Jump to content

Mario Confente


frederaic
 Share

Recommended Posts

Ciao ragazzi ho assolutamente bisogno di un consiglio.

Per qualche strano giro che non vi sto a spiegare ho la possibilità di entrare in possesso di una bicicletta Mario Confente in condizioni non troppo buone a livello di verniciatura (ancora l'originale) e decalcomanie , ma perfetta a livello componentistico (monta tutti i pezzi probabilmente originali del tempo "campagnolo") la cifra da sborsare sono "solo" 500 euro.

L' unica cosa che mi frena è il fatto che facendola riverniciare e rifare le decalcomanie possa perdere il suo valore.

che faccio? la prendo?...

Link to comment
Share on other sites

Momento, momento!

Sei certo sia una Confente?!

Ce ne sono poco più di un centinaio da strada e quelle pista praticamente si contano sulle dita delle mani!

Improbabile a 500€, sappi che spesso vengono proposte delle Colner spacciate come Confente.

Per una Colner non sarebbero poi così ben spesi.....

Se il restauro è ben fatto non raggiungerai le quotazioni di un conservato in ottimo stato ma ci arriverai abbastanza vicino!

Inoltre si narra che non siano nulla di particolarmente fantastico come si potrebbe pensare dai prezzi, che sarebbero così alti a causa della speculazione di due collezionisti che le hanno "pompate" a tal modo da farle diventare forse il marchio più blasonato e ricercato!

  • Like 3
Link to comment
Share on other sites

sono quasi sicuro non sia una colner ci avevo pensato anchio, la cosa che mi da certezza è l apertura a picche sotto il movimento del pedale che la colner non faceva.... in settimana la prendo !

coi primi interventi vedrò di mettere foto in modo che mi ossiate dire i vostri pareri!

bella regaz

Link to comment
Share on other sites

sono quasi sicuro non sia una colner ci avevo pensato anchio, la cosa che mi da certezza è l apertura a picche sotto il movimento del pedale che la colner non faceva.... in settimana la prendo !

coi primi interventi vedrò di mettere foto in modo che mi ossiate dire i vostri pareri!

bella regaz

Meglio mettere una foto prima di prenderla, perchè qui sento aria di brutte sorprese.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

sono quasi sicuro non sia una colner ci avevo pensato anchio, la cosa che mi da certezza è l apertura a picche sotto il movimento del pedale che la colner non faceva.... in settimana la prendo !

coi primi interventi vedrò di mettere foto in modo che mi ossiate dire i vostri pareri!

bella regaz

Meglio mettere una foto prima di prenderla, perchè qui sento aria di brutte sorprese.

Credo anch'io perchè:

1) in totale le bici a marchio Confente (quindi non Masi) sono solo 135 (11 pista)

2) se ben ricordo, Confente aprì il suo laboratorio a Los Angeles, dopo l'esperienza

con Masi America, per cui credo che la maggior parte delle bici siano in US, a parte

quelle vendute a collezionisti in seguito. E ovviamente queste ultime non credo che

vengano rivendute per 500 Euro.

3) Sul fatto che le sue bici non siano nulla di particolarmente fantastico, non posso

esprimermi perchè non ho mai avuto la fortuna di provarne una. So che la Masi

fatta in US da Confente che ho brevemente avuto e svenduto (porco.....) non

era nulla di favoloso rispetto ad altri telai di pari livello. Pero' appunto, era Masi

non Confente.

Link to comment
Share on other sites

Momento, momento!

Sei certo sia una Confente?!

Ce ne sono poco più di un centinaio da strada e quelle pista praticamente si contano sulle dita delle mani!

Improbabile a 500€, sappi che spesso vengono proposte delle Colner spacciate come Confente.

Per una Colner non sarebbero poi così ben spesi.....

Se il restauro è ben fatto non raggiungerai le quotazioni di un conservato in ottimo stato ma ci arriverai abbastanza vicino!

Inoltre si narra che non siano nulla di particolarmente fantastico come si potrebbe pensare dai prezzi, che sarebbero così alti a causa della speculazione di due collezionisti che le hanno "pompate" a tal modo da farle diventare forse il marchio più blasonato e ricercato!

Quoto in pieno...inoltre sottolineo la seconda parte: credo che agli ammerrigani, invidiosi un po' come i jappi dei nostri Maestri telaisti, avendone uno italiano con un bel curriculum, che aveva scelto l'America come patria, e che per giunta è morto anzitempo (ricorda un po' Jimi, Janis e Jim!) ne hanno fatto un po' un mito trascendente della telaistica...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Momento, momento!

