Beibal

Che rapporto per uso extraurbano?

14 posts in this topic

Che rapporto usate voi per le vostre fisse nelle lunghe trasferte pianeggianti su ciclabili pianeggianti e statali?

Share this post


Link to post
Share on other sites

47:15

all'inizio (parlo x me) ti sembra di volare e pensi "tornato a casa monto il 14"... dopo una ventina di km sei in totale sintonia col mezzo e con i tuoi zuccheri, sali e liquidi e pensi "no, no, è ok, perfetto il 15!" al ritorno (al cinquantesimo km circa) in ipoglicemia pesa biascichi "sia ringraziato iddio che non c'avevo il 14"...

Edited by carlomarrone (see edit history)
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao, spesso d' estate vado da Castelfiorentino a Livorno dove ho passato in gioventù le mie vacanze estive.

Colgo l' occasione per salutare gli amici di Livorno.

Andata e ritorno sono 140 km quasi completamente pianeggianti, se allungo qualche km riesco a fare un percorso piatto e arrivo a 150 km. A me piace frullare le gambe e pedalare uniforme. Uso solo il 46 x 17 e non sento la catena, Talvolta al ritorno inverto la ruota e metto il 16.

Senza forzare si va sui 30 abbastanza bene.

Buone pedalate

M

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tiro su la discussione, dai che lo so che siete tutti bestie da crit! Io mi son fatto il 48-15 sulla fissa da ciclabili/pista/eventualicriteriumsefacciolagamba, ma minchia, o sono io abituato al 44-17 da città, o controvento è veramente un rapporto di merda da spingere...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Col vento si soffre in fissa qualsiasi rapporto hai, in bdc si sale di parecchi denti in quei casi. Comunque dato che in strada può succedere qualsiasi cosa, bisogna essere lungimiranti e montare un rapporto che può tirarti anche dalla peggiore delle ipotesi.

Inutile montare rapportoni che: vento, sto a casa, pioggia, sto a casa, smette di piovere ma la strada è ancora bagnata, sto a casa, un cavalcavia imprevisto, dietrofront ecc. ecc. e poi comunque ci si ritrova a fare la locomotiva all'andata e al ritorno a mettere il piede a terra un po di volte.

Tanto in fissa le trenate a 50 all'ora non se ne fanno, quindi AGILI2   :D

Secondo me 48x17 è il re dei rapporti, agile e polivalente, ci tieni i 30 comodo comodo e appena tiri la bici risponde reattiva e tocchi i 45 con una semplicità unica. Ovvio parlo di una bici decente, con un tipo sopra dalla panza decente e due gambe decenti. Insomma un minimo di allenamento ci vuole sempre.

Poi questo è un rapporto che quelli dai rapportoni altisonanti te li mangi a colazione, semplicemente come quando in bdc esci da una curva e dimentichi di salire un paio di denti, non hai reattività e vieni inghiottito nella pancia del gruppo. E allo stesso modo quando rilanci con la fissa col rapportone rimani piantato e anche se puoi spingere a 60 all'ora non ci arrivi perchè le gambe le cuoci prima, invece col rapporto reattivo spingi tranquillo e composto, arrivi a 40-45 e poi puoi tenere l'andatura sfruttando l'agilità, ritrovandoti tra le 110-115 pedalate al minuto.

Non dipende dalla propria gamba ma dalla risposta del mezzo, accade anche a Cavendish di scendere un dente di troppo e sbagliare il rilancio, arriva cotto agli ultimi metri e si fa battere da atleti meno esplosivi di lui, ma che in quel caso hanno sfruttato meglio il rapporto e quindi hanno valorizzato al meglio l'accoppiata mezzo-proprie capacità. 

E questo perchè, come vuole dimostrare l'esempio sui velocisti (potrei farne anche sugli scalatori, ma sono meno appropriati all'argomento fissa), puoi avere tutte le capacità del mondo, ma quando il mezzo si pianta, ti pianti. Nella bdc si rimedia con il giusto uso del cambio, nella fissa invece bisogna conoscersi bene ed essere previdenti, senza cercare di strafare ne mentre si è in sella, ne mentre si sta in garage a montarsi il ferro. ; )

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Tiro su la discussione, dai che lo so che siete tutti bestie da crit! Io mi son fatto il 48-15 sulla fissa da ciclabili/pista/eventualicriteriumsefacciolagamba, ma minchia, o sono io abituato al 44-17 da città, o controvento è veramente un rapporto di merda da spingere...

se tieni il 44:17 in città, per le uscite avrei messo un 47:16 (e quindi un 44:15, un 50:17, o un 53:18)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

51x16, un rapporto tutto fare, mi trovo bene...ideale per stare sui 36kmh
Oggi mi ha portato viareggio (da pisa) e finché becco salite brevi faccio anche quelle

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok, raga, ma col 48-15 crescono i peli sul petto... A parte le cazzate, oggi c'ho fatto più di 50km in ciclabile con vento contrario senza problemi... È bastato fare 20 minuti di cyclette in agilità a casa invece che 10 minuti, prima di uscire...

Share this post


Link to post
Share on other sites
Col vento si soffre in fissa qualsiasi rapporto hai, in bdc si sale di parecchi denti in quei casi. Comunque dato che in strada può succedere qualsiasi cosa, bisogna essere lungimiranti e montare un rapporto che può tirarti anche dalla peggiore delle ipotesi. Inutile montare rapportoni che: vento, sto a casa, pioggia, sto a casa, smette di piovere ma la strada è ancora bagnata, sto a casa, un cavalcavia imprevisto, dietrofront ecc. ecc. e poi comunque ci si ritrova a fare la locomotiva all'andata e al ritorno a mettere il piede a terra un po di volte. Tanto in fissa le trenate a 50 all'ora non se ne fanno, quindi AGILI2 :D Secondo me 48x17 è il re dei rapporti, agile e polivalente, ci tieni i 30 comodo comodo e appena tiri la bici risponde reattiva e tocchi i 45 con una semplicità unica. Ovvio parlo di una bici decente, con un tipo sopra dalla panza decente e due gambe decenti. Insomma un minimo di allenamento ci vuole sempre. Poi questo è un rapporto che quelli dai rapportoni altisonanti te li mangi a colazione, semplicemente come quando in bdc esci da una curva e dimentichi di salire un paio di denti, non hai reattività e vieni inghiottito nella pancia del gruppo. E allo stesso modo quando rilanci con la fissa col rapportone rimani piantato e anche se puoi spingere a 60 all'ora non ci arrivi perchè le gambe le cuoci prima, invece col rapporto reattivo spingi tranquillo e composto, arrivi a 40-45 e poi puoi tenere l'andatura sfruttando l'agilità, ritrovandoti tra le 110-115 pedalate al minuto. Non dipende dalla propria gamba ma dalla risposta del mezzo, accade anche a Cavendish di scendere un dente di troppo e sbagliare il rilancio, arriva cotto agli ultimi metri e si fa battere da atleti meno esplosivi di lui, ma che in quel caso hanno sfruttato meglio il rapporto e quindi hanno valorizzato al meglio l'accoppiata mezzo-proprie capacità. E questo perchè, come vuole dimostrare l'esempio sui velocisti (potrei farne anche sugli scalatori, ma sono meno appropriati all'argomento fissa), puoi avere tutte le capacità del mondo, ma quando il mezzo si pianta, ti pianti. Nella bdc si rimedia con il giusto uso del cambio, nella fissa invece bisogna conoscersi bene ed essere previdenti, senza cercare di strafare ne mentre si è in sella, ne mentre si sta in garage a montarsi il ferro. ; )
Quotone, 48x17 tutta la vita. personalmete lo uso in città e fuori, sulla stessa bici, a cui cambio solo il manubrio. In piano vai agile come il vento e non senti mai la catena, ma se c'hai voglia puoi spararti anche i 45km/h in tranquillità. I cavalcavia te li mangi e ti mangi pure i 'pistard della strada' bella lì

Share this post


Link to post
Share on other sites

montando una 53 davanti, che e' tanto grande, cosa mi consigliate di montare dietro per compensare, su una single speed ruota libera?

Ti consiglio un pignone fisso prima di tutto, poi ne riparliamo.
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.