Sign in to follow this  
skullbone

From MTB to passeggiona SSCX - Conversioni per perdigiorno

12 posts in this topic

Ecco, avevo già presentato il biciclo, qui:

il progetto è iniziato spostando i perni dei cantilever in posizione utile per alloggiare le ruote da 700c, ma in effeti con la sella ad altezza utile per pedalare correttamente, non toccavo terra, e poichè girando su sterrati si può inconrare la buchetta, il biciclo risutava scomodo.

 

per abbassarlo bastava fare cioè che ho fatto alla fine, probabilmente: metterci una forcella"da donna", e mi riservo di provare la cosa su di un telaio intatto che ho.

ma andiamo avanti... decido pure di accorciare il carro posteriore, così a inizio lavori la bicia che si trovava così:

 

WP_20160720_001.jpg

Edited by skullbone (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

e dopo averci passato il seghetto si trovava come in foto sotto. il fine è stato quello di comprimere verso il basso il telaio in modo sia da abbassare il movimento centrale, portandolo a circa 27 cm da terra, sia di accorciare il carro posteriore.

WP_20160720_002.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Così facendo il piantone ha assunto una angolazione morbidissima di 69°, portando inesorabilmente la sella molto indietro... ma andiamo avanti.

ho creato un supporto che tenesse su il piantone, il procedimento è induitivo: un tubo di diametro adatto è stato schiacciato con la morsa, e sagomato a lima. e legato il tutto con il solito ottone.

 

la brasatura avviene a circa 920°, per la lega in uso, l'acciaio diviene arancione chiaro, e a quelle temperature si dovrebbe riorganizzare la struttura cristallina eentualmete deturpata dai procedimenti di piegatura \ compressione a freddo (o almeno lo spero)

 

WP_20160723_001.jpg

WP_20160723_002.jpg

WP_20160723_003.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

qui due viste del supporto appena brasato, e la vista laterale: essendo dello stesso spessore dei tubi di lato non si vede.

WP_20160723_007.jpg

WP_20160723_008.jpg

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

come dicevo la brasatura avviene a circa 900°, appena togliete la fiamma, essendo poi il cannello di bassa capacità termica, la temperatura crolla di qualche centinaio di gradi.

 

l'ottone a quella temperatura è ormai solido, ma se es vi toccate con il ferro a 4-500° su una qualunque parte del vostro corpo, l'effetto ottenuto diviene simile a questo:

come si dice dalle mie parti: il mestiere che si incarna...

allora appena fatto ho sentito un pizzicorino.

poi nulla. dopo 10 minuti la pelle si è accartocciata e un dolore lancinante mi ha fatto tirar giù tutto il presepio, gli angeli, gli arcangeli, i troni e le dominazioni.

il giorno dopo è venuta via una losanga di carne...

 

 

WP_20160820_001#1.jpg

Edited by skullbone (see edit history)
  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

basta, una volta tutto freddo, si spazzola con il trapano, si limano le bavette della brasatura, si elimina il "vetro" della polvere disossidante, e la si colora a piacere:

 

 

questa non è nemmeno la versione definitiva perchè poi, avendo il piantone troppo inclinato indietro, ho recuperato un paio di gradi mettendoci la forcella da donna, il 700x35 ci passa con mezzo centimetro di luce, il piantone si trova a 71° circa. facendo male i conti il MC ora si trova a 26 cm, devo dire che non stando attenti ogni tanto si fa qualche grattone...

 

alla fine la geometria è rimasta "morbida" con piantone e sterzo a circa 71°, posso tenere la sella all'altezza corretta visto che ora tocco terra correttamente da fermo, le risalite sono facilitate, il superslooping permette di stare ben comodi a bici ferma.

 

il lavoro tutto sommato è più o meno inutile, a ogni modo è sato utile come "corso brasatura autodidattico", la bicia è simpatica da pedalare e finchè non arriva altro sarà la titolare da strapazzo.

 

WP_20160827_002#1.jpg

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il colore originale mi piaceva assurdamente!

 Bene le saldature male per le protezioni...

anche io ho fatto il coglione quest'estate e mi sono giocato agosto... basta un attimo a farsi male...... come se non avessi mai usato una mola....... ho beccato una scheggia di acciaio nella cornea?????

Share this post


Link to post
Share on other sites

gli occhi soo l'unica cosa che proteggo abbastanza bene: da quando ho fatto il volontario univoc ho scoperto tropp agente che cieca non ci è nata, e mi son reso conto che le protezioni non sono mai troppe.

 

purtroppo per il resto sono stato recidivo perchè sebbene si minor entità, nei gioni successivi mi sono fatto due bolli sulla gamba sempre con ferri roventi.

per non parlare di tagli, taglietti, schegge di ferro e legno... mi par di essere harry potter, sempre ferito (quello del libro, non del film) :P

 

il colore originale non era malaccio, purtroppo era troppo cotto , comunque è ricreabile facilmente poichè su sfondo bianco c'erano queste spennellate nere, viola e fucsia.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.