Jump to content

Pherrill'o
 Share

Recommended Posts

Non sapevo dove postarlo, ma credo che la Caffetteria possa essere il suo posto (o foto/eventi boh).

Timm Kölln è un fotografo con la passione della bici.

Collabora da un pò di tempo con la testata Rouleur.

Vive e lavora a Berlino e tra una roba e l'altra mi ci sono trovato a contatto nei giorni scorsi.

Qui il suo sito con alcuni dei suoi lavori:

Uno editoriale che mi ha lasciato senza fiato è THE PELOTON che vi consiglio di vedere:

peloton_quote1.jpg

è la raccolta di una serie di ritratti scattati ai ciclisti all'arrivo di questa gara, appunto la peloton Road Race.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

sempre un passo avanti angelino!

ma quindi qual è il fotografo preferito dal mio fotografo preferito? :-D

Link to comment
Share on other sites

sempre un passo avanti angelino!

ma quindi qual è il fotografo preferito dal mio fotografo preferito? :-D

non ce ne uno in assoluto. diciamo che se andiamo per generi ci sono quelli che hanno dato una svolta:

per la street photography rimane e rimarrà sempre il genio di Garry Winogrand

per la fotografia paesaggistica e la stampa di precisione (senza di lui col cazzo che usavate Photoshop) la grandezza di Ansel Adams

la ritrattististica la affido alle mani di Richard Avedon

l'evoluzione dell'immagine con la ricerca del soggetto al centro è senza dubbio affidata a William Egglestoon

l'advertising più leggera, classica ma d'impatto è nelle mani di Bruce Weber

il passo avanti con la luce artificiale senza colpo ferire Wegee...

...e potrei continuare per ore.

Link to comment
Share on other sites

sempre un passo avanti angelino! ma quindi qual è il fotografo preferito dal mio fotografo preferito? :-D
non ce ne uno in assoluto. diciamo che se andiamo per generi ci sono quelli che hanno dato una svolta: per la street photography rimane e rimarrà sempre il genio di Garry Winogrand per la fotografia paesaggistica e la stampa di precisione (senza di lui col cazzo che usavate Photoshop) la grandezza di Ansel Adams la ritrattististica la affido alle mani di Richard Avedon l'evoluzione dell'immagine con la ricerca del soggetto al centro è senza dubbio affidata a William Egglestoon l'advertising più leggera, classica ma d'impatto è nelle mani di Bruce Weber il passo avanti con la luce artificiale senza colpo ferire Wegee... ...e potrei continuare per ore.

ne so pochissimo, ma condivido tutto quello che hai scritto su Ansel Adams...

Link to comment
Share on other sites

Ormai mitico ritrattista dei corridori moderni.....il suo stile piace ed è assolutamente scenografico il giusto per far entrare tutti nella categoria degli eroi....ricordo quando un anno fa sfogliammo il suo libro a Berlino al negozio Pasculli!

Link to comment
Share on other sites

Ormai mitico ritrattista dei corridori moderni.....il suo stile piace ed è assolutamente scenografico il giusto per far entrare tutti nella categoria degli eroi....ricordo quando un anno fa sfogliammo il suo libro a Berlino al negozio Pasculli!

beh, di sicuro è un bravo fotografo, non c'è che dire ed i suoi lavori lo dicono da soli.

i ritratti del libro sono stati comunque enfatizzati molto dal contrasto che rende più rude e cruda l'immagine.

me ne sono reso conto riguardando le foto del libro a casa con calma.

Link to comment
Share on other sites

sempre un passo avanti angelino!

ma quindi qual è il fotografo preferito dal mio fotografo preferito? :-D

non ce ne uno in assoluto. diciamo che se andiamo per generi ci sono quelli che hanno dato una svolta:

per la street photography rimane e rimarrà sempre il genio di Garry Winogrand

per la fotografia paesaggistica e la stampa di precisione (senza di lui col cazzo che usavate Photoshop) la grandezza di Ansel Adams

la ritrattististica la affido alle mani di Richard Avedon

l'evoluzione dell'immagine con la ricerca del soggetto al centro è senza dubbio affidata a William Egglestoon

l'advertising più leggera, classica ma d'impatto è nelle mani di Bruce Weber

il passo avanti con la luce artificiale senza colpo ferire Wegee...

...e potrei continuare per ore.

Dimentichi Ector Baboden per la scenografia

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

SEEE!!! Un amico mi aveva parlato di questo libro tempo fa ma non si ricordava il titolo... era da mesi che lo cercavo! Grazie Phe'!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .