Sign in to follow this  
konablu

Tokyo Fixed Gear, Shibuya reportage definitivo

5 posts in this topic

Ciao ragazzi,

sono stanco morto da lavoro, letti scomodi e fuso orario. Uso le mie ultime forze per mettere la prima immagine del reportage su Shibuya!

A presto il resto della storia...

Ciao ;)

post-1095-128838655778_thumb.jpg

Share this post


Link to post
Share on other sites

bella foto..

io ho un numero di "crackers" (un freemagazine per chi non lo sapesse), bellissimo.. l'ho trovato un paio di anni fa..era uno dei primi numeri. le ultime pagine della riviste erano dedicate a una decina di foto di fisse jappo. una figata.

da quelle foto poi mi è partita la scimmia fixed..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco il link del reportage fotografico definitvo:

http://nanianorcored.pinkbike.com/album ... ar-Report/

Che dire? Veramente un sacco di fisse e di fissati. Sono riuscito a girare un paio di sere a Yokohama e altre due a Shibuya (la Time Square di Tokyo, per intenderci). Di Yokohama sono anche riuscito a vedere due negozi ma per Tokyo era troppo tardi, chiusi quando io potevo essere lì; peccato perchè lì c'erano i negozi più interessanti (Blue Lug, Carnival, W-Base, Sexonpista). Oltrechè in fissa in senso stretto, molti giravano con pignone a ruota libera con entrambi i freni montati; c'erano poi i puristi senza freni e con manubri ultraminimali e chi montava il solo freno anteriore.

Sono pazzi per i telai Italiani, Bianchi su tutti con modelli e colori che penso siano fatti apposta per il mercato Giapponese (vedi le foto del link); poi Gios, Pinarello (Lunga Vita), qualche rara Colnago in versione corsa. I prezzi sono alti, causa il cambio sfavorevole per tutte le valute (il Giappone è molto protezionista e la moneta è fortissima): pensate che una Sugino 75 costa 24000 yen (195 euro circa).

Una particolarità secondo me tutta Giapponese è il non utilizzo dei Kryptonite ma di luccheti piuttosto leggeri (Palmy) o catene (Godzilla...).

Gran bel posto, al di là del mondo fissa vale una vacanza (per chi può permetterselo); si mangia anche piuttosto bene e si spende poco (mangiare e sigarette sono le uniche cose "economiche" del Giappone); da Italiano, lo preferisco decisamente di più rispetto agli Stati Uniti, ad esempio.

Saluti

Share this post


Link to post
Share on other sites

bel report, ma i prezzi non mi sembrano estremi, 820€ per quella masi, anche se di masi ha solo il nome, non mi sembrano molti, anche la bianchi da quasi 600€ non è male,

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, effettivamente le bici comlete avevano un ottimo prezzo. Per i singoli componenti le cose cambiavano molto. Un pignone Surly veniva 5040yen (40euro)!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.