7 posts in this topic

Quali sono le caratteristiche e i componenti di una bici da trick?

Cosa la rende diversa da una bici da città?

Volendo raggiungere un compromesso, una via di mezzo tra le due, quali sono i suggerimenti?

Uso la fissa per gli spostamenti quotidiani in città ma non disdegno neanche il cemento in faccia e le lievi fratture, quindi ultimamente mi sto esercitando in vari trick basilari. C'è chi corre al velodromo e chi prende musate allo skate park, sono entrambi modi di trarre il massimo dalla fissa.

Il punto è che vorrei un ferro adeguato allo scopo, e sfruttarne tutto il potenziale senza essere limitato dal mezzo ma, anzi, stimolato. Finchè il setting da trick non arrivi a rendere impossibile il "daily-commuting", ogni modifica è lecita.

Per esempio, quanti denti per corona? Ora ho un 46-16 che per la città è oro ma, ad esempio, per impennare? La pipa, 110mm in salita e per correre sono utilissimi, ma per controllare meglio l'anteriore non è meglio un Deda Cortissimo da 45mm? La forcella anteriore quante ne deve sopportare? La ruota anteriore deve essere un paio di pollici più piccola della posteriore, o no? La sella avanzata o arretrata, a che altezza? Il manubrio perfetto? E così via, ci siamo capiti...

Share this post


Link to post
Share on other sites
14 minuti fa