Jump to content

Punzonatura bici Bologna


 Share

Recommended Posts

Buongiorno a tutti!

Stamattina in sala borsa ho trovato questo opuscolo del comune di Bologna.

foto%202.jpg

Tra le altre informazioni più o meno utili (tipo piste ciclabili, ciclofficine, aste di biciclette...) ho trovato questo:

foto%20%281%29.JPG

Qualcuno ne sapeva nulla?

Secondo voi ne vale la pena?

Edited by Giango (see edit history)
  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

non si vedono le immagini, ma dal titolo della discussione immagino sia un tema piuttosto interessante. Non vivo a Bo, ma so che anche a Pisa il comune mette a disposizione di chiunque lo voglia un sistema di punzonatura del telaio e sto seriamente pensando di usufruirne.

Link to comment
Share on other sites

Interessante, molto interessante, credo che nei prossimi mercoledì andrò ad informarmi bene e nel caso poi a far marchiare le mie bighe.

Edited by Pier (see edit history)
Link to comment
Share on other sites

E' sicuramente una cosa positiva ma il fatto che ogni comune decida di adottare un sistema a sè serve a poco, se non per dare una parvenza di proprietà ufficiale alla bici. Stiamo lavorando per riuscire a creare un sistema unico in tutta Italia collaborando con chi già lo fornisce, per far si che chiunque (cittadini, FdO, alle frontiere) possa controllare lo stato di una bicicletta

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

E' sicuramente una cosa positiva ma il fatto che ogni comune decida di adottare un sistema a sè serve a poco, se non per dare una parvenza di proprietà ufficiale alla bici. Stiamo lavorando per riuscire a creare un sistema unico in tutta Italia collaborando con chi già lo fornisce, per far si che chiunque (cittadini, FdO, alle frontiere) possa controllare lo stato di una bicicletta

ecco, quello era proprio il mio cruccio: ok che vivo a pisa, ma mettiamo che mi sposti altrove con la bici (eventualmente fuori dalla provincia o dalla regione) anche per pochi giorni, e me la rubino; la punzonatura a quel punto è inutile, essendo fuori dal raggio di competenza del comune. Veramente lodevole che stiate cercando id creare una rete di riconoscimento nazionale, sarebbe un enorme passo in avanti.

Tra l'altro proprio oggi ho avuto l'amara delusione (poi sostituita da una punta di rabbia) di sapere di un'amica che ha appena comprato una bici rubata, sapendo che era rubata, a 20€ (facendosi dare molto furbamente dai ladri/venditori anche la catena di cui loro sicuramente avranno seconda, tripla,..., ennupla chiave), quando nel mio tentativo di dissuaderla da farlo gliene avevo trovata una (usatissima, è vero, ma funzionante) in un negozio a 30€. E' proprio vero che il problema dei ladri è negli stronzi, compresi i miei amici che lo fanno perché è una sorta di "tradizione universitaria" qui a pi, che continuano ad alimentare il mercato.

Link to comment
Share on other sites

E' sicuramente una cosa positiva ma il fatto che ogni comune decida di adottare un sistema a sè serve a poco, se non per dare una parvenza di proprietà ufficiale alla bici. Stiamo lavorando per riuscire a creare un sistema unico in tutta Italia collaborando con chi già lo fornisce, per far si che chiunque (cittadini, FdO, alle frontiere) possa controllare lo stato di una bicicletta

ecco, quello era proprio il mio cruccio: ok che vivo a pisa, ma mettiamo che mi sposti altrove con la bici (eventualmente fuori dalla provincia o dalla regione) anche per pochi giorni, e me la rubino; la punzonatura a quel punto è inutile, essendo fuori dal raggio di competenza del comune. Veramente lodevole che stiate cercando id creare una rete di riconoscimento nazionale, sarebbe un enorme passo in avanti.

Tra l'altro proprio oggi ho avuto l'amara delusione (poi sostituita da una punta di rabbia) di sapere di un'amica che ha appena comprato una bici rubata, sapendo che era rubata, a 20€ (facendosi dare molto furbamente dai ladri/venditori anche la catena di cui loro sicuramente avranno seconda, tripla,..., ennupla chiave), quando nel mio tentativo di dissuaderla da farlo gliene avevo trovata una (usatissima, è vero, ma funzionante) in un negozio a 30€. E' proprio vero che il problema dei ladri è negli stronzi, compresi i miei amici che lo fanno perché è una sorta di "tradizione universitaria" qui a pi, che continuano ad alimentare il mercato.

cavolo me la sono presa a male per te...che tristezza.

Molta poca stima per questa gente, non riescono a vedere più in là del loro naso.

Poi se li interroghi sulla loro onestà non hanno dubbi: più che onesti, loro certe cose non le fanno.

Link to comment
Share on other sites

E' sicuramente una cosa positiva ma il fatto che ogni comune decida di adottare un sistema a sè serve a poco, se non per dare una parvenza di proprietà ufficiale alla bici. Stiamo lavorando per riuscire a creare un sistema unico in tutta Italia collaborando con chi già lo fornisce, per far si che chiunque (cittadini, FdO, alle frontiere) possa controllare lo stato di una bicicletta

ecco, quello era proprio il mio cruccio: ok che vivo a pisa, ma mettiamo che mi sposti altrove con la bici (eventualmente fuori dalla provincia o dalla regione) anche per pochi giorni, e me la rubino; la punzonatura a quel punto è inutile, essendo fuori dal raggio di competenza del comune. Veramente lodevole che stiate cercando id creare una rete di riconoscimento nazionale, sarebbe un enorme passo in avanti.

Tra l'altro proprio oggi ho avuto l'amara delusione (poi sostituita da una punta di rabbia) di sapere di un'amica che ha appena comprato una bici rubata, sapendo che era rubata, a 20€ (facendosi dare molto furbamente dai ladri/venditori anche la catena di cui loro sicuramente avranno seconda, tripla,..., ennupla chiave), quando nel mio tentativo di dissuaderla da farlo gliene avevo trovata una (usatissima, è vero, ma funzionante) in un negozio a 30€. E' proprio vero che il problema dei ladri è negli stronzi, compresi i miei amici che lo fanno perché è una sorta di "tradizione universitaria" qui a pi, che continuano ad alimentare il mercato.

cavolo me la sono presa a male per te...che tristezza.

Molta poca stima per questa gente, non riescono a vedere più in là del loro naso.

Poi se li interroghi sulla loro onestà non hanno dubbi: più che onesti, loro certe cose non le fanno.

il bello è che il ragazzo, nonché mio coinquilino, l'ha portata a casa nostra e mi ha chiesto consiglio su come renderla meno riconoscibile, nonostante gli avessi riempito la testa di discorsi su come c'è tanta gente che sceglie la bici come unico mezzo di spostamento per una serie di ragioni non banali, e (per rientrare in topic) mi ha chiesto di aiutarlo a vedere se era punzonata. L'ho sperato con tutto me stesso e non mi sono sentito per niente cattivo nel farlo, nonostante si tratti di amici.

Link to comment
Share on other sites

  • 2 years later...

che qualcuno sappia, non esiste una sorta di registro certificato dalla questura, piuttosto che da altri, che contenga i numeri di telaio, le caratteristiche ed i dati del proprietario?

 

da modificare gratuitamente in caso di vendita o cessione...

  • Like 1
Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .