Jump to content

Colnago stacca ultima in discesa


frank87
 Share

Recommended Posts

per gli amanti delle novità... ci ho pensato tempo fà a freni migliori (a disco) per le bdc e stasera cosa mi becco.... Colnago ci prova.

Link to comment
Share on other sites

Magari tra 10 anni non se ne potrà fare a meno, ma per ora su strada non mi è ancora capitato di portare al limite dei freni a pattino, almeno sull'asciutto. E poi già che mettono un disco non è un po' poco 140? Almeno davanti ci starebbe un 160 come si fa in XC.

Link to comment
Share on other sites

per gli amanti delle novità... ci ho pensato tempo fà a freni migliori (a disco) per le bdc e stasera cosa mi becco.... Colnago ci prova.

E io conosco chi si è occupato di quel progetto ;-)

Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

sono d'accordissimo, ma son sicuro che per molti altri prodotti, spingeranno a livello di marketing per farceli comprare! basterà che qualche pro inizia ad usarli e ne vedremo delle belle

Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

....e la mia amata SRAM :-)

Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

sono d'accordissimo, ma son sicuro che per molti altri prodotti, spingeranno a livello di marketing per farceli comprare! basterà che qualche pro inizia ad usarli e ne vedremo delle belle

Su strada ci sarà prima da convincere l'UCI,ma lì bastano gli $$

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

sono d'accordissimo, ma son sicuro che per molti altri prodotti, spingeranno a livello di marketing per farceli comprare! basterà che qualche pro inizia ad usarli e ne vedremo delle belle

Su strada ci sarà prima da convincere l'UCI,ma lì bastano gli $$

mi sa che stanno già cambiando il regolamento, avevo letto qualcosa in giro, anche se già nel regolamento della uci non si fa un riferimento esplicito al fatto che i freni a disco siano banditi, anzi, lo lessi poco tempo fa e non ci sono vincoli particolari!

Edited by fra78s (see edit history)
Link to comment
Share on other sites

io delle centinaia (fortunato eh...) di persone che conosco che vanno in bici da corsa ne salvo al massimo 4-5 che sanno frenare come dio comanda in discesa... quindi se tutti già sapessero sfruttare le potenzialità dei classici caliper tutto ciò non sarebbe necessario.

(al contrario in mtb dove in molte occasioni il disco è essenziale)

penso che i freni a disco siano un tentativo di sopperire al neo dei cerchi in carbonio di essere una merda al formaggio sul bagnato! l'unico neo che in discesa si dovrà adottare una guida diversa peri l trasferimento dei carichi ed a mio parere l'uso di copertoncini più grandi almeno da 25 (che non pregiudicano la scorrevolezza ma che permettono di avere un impronta un pelo più grossa a terra)!

la modulabilitùà dei freni a disco è infinità rispetto ad un tradizionale caliper!

beh, se la metti così sono d'accordissimo....soprattutto su modulabilità/bagnato+carbonella

ora tocca convincere tutti i produttori a fare dei mozzi da corsa leggeri robusti e progettati per avere il ragnetto a 6 fori... qualche milioncino di investimenti in R&D e via andare... la strada è lunga ma non è detto che sia sbagliata.... vedo ovviamente il pole position aziende come la mia odiata shimano, che ha già tutta l'ingegnerizzazione fatta per i mozzi da mtb

....e la mia amata SRAM :-)

a pensarci bene anche fulcrum ha degli ottimi mozzi per mtb....

Link to comment
Share on other sites

Poco tempo fa avevo letto un test proprio su Cicloturismo e ne usciva un

esito, diciamo così, interlocutorio...

Quotando ciò che è stato detto da Riky e Franz, concordo sul fatto che poche persone

sappiamo davvero frenare in discesa (me compreso tra i NON capaci), e la citata maggior

modulabilità non può far altro che aiutare proprio la gran massa di NON capaci.

Del resto si tende in ogni campo a proporre prodotti sempre più "user friendly" quando non

addirittura a "prova di pirla"

Ovviamente, come segnalato da Franz, va tenuta in considerazione una delle primarie necessità

di marketing nel proporre sempre qualcosa di nuovo, possibilmente inutile. Considerando che non

ci sono grandissime novità in vista, i freni a disco potrebbero dare quella spinta in più alle vendite.

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

io la vedo come una buona cosa, non voglio fare il pavone, ma credo di essere uno che in discesa spinge abbastanza, e il limite dei cerchi in carbonio con relativi pattini in staccata lo sento tutto. sono molto, molto, molto curioso di provarla in qualche modo.

Link to comment
Share on other sites

Quindi poi litighiamo tra chi mette il disco sl davanti e chi e' bremboless?

Tu vedrai che poi mettere il freno davanti farà figo....sicuro, è questione di tempo.

A me comunque un bel disco davanti in città non dispiacerebbe. Non tanto per la potenza , quanto per lo sforzo minimo richiesto per avere frenate belle decise...è sempre una goduria andare con il disco:)

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .