Sign in to follow this  
Followers 0
skullbone

(risolto?) help per filettatura destra (MC BSA) "consumata"

13 posts in this topic

Ciao

 

Avrei bisogno di un parere per un filetto del movimento centrale bsa, lato destro che si presenta consumato.

 

ho provato a inserire una calotta destra, di quelle in acciaio per le gabbiette che avevo in casa, e con orrore vedo che entra quasi tuttta senza interagire con i filetti, si avviterà per 2-3 giri finali e poi va in battuta e sembra star li. il filetto sembra proprio "rasato", non sembra avere segni di spanatura come se qualche anima pia ci avesse infilato qualello che non andava (che ne so: la sinistra) rovinandolo, ma sembra propio consumato nel primo centimetro.

 

il punto è questo: dovrei ancora acquistare un movimento centrale tipo ultrega a perno integrato cavo... mi fido?

la calotta dstra starà su? meglio aiutare con frenafiletti? acqua santa?

o peggio: rifilettare tutto il MC a passo italiano e la chiudo li? si può?

se avessi una calotta destra bsa di quel movimento centrale, farei una prova, quella in acciaio sembra tenere. (se qualcuno della zona si offrisse per esperimenti sarebbe il massimo)

tra l'altro la bici non sarebbe da passeggio urbano, ma da CX (telaio preso usato), anche non facendo grandi cose, non vorrei trovarmi a perdere la guarnitura per i campi distante da casa...

 

che ne dite? la calotta dei movimenti tipo ultrega avrà un paio di filetti in più?

fosse acciaio porterei a livello i filetti con ottone o argento e rifiletterei il tutto, si potrebbe fare anche con l'alluminio a dire la verità, ma non sono mai riuscito a fare la brasatura di alluminio su alluminio su strutture così sottili senza fondere tutto.

esiste un qualche stucco per metalli per fare lo stesso procedimento, cioè dare un minimo di spessore e poi rifilettare il tutto?

 

es ho trovato questo http://www.garotti.com/wp-content/catalogo/07-PRODOTTI_CHIMICI/07-12-ALTRI_PRODOTTI_CHIMICI_TECNICI/07-12-28-stucco_alluminio_epossidico_loctite_3475/07-12-28-stucco_alluminio_epossidico_loctite_3475.pdf

che recita: "riparazione di pezzi fusi in aluminio, parti in alluminio rotte o usurate e filettature in alluminio spanate

resistenza la taglio 20N\mm^2
resistenza alla compressione 70N\mm^2"

 

 

helpatemi, vi prego.

 

 

 

 

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il telaio e in alluminio giusto ? 

Prima cosa va preparato perché se vuoi dare lepossidico che è una bicomponente. Ci va una superficie di appoggio. Comunque le soluzioni sono.

coppette per filettature spanate. Su e bay le trovi.

riempire di bicomponente alesare o ripassare a misura in modo decente. Tipo trapano a colonna e sega a tazza.

a quel punto usare la fresatrice da Mc che è in pratica una maschiatura. E in negozio hanno quella buona. Inoltre ti sfacceranno i due lati del Mc portandoli in perfetto parallelismo altrimenti c'è una riparazione discutibile o meno. Che consiste nel infilare una lamiera di circa 1,5 2mm e filettare quella. Ma e una cosa da fare di fino ..

altrimenti si apporta alla cazzo di cane un po' di materiale di saldatura internamente si alesa e si rifiletta. E devi trovare chi ti salda alluminio.

io salderei magari una lamiera da 2mm dal lato lisciato. E preventivamente alesato per pareggiarlo. E far filettare quella lamiera... o partire anche solo da un tubo "giusto".

non esiste mai una soluzione unica ad un problema. Ma ci sono tante strade per arrivare a risolverlo. Basta che sia funzionale e duri negli anni 

Share this post


Link to post
Share on other sites

caspita che bel casino!

grazie delle informazioni.

 

quindi 3-4 mm di filetto buono + la battuta non terranno? sarà lasca?

 

vabbè ora ci penso un attimo, io non ho tutta quella roba. perchè qua a far due conti mi sa che viene fuori un telaio nuovo di quelli di ridewill...

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
8 minuti fa, skullbone ha scritto:

caspita che bel casino!

grazie delle informazioni.

 

quindi 3-4 mm di filetto buono + la battuta non terranno? sarà lasca?

 

vabbè ora ci penso un attimo, io non ho tutta quella roba. perchè qua a far due conti mi sa che viene fuori un telaio nuovo di quelli di ridewill...

 

 

 

 

Potresti provare con un movimento a cartuccia, se hai l' asse quadro se ne trovano di buona qualità.

M

Share this post


Link to post
Share on other sites

Aspetta. Quanto hai di filetto due tre mm in lunghezza e poi è liscio internamente?

tiene un po' per miracolo. Tu lo butteresti nel fango? E poi. ?

