuno che mi sa fornire una spiegazione diversa da quella di apparteneza ad un clan, di aderenza ad una moda, di che fa figo io domani mattina (sabato 3 luglio, mio onomastico, chissenefrega) mi fisso. se no, ci vediamo per le strade di Milano e.. che vinca il migliore, come sempre.

grazie già da subito e spero che i moderatori non mi bandiscano per blasfemìa.

HAI VOLUTO LA BICI? E ADESSO PEDALA!!!

Link to comment
Share on other sites

mah...dal punto di vista puramente ciclistico (se ho ben capito tu usi ed apprezzi la bici da corsa, giusto?) lo scattofisso prima di tutto ti permette di ottenere un armonia e fluidità di pedalata che altrimenti non saprei come ottenere...ok, ci sono le powercrank ma quello è uno strumento di tortura, lo scattofisso almeno è una bici.

acquisisci agilità, impari a dare trazione in tutti i pinti di rivoluzione della pedivella e non solo di andare a stantuffo...io quando vedo quelli che in agilità iniziano a saltellare sulla sella li prenderei a bottigliate!!

In pista no way, vince lo scattofisso, più prontezza più trazione, come dice chi ne sa, riesci a tirare delle sassate che con la bdc non potresti fare, sei sempre e solo concentrato sulla guida e/o sulla fase di gara, quello che c'è lì sotto non lo controlli, sei un tutt'uno con la bici.

In città...beh, io ero il primo degli scettici, ho iniziato a girare a novara che è un paesone, ed ora sono a milano...qual è il vantaggio? che hai le stesse sensazioni di padronanza ai 2km/h come ai 30km/h, ma secondo me proprio nelle basse velocità non ha rivali, le gambe sono perfettamente sincronizzate con il cervello (fatto nonn banale) mi è capitato di attraversare piazza duomo affollata e di fare un diagonale in un tempo molto breve, senza essere con un fiume di adrenalina addosso...ecco questo anche solo con una singlespeed o una contropedale semplicemente NON lo puoi fare, non ti riesce, sarai sempre lì a frenare ed accelerare, invece con la fissa mouvi le gambe regoli la velocità ed è come se passassi attraverso gli ostacoli, l'unco trucco è occhi aperti sempre verso la traiettoria che vuoi avere, e tutto il resto semplicemente ti segue...

mica male no?

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Io non ho mai avuto una bcd seria , quindi , forse mi sbaglio , ma come diceva ricky , penso sia veramente un altro modo di andare in bici ...

Si pedala , almeno io lo faccio , cercando di prevedere cosa succederà nel traffico , in modo tale da mantenere l'andatura , evitare rischi e divertirsi , sempre con la testa ovviamente ...

Puo sembrare un peso , ma non lo è , è il suo bello , concentrato sulla strada sulla pedalata sui buchetti che si creano dove infilare la bici , leggero skid , che ti rallenta un attimo , capisci dove infilarti , l'inerzia contrasta il tuo bloccare la ruota , quindi una volta capito dove andare allenti la pressione che contrasta l'inerzia e la bici riparte , la pedalata riparte quasi con lo stesso ritmo , o tu stesso la rilanci cosa diversa con la single speed o contropedale o con qualunque cosa che non sia fisso , perche freni e poi riprendi la pedalata o lasci le gambe ferme che ti portano allo stop ...

Anche il continuo pedalare , la continua forza che si fa sulle pedivelle comporta un totale controllo , sia da fermo che in velocità , come diceva gia ricky ...

Schivare le macchine , rilanciare l'andatura e superarle nel traffico cittadino , superarle quando sono in fila , tutto con occhio diverso perche sei fisso senza freni , fare surplace ed atteggiarti davanti alla fila lunghissima di macchine e ripartire appena si trova un buco nella scia di traffico ...

Non ha prezzo =D

Ovviamente è anche scomodo , salite discese , ma in cità , spesso pianeggianti e piccole , non ha paragoni ...

Dato l'utilizzo "sbaglaito" del fisso , nel senso degli skid , gradini , salti botte a destra e manca , buche , pave , io non ho riscontrato una vera assenza si set-up , anche vero che per mettere in tensione una catena , anche da solo bastano 5 minuti , con spennellata di petrolietto bianco per pulirla e ringrassata !!!

Fatti prestare un posteriore di poca rilevanza , provala un paio di giorni , con un rapporto agile tipo 44/17 e tu stesso capirai le differenze pregi e difetti

Link to comment
Share on other sites

Guarda che nessuno è obbligato a farlo. Se non ti convince perchè vuoi farlo? Io avevo bici da città, poi solo contropedale, poi ho provato una fissa e da lì l'ossessione non mi ha più lasciato. Secondo me la risposta è : perchè è mooooooollllltttoooo divertente!!!! Mi da le stesse sensazioni di una giornata di neve fresca in snowboard o di quando mi sono alzato per la prima volta sul surf: orgasmo. Mentre con una bici libera ormai (e ne ho riprovate) mi sembra di essere sull'autobus...

Link to comment
Share on other sites

Leggendo i vostri commenti mi è venuto in mente questo

Link to comment
Share on other sites

Ora, se detto questo c'è qualcuno che mi sa fornire una spiegazione diversa da quella di apparteneza ad un clan, di aderenza ad una moda, di che fa figo

È divertente.

Link to comment
Share on other sites

Per me è divertimento e sensazioni/emozioni continue: si è contemporaneamente motore, cambio e freno.

Precisione, fluidità e velocità comportano necessariamente di essere solidale con il proprio mezzo.

Link to comment
Share on other sites

Guarda che nessuno è obbligato a farlo. Se non ti convince perchè vuoi farlo? Io avevo bici da città, poi solo contropedale, poi ho provato una fissa e da lì l'ossessione non mi ha più lasciato. Secondo me la risposta è : perchè è mooooooollllltttoooo divertente!!!! Mi da le stesse sensazioni di una giornata di neve fresca in snowboard o di quando mi sono alzato per la prima volta sul surf: orgasmo. Mentre con una bici libera ormai (e ne ho riprovate) mi sembra di essere sull'autobus...

non mi sentirei troppo d'accordo, non farlo per timore o incertezza mi sembra una scusa bella e buona, invece come dice _teo, fatti prestare una ruotaccia fissa, facci un paio di giri, se la cosa poi non ti convice ok, tutti amici, ma non provarci mi sa tanto di occasione mancata!

Link to comment
Share on other sites

pure io all'inizio ero scettico sulle fisse perchè ne sentivo parlare come una cosa di moda..ristretta in quel di milano come se fosse impossibile averne una pure in toscana..

diciamo che per un anno ho metabolizzato la cosa senza entrarne nella pratica.poi rotto il ginocchio ho ripreso a pedalare su di una atala trovata al cassonetto, la bici più comoda mai avuta..unico inconveniente ho dovuto toglierle il freno dietro perchè la ruota era storta e mi frenava ciclicamente..(cambiare la ruota no!?...no...zero spese)..

da li ho imparato ad usare un freno solo..ho tolto tutto quello che non serviva e ho avuto il culo di incontrare un ciclista che mi ha svelato il trucco del fissaggio fai da te zero spese..allora ho deciso di provare..

quindi divertimento puro, paura di farsi del male ogni secondo e un po' di giovinezza che riaffiora.

in più posso pedalare solo con una gamba e quando voglio tonificare un po' il ginocchio marcio mi va di lusso.

personalmente odio le bici cariche di cose, parafanghi, portapacchi, catene,portaborracce...mi infastidiscono...quindi anche a livello estetico la fissa mi piace..come mi piace vedere una tavola da surf senza grip,uno skate senza i rails anni 80, la Ka senza il tetto.

all'atto pratico...una fissa di permette di smontarla e rimontarla in pochi minuti, non hai fastidi di cambi che cigolano o deragliatori che si incastrano,freni che non frenano e vanno tirati,congegni di poco conto che vanno stretti come come carter o parafanghi...basta curare un po' la catena e tirare ogni tanto la ruota dietro,una controllatina al movimento centrale e sei a posto..

quanti di noi scarsi ciclisti impreparati hanno detto "oggi faccio un giro in bici" e poi son tornati alla playstation perchè la bici era da risistemare tutta?!..

con la fissa diobe ci metti un attimo. anche per questo è comoda perchè te la puoi riparare da solo senza guru dei cambi o dei freni.

fanculo la moda, i negozi fighi con la fissa in vetrina, le marche estere e i pezzi da millemilaeuri..in un anno ho raccattato 5 bici al cassonetto e di queste c'ho fatto tre fisse una diversa dall'altra..spesa zero divertimento mille.

se pensavo di cercarmi una bici da corsa, una mountain bike o altro sarei diventato matto..

poi ognuno ha i suoi gusti..a chi piace a chi no. c'è poco da fare!! tanto i pedali li devi spingere cmq!

Link to comment
Share on other sites

ma dio.. beh, forse non lo posso scrivere. mi si è appena cancellato il post più preciso della storia, citazioni e altre storie tutto rasato..

datemi una mezza gionata per riprendermi e ci riprovo: ho ancora qualche storia da chiedervi.

Intanto grazie delle info.

(DIO::::::::::::::::::!!! e non c'è un cazzo da ridere..).

Link to comment
Share on other sites

ma dio.. beh, forse non lo posso scrivere. mi si è appena cancellato il post più preciso della storia, citazioni e altre storie tutto rasato..

datemi una mezza gionata per riprendermi e ci riprovo: ho ancora qualche storia da chiedervi.

Intanto grazie delle info.

(DIO::::::::::::::::::!!! e non c'è un cazzo da ridere..).

beh, inizi ad esser simpatico, seriamente.

Link to comment
Share on other sites

Ecco, ho fatto riformimento di pazienza e birette e sono pronto a riprovarci (scusate già da subito il minor entusiasmo..)

Anzitutto grazie per la completezza delle info e dei commenti che già mi sembrano molto utili, però ho ancora qualche dubbio da esporvi (solo e solamente sul dilemma scatto fisso/ruota libera e non su freni,telai, sospensioni, colori, etc..)

Intanto non vengo direttamente da un telaio da corsa ma una mtb riadattata (no sospensioni, singlespeed, copertoni slick, e una segatina -4cm per parte- al manubrio) che a scapito del peso (molto a scapito) offre una maggior rigidità e precisione specie sulle superfici brutte (a Milano ne sappiamo qualcosa..) e una maggiore tranquillità nelle occasionali gite "fuoripista". Alla fine la città non è così continua e capita di volere - ogni tano, una volta al mese, o ogni due - chessò, scendere una gradinata (che comunque è un bel divertimento con le slick).

Prima di esporvi i miei dubbi completo l'excursus storico del primo post: l'unico ciclo che non è mai stato dotato di ruota libera, in nessuna epoca e nessun paese è il monociclo. Ma basta guardarne uno in azione per capire che malsana idea sarebbe stata..

Ma qua stiamo parlando di bi-cicli, quindi sotto!

lo scattofisso prima di tutto ti permette di ottenere un armonia e fluidità di pedalata che altrimenti non saprei come ottenere... acquisisci agilità, impari a dare trazione in tutti i pinti di rivoluzione della pedivella e non solo di andare a stantuffo...io quando vedo quelli che in agilità iniziano a saltellare sulla sella li prenderei a bottigliate!!

In realtà basta montare dei puntapiedi e imparare ad usarli (cosa che dovrebbe avvenire comunque dopo un centinaio di kilometri (per i più duri..). Tecnica della pedalata. Base.

Quanto al powercrank, fuori dagli ambiti riabilitativo e di perfezionamento allenamento non voglio neanche commentarli. Anzi sì: PERCHE'?

In pista no way, vince lo scattofisso, più prontezza più trazione, come dice chi ne sa, riesci a tirare delle sassate che con la bdc non potresti fare, sei sempre e solo concentrato sulla guida e/o sulla fase di gara, quello che c'è lì sotto non lo controlli, sei un tutt'uno con la bici.

In pista lo scatto fisso è più leggero. Inoltre se TU hai un buco di trazione (e capita anche ai migliori) il tempo di andare a ribloccare in avanti il giunto ti può costare una gara. Quanto alle sassate una volta che è bloccato è ingegneristicamente equivalente ad un blocco solido di metallo, non ha flessioni o elasticità di nessun tipo.. quindi tanta potenza nella gamba, tanta potenza alla ruota (e torniamo alla fluidità della pedalata).

mi è capitato di attraversare piazza duomo affollata e di fare un diagonale in un tempo molto breve, senza essere con un fiume di adrenalina addosso...ecco questo anche solo con una singlespeed o una contropedale semplicemente

La diagonale di piazza duomo.. da sempre il mio pezzo preferito: ricalcolare le traiettorie 5 volte al secondo e decidere con l'emisfero destro del cervello - come camminare nella pioggia senza bagnarsi - il fondo bianco e liscio eppure tanto grip, e tutto che fila tanto karashò che molti non si accorgono neanche che sei passato.. Qui ti seguo proprio..

NON lo puoi fare, non ti riesce, sarai sempre lì a frenare ed accelerare, invece con la fissa mouvi le gambe regoli la velocità ed è come se passassi attraverso gli ostacoli, l'unco trucco è occhi aperti sempre verso la traiettoria che vuoi avere, e tutto il resto semplicemente ti segue...

Vedi, la spinta nei pedali la metti tu (ciclista generico) e se ne metti troppa e la dissipi decelerando eccessivamente ti stanchi le gambe. E ci metti mooolto di più.. E' semplice lungimiranza, e legge di conservazione del moto. Se provi a fare lo stesso discorso con la macchina ti renderai conto (è più numericamente misurabile) di quanta benza (e pastiglie) si può risparmiare senza per questo andare piano: non accellerare tanto ma frenare poco!! dovrebbero farlo tutti con tutti i mezzi (e invece molti di voi adorano skiddare..).

Ultima nota sulla sicurezza e sullo skid: se blocchi il posteriore già non hai una gran frenata, se in più l'hai alleggerito per favorire il blocco (non ci credo che nessuno d voi blocchi con il posteriore caricato pieno) a 40 km/h in quanto frenate? con una buona azione su entrambe le ruote e con il peso spostato progressivamente in dietro in 2 metri (3 al massimo) sei fermo come in fuso. E con il pedale dx a ore due, pronto per ridare coppia massima..

Grazie Riky!

Si pedala , almeno io lo faccio , cercando di prevedere cosa succederà nel traffico , in modo tale da mantenere l'andatura , evitare rischi e divertirsi , sempre con la testa ovviamente ...Puo sembrare un peso , ma non lo è , è il suo bello , concentrato sulla strada sulla pedalata sui buchetti che si creano dove infilare la bici , leggero skid , che ti rallenta un attimo , capisci dove infilarti , (l'inerzia contrasta il tuo bloccare la ruota - la poca voglia di ricostruire la velocità da 0) , quindi una volta capito dove andare allenti la pressione che contrasta l'inerzia (l'inerzia non va mai contrastata, si fa fatica!) e la bici riparte , la pedalata riparte quasi con lo stesso ritmo , o tu stesso la rilanci..

Questo si chiama banalmente "scannare la bici in città": dove sta l'esigenza del fisso?

cosa diversa con la single speed o contropedale o con qualunque cosa che non sia fisso , perche freni e poi riprendi la pedalata o lasci le gambe ferme che ti portano allo stop ...

DEVI CONSERVARE IL MOTO,non fare fatica per ridurlo!! E le gambe non si lasciano mai ferme, anche quando non spingi. Invece con il fisso se smetti di dare forza la sola resistenza dei legamenti - indovina un po' - ti ruba quantità di moto.

Anche il continuo pedalare , la continua forza che si fa sulle pedivelle comporta un totale controllo , sia da fermo che in velocità , come diceva gia ricky ...

Per il controllo ti rimando al primo post ed ai nostri cugini (macchè, fratelli!!) del bike trial. Cerchi controllo? chiedi a loro.

Schivare le macchine , rilanciare l'andatura e superarle nel traffico cittadino , superarle quando sono in fila , tutto con occhio diverso perche sei fisso senza freni , fare surplace ed atteggiarti davanti alla fila lunghissima di macchine e ripartire appena si trova un buco nella scia di traffico ...

Di nuovo: dove sta la disputa fisso/libero?

Quanto al surplace so bene di che parli ma di nuovo non è vincolante: adoravo praticarlo anche nel mio (purtroppo breve) periodo da vespista con un monocilindro 50 che eroga la metà delle tue gambe ed il freno solo posteriore (tutti sanno cosa capita a frenare davanti con la vespa..

Inoltre okkio a non farti investire da qualche petrol-head incazzato perchè non hai fatto la fila e gli tappi il via al semaforo (capitato anche questo). Se la gente ha più arroganza che rispetto non è il caso di fare come loro, no?

Non ha prezzo =D

= fa figo

Ovviamente è anche scomodo...

Ah sì?

Fatti prestare un posteriore di poca rilevanza , provala un paio di giorni , con un rapporto agile tipo 44/17 e tu stesso capirai le differenze pregi e difetti

Infatti, alla fine non c'è come provare per un mesetto per sapere.

Grazie teo.

Guarda che nessuno è obbligato a farlo. Se non ti convince perchè vuoi farlo? Io avevo bici da città, poi solo contropedale, poi ho provato una fissa e da lì l'ossessione non mi ha più lasciato. Secondo me la risposta è : perchè è mooooooollllltttoooo divertente!!!!

= fa figo

Mi da le stesse sensazioni di una giornata di neve fresca in snowboard o di quando mi sono alzato per la prima volta sul surf: orgasmo. Mentre con una bici libera ormai (e ne ho riprovate) mi sembra di essere sull'autobus...

Vaya. E tu mi vuoi dire che se ritorni a un Malibù o mini-M. non vieni più? o non così abbondante? Ma qui non stiamo parlando della differenza fra un longboard e un gunn, piuttosto fra due fish leggermente diversi.. Mi vuoi dire che non ti basta il dolce frucìo della polvere intoccata in un paradiso tutto bianco per grondare sperma da tutti i pori? (più in la non vado senno ci scanniamo: io porto DUE SCI AI PIEDI.).

Bella anche a te, Madteo

Leggendo i vostri commenti mi è venuto in mente questo

:-D ..Ma cazzo, se lo puoi fare con il Blue Bus (triple decker!!) non puoi farlo con la ruota libera?!!!

Ora, se detto questo c'è qualcuno che mi sa fornire una spiegazione diversa da quella di apparteneza ad un clan, di aderenza ad una moda, di che fa figo

È divertente.

=fa figo

..unico inconveniente ho dovuto toglierle il freno dietro perchè la ruota era storta e mi frenava ciclicamente..(cambiare la ruota no!?...no...zero spese)..

da li ho imparato ad usare un freno solo..ho tolto tutto quello che non serviva e ho avuto il culo di incontrare un ciclista che mi ha svelato il trucco del fissaggio fai da te zero spese..

Il freno dietro è secondario, nulla da dire.. Ma quindi stai dicendo che ti porti dietro il giunto libero e non lo usi?

allora ho deciso di provare..

quindi divertimento puro, paura di farsi del male ogni secondo e un po' di giovinezza che riaffiora.

fisso vs libero please..

in più posso pedalare solo con una gamba e quando voglio tonificare un po' il ginocchio marcio mi va di lusso.

