luke70

che botta!

25 posts in this topic

Ciao ragazzi,in queste festivita' ho fatto diverse uscite con la mia bdc BIANCHI trasformata in FIXED.Tutto bene per le prime 5,giri di 30km,ma venerdi',alla 6a uscita complice la bellissima giornata,la buona forma mi sono fatto prendere la mano,nel fare una curva a DX a velocita' sostenuta mi ha toccato a terra il pedale DX e via mi sono trovato a terra,una botta forte al ginocchio DX,abrasioni mano spalla etc......nulla di grave,solo il ginocchio mi fa ancora male.A qualcuno è capitato di trovarsi improvvisamente in terra dopo una curva?Per fortuna ero in una strada tranquilla di campagna,ma in citta' o su strade trafficate potrebbe diventare molto pericoloso......che fare,avrei pensato a pedivelle piu' corte ed a pedali piu' stretti,dico bene?Poi mettero' un freno in posizione alta sul manubrio(tipo WILIER Toni Bevilacqua)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Yes le idee sono giuste :) alla fine l'unica è il fare attenzione perché se la pedivella capità lì con lo scatto fisso c'è poco da fare :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora dove tieni i freni?

 

Bisogna stare attenti alle curve ed ai rondò. Il tombino scivoloso in traiettoria e la macchina di destra pronta ad starti al culo azzera la stabilità.

Comunque Con il movimento fisso, in curva, il freno non serve.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ora dove tieni i freni?

 

Bisogna stare attenti alle curve ed ai rondò. Il tombino scivoloso in traiettoria e la macchina di destra pronta ad starti al culo azzera la stabilità.

Comunque Con il movimento fisso, in curva, il freno non serve.

Cmq si, il freno rallenta la velocità, quindi ti permette di nn inclinarti tanto = il pedale non tocca l'asfalto, e il tuo culo rimane intatto!!

Share this post


Link to post
Share on other sites
Ciao ragazzi,in queste festivita' ho fatto diverse uscite con la mia bdc BIANCHI trasformata in FIXED.Tutto bene per le prime 5,giri di 30km,ma venerdi',alla 6a uscita complice la bellissima giornata,la buona forma mi sono fatto prendere la mano,nel fare una curva a DX a velocita' sostenuta mi ha toccato a terra il pedale DX e via mi sono trovato a terra,una botta forte al ginocchio DX,abrasioni mano spalla etc......nulla di grave,solo il ginocchio mi fa ancora male.A qualcuno è capitato di trovarsi improvvisamente in terra dopo una curva?Per fortuna ero in una strada tranquilla di campagna,ma in citta' o su strade trafficate potrebbe diventare molto pericoloso......che fare,avrei pensato a pedivelle piu' corte ed a pedali piu' stretti,dico bene?Poi mettero' un freno in posizione alta sul manubrio(tipo WILIER Toni Bevilacqua)

 

secondo me

bisogna imparar a far le curve diversamente:

 

piegare meno è il primo punto

quindi anche con 5mm di pedivella in meno

succede lo stesso

abituarsi a traiettorie più ampie

 

in secondo ti fotte il fatto

che normalmente fermavi la gambavin curva

ora devi continuar a girar e creando

un diverso equilibrio "dinamico"

 

questione di prove

e di cerotti

poi quasi uguale a prima

a meno che non ti chiami

savoldelli il falco..

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Buon Anno!!Grazie per i consigli,effettivamente ho piegato molto.Mi era gia' capitato di strisciare in una rotonda,ma forse il pedale quando ha toccato era in fase di risalita,il giorno della botta invece senz'altro era in fase di discesa,visto il modo in cui mi ha disarcionato in mezzo al prato....che BOTTA.Un altra causa della caduta puo' essere che ho fatto la curva giu' di mano (a SX) in quel modo ho trovato il centro della strada con il pedale DX,dove è piu' alto rispetto ai bordi (complici anche i trattori che hanno deformato la sede stradale).Il freno l'ho messo nella classica posizione delle BDC,sul lato DX,solo freno ANT.Devo ammettere che il pignone fisso mi piace parecchio,ma forse è una bici da usare solo su certi percorsi e in un certo modo?Ora devo sostituire il freno ANT che si è rotto e cambiare la posizione della leva,poi tornero' ad usarla,la mia Bianchi Fixed  Simply (l'avete vista nella Gallery?)DANDOLE IL RISPETTO CHE MERITA. 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora dove tieni i freni?

 

Bisogna stare attenti alle curve ed ai rondò. Il tombino scivoloso in traiettoria e la macchina di destra pronta ad starti al culo azzera la stabilità.

Comunque Con il movimento fisso, in curva, il freno non serve.

Cmq si, il freno rallenta la velocità, quindi ti permette di nn inclinarti tanto = il pedale non tocca l'asfalto, e il tuo culo rimane intatto!!

Allora se il freno rallenta non so quale madonna ho sulle spalle che mi protegge da un anno e mezzo  mentre faccio le curve con una bici fissa senza freni. Uno può anche montare delle pedivelle da 165 ma questo non vuol dire che potra fare delle curve a gomito a 30 all'ora

Finché non imparate, non prendete conoscenza con la bici e capite a che velocità entrare in curva per non trovarsi col culo per aria, cercate di andare più piano.

E' inutile spingere per sbattere contro i muri.

Se no c'è sempre la bdc

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

In fissa il freno è di EMERGENZA. Altrimenti non ha senso che sia fissa.

