Jump to content

che ci trovate di particolare nell'acciaio?


francesco77
 Share

Recommended Posts

Richard e ìManin, avete centrato il punto. Uno lancia un tema di discussione e a quel punto chi sa qualcosa racconta le proprie esperienze. Invece tocca ascoltare gente che lancia la discussione per imporre la propria opinione (nessun riferimento a Francesco, è un discorso generale), e se qualcuno poi la confuta in base a fatti si scatena il flame. Oppure arriva il fenomeno che ti dice "no, no meglio l'alluminio: io avevo un vecchio risciò comprato a Bombay: l'ho lasciato due mesi sotto la pioggia, poi quando l'ho usato per provarlo sul pavè (quello che va da P.za L'U-Lock al Telaio a Via il Freno dal Tandem) era tutto arrugginito, torceva di bestia e alla fine mi si è pure spaccato. Invece ho provato il mio Vigorelli al velodromo di Vivalafiga e va da Dio: rigido e reattivo!... No, no, meglio l'alluminio..."

E allora hai stravinto!.....

p.s.: qualcuno s'è mai chiesto ad esempio perchè l'acciaio è garantito e l'alluminio no?! Sfogliando certi contratti pro ne scoprireste delle belle......

è giusto intervenire e rispondere. personalmente non mi interessa "lanciare una discussione" con tutto ciò che segue (in senso negativo, dell'interpretare aver aperto un simile 3d). è che io sono nuovo della fissa ed ho notato che l'acciaio dilaga in questo genere mentre in altri bdc in testa l'alluminio la fa da padrone (adesso col carbone che a me non piace per niente ma anche quì sarebbero opinioni e congetture personali).

mi interessava lanciare questo dibattito per il semplice motivo che ho sempre correlato la fissa ad un modo bruciante di pedalare, a una risposta secca e ad una rigidità che trovo più caratteristica dell'alluminio.

concludendo vi dirò di più e magari mi inemicherò qualcuno, a me l'acciaio sta proprio sulle scatole, lo reputo un materiale anteguerra inutile sul bitume, un materiale rilanciato dalle mode visto che oramai è stato fatto tutto allora si rilancia il vintage ma dal punto di vista meccanico per me una cagata ma le opinioni seppur errate e personali è bello metterle a confronto, magari si impara qualcosa.

ps: vorrei partecipare più attivamente al forum specie a discussioni come questa ma il lavoro e gli altri impegni non me lo consentono sempre.

spero di non aver toccato nessuno, siete tutti davvero simpaticissimi e preparati e mi piace molto questo forum.

F

Link to comment
Share on other sites

siete tutti davvero simpaticissimi e preparati e mi piace molto questo forum.

F

e tu piaci a questo forum!

Link to comment
Share on other sites

mi interessava lanciare questo dibattito per il semplice motivo che ho sempre correlato la fissa ad un modo bruciante di pedalare, a una risposta secca e ad una rigidità che trovo più caratteristica dell'alluminio.

concludendo vi dirò di più e magari mi inemicherò qualcuno, a me l'acciaio sta proprio sulle scatole, lo reputo un materiale anteguerra inutile sul bitume, un materiale rilanciato dalle mode visto che oramai è stato fatto tutto allora si rilancia il vintage ma dal punto di vista meccanico per me una cagata ma le opinioni seppur errate e personali è bello metterle a confronto, magari si impara qualcosa.

ps: vorrei partecipare più attivamente al forum specie a discussioni come questa ma il lavoro e gli altri impegni non me lo consentono sempre.

spero di non aver toccato nessuno, siete tutti davvero simpaticissimi e preparati e mi piace molto questo forum.

F

Ah, ma allora ti stà sulle balle quella che è diventata l'immagine dell'acciaio, non l'acciaio in sè!

Dovresti approfondire un po' l'argomento e capiresti che quella che tu chiami "cagata", proprio non lo è.

L'acciaio nel mondo della bicicletta ha subito moltissime innovazioni negli ultimi 25 anni anni, da quando Alberto Masi si inventò la Volumetrica 3V. Fu la prima bici (di massa, di sicuro qualcuno c'aveva pensato prima, come sempre nel mondo della bici, per TUTTE le cose) con tubazioni diverse dal 28.6-28.6-25.4 che è la bibbia di tutti i telaisti che hanno lavorato con le congiunzioni.

Più o meno contemporeamente ci fu l'introduzione del TIG, che ebbe Stelio Belletti (Stelbel) come precursore e Dario Pegoretti come sommo maestro. Da qui si aprì un nuovo mondo: non c'era più la limitazione delle congiunzioni nello scegliere tubi, giunzioni e quant'altro. Pegoretti di suo ha fatto un telaio fra quelli che uno come prima o poi possederà: il Pinarello Radius. L'obliquo, presso la congiunzione dello sterzo, cambiava spessore (ingrossato) con una sezione sull'ovale se non erro. A cosa servisse è intuitivo immaginarlo, ma se volete notizie più precise e tecniche chiedo a Dario.

Negli anni '90 i fratelli Scapin proposero a spada tratta l'acciaio al TIG quando il mercato chiedeva alluminio. Sono bici bellissime e i cui utilizzatori non hanno mai invidiato le caratteristiche dell'alluminio. Bici che hanno sfatato il mito dell'acciaio come "materiale pesante"...

In mezzo a tutto questo ho dimenticato il Master, che (sempre con le premesse fatte per la bici di Masi) fu il primo telaio a tubazioni non tonde (od ovali se vogliamo). La trafilatura a freddo introdotta da Ernesto Colnago nel mondo del ciclismo (idem) diede vite alle famose tubazioni a sezione stellare. Ne risultò una bici scattante, nervosa, rigida, che nel 1983 era assolutamente all'avanguardia. Ed è ancora uno dei migliori telai in acciaio, con qualche modifica, dopo 25 anni abbondanti.

Ora, negli anni 2000, la nuova frontiera (anzi, la nuova realtà!) è l'XCr, cioè l'acciaio inossidabile. Maggiore resistenza delle tubazioni, quindi spessori ancora più risicati e pesi ridotti. Il peso è del tutto paragonabile a quello di un alluminio. La resistenza nel tempo e alla corrosione senza ombra di dubbio superiore. La finitura superficiale è del tutto analoga a quella del titanio, pur con un'altra tonalità di colore.

Prendi fra le mani (o sotto il sedere, che è meglio) un Cinelli XCr, un Pegoretti Responsorium, e se poi mi dici che è un mezzo dell'anteguerra io prendo tutte le mie bici in acciaio e le porto in fonderia personalmente.

Link to comment
Share on other sites

io vendo un colnago master, siccome è una bomba...se lo volete...fateme sape'...

p.s. - lanerossi sapevo che eri uno competente ma con questo messaggio hai dimostrato di essere uno davvero valido nel settore, complimenti!

Link to comment
Share on other sites

Avevo un telaio DaBomb xlr8r che ho venduto ed ho trasferito TUTTO su un telaio On-One, di diverso ci sono le manopole e gli spessori dell'attacco manubrio e il reggisella. Geometria diversa a parte, la mia caviglia destra ha riscontrato che il telaio è più "morbido", trasmette meno vibrazioni ed smorza meglio i colpi. E' meno sincero di quello in Al che era una preciso e tagliante come una lama....

già ma l'XLR8 è una macchina da 4X, mentre l'OnOne da XC

Il Vigorelli e in Dazzan per un certo periodo sono stati montati piuttosto simili, stessa guarnitura e ruote compatibili; le differenze?

Che il Vigorelli era nervoso dietro e tutto sommato la forca in carbon ammortizzava in certa misura il pavè, il Dazzan era morbido tutto, tra i 2 preferisco il feeling del Vigorelli, la cosa che più mi da fastidio del Dazzan però non è l'acciaio, ma l'attacco a gambo da 1" che flette troppo secondo i miei gusti

Link to comment
Share on other sites

quote="francesco77"

"è giusto intervenire e rispondere. personalmente non mi interessa "lanciare una discussione" con tutto ciò che segue (in senso negativo, dell'interpretare aver aperto un simile 3d). "

Guarda che "lanciare una discussione" e "scatenare una lite" sono due cose diverse...

"mi interessava lanciare questo dibattito per il semplice motivo che ho sempre correlato la fissa ad un modo bruciante di pedalare, a una risposta secca e ad una rigidità che trovo più caratteristica dell'alluminio."

E questa è una semplificazione imprecisa, come ha spiegato Lanerossi...

"concludendo vi dirò di più e magari mi inemicherò qualcuno, a me l'acciaio sta proprio sulle scatole"

I gusti sono come il buco del culo, ognuno ha il suo.....

"lo reputo un materiale anteguerra inutile sul bitume"

Dio, perdonalo perchè non sa quel che dice...

"un materiale rilanciato dalle mode visto che oramai è stato fatto tutto allora si rilancia il vintage"

Si potrebbe anche esser d'accordo, ma allora ti avviso che se c'è un materiale che fa cagare (se proprio vogliamo scendere alle provocazioni da barsport...) ma viene lanciato per motivi commerciali è proprio l'alluminio. Che in teoria potrebbe spezzarsi da un momento all'altro solo per una scissione molecolare, che infatti non viene garantito, che le squadre pro usano solo perchè vien loro regalato dallo sponsor tecnico, etc...

"ma dal punto di vista meccanico per me una cagata"

Zeus, metti giù quel fulmine, su! Ci parlo io con Francesco, tranquillo.....anche tu Vulcano, posa quel martello per piacere!...

"spero di non aver toccato nessuno"

Qua no, ma non scriver certe cose su ciclistica.it perchè il Reverendo potrebbe scomunicarti.....

p.s.: "...dove ci son tanti camionisti, è lì che si mangia bene!..."

Link to comment
Share on other sites

dane ti devo fare una rivelazione.il reverendo ha peccato:ha detto che subisce un forte fascino da parte dei telai giant in carbonio.

ormai anche l'ultimo balurado è crollato

Link to comment
Share on other sites

dane ti devo fare una rivelazione.il reverendo ha peccato:ha detto che subisce un forte fascino da parte dei telai giant in carbonio.

ormai anche l'ultimo balurado è crollato

Potrebbe anche piacergli qualche telaio in alluminio, se è per quello. Anche a me non dispiacciono (per non parlar del carbonio: il Cougar della Corima per me è il miglior telaio pista della storia...), ma un conto è apprezzare tutto e poi scegliere a seconda delle esigenze e un conto è bestemmiare...... :-D

Link to comment
Share on other sites

boh,a me piacciono tutt'e tre. Ho la bdc alluminio e carbonio, la tourer pure.

Confesso però che il massimo piacere viene dalla special di Vitali, acciaio del '76, campionato italiano.

E la bici dei miei sogni è una rockandride di Gordon Bruce, d'acciaio.

Ho, non chiederemo mica parcheggi separati! (che tanto non si trova a pagarlo oro...)

rm

Link to comment
Share on other sites

Io nonostante abbia 2 biciclette in Al,scelta dettata dalle caratteristiche meccaniche rapportate al prezzo,preferisco,dal punto di vista "estetico" l'acciaio.

Secondo me sono fantastiche le biciclette da Keirin con il loro minimalismo tipicamente giapponese.

Altrimenti l'acciaio italiano,ma quello non dei fighetti che fanno i telai alla moda...

Link to comment
Share on other sites

è giusto intervenire e rispondere. personalmente non mi interessa "lanciare una discussione" con tutto ciò che segue (in senso negativo, dell'interpretare aver aperto un simile 3d). è che io sono nuovo della fissa ed ho notato che l'acciaio dilaga in questo genere mentre in altri bdc in testa l'alluminio la fa da padrone (adesso col carbone che a me non piace per niente ma anche quì sarebbero opinioni e congetture personali).

mi interessava lanciare questo dibattito per il semplice motivo che ho sempre correlato la fissa ad un modo bruciante di pedalare, a una risposta secca e ad una rigidità che trovo più caratteristica dell'alluminio.

concludendo vi dirò di più e magari mi inemicherò qualcuno, a me l'acciaio sta proprio sulle scatole, lo reputo un materiale anteguerra inutile sul bitume, un materiale rilanciato dalle mode visto che oramai è stato fatto tutto allora si rilancia il vintage ma dal punto di vista meccanico per me una cagata ma le opinioni seppur errate e personali è bello metterle a confronto, magari si impara qualcosa.

ps: vorrei partecipare più attivamente al forum specie a discussioni come questa ma il lavoro e gli altri impegni non me lo consentono sempre.

spero di non aver toccato nessuno, siete tutti davvero simpaticissimi e preparati e mi piace molto questo forum.

F

Link to comment
Share on other sites

MAteriale rilanciato dalle mode?L acciaio ce sempre stato,e ora e' piu popolare che mai,forse in italia non sara popolarissimo(ma sta cambiando)ma in Europa e USA,ha la sua "bella"(crescente) fetta di fedeli.

Il fattore moda degli ultimi anni è innegabile

L'acciaio c'è sempre stato, ma fino a 3-4 anni fa praticamente tutti i grossi l'avevano bellamente tolto dal catalogo e tutte le bici di serie erano in alluminio e carbonio, solo i piccoli continuavano a spingere l'acciaio.

Poi qualche anno fa è "tornato di moda" e ora molti hanno modelli in acciaio anche nelle bici da corsa.

2-3 anni fa una bici come la Colnago Super o la Olmo Biciclissima (ss-fixed in salsa vintage) sarebbero state ridicole, ora sono perfettamente normali

Link to comment
Share on other sites

L'acciaio è una moda vintage come i vestiti su misura, ma l'alluminio è un bombardamento commerciale come l'ultimo modello di suv.....

p.s.: "Ai miei tempi ci si divertiva con niente!".....

Link to comment
Share on other sites

L'acciaio è una moda vintage come i vestiti su misura, ma l'alluminio è un bombardamento commerciale come l'ultimo modello di suv.....

p.s.: "Ai miei tempi ci si divertiva con niente!".....

:)

crudo ma vero!

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .