Sign in to follow this  
Followers 0
riky76

Due parole con un pro

68 posts in this topic

Ciao a tutti, vi posto un paio di battute prese da un intervista al neo-pro Manuel Belletti, è un’intervista molto genuina, incentrata sul rapporto tra un ciclista professionista ed il suo strumento di lavoro: la bici.

Mi son permesso di sottolineare le parti più interessanti e se volete ne discutiamo anche qui.

Buona lettura.

- Che esperienze hai avuto rispetto ai diversi telai, come ti sei trovato e quali sono le differenze che hai riscontrato?

- Ho iniziato con le bici in “ferro” e immediatamente dopo sono passato a quelle in carbonio. Sicuramente vi sono differenze ma non così tante come qualcuno afferma, almeno per me. Ciò che davvero mi ha fatto percepire la differenza positiva è la consistente diminuzione di peso col passaggio al carbonio.

- Trovi che siano molto importanti le geometrie del telaio ai fini della resa su strada della bicicletta?

- Onestamente non ho mai avvertito sostanziali diversità a livello prestazionale dovute a piccole differenze di impostazione del telaio. Ribadisco però che non mi ritengo quel tipo di corridore spiccatamente sensibile che riesce a cogliere facilmente queste differenze.

- Si dice che la ruota sia l'elemento che maggiormente influenza la resa della bici e che è facilmente avvertibile la differenza tra ruote di bassa ed alta gamma. Qual'è il tuo punto di vista e quali sono le ruote che prediligi?

- Concordo sul fatto che la ruota è davvero importante. Ricordo in particolare di aver avuto delle ruote di bassa gamma che reagivano alle spinte con flessioni davvero preoccupanti! Mi soddisfano molto le ruote ad alto profilo per la maggior resa che obiettivamente avverto in fase di spinta e rilancio. (stiamo parlando di full-carbon per tubolari…non alu/copertoncini)<BR style="mso-special-character: line-break"><BR style="mso-special-character: line-break">

- Tubolari e copertoncini: le tue sensazioni?

- In allenamento uso copertoncini mentre in gara esclusivamente tubolari. La mia percezione è che il tubolare garantisca una scorrevolezza nettamente maggiore rispetto ai copertoncini e che la resa dinamica sia superiore. Senza contare che son più sicuri a livello di forature.

- Puoi dare qualche suggerimento a chi si approccia al ciclismo e magari non è più un bambino?

- Prima di iniziare ad andare in bici ho praticato tanti altri sport ma non è mai scattata quella scintilla che è scattata con il ciclismo. Quindi direi che vale la pena provare e cercare di capire se questa scintilla si accende. È importante sin dall'inizio avere un corretto posizionamento sulla bicicletta. Inoltre consiglio di investire anche in abbigliamento di qualità (specie quello invernale) e prestare particolare attenzione al posizionamento delle tacchette sugli scarpini. È preferibile rinunciare ad una bici di qualità superiore piuttosto che a questi accorgimenti a mio avviso fondamentali. (questo da mandare a MEMORIA)

Qui l’intervista completa

http://www.bdc-forum.it/showthread.php?t=108481

PS: sì lo so, sarebbe un cross-posting non elegantissimo, ma qui siamo tra amici no? ;)

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Intervista interessante, molto "verace"; il suo dimostrare di non curarsi troppo dell'aspetto tecnico della bici è forse una prova del fatto che la maggior responsabilità di una vittoria vada attribuita al ciclista e non al mezzo?

Grazie per la segnalazione Riky!

PS: relativamente alla fisima del cross-posting: potresti semplicemente segnalare su bdc-forum che hai riportato anche qui l'articolo; credo tra l'altro che l'autore ne sarebbe contento. [Ma in fondo non mi sembra un gran problema.]

Edited by Revo (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Eheheh, se lo dice un PRO...

Un autorevole voce a supporto della tesi che la differenza la fan le gambe.

E io aggiungerei che una discriminante forse ancora più importante, ancor di più in ambito non professionistico, è il cuore. (non anatomicamente)

Interessante intervista.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma pensa te.. un pro che fa minimo-minimo 25000 Km/anno in bici non si accorge di differenze di geometrie che molti amatori, invece, avvertono al minimo cambiamento.. }:-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Manuel Belletti a me sta molto simpatico, è un bravo ragazzo e sono stato felicissimo per la sua vittoria a Cesenatico tanto che ho appeso un paio di poster in negozio di lui a braccia alzate.

Che la vittoria la faccia il ciclista più che il mezzo è innegabile.

Tuttavia credo che il ciclista debba prendersi cura del proprio mezzo (non che Belletti non lo faccia! non credo proprio, ma non vorrei passaesse questo messaggio), tenerlo pulito ed in ordine sempre ecc.

E' una cosa che bisogna imparare fin da piccoli, sembrerà una rottura di palle ma è una piccola lezione di vita a mio parere.

3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

[...]

Che la vittoria la faccia il ciclista più che il mezzo è innegabile.

Tuttavia credo che il ciclista debba prendersi cura del proprio mezzo (non che Belletti non lo faccia! non credo proprio, ma non vorrei passaesse questo messaggio), tenerlo pulito ed in ordine sempre ecc.

E' una cosa che bisogna imparare fin da piccoli, sembrerà una rottura di palle ma è una piccola lezione di vita a mio parere.

Non intendevo il suo messaggio come una denigrazione del mezzo-bici, ma solo (maliziosamente) come una possibile, orgogliosa, rivendicazione della parte che ogni ciclista gioca per raggiungere i risultati che ottiene.

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unico punto dove non sono completamente d'accordo è sul fatto delle geometrie..anche se lui parla di piccole modifiche e quindi in quel caso ci stà..perché in discesa da una geometria all'altra la differenza si sente eccome..p.s non lo dico solo io ma anche molti pro ed ex pro che conosco e frequento in bici

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'unico punto dove non sono completamente d'accordo è sul fatto delle geometrie..anche se lui parla di piccole modifiche e quindi in quel caso ci stà..perché in discesa da una geometria all'altra la differenza si sente eccome..p.s non lo dico solo io ma anche molti pro ed ex pro che conosco e frequento in bici

bè appunto lui parla di piccole differenze! in più si ritiene anche un ciclista pocosensibile!

poi il fatto che siano le gambe ed il cuore a far la differenza mi sembra chi sia chiaro e sfido chiunque a dire il contrario!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Infatti..comunque anche frà gli amatori c'è gente che non si accorge di cambiamenti..non sono tutti maniaci paranoici..è la stessa cosa per tutti..il mio meccanico per esempio è stato per 25 anni meccanico dei pro in squadre molto importanti nazionale compresa quindi da raccontare ne ha..mi diceva quando era meccanico di cipollini che per scommessa gli alzavano o abbassavano la sella di pochi mm e lui tempo 30mt tornava a chiedere chi cazzo gli aveva spostato la sella..:-) e infatti lui era ed è ancora un maniaco della bici..alla liquigas per esempio mi diceva di quinziato che cambiava la sella ogni poco perché la sentiva cedere e invece altri se non glie la cambiava lui magari ci facevano la stagione..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Gambe e cuore innanzitutto!!!

Poi concordo con Sfrenato: alcuni pro sono più sensibili o "maniaci" di altri:

Pantani aveva una cura maniacale della sua bici, e passava ore a farsi regolare

al mm l'altezza della sella.

Per il resto, sono fisime per amatori (noi compresi): ad esempio qualcuno

mi sa spiegare cosa se ne fa un amatore del telaio nuovo della Cervélo che

pesa 890 grammi? Secondo me, niente!! Eppure, tutti quelli disponibili son

già stati venduti.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per il resto, sono fisime per amatori (noi compresi): ad esempio qualcuno

mi sa spiegare cosa se ne fa un amatore del telaio nuovo della Cervélo che

pesa 890 grammi? Secondo me, niente!! Eppure, tutti quelli disponibili son

già stati venduti.

cazz...ma come finiti....lo dovevo ordinare io!!!

(bbhuauhauhauahua...)

:-D

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per il resto, sono fisime per amatori (noi compresi): ad esempio qualcuno

mi sa spiegare cosa se ne fa un amatore del telaio nuovo della Cervélo che

pesa 890 grammi? Secondo me, niente!! Eppure, tutti quelli disponibili son

già stati venduti.

cazz...ma come finiti....lo dovevo ordinare io!!!

(bbhuauhauhauahua...)

:-D

velo spiego io il perchè....così quando il giovedì sera si carica la macchina con le bici si fa meno fatica! :-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Appunto..ora c'è tutta questa ricerca della leggerezza a tutti i costi ma la capisco solo in chi fà le cronoscalate..sicuramente un telaio da 800gr sarà altrettanto resistente di uno da 1kg pero io preferisco sempre il secondo..altra cosa io corro spesso granfondo come penso anche altri qui dentro..correndole ad un certo livello quindi volendo fare un minimo di buon piazzamento la discesa non la usi per tirare il fiato..anzi..e lì vengono fuori i limiti di chi con una bici da 6kg o poco più e magari con ruote ad alto profilo non è una cima in discesa..

Share this post


Link to post
Share on other sites

la discesa non la usi per tirare il fiato..anzi..e lì vengono fuori i limiti di chi con una bici da 6kg o poco più e magari con ruote ad alto profilo non è una cima in discesa..

Per non parlare della pericolosità in discesa di bici troppo leggere.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Concordo appieno sul discorso circa l'abbigliamento adatto, specie se si macinano Kilometri; essendo abituato ad usare la bc in città, l'abbigliamento lycra l'ho scansato; quest'estate però ho acquistato una salopette, che mi ha procurato un'irritazione, senza contare la mia somiglianza a Borat;); quando esco dalla città avverto problemi vari, che dovrò affrontare seriamente. Formicolio alle dita, cacchio addormentato per qualche giorno e sudate, nonostante patisca il freddo.

Oltre all'indicazione circa il corretto posizionamento sulla bicicletta, ci sarebbe anche da parlare della corretta pedalata, fondamentale per le lunghe distanze.

Cercherò nel web qualche dritta in proposito, oppure attenderò consigli utili qui;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.