Jump to content

Incrocio in terza o quarta


Giorgio Casale
 Share

Recommended Posts

Devo montare un set di ruote con mozzi campagnolo pista vintage 36f e cerchi Nisi speciale pista. Da un amico mi e stato consigliato il montaggio in quarta e non in terza... Andrebbe bene o meglio che in terza? Meglio in terza? Se si o no perché??

Link to comment
Share on other sites

Con il montaggio in quarta i raggi sono più inclinati, quasi tangenti al mozzo e garantiscono la massima rigidità torsionale alla ruota. Si può fare anche con la flangia bassa, con qualche difficoltà di sovrapposizione dei raggi, mentre con la flangia alta è la soluzione ideale.

Il montaggio in terza è meno rigido torsionalmente ma di più lateralmente.

Ho visto buone ruote in terza ed in quarta, io direi di fare "per tradizione" in terza se sono a flangia bassa, in quarta se sono a flangia alta.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

Dimenticavo: solo se a 36 fori vale il discorso sopra.

Teoricamente non si può raggiare 32 fori in quarta, in quanto ogni raggio va a coprire la testa del raggio successivo. Nonostante questo una coppia di 32 raggi in quarta li ho sulla mia fissa personale, il problema c'è, ma tengono botta. E' stata una delle mie prime coppie di ruote assemblate, vari anni fa.

  • Like 2
Link to comment
Share on other sites

GIo!!!se li fai in terza e trovi un telaista/ciclista coi cojoni e ti fai saldare gli incroci,faresti prorpio una sciccheria...

Link to comment
Share on other sites

Gio con la salda del briko li coli..i raggi vanno stagnati!

Link to comment
Share on other sites

Riporto da mtb-forum:

"Sulla saldatura dei raggi Jobst Brandt, autore di "The Bicycle wheel", ingegnere e "guru" del settore, sostiene che sia inutile: un esperimento condotto con due ruote identiche, una coi raggi saldati ed una no, sottoposte a carichi statici al banco hanno mostrato valori di rigidità sostanzialmente identici"

Link to comment
Share on other sites

Riporto da mtb-forum:

"Sulla saldatura dei raggi Jobst Brandt, autore di "The Bicycle wheel", ingegnere e "guru" del settore, sostiene che sia inutile: un esperimento condotto con due ruote identiche, una coi raggi saldati ed una no, sottoposte a carichi statici al banco hanno mostrato valori di rigidità sostanzialmente identici"

...la quale è anche la mia tesi, tuttavia un altro "guru" ruotista che rispetto moltissimo, Gerd SChraner, consiglia tale tecnica per evitare i "cigolii" dei raggi oltre che dare una ruota più "ferma".

Link to comment
Share on other sites

Join the conversation

You can post now and register later. If you have an account, sign in now to post with your account.

Guest
Reply to this topic...

×   Pasted as rich text.   Paste as plain text instead

  Only 75 emoji are allowed.

×   Your link has been automatically embedded.   Display as a link instead

×   Your previous content has been restored.   Clear editor

×   You cannot paste images directly. Upload or insert images from URL.

 Share

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×
×
  • Create New...

Important Information

By using this site, you agree to our Terms of Use. We have placed cookies on your device to help make this website better. You can adjust your cookie settings, otherwise we'll assume you're okay to continue. .