Finalmente una ragione valida!! Purtroppo non si può applicare proprio a tutti..

Tonifica che si ripiglia!!

personalmente odio le bici cariche di cose, parafanghi, portapacchi, catene,portaborracce...mi infastidiscono...quindi anche a livello estetico la fissa mi piace..come mi piace vedere una tavola da surf senza grip,uno skate senza i rails anni 80, la Ka senza il tetto.

=fa figo. Ma guarda che il giunto libero (quasi) non si vede. non è un cambio multicorona..

all'atto pratico...una fissa di permette di smontarla e rimontarla in pochi minuti, non hai fastidi di cambi che cigolano o deragliatori che si incastrano,freni che non frenano e vanno tirati,congegni di poco conto che vanno stretti come come carter o parafanghi...basta curare un po' la catena e tirare ogni tanto la ruota dietro,una controllatina al movimento centrale e sei a posto..

1- niente cambi, quindi niente deragliatori e niente catene molli

2-i freni non mi sembrano sto marchingegno infernale e complicatissimo e li trovi a 0..

3- carter e parafanghi un c***: fissa o libera, non ho detto graziella (che -vintage- ha comunque tutto il mio rispetto)

quanti di noi scarsi ciclisti impreparati hanno detto "oggi faccio un giro in bici" e poi son tornati alla playstation perchè la bici era da risistemare tutta?!..

con la fissa diobe ci metti un attimo. anche per questo è comoda perchè te la puoi riparare da solo senza guru dei cambi o dei freni.

FISSA O LIBERA! il giunto libero non si rompe (quasi) mai -lo devi proprio prendere a sassate. E un piccolo congegno che sta all'interno della corona posteriore ed ha una grandissima compatibilità - cosa che non ti frega perchè non lo devi montare o smontare ma si trova in quasi tutte le bici da cassonetto alle quali POI tu applichi il "trucchetto".

Niente cambi e niente freni: FISSA vs LIBERA

fanculo la moda, i negozi fighi con la fissa in vetrina, le marche estere e i pezzi da millemilaeuri..in un anno ho raccattato 5 bici al cassonetto e di queste c'ho fatto tre fisse una diversa dall'altra..spesa zero divertimento mille.

se pensavo di cercarmi una bici da corsa, una mountain bike o altro sarei diventato matto..

domanda: Tutte con il trucchetto? quindi avresti potuto farle anche libere?

poi ognuno ha i suoi gusti..a chi piace a chi no. c'è poco da fare!! tanto i pedali li devi spingere cmq!

Wise quote.. belle sono belle, ma per telai e crechi e per quell'aria sbarazzina da "non mi avanza neanche un grammo di vernice, o mezzo bullone" ma, di nuovo, perchè prendersela col giuntino??

Grazie Smalletc.

Per me è divertimento e sensazioni/emozioni continue: si è contemporaneamente motore, cambio e freno.

Precisione, fluidità e velocità comportano necessariamente di essere solidale con il proprio mezzo.

motore e cambio (idem con una singlesp. libera). Come freno non sei proprio in prima classe e, una volta su cento, è anche una questione di rispetto per gli altri. Come i Ghost Riders.. Quanto al resto, beh, anche con la libera (specie se te la componi tu..)

Grazie Luca

meno parlare

più pedalare!

fissati.

è figo.

= è figo

Ma non esiste uno scatto fisso liberabile o una ruota libera fissablie? Oh, I KEED..

Mega gentili, tutti quanti, grazie.

domani vado con uno di voi fissati e mi farò il primo mezzo prova. Qualcosa mi dice che avrà qualcosa di arancione..

Fissati o liberi, ci vediamo sull'asfalto.

Ciao a tutti

E ciao a Elisa

Link to comment
Share on other sites

Guest
This topic is now closed to further replies.
 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .