zinzu

R.I.P. Adam

21 posts in this topic

iep! grandi, grazie adam, ci hai fatto divertire e ci hai regalato un tot di grandi pezzi.. passatela bene lassù, o dovunque sei ora.

bless.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho passato tutta la cena ad "educare" tre ventenni, non li conoscevano neppure.

Qualcuno in più che può apprezzare ora, forse.

Bless ya Adam.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho passato tutta la cena ad "educare" tre ventenni, non li conoscevano neppure.

Qualcuno in più che può apprezzare ora, forse.

Bless ya Adam.

dico una mega banalità... "esserci e crescerci insieme" e "conoscerli dopo" in certe situazioni è davvero un altra cosa :|

è come quando uno si guarda una serie tv tipo the shield o lost, oppure un anime come evangelion durante il corso degli anni e in tempo rale con la relativa produzione/trasmissione o se la guarda tutta in stecca in streaming/dvd/torrent/blu ray... è tutta un'altra cosa guardarsi una puntata alla settimana rimuginarcisi sopra le notte e poi aspettare un anno/6 mesi per la serie dopo e pensarci di nuovo attendere parlarne con gli amici etc ..idem con gli album, ascoltarsi ill comunication per mesi/anni in attesa del nuovo, conoscere un album a memoria ..spulciarselo..beccarsi le delusioni quando l'album dopo non rispetta le aspettative, rivalutarlo e apprezzarlo quasi due decenni dopo ..etc.. si crea un altro rapporto.

Ovvio che non è colpa loro il fatto di essere nati in un altro periodo :)..sia mai, meglio tre in più che li conoscono che non...era solo una considerazione generale sullo "scoprire in ritardo"

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho passato tutta la cena ad "educare" tre ventenni, non li conoscevano neppure.

Qualcuno in più che può apprezzare ora, forse.

Bless ya Adam.

dico una mega banalità... "esserci e crescerci insieme" e "conoscerli dopo" in certe situazioni è davvero un altra cosa :|

è come quando uno si guarda una serie tv tipo the shield o lost, oppure un anime come evangelion durante il corso degli anni e in tempo rale con la relativa produzione/trasmissione o se la guarda tutta in stecca in streaming/dvd/torrent/blu ray... è tutta un'altra cosa guardarsi una puntata alla settimana rimuginarcisi sopra le notte e poi aspettare un anno/6 mesi per la serie dopo e pensarci di nuovo attendere parlarne con gli amici etc ..idem con gli album, ascoltarsi ill comunication per mesi/anni in attesa del nuovo, conoscere un album a memoria ..spulciarselo..beccarsi le delusioni quando l'album dopo non rispetta le aspettative, rivalutarlo e apprezzarlo quasi due decenni dopo ..etc.. si crea un altro rapporto.

Ovvio che non è colpa loro il fatto di essere nati in un altro periodo :)..sia mai, meglio tre in più che li conoscono che non...era solo una considerazione generale sullo "scoprire in ritardo"

Io capisco il tuo discorso, ma come la mettiamo con Beatles, Led, Doors e Jimi? Oppure Kubrick, Bergman e Fellini? Kerouac, Capote e Camus?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

righe penso che sarà comunque e sempre un'esperienza differente da chi ha vissuto in diretta le rivoluzioni che tutti questi mostri sacri hanno portato, penso che la frase "dovevi essere li per potere capirlo" abbia il suo significato... come vedere i queen a wembley o guardare il concerto in blu ray, o la bombe che mollava picasso rispetto all'epoca in cui viveva, guardare per la prima volta pulp fiction e lock and stock in quel panorma cinematografico o vederli oggi quando perfino gli spot del deodorante o della opel nuova di turno usano linguaggi e montaggi cinematografici simili, giocare ad un "the secret Monkey island" nei primi anni 90etc. Poi esistono media che hanno una fruibilità più lenta una durabilità del messaggio ,della forma etc. ma diventerebbe un discorso complicatissimo ...quindi la riassumo di nuovo con un classico "dovevi esserci per capirlo" :P

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Sì, il discorso è complicato e fuori tema, finisco brevemente.

Sono d'accordo, un conto è vivere il periodo un altro è scoprirlo dopo, ma la differenza è tutta lì ed è personale, questione di emozioni.

Si può capire tutto invece, possiamo capire l'importanza di Ezechiele 25 17 e di Guybrush anche adesso, nessuno discute il loro valore.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.