Le curve in fissa si fanno rallentando con le gambe fino alla velocità desiderata, ALLARGANDO le traiettorie (allarga, corda, allarga in uscita) in modo da piegare meno. Non puoi se la curva è 90* pensare di prenderla tutta stretta all'interno a 30 all'ora e non toccare...

Vai, prima piano, poi man mano acceleri quando prendi la mano e la "misura" alla bici.

Con la nuova fissa non ho ancora la misura e per ora vado un pelo più piano, ma prima con la Langster facevo curve e rotonde senza manco rallentare...sta tutto nella traiettoria, per una curva in fissa c'è UNA velocità massima e UNA traiettoria

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

occhio al ginocchio, per una botta simile il mio menisco mediale non è più andato a posto.

detto questo devi cercare di inclinare meno la bici, detto ampiamente già sopra, cercando di sporgerti di più tu.

Con il pedale libero sarebbe facile, potresti anche allargare il ginocchio all'interno curva per bilanciare meglio il " bolide ", ma così

non si può.

 

consiglio migliore che mi viene in mente, ruota posteriore flip flop, per i giri la metti " flip " così sicuramente non " flop " per terra :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

...è il principale inconveniente (...forse l'unico) delle convertite: carro basso!

con un telaio pista (carro a circa 27/28cm di altezza) vai sicuro

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unica volta che ho toccato il pedale ero in pista e naturalmente ho toccato l'esterno. Non sono cascato per mega ripiglione ma ho toccato cosi forte che mi si è staccato lo sgancio rapido dx.

Che caga.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

In fissa il freno è di EMERGENZA. Altrimenti non ha senso che sia fissa.

Le curve in fissa si fanno rallentando con le gambe fino alla velocità desiderata, ALLARGANDO le traiettorie (allarga, corda, allarga in uscita) in modo da piegare meno. Non puoi se la curva è 90* pensare di prenderla tutta stretta all'interno a 30 all'ora e non toccare...

Vai, prima piano, poi man mano acceleri quando prendi la mano e la "misura" alla bici.

Con la nuova fissa non ho ancora la misura e per ora vado un pelo più piano, ma prima con la Langster facevo curve e rotonde senza manco rallentare...sta tutto nella traiettoria, per una curva in fissa c'è UNA velocità massima e UNA traiettoria

 

 

Io il freno lo uso eccome. Ha senso, per me,visto che non sgommo; con il rapporto fisso modulo la velocità, in discesa vado di retropedalata, ma freno.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Manco io skiddo, lo faccio solo per cazzeggio mica per rallentare, eppure da un po' vado brakeless...

A livello di discussione, senza polemica, perchè freni? Non basta, ragionevolmente prima della curva, rallentare a pedali fino alla velocità adatta? Ovvio che se vuoi fare le staccate, ma non è quello l'uso della fissa...

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh amichetti.

 

meno male che c'è un topic aperto che parla di contatti fra cose che non dovrebbero contattarsi.

Luke70 scusa se sfrutto un po' il thread, ma prima di aprire un topic per una sciocchezza, qualcuno mi risponderà di sicuro qui.

 

Volevo chiedervi una cosa da novella che mi tedia un pochito:

Erv proprio ieri mi ha fatto notare che le gabbiette dei pedali che monto sulla Gara mi toccano la ruota anteriore in certe posizioni,

so che la foto non rende, sembra che la sfiori ma si incastra proprio:(

 

eh va ben ho pensato. sarà normale.

Oggi ad uno stop, facendo una cosa che forse fra qualche mese potrò chiamare surplace, stavo ripartendo e dovevo girare stretto per evitare uno spartitraffico: mi son incastrata come un tafano nella rete e son andata giù come una botola incardinata all'asfalto

 

na bella scena.

ma perchè sono così lunghe?! (tralaltro io ho i piedi da formica..)

§_______________§

illuminatemi sul da farsi 

devo imparare a non incastrarmi e basta e ci si passa tutti o è un problema mio?

 

^O^

 

grazie e scusa l'invasione Luke!

 

 

 

post-7983-0-22371200-1357073127_thumb.jp

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oh amichetti.

 

meno male che c'è un topic aperto che parla di contatti fra cose che non dovrebbero contattarsi.

Luke70 scusa se sfrutto un po' il thread, ma prima di aprire un topic per una sciocchezza, qualcuno mi risponderà di sicuro qui.

 

Volevo chiedervi una cosa da novella che mi tedia un pochito:

Erv proprio ieri mi ha fatto notare che le gabbiette dei pedali che monto sulla Gara mi toccano la ruota anteriore in certe posizioni,

so che la foto non rende, sembra che la sfiori ma si incastra proprio:(

 

eh va ben ho pensato. sarà normale.

Oggi ad uno stop, facendo una cosa che forse fra qualche mese potrò chiamare surplace, stavo ripartendo e dovevo girare stretto per evitare uno spartitraffico: mi son incastrata come un tafano nella rete e son andata giù come una botola incardinata all'asfalto

 

na bella scena.

ma perchè sono così lunghe?! (tralaltro io ho i piedi da formica..)

§_______________§

illuminatemi sul da farsi 

devo imparare a non incastrarmi e basta e ci si passa tutti o è un problema mio?

 

^O^

 

grazie e scusa l'invasione Luke!

 

 

le gabbiette esistono di diverse misure ma su un pista abb incazzato come geometrie l'overlap l'avrai sempre...

io ho imparato che con la mia quando giro tanto lo sterzo (surplace o manovre lente) tengo il tallone molto basso per alzare la punta ed evitare di incastrami.

 

prova qualcosa di simile e al limite cerca delle gabbiette + piccole

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.