 Portalo al ciclista per vedere se riesce a riprendere un po' di filetto. Poi se non tiene valutate la bicomponente. Meglio buttarci una calotta per Mc sfilettati. Il lavoro duraturo e solo risaldare dell alluminio e filettarlo . Sicuramente valutati i vari costi degli interventi vedrete il da farsi. Parla anche al tuo ciclista se è possibile piantarci dentro un tubo e rifilettare il tubo nuovo.

a naso le soluzioni a basso prezzo saranno la calotta per sfilettati e bicomponente. Se hai un politecnico nei tuoi paraggi..... forse riesci a beccare delle resine super durissime?

Share this post


Link to post
Share on other sites

domani faccio uno schema del anno e una foto di come entra la calotta attualmente in mio possesso.

comunque la parte liscia è quella più verso l'esterno, i filetti che tengono sono quelli più interni.

la calotta entra liscia per quasi un cm, per cui farà così pure la filiera. fa conto di mettere una calotta bsa su una scatola del mc ita... ecco: l'effetto è quello.

 

posso prendere anche la cartuccia a perno quadro, dicevo l'altra perchè ho una guarnitura a perno forato che mi "avanza" (10 euro al trocathlon). ma se quella a perno quadro ha la calotta più lunga che si "affonda" di più... ora ne ho una qui ma è ita e comunque ci do un'occhio. anzi forse dal ciclista ce ne è una usata e sgarruppata nei cuscinetti, ma tanto per vedere il filetto quanto lungo è...

domani posto uno schemino con tutte le misure.

qui in città penso nessuno dei riparatori faccia i lavori che ha descritto. anzi dove vado io c'è "addirittura" la filiera pe ri MC e quella per lo sterzo da 1".

 

non penso che lavori simili li faccia nemmeno il noto negozio storico della mia città.

 

se la cartuccia a perno quadro può garantire più tenuta delle calotte per perno cavo vado di quella.

 

appena ho lo schemino e la foto la posto.

io avrei le barrette per la brasatura dell'alluminio, ma appunto su materiale fine non mi riesce bene con il rischio di creare la scatola del MC ovale...

 

vado a raffreddarmi.

 

 

 

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io prima di fare qualsiasi cosa passerei la scatola con la filera, se già non ci hai provato, molte volte ho ripreso situazioni tragiche..

Edited by FoRzen (see edit history)
1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

purtroppo per quasi un cm la calotta entra senza alcuna resistenza, per cui anche la filiera non avrebbe materiale su cui lavorare.

la calotta che vedete in foto si avvita per un paio di giri (3 millimetri circa), e poi va in battuta. fino a quel punto la si inserisce senza avvitarla.

serve del materiale d'apporto, a questo punto o il bicomponente, o una brasatura. il materiale non è così fine e quasi quasi tenterei. a dire il vero lo posso pure tenere come secondo ed sestremo tentativo in caso di fallimento del bicomponente: pulire e tentare di stedere un film di alluminio, e rifilettare. fosse di acciaio non avrei dubbi e userei questo metodo.

 

domani recupero un MC a cartuccia e vedo se ha un po' di margine in più. qualche filetto in più intendo. e come tiene. a questo punto potrei forse pure provarla. basteranno 50 km di sterrato per avere idea della tenuta?

se non tiene allora tenterò il recupero casalingo.

non voglio aggiungerci più soldi di quelli che ho speso (175), con 90 euro prendo il telaio ridewill, recupero la forca e riparto da qui. con quella cifra (90) temo che nessun inervento professionale sia possibile. penso di aver concluso la mia esperienza nell'acqusito di materiale usato senza visionarlo, cioè a distanza.

 

a dimenticavo, il disegno... la linea verde sarebbe la parte filettata, che è lunga circa 1,5 cm, di cui il primo cm è logorato come vedete.

 

 

 

 

A PROPOSITO: come lavora la guarnitura a perno passante?

chiedo: una volta in battuta, può collaborare a tenere in battuta le calotte?

 

 

AGGIORNAMENTO:

avendo un tubo di alluminio del diametro di  3 cm e dello spessore di 3 mm, quindi di dimensioni confrontabili con quelle di un movimento centrale, ho provato a brasarci un po' di barretta per alluminio.

danno punto di fusione della lega sui 480°C, l'alluminio fonde a circa 660°.

il risultato è stato sufficiente, si è depositata la goccia di alluminio espandendosi dando un minimo di spessore, il che tradotto, se riuscissi a fare lo stesso al MC, si rifila e dovremmo essere a posto.

 

seguono aggirnamenti.

 

 

 

 

 

WP_20161101_005.jpg

WP_20161101_006.jpg

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

ritorno per mostrarvi il lavoro svolto, diciamo la versione 1.0

 

purtroppo mi sono dimenticato di documentare fotograficamente i vari passaggi, a ogni modo quel che ho fatto è intuitivo: dopo aver sgrassato e pulito le filetatture, ci ho spalmato sopra un composto creato da me che va a imitare gli stucchi epossidici all'alluminio di uno spessore utile, ad occhio, poi ci ha pensato la filiera.

 

ho proceduto così: ho usato la resina UHU plus 300, la uso da più di 20 anni per modellismo e riparazioni e l'ho sempre preferita rispetto a quelle rapide.

la mistura è stata creata sabato mattina, e la filettatura si è svolta il martedi successivo (cioè ieri), la colla in superficie aveva cristallizzato ma sotto la si sentiva ancora un po' pastosa, forse, ho lasciato asciugare, il ritiro è quasi nullo e sembra essere ok.

 

allora normalmente si procederebbe creando un miscuglio in parti uguali di legante e indurente (il suo catalizzatore), io invece ho creato 1\3 legante + 1\3 indurente + 1\3 polvere di alluminio, ricavata limando una barretta di alluminio.

 

e devo dire che se si deve fare l amistura con l'alluminio, se usate una resina che asciughi in 5 minuti ora che avete finito di girare la polenta vi tenete il vostro pettolotto di resina spianato sul foglio o piattino e lo guardate con dolcezza.

 

inoltre le resine a lenta catalizzazione hanno una maggior tenuta a trazione e taglio.

 

l'aspetto prima di spalmare il tutto era quello che vedete in foto.

ho spalamto in modo da riempire i filetti residui e poi ho aggiunto lo spessore. a sinistra la filettatura era presente, ma un po' lenta, così ho fatto un procedimento simile, ma solo portando a livello i filetti, dopo il primo paio, che ho mantenuto per facilitare l'imbocco della filiera.

 

alla fine il risultato è quello che vedete in foto: filetto restaurato, e almeno alla prova a mano sembra reggere. ho anche provato a rompere il filetto con na punta e si fa un po fatica, io penso che ora possa reggere. quello che mi chiedo: reggerà a vibrazioni? caldo\freddo?

 

vista la confidenza che il propietario e io (muah ah ah ah ah) abbiamo fatto con le filiere, mi viene quasi il prurito di spianare il tutto e rifilettare italiano e non pensarci più.

 

oppure per il momento lascio com'è e collaudo, e testiamo lo stucco DIY?

 

visto che devo collaudare: che e dite di questo?

 

http://www.ridewill.it/p/it/shimano-esmbb52b-movimento-centrale-deore-sm-bb52b-hollowtech-ii-bsa/69788/

 

(sempre che non si sia qualche mio vicino di casa che voglia cedermi a pochi soldi un usato usabile)

 

 

 

 

 

WP_20161105_001.jpg

WP_20161108_007.jpg

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io non ho letto i primi messaggi, ma se hai dovuto ricostruire solo una parte del filetto e diciamo che 1\4 è buono direi che dovrebbe essere sufficiente a tenere tutto bello saldo e stretto.

magari se hai intenzione di cambiarci movimento centrale spesso però potrebbe essere meglio passare all'opzione radicale

Edited by Frost (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

sono abituato alle passeggione in acciaio revisionate ogni 20 anni... cioè a toccare il MC quando partono le gabbiette...

 

ho visto un tutorial che parlando di MTB (comunque: sassi, polvere, sabbia, acqua fango...) consigliava di smontare il movimento centrale ogni 6 mesi per lavare le sedi, ed è da qui che mi chiedo: smontare ogni 6 mesi è "spesso"?

 

potrei anche rinunciare al perno passante forato e metter su una cartuccia usata a perno quadro e vedere come va fino a primavera...

comunque riassumendo: il primo mezzo centimetro è totalmente riportato e ricostruito, c'erano appena dei segnetti che hanno fatto da guida alla filiera, poi per mezzo centimetro sale fino al terzo terminale che è originale.

ho provato una vecchia calotta in acciaio, quelle per gabbiette e sembra tenere. purtroppo mi mancano alcune compoenti dello sterzo per cui non sono in grado di montare e provare.

ogni quanto consigli di revisionare il MC?

visto che il telaio è II o III mano se non di più (se non hai letto: è una Protek CX, alluminio con foderi e forcella in carbonio) conviene smonare spesso il MC per pulire o possa farlo quando cederà un cuscinetto?

il target sarebbero 100-150 km a settimana principalente tra argini e prati-boscaglie, se poi riesco a fare qualche circuito vero cx meglio...

l'effetto di grip di questa resina è pure buono, avvitando le calotte, ho un utensile (uno scalpello, o un cacciavite) che ani fa si è sposcato in fase di incollaggio (sull'acciaio), l'ho usato, è caduto, ha preso pioggia, sole, ma la goccia di resina è ancora fissa come una cozza.

 

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

io cerco di smontarlo il meno possibile proprio per evitare l'eccessiva usura dei filetti.

non ti saprei dire a priori ogni quando, dipende da come lo senti tu e dall'uso che ne fai, finchè gira bene non lo toccherei e girerei tranquillo

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

OK grazie!

allora ordino il pezzo e poi monto.

se vedo che cede alle prime uscite farò un restauro definitivo.

se vedo che tiene allora lo lascio su e ci penserò più avanti, in caso di cedimenti di qualche componente.

 

altrimenti passo più tempo a guardare sto telaio e a pensare che a pedalare!

:)

 

Edited by skullbone (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now
Sign in to follow this  
Followers 0

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.