Sei certo sia una Confente?!

Ce ne sono poco più di un centinaio da strada e quelle pista praticamente si contano sulle dita delle mani!

Improbabile a 500€, sappi che spesso vengono proposte delle Colner spacciate come Confente.

Per una Colner non sarebbero poi così ben spesi.....

Se il restauro è ben fatto non raggiungerai le quotazioni di un conservato in ottimo stato ma ci arriverai abbastanza vicino!

Inoltre si narra che non siano nulla di particolarmente fantastico come si potrebbe pensare dai prezzi, che sarebbero così alti a causa della speculazione di due collezionisti che le hanno "pompate" a tal modo da farle diventare forse il marchio più blasonato e ricercato!

Quoto in pieno...inoltre sottolineo la seconda parte: credo che agli ammerrigani, invidiosi un po' come i jappi dei nostri Maestri telaisti, avendone uno italiano con un bel curriculum, che aveva scelto l'America come patria, e che per giunta è morto anzitempo (ricorda un po' Jimi, Janis e Jim!) ne hanno fatto un po' un mito trascendente della telaistica...

Masi USA è stato uno dei primi marchi "commerciali e speculativi" per così dire, in cui si usava il nome di uno che non c'entrava, e c'erano vari saldatori (quindi non sempre Confente). Inoltre, Masi USA ha prodotto per un po' anche dopo la morte di Confente.

Link to comment
Share on other sites

Momento, momento!

Sei certo sia una Confente?!

Ce ne sono poco più di un centinaio da strada e quelle pista praticamente si contano sulle dita delle mani!

Improbabile a 500€, sappi che spesso vengono proposte delle Colner spacciate come Confente.

Per una Colner non sarebbero poi così ben spesi.....

Se il restauro è ben fatto non raggiungerai le quotazioni di un conservato in ottimo stato ma ci arriverai abbastanza vicino!

Inoltre si narra che non siano nulla di particolarmente fantastico come si potrebbe pensare dai prezzi, che sarebbero così alti a causa della speculazione di due collezionisti che le hanno "pompate" a tal modo da farle diventare forse il marchio più blasonato e ricercato!

Quoto in pieno...inoltre sottolineo la seconda parte: credo che agli ammerrigani, invidiosi un po' come i jappi dei nostri Maestri telaisti, avendone uno italiano con un bel curriculum, che aveva scelto l'America come patria, e che per giunta è morto anzitempo (ricorda un po' Jimi, Janis e Jim!) ne hanno fatto un po' un mito trascendente della telaistica...

Masi USA è stato uno dei primi marchi "commerciali e speculativi" per così dire, in cui si usava il nome di uno che non c'entrava, e c'erano vari saldatori (quindi non sempre Confente). Inoltre, Masi USA ha prodotto per un po' anche dopo la morte di Confente.

Io non parlavo di Confente in quanto telaista di Masi USA, ma di telaista a nome proprio

Bless

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Momento, momento!

Sei certo sia una Confente?!

Ce ne sono poco più di un centinaio da strada e quelle pista praticamente si contano sulle dita delle mani!

Improbabile a 500€, sappi che spesso vengono proposte delle Colner spacciate come Confente.

Per una Colner non sarebbero poi così ben spesi.....

Se il restauro è ben fatto non raggiungerai le quotazioni di un conservato in ottimo stato ma ci arriverai abbastanza vicino!

Inoltre si narra che non siano nulla di particolarmente fantastico come si potrebbe pensare dai prezzi, che sarebbero così alti a causa della speculazione di due collezionisti che le hanno "pompate" a tal modo da farle diventare forse il marchio più blasonato e ricercato!

Quoto in pieno...inoltre sottolineo la seconda parte: credo che agli ammerrigani, invidiosi un po' come i jappi dei nostri Maestri telaisti, avendone uno italiano con un bel curriculum, che aveva scelto l'America come patria, e che per giunta è morto anzitempo (ricorda un po' Jimi, Janis e Jim!) ne hanno fatto un po' un mito trascendente della telaistica...

Masi USA è stato uno dei primi marchi "commerciali e speculativi" per così dire, in cui si usava il nome di uno che non c'entrava, e c'erano vari saldatori (quindi non sempre Confente). Inoltre, Masi USA ha prodotto per un po' anche dopo la morte di Confente.

Io non parlavo di Confente in quanto telaista di Masi USA, ma di telaista a nome proprio

Bless

Allora hai perettamente ragione, scusa.

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .