Search the Community

Showing results for tags 'cicloturismo'.



More search options

  • Search By Tags

    Type tags separated by commas.
  • Search By Author

Content Type


Forums

  • Fixed gear
    • Discussioni generali
    • Gallery
    • Eventi
    • Video e foto
    • Bici rubate e sistemi di sicurezza
  • Reparto tecnico
    • Consigli tecnici
    • Telai homemade, artigianato ciclistico e DIY
    • Novelli e wannabe fixed
    • Glossario della fissa
    • Recensioni e test
  • Discipline
    • Pista, velocità e allenamento
    • CX e gravel
    • Hill bombing e salite in fissa
    • Ciclismo eroico
    • Commuting e cicloturismo
    • Tricks
    • Bike polo
  • All around
    • Locals
    • Estero
  • Mercatino
    • Vendo
    • Cerco
    • Regalo
  • Off topic
    • Caffetteria
    • Presentazioni
    • Aiuti e segnalazione bug

Calendars

  • Calendario eventi
  • Criterium
  • CX / Gravel

Found 109 results

  1. Video

    Girando sul tubo mi sono battuto in questi due video spero Vi sia d'inspirazione come lo e stato per me. Buona visione
  2. ciao, ho un grosso dubbio da un po'. dato che volevo cambiare la mia specialized in acciaio da viaggio, perchè purtroppo mi è piccola, volevo approfittare per provare un telaio in alluminio per curiosità. il dubbio mi sorge quando sento o leggo che l' alluminio nel cicloturismo non va bene perchè facilmente deperibile. personalmente mi è capitato che un mio telaio Rauler del 2000 (quindi con i suoi annetti direi) montato corsa quest' anno abbia cominciato a creparsi sul tubo sterzo. la cosa che mi chiedo, è cosi facile che un telaio in alluminio nuovo o con anche solo 2/3 anni non vada gia più bene per il cicloturismo?
  3. Itinerari

    Buonasera come da titolo sto cercando degli itinerari da 2-4 giorni dormendo fuori con la tenda. Sono di Milano e alcune delle ciclabili qui attorno le ho percorse (Ticino, Adda, Lambro,Olona). Cercavo qualcosa di più "selvaggio" anche nei dintorni Piemonte e Veneto. Grazie e buone pedalate a tutti.
  4. My new commuter

    Ciao a tutti, sono nuovo del forum e scrivo per chiedere consigli per realizzare la mia commuter, sto cercando un portapacchi anteriore, qualcosa che si possa montare su un telaio da corsa quindi sprovvisto di appositi occhielli, qualcuno mi può aiutare?? Possibilmente non una cinesata ? Grazie!!
  5. Buongiorno! [DISCLAIMER: ci sono alte possibilità che i miei messaggi in questa discussione contengano incredibili sproloqui e foto di qualità imbarazzante, proseguite nella lettura a vostro rischio e pericolo, assumendovi tutte le responsabilità del caso] Essendomi da poco trasferito nella penisola iberica, più precisamente a Huelva (o "la Biella del sud della Spagna", come mi piace definirla), ho pensato che potrei radunare in questa discussione-rubrica aperiodica una serie di foto, divagazioni e considerazioni su quello che vedrò pedalando nel corso di questi mesi foraggiati dall'Unione Europea. Sì, magari suona un po' autocelebrativo, però la volontà è anche quella di far buttare un occhio su una parte di Spagna diversa da quella a cui si è normalmente portati a pensare quando si sente nominare questa monarchia cattolica. Sto parecchio lontano dalle conosciutissime Barcellona, Madrid e isole dello sballo, mentre disto giusto cento chilometri da Siviglia e potenzialmente da Cadice, anche se una cronica mancanza di infrastrutture e un enorme parco nazionale (che presto visiterò) mi obbligano a percorrere circa il doppio della distanza per raggiungere la meta dei surfisti. Insomma, vivo in una zona dell'Andalusia non troppo interessata dal turismo, se non da quello interno, che però ha una serie di posti (spotz) interessanti che cercherò di raggiungere con giri più o meno lunghi e qualche pernottamento randagio in giro. Viaggerò accompagnato dalla mia Olmo in versione fissa e talvolta da alcuni amici Erasmici, meno adusi all'utilizzo del velocipede, che però sto deviando gradualmente. Non si tratterà sempre né di medie inarrivabili né di distanze incredibili, sicuramente gente qui dentro copre chilometraggi maggiori allenandosi, ma qui si tratta di rifocillarsi di spirito (deviazione fricchettona) più che di consolidare i miei eternamente assenti quadricipiti. E passiamo ai fatti: dopo la prima scampagnata di una quarantina di chilometri in compagnia verso la costa atlantica e ritorno, ieri mi sono fatto il vuoto intorno proponendo una sgambata fino al Santuario de Nuestra Señora del Rocío, o la San Giovanni Rotondo spagnola, per mantenere sempre dei punti di riferimento culturali. Trattasi di un paesino che sembra stato strappato al FarWest, con strade in terra battuta, edifici bianchi e cavalli e calessi un po' ovunque, situato al limitare del Parque de Doñana, a quindici chilometri dalla costa e a sessantacinque chilometri da Huelva. A inizio estate si celebra una enorme processione con circa un milione di fedeli sudati che affollano le strade polverose del piccolo pueblito; mi è sembrato pertanto opportuno recarmi ai piedi della Vergine in un periodo religiosamente calmo dell'anno. All'andata sono uscito da Huelva attraversando la mostruosa zona lunare della raffineria, costeggiando virtualmente l'Oceano, tra pini marittimi e eucalipti, sulla tranquilla e sabbiosa A494 che attraversa Mazagón e Matalascañas. I paesi che si trovano lungo la strada, due appunto, e a venti chilometri l'uno dall'altro, sono rinomati per le spiagge e per aver dato i natali a dei miei amici, per cui l'enorme rettilineo che conduce ad una curva di novanta gradi verso l'interno è stato dominato essenzialmente dal profumo di eucalipto e dal sole a perpendicolo. Viro verso l'interno costeggiando il Parco di Doñana e all'improvviso dalla prateria emerge questa visione: Circumnavigo l'acquitrino antistante il santuario, coi cavalli al pascolo e le canne mosse dal vento (elemento che mi avrebbe dovuto far riflettere sulla scelta della strada per il ritorno), fino ad arrivare alla piazza centrale, in cui scatto un'immancabile foto di rito per rendere omaggio al mio fedele telaio ligure (e altre che vi risparmio) Il paese è pervaso dal profumo di carne grigliata e pesce fritto, per cui do una rapida occhiata alle taverne prima di appartarmi per mangiare banane e cereali Risolte le questioni turistico-burocratiche, è giunto il momento di pensare al rientro: posso affrontare la pianeggiante strada dell'andata, con un rassicurante vento a favore per almeno i primi quindici chilometri, o addentrarmi nell'interno, verso un minimo dislivello e con un vento contrario almeno all'inizio, anche se su un percorso di otto chilometri più corto rispetto alla prima parte. Senza dubbio decido di lanciarmi verso le colline con vigne, ulivi e paesini bianchi abbarbicati sui dolci declivi andalusi, e imbocco la A483 verso nord, lasciandomi alle spalle il paese di Zorro. Il vento si rivela un compagno di viaggio per circa quaranta dei cinquantotto chilometri del ritorno, obbligandomi a mantenere i quindici all'ora anche in discesa e parandomisi proprio dinnanzi quando ad Almonte svolto ad ovest sulla A484. Ciononostante passo Almonte, Rociana del Condado e Bonares canticchiando, e giungo a San Juan del Puerto, ormai ad una decina di chilometri da Huelva, all'imbrunire. Poi il vento cessa e gli ultimi chilometri sulla risicata e buia A5000 sono solo una sonora galoppata verso un'abbondante cena tra amici. A presto! Dati tecnici: Rapporto: 39-14 Km: 123 Dislivello: 358mt Media: circa 22km/h, nonostante i 28 all'andata Strava (che fa fine e non impegna)
  6. Buongiorno a tutti! Vi scrivo per chiedervi un consiglio, tra qualche mese io e alcuni amici vorremo fare una vacanza in bici direzione nord europa. I miei dubbi sorgono sulle borse da usare per il viaggio, tenendo conto che abbiamo tutti biciclette da corsa in full carbonio. Mio padre un anno fa ha comprato per la sua mtb da tursimo le borse posteriori con il portapacchi, ma è una soluzione che non posso utilizzare su una bici da corsa. Ho notato che la KTM produce un sotto-sella che porta 5- 7 kg e mi chiedevo se poteva essere una soluzione. Oltre il sotto-sella ho pensato di comprare anche un borsotto da mettere sotto la canna e uno piccolo sul manubrio. Siamo tutti atleti quindi il problema non sono i pesi ma cosa si può montare su una bici in carbonio. Chiedo a voi esperti qualche consiglio o dritta che mi posso aiutare a non commettere errori. Enrico
  7. Trovato in rete per caso...mi sono preso gli 11 minuti per vederlo ed è finito prima di quanto immaginassi...Che tenerezza vederlo armeggiare vicino alla sua bici noncurante degli anni (e di un probabile Parkinson) ed ascoltare i suoi racconti...Insomma a me è piaciuto :)
  8. bene. volevo farvi sapere che tra qualche giorno iniziero' la mia piu' grande sfida. girero' la nuova zelanda in bici, distanza ~5000km, elevazione ~58000mt. come 7 everest messi uno sopra all'altro per intenderci. il mio programma e' di mantenere una media di 100km al giorno, cosi' da fare tutto in due mesi, considerando anche qualche giorno di sosta nei maggiori centri. cerchero' di mettere una foto al giorno su questo blog: http://ohnoakiwi.tumblr.com/ e potete seguire i miei spostamenti anche su strava, dove provero' a caricare ogni giorno la strada fatta https://www.strava.com/athletes/3866636 per quanto riguarda il tragitto, qui' c'e' tutto diviso in tre parti: - prima parte, nord dell'isola del nord https://www.strava.com/routes/3126162 - seconda parte, da auckland a wellington, isola del nord https://www.strava.com/routes/3220534 - terza parte, isola del sud https://www.strava.com/routes/3328350 ovviamente se qualcuno gia' c'e' stato (bici o vacanza), e ha qualche consiglio su posti da visitare o strade/percorsi da seguire, sono tutt'orecchie. usero' una bici da ciclocross, focus mares ax, con borse varie. qui' ci sono delle foto fatte (senza accessori) da zolt http://www.pedalroom.com/bike/focus-mares-ax-25203 ovviamente e' sottointeso che questo viaggio lo faccio per me, e non per mettere due foto sui social. detto questo, spero che condividendo quello che vedro' vi renda un po' partecipi della mia avventura nella terra dei kiwi. magari spingendo qualcuno ad intraprendere un viaggio simile. quindi condividete se vi piace l'idea. in conclusione, ci vedremo in italia, dato che dopo il viaggio in nuova zelanda, tornero' quasi immediatamente in europa. a presto!
  9. Cari utenti e carissime utentesse del foro più baffuto dell'etere, sono tornato dalla mia scampagnata di una ventina di giorni nell'Africa Occidentale. "Embé?", direte voi; embé mò vi cuccate uno sproloquio sui primi tre giorni, quelli che da Dakar, capitale del Senegal, mi hanno portato in bici fino a Bissau, capitale dell'omonima Guinea. Per chi non avesse intenzione di leggere, popolo sfaticato a me caro, ho preparato una versione ridotta che comunque racchiude tutti i concetti essenziali. Per chi volesse dedicare un po' della propria retina alle mie parole, invece, il racconto parte dopo la versione succinta, che si trova qui: Anche questo, come la maggior parte dei miei viaggi, inizia all'arrembaggio, nel dilettantismo più becero, con l'imballaggio della bici effettuato con l'insostituibile sostegno di mio fratello e del mio vicino di casa a poche ore dalla partenza. A inscatolamento concluso, mi rendo conto di non aver inserito i distanziali per preservare i forcellini e sgrano un rosario invocando pietà per il mio telaio. All'aeroporto di Malpensa, in attesa di imbarcarmi, passo in rassegna l'aspetto burocratico della spedizione e ricontrollo l'itinerario per l'ultima volta. Qualche ora, sonnellino, film d'azione e cibo d'aereo dopo, sbarco a Dakar. E' quasi notte, mi affretto a cambiare qualche soldo e a scartare la bici, trepidante, nel piazzale antistante l'aeroporto respingendo le richieste dei tassisti e guadagnandomi un piccolo pubblico entusiasta. Rimontando la bici mi rendo conto che il telaio e le ruote sono intatti, mentre il cambio ha subito qualche danno: un comando bar-end è traballante e ho perso un rinvio per il deragliatore anteriore. Non mi perdo d'animo e monto in sella percorrendo i venti chilometri che mi separano dalla casa di Rémi, il ragazzo svizzero che mi ha ospitato nel cuore di Dakar con la sua gentilissima ragazza, spingendo il 34 senza poter ricorrere alla corona estarna. Costeggio l'oceano al buio, risalgo il monticello con il maestoso monumento al Rinascimento Africano illuminato a giorno e scrocco qualche telefonata in giro per mettermi in contatto con il mio neutrale ospite alpino. Trascorro una piacevole serata bevendo karkadé e informandomi su tariffe e rischi di richieste folli di denaro alla frontiera con la Gambia, poi mi concedo qualche ora di sonno obnubilato dal clima caldo e dall'aria immobile. La mattina del 29 inizia alle 6:37, Rémi mi scatta qualche foto compromettente e poi parto in direzione Sud, sfrecciando sulla tangenziale tra vecchi furgoni Mercedes e strombazzanti taxi francesi di qualche decennio fa. La città si sta ancora svegliando quando lascio alle mie spalle l'ultimo ponte pedonale divelto, con le scalinate che portano verso il cielo, per attraversare le baracche di chi si è insediato da poco nella capitale e dirigermi verso la zona brulla dell'interno. Una volta superata Rufisque e evitato il bivio per Thiès il traffico si dirada. Mi infilo in una pompa di benzina e ottengo una fascetta per sistemare il deragliatore anteriore: posizione la catena sul 50 e, sotto un sole sempre meno timido, proseguo per M'bour. E' subito chiaro che la mia borraccia da 900ml servirà giusto a lavarmi le mani, per cui mi doto di una bottiglia da un litro e mezzo e di una mezza dozzina di banane e mi godo i baobab a perdita d'occhio e l'ambiente polveroso che circonda la strada, sempre asfaltata e in ottime condizioni, che conduce a Fatick. Qui compro un'altra bottiglia, affronto i primi chilometri di sterrato e prendo un'altro litro e mezzo d'acqua a Gandiaye, una ventina di chilometri più in là dove sciolgo anche del sale nella mia borraccia, per poi arrivare finalmente ad avvistare il fatidico cartello, mentre sfrutto la scia di un carretto. Passata Kaolack, proseguo verso il confine con il Gambia e ottengo anche un assaggino di pioggia, inaspettata. Sta ormai facendo buio, trovo ospitalità presso il marabout del villaggio di Touba Samokho. Mi offre un piattone di riso con salsa di cipolle (pesce rifiutato per non approfittare fino in fondo), una doccia e una camera per la notte; trascorro la serata in compagnia sua, di suo figlio Seidou e di una corte eterogenea di parenti, abitanti del villaggio, amici e bambini che studiano presso di lui. Dormo interrotto dalle litanie notturne del muezzin e riparto di buon'ora, verso le 5:30, dopo aver salutato Seidou e gli altri ragazzi che si stavano preparando per la giornata nei campi. Dopo poco l'alba esplode alle mie spalle: Dopo l'alba, anche il cielo esplode sopra la mia testa e inizia a piovere, a secchiate, senza nessun margine di miglioramento promesso dall'orizzonte grigio. Inizio a cantare Johnny Cash ed esplode anche la strada, senza preavviso, portandomi in Gambia su una settantina di chilometri di sterrato leggero, su terra battuta. Avvicinandomi al paese anglofono all'interno del Senegal mi accorgo, dal cambiamento della vegetazione, che la pioggia non smetterà mai: l'ambiente semi desetrico della regione di Kaolack ha definitivamente lasciato spazio ad un verde brillante e lussureggiante che cerca di sporgersi verso la strada. Il traffico è decisamente scemato, ad eccezione di qualche sept-place (vecchie stationwagon Peugeot o Renault convertite a taxi) solitario che mi supera sferragliando di tanto in tanto. Mentre mi chiedo se davvero sono sulla strada giusta, dopo Toubakouta una coppia di scimmie mi attraversa la strada e mi dà il benvenuto a Karang, al confine con il Gambia. Dribblo i cambiavalute e ammansisco i poliziotti di frontiera, inizio a fischiettare Guccini e, sotto una pioggia più clemente ma sempre incessante, copro la distanza tra la frontiera e Barra, dove faccio il rifornimento di arachidi, cambio qualche franco CFA in Dalasi, la valuta della Gambia, e mi imbarco sul traghetto per Banjul, la capitale di quarantamila abitanti del paese che si sviluppa attorno all'omonimo fiume. Sull'altra sponda, dopo aver chiacchierato con un signore il cui figlio sta lavorando ad Alba, attraverso una città caratterizzata da voragini piene d'acqua nella zona centrale, vecchi taxi Mercedes ovunque, ville curatissime e nuove auto fuoriserie da centinaia di migliaia di euro che sfrecciano sulla statale che porta a Sud. Chiaramente sulle corsie libere, ché quella di sinistra è intasata dalla fanghiglia e quindi riservata a bici, carretti e arditi pedoni. Compro un altro piccolo casco di banane e attraverso questo stato in cui tutte le strade sembrano essere diventate dei torrenti, completamente inondate e perse nella boscaglia. Nel pomeriggio riguadagno il Senegal, entrando nella regione della Casamance, e mi faccio consigliare da un ciclista con un aratro chilometrico in spalla per cercare un posto per la notte. Dormo a Diouloulou in una sorta di resort che intacca sensibilmente le mie finanze ma che mi offre una buona cena, un buon letto e qualche ottima chiacchiera prima di ripartire di nuovo la mattina del 31 di primissimo mattino. Buona parte del bagaglio è bagnato dal giorno precedente e anche i vestiti che ho addosso non sono propriamente asciutti, ma parto comunque schivando i tronchi che mi si parano dinnanzi all'ingresso di ogni paese per rallentare la corsa dei bus e dei taxi. A Bignona compro dell'olio per lubrificare un po' la mia catena, sofferente dopo un giorno di pioggia, sabbia, terra e sporcizia varia. Entrando a Ziguinchor, città più popolosa della regione circondata da risaie, mi ritrovo a percorrere dieci chilometri di una strada composta interamente di autobloccanti. Ogni mia articolazione inizia a ballare il tuca-tuca, io canto Raffaella Carrà mentra una colonna di mezzi dell'esercito continua a farsi superare e a superarmi spruzzandomi ogni volta addosso decine di litri dell'acqua calda delle pozzanghere a centro strada. Inveisco in italiano ai militari che mi salutano sorridendo; inizio a sibilare "Che brutto affare" di Joe Chiarello. Una volta raggiunta Ziguinchor atttraverso il suo enorme ponte, poco manca all'una di pomeriggio e poco manca a Mpack, alla frontiera con la Guinea. Mercanteggio il visto con gli odiosi ufficiali alla frontiera, gli unici personaggi davvero fastidiosi nel viaggio d'andata (esclusi i militari dispensatori d'acqua), e inizio a pedalare in mezzo alla foresta della Guinea. La pioggia non cessa nemmeno un secondo, anzi si fa più intensa. Mi compro una baguette e un sacco di arachidi e continuo a pedalare, tra la gente che mi incita e diversi mezzi ribaltati tra gli alberi a bordo strada, tra gli enormi termitai. Quasi non incontro mezzi, ad eccezione di un motociclista senegalese che aiuto a ripartire perché è rimasto fermo sotto il diluvio al riparo di un enorme baobab. Iniziano i sali e scendi, o mangia e bevi se preferite, e inizia anche un fastidioso vento contrario. Continuo, sgranocchiando noccioline e pane e salutando i localz che mi incitano dalla protezione delle proprie verande. Raggiungo finalmente Bula, a soli trentacinque chilometri dalla destinazione finale. Ormai mi sento arrivato, pregusto i capelli della mia adorata, un pasto caldo, lo scroscio della doccia, la morbidezza del materasso. Ed è pendanso alla morbidezza del materasso che mi accorgo di aver ammorbidito la gomma anteriore. Rallento e accosto, effettuando la riparazione sotto ad un capanno di paglia che si è materializzato alla mia sinistra, come d'incanto. Riparto in fretta (relativa) e, dopo i trentacinque chilometri più sofferti della mia risibile carriera ciclistica, entro trionfante a Bissau, accolto da una partita di calcio giocata nel mezzo dell'enorme rotonda d'accesso alla città. Dopo il lungo rettilineo che mi conduce, tra pericolosi pulmini gialloblu e taxi Mercedes biancoblu, tra le braccia della mia bella, non ho più molto da raccontarvi. Mi permetto solo di aggiungere una foto scattata dopo aver pedalato cinque minuti per le vie di Bissau in un giorno senza pioggia: Baci, e grazie a chi s'è sorbito tutto, testo e foto monotematiche! Il ritorno in bus (benché più avventuroso) ve lo risparmio.
  10. ciao. chi ha percorso tanti km in sella ad una bici, viaggi lunghi e roba del genere, saprebbe dirmi cosa ne pensa sul prendere una bici da ciclocross per un bel viaggio? portapacchi dietro, leggera, montata con piega, gruppo affidabile, resistente e addatta a tutti i terreni. cosa potrebbe non andare bene? ho gia' fatto melbourne-sydney in bici, ma era una scatto fisso e, nonostante sia stato grandioso, non voglio ripetere gli stessi errori, soprattutto quello di non avere freni. grazie a chi mi dara' la sua idea a proposito.
  11. Bella, appena registrato ma seguo il forum da mesi, cerco dritte per il mio primo viaggio in bici. Col mio socio avremmo optato per la tratta Parigi-Amsterdam: qualcuno lo ha fatto? percorso da consigliare? volevamo fare un percorso diverso dalla ciclabile Bruxelles-Amsterdam poichè la hanno già fatto nostri amici, mi attraeva la ciclabile Berlino-Copenaghen, ma raggiungere Berlino in bus o comunque spendendo poco è difficilissimo (qualcuno conosce bus Milano-Berlino? pure blablacar zero). Mentre cercavamo sul sito di bus low cost troviamo due biglietti Milano-Parigi a 12 euro l'uno..... e ci viene in mente Parigi-Amsterdam (anche se Berlin-Copenaghen rimane una valida alternativa). Detto ciò, per l'attrezzatura pensavamo di rifornirci alla decathlon, poichè il viaggio è stato improvvisato e non vorrei essere di vittima di spedizioni troppo in ritardo (partiremo i primi di agosto), che ne dite? Mi servono portapacchi a fascetta e borse da montare su telai corsa in acciaio anni '80 spero di aver azzeccato sezione e ripeto è il mio primo viaggio in bici accetto qualsiasi tipo di consiglio!
  12. Ciao Amici, possiedo una Kona Rove in alluminio, vorrei montare una forcella in carbonio ma la vorrei con tutti gli occhielli del caso, soprattutto quelli a metà stelo. Conoscete qualche modello 1e1/8 per freni a disco in commercio?
  13. dove dormire a ferrara

    ciao a tutti avrei una mezza idea di farmi un paio di giorni in giro in bici quest'estate, probabilmente fra il 18 e il 21 luglio che la mia morosa se ne va al mare dai suoi in quei giorni parto dalla zona del basso garda bresciano, una delle opzioni che sto valutando sarebbe fare la ciclabile del mincio ed arrivare fino a ferrara e mi chiedevo: qualcuno ha qualche dritta su dove dormire in modo veramente veramente economico? tipo buttare un sacco a pelo per terra e barboneggiare per una notte? zone free camping consentito? (so che non sono molte ma qui dalle mie parti qualcuna ce n'è) o al limite un divano da scroccare? ovviamente a buon rendere, anzi, se qualcuno volesse fare il ritorno con me lo potrei poi ospitare e portare un po' a pedalare qui in zona lago ps: astenersi fixinazi :) che io ho una biciaccia con cambio e tutto, per di più decathlon pps: vi segnalo questo ottimo sito della pronvincia che riporta tante informazioni utili per il cicloturismo, mi hanno pure spedito a casa cartina e roadbook, aggratis, basta mandare una mail e chiedere http://www.ferraraterraeacqua.it/it/cicloturismo/bike-maps http://www.ferraraterraeacqua.it/it/news/dal-garda-alladriatico-in-bicicletta-1
  14. Hybrid Purple Moments

    Dopo milel dubbi, incertezze e notti passate a confrontare i prezzi sui maggiori siti ciclettari, finalmente ho montato la mia bici da turismo/commuting. Si, lo so, mancano portapacchi, borse e tutte quelle cose per le quali una bici rientra nella categoria di cui questa sezione del foro. Ma la dato il parto che è stato montarla avevo voglia di condividerla...e poi avrò bisogno di consigli sul resto, quindi...ecco a voi... Una piccola introduzione: ho comprato questo telaio a dicembre 2013, in pieno periodo di boom del cx, ma non ho mai pensato dseriamete di farci del cx, in effetti la mia idea è sempre stata di renderla una bici da viaggio, solo facendole fare un piccolo periodo da cxss prima. Alla fine, cxss propriamente non lo è mai stata, ma ha finito per arrivare qui in lux prima di me, dove è stata usata sporadicamente durante le mie trasferte in loco. Ora che mi sono trasferito, finalmente ho avuto tempo di dedicarmici (e ancora ne avrò...). Il telaio è un ibrido che non capisco bene, tipo che ha fori portaborraccia e passaccavi in basso come una bdc, ma ha tolleranze da cx e overlappa pure, ha i fori per i parafanghi ma non quelli per i portapacchi...ma io ci voglio bene lo stesso <3 Ma si diceva... Frame: tubi tange triplo spessore, marchiato "Butterfield&Robinson" Gruppo: Shimano Sora 2x9 Crankset: 46-34 + chainguard Cassette: 11-32 Brakes: Dia Compe Wheels: Ambrosio Varo Stem: Promax 90mm Handlebar: Deda RHM01 42cm Tyres: Schwalbe Marathon Plus 28mm Pedals: Shimano PD M520 Saddle and seatpost: really dunno
  15. qualcuno conosce il sito / marchio in questione? http://www.edinburghbicycle.com ci sono capitato per caso cercando bici da gravel/turismo e mi pare che i prezzi siano buoni, specie per il loro marchio (revolution cycles) ad esempio la fissa in acciaio a 254 sterline (ad ogg​i 350€ circa + spedizione ovviamente) http://www.edinburghbicycle.com/products/revolution-track-14?bct=browse%2frevolution-products%2frevolution-bikes o questa cx in alu con dischi meccanici e occhielli vari, a 550, sempre sterline http://www.edinburghbicycle.com/products/revolution-cross-sport-disc-15?bct=browse%2frevolution-products%2frevolution-bikes
  16. ciao a tutti, apro questa discussione perchè questa estate, insieme ad amici, faccio la mia prima vacanza in bici. 500 km di costa tra spagna e francia. il problema è che siamo un gruppo di sbandati senza soldi e volevamo risparmiare sui campeggi. qualcuno di voi sa se esistono siti e forum dove gente comune ospita ciclo viaggiatori nei propri giardini o mette a disposizione delle aree anche solo per una notte? thanks
  17. Ciao ciclotournerds. Io ho questo portapacchi: http://www.thule.com/it-it/it/products/sport-and-travel-bags/bike-bags-and-racks/racks/portapacchi-thule-pack-n-pedal-tour-_-pp_100016 L'ho sempre montato dove volevo con risultati ottimi ma sempre su telai/forcelle in acciaio/alluminio. E se ora provassi a montarlo su una forcella in carbonio? Loro assicurano che si può fare ma vorrei sapere cosa ne pensate, visto che il carbonio suscita sempre mille paranoie. Naturalmente ci andrei un leggero col carico... Grazie
  18. Ciao, con un amico stiamo pensando di farci la Parenzana in fissa questa domenica. L'idea sarebbe di prendere il bus a Trieste, arrivare a Porec il sabato pomeriggio, farci qualche birretta, dormire e poi tornare a Trieste domenica pedalando. Ecco le domande: Come sono le strade? Mi pare di capire che ci sono dei tratti di sterrato, considerati i relativamente pochi km complessivi, dite che è possibile farla in fissa, magari con copertoni un po' cicci? Il discorso rapporto provo a lasciarlo da parte, metto un 48X17 e non mi faccio troppi problemi. Dove dormire a Porec? Ci piacerebbe campeggiare ma stiamo valutando se vale la pena portarsi dietro tenda e altro per un "giro" che alla fine è di un giorno più pernotto (impegni ci impediscono di fare più giorni). Caricare le bici sul bus? Sapete se si possono caricare le bici nella tratta Trieste -> Porec? C'è un'altra discussione simile ma vorrei avere info su questo percorso specifico. Grazie @drago67 @TAD @ciqz e magari @Dens @alvuz
  19. Ciao a tutti, a voi che amate la bicicletta e le escursioni sulle due ruote abbiamo il piacere di presentare un nuovo materiale interamente dedicato al mondo del cicloturismo nella provincia di Ferrara…e non solo! Stiamo parlando del nuovo “Bike Book”, la migliore guida agli itinerari in bicicletta attorno a Ferrara ed al Parco del Delta del Po, scaricabile gratuitamente in versione PDF dal portale turistico ufficiale www.ferrarabike.com, che vi si presenterà in veste grafica completamente rinnovata e dove troverete descrizioni dettagliate, materiale promozionale, guide, elenchi di strutture ricettive bike friendly con tutti i servizi dedicati ai cicloturisti, noleggi e tante altre informazioni. All’interno del Bike Book sono ventinove i percorsi mappati e descritti, di differenti lunghezze, dai più facili a quelli impegnativi di collegamento con altre città o addirittura internazionali, per ognuno dei quali sono riportate la mappa d’insieme delle tavole numerate (in scala 1:50.000) che compongono l’itinerario, un breve suggerimento turistico sulle eccellenze dei luoghi e tutte le informazioni tecniche necessarie. Potreste, ad esempio, cimentarvi con i nostri percorsi sportivi, mettendo alla prova la vostra resistenza fisica e tentando di battere il tempo record di percorrenza indicato. Per avere un assaggio di tutti questi percorsi è anche possibile richiedere gratuitamente la By Bike Map, uno strumento agile e sintetico che riporta i percorsi del Bike Book in un mappa complessiva. Inviate una mail all’indirizzo [email protected] oppure chiamate il numero 0532/299303 e in pochi giorni la By Bike Map arriverà a casa vostra! Speriamo di avervi dato nuovi spunti per poter organizzare le vostre uscite! Siamo a vostra disposizione con i nostri uffici per qualunque necessità: vi aspettiamo numerosi!!!!
  20. Salve a tutti, apro questa discussione perché per quest'estate sto organizzando un viaggio in Africa. Devo raggiungere Bissau, capitale dell'omonima Guinea, ma visti i prezzi dei biglietti e la mia irriducibile voglia di cacciarmi nei guai, atterrerò a Dakar e ho intenzione di coprire la distanza che separa le due capitali in bici. Avrei bisogno di un po' di informazioni, di qualsiasi tipo anche se soprattutto i consigli sul pernottamento sarebbero graditissimi, da chi ci fosse già stato o ne sia semplicemente in possesso per altri motivi. Ho già viaggiato in Senegal, anche se non pedalando, e sono abbastanza tranquillo per il tratto guineano, che mi condurrà dalla mia dolce consorte, ma sono abbastanza a secco di ragguagli sulla Gambia, tranne qualche consiglio sugli orari dei traghetti e in cui passare la frontiera. Ho già fatto la stessa richiesta nella discussione sul cicloturismo, ma se possibile mi piacerebbe tenere questa separata per darle un po' più visibilità. Bacini e grazie in anticipo.
  21. Bikepacking

    ho visto che ultimamente sono sempre più usate le borse da telaio non han bisogno di portapacchi e sembrano parecchio capienti qualcuno le usa? avete marche e modelli da consigliare? io ho visto (ma non dal vivo) solo quelle di miss grape che mi sembrano valide il costo è quello che per ora mi frena, visto che equivale a quello di un buono zaino sarebbero interessanti tipo la 1 o la 2 dell'immagine qui sopra ma la 2 non da fastidio pedalando?
  22. Ciao Amici, questa estate io, @GORI, @gnabra e Clava dei Cani Sciolti Valtellina siamo andati sulle nostre belle biciclette fino in Turchia, ad Istanbul. Un giretto da circa 2500km durato 19 giorni, con qualche variante a seconda del luogo di partenza. Anche se non era in programma prima di partire, e si vede, ho fatto un video della cosa. Dura 9 minuti e potrebbe risultare piacevole. Baci, Righe
  23. A luglio ho provato per la prima volta l'ebbrezza del campeggio in bici, caricando malamente la mia fissa e andando a farmi un'ottantina di km brakeless per dormire fuori con amici del forum. L'esperienza ha messo in luce tutti i limiti di una bicicletta che, per quanto figa, non ha i freni, non ha il cambio, ha determinate geometrie e soprattutto i tubolari da 23mm. Così, tornato a casa, ho iniziato a ragionare su quale potesse essere la scelta migliore. Alzando gli occhi ho notato, appesa in garage, la MTB con cui mi divertivo qualche anno fa, appesa e impolverata ormai da troppo tempo. Così mi è venuta l'idea di usare il gruppo Deore XT 3x9 e montarci attorno una bici da usare tutti i giorni e con cui poter fare all'occorrenza lunghe distanze: campeggio, cicloturismo e magari an che qualche randonneé. Ho iniziato a raccogliere consigli e la scelta è ricaduta su un telaio in acciaio, più pesante dell'alluminio ma più robusto e confortevole sulle lunghe distanze. Il Simoncini di Marianel mi attirava ma dopo una rapida occhiata al portafoglio ho capito che non era cosa per me; però, dopo pochissimi giorni, Mitsui85 mi ha offerto un ottimo affare: un Vetta da CX/Gravel, con attacchi per freni a disco e un gran numero di occhielli qua e la, ottimi per parafanghi e portapacchi. A quel punto mancavano le ultime cose: sella e borsa le ho recuperate dalla bici "da tutti i giorni", una Bottecchia che ora può godersi un po' di meritata pensione; parafangh, copertoncini, attacco e piega arrivano invece da internet. Per trovare le leve freno, poi, ono diventato matto, ma alla fine Vara mi ha venduto quelle che usava per il ciclocross e finalmente sono riuscito a montare la bici. Dopo un po' di km ho girato l'attacco manubrio all'insù, ora sto prendendo confidenza col cambio. All'apparenza va molto bene, è stabile e nonostante il peso non indifferentemente fila via allegramente. I copertoncini, pur essendo x35, sono molto scorrevoli e hanno una buona tenuta. I parafanghi, poi, reclamizzati come "i più lunghi del mondo", sono ottimi: soprattutto dall'anteriore non sfugge nemmeno la più piccola goccia d'acqua. Bravi se avete letto tutto il mappazzone, ora potete godervi (spero) le foto. Complimenti e invidia sono ben accetti, le critiche ovviamente no. Versione pseudo definitiva fino a quando non la monterò Sram Force: Versione estiva - racing (Suzuki venduta separatamente) Telaio/forcella: Vetta, tubi Dedacciai 01 Gruppo: Shimano Deore XT (2009) Ruote: Alexrims CXD26 su Shimano Deore M475 post e Shutter Precision dynamo ant, copertoncini Vittoria Randonneur 700x35 Manubrio ecc.: Deda RHM01 Salsa Cowbell su Deda Zero1 Thomson Elite X4, leve freno Shimano ST5510 Reggisella e sella: X-mission Thomson elite seatback / Brooks B17 Brooks C15 Cambium carved Serie sterzo: Ritchey qualcosa Chris King Nothreadset 1-1/8 black sottovoce Borsa: Carradice Camper Longflap Parafanghi: SKS Longboard
  24. Viaggiare attraverso Cuba in fixed

    Ciao a tutti, siamo due ragazzi umbri Walter e Adriano. Il 22 ottobre partiremo per Cuba e attraverseremo l'isola percorrendo piu di 1000 km con bici offerte da EXTRA+. Vogliamo proporre un modo alternativo di viaggiare in bici ispirato sul concetto minimalista di una fixed: viaggiare con il minimo indispensabile e rigorosamente senza freni. Partiremo da Santiago e raggiungeremo l'Avana postando ogni giorno i dettagli della nostra viaggio. Vi volevo invitare a seguire e condividere la nostra nostra pagina facebook ufficiale: https://www.facebook.com/pages/Viaggiare-in-fixed-Travel-by-fixed/1528070357430797?fref=ts Grazie e stay tuned. Walter&Adriano
  25. A giugno finisco finalmente il liceo. Come ogni bravo maturato che si rispetti, andrò in viaggio di maturità, e la scelta è caduta su un Milano - Londra da farsi in bici. Le tappe che ho pensato sono 13, i giorni 14 o 15. Ne ho tenuti un paio in più per eventuali soste di riposo (non penso che serviranno) e per visitare una città che potrebbe essere Reims. L'impresa è ancora in via di definizione, e vorrei avere un po' di consigli - soprattutto sulla notte. Dato che andare in albergo è assolutamente troppo costoso - e anche molto molto lontano dalla mia idea di viaggio in bici - ho pensato di portare una tenda. E fino a qui tutto bene. Però anche 14 notti in campeggio non sono propriamente economiche. Quindi: fare campeggio libero in giro per l'Europa è vietato? Pericoloso? Sconsigliato? Si/no perché? Si trovano ostelli tipo quelli sulla via francigena a offerta libera? Insomma ditemi voi. E qualsiasi altro consiglio è ben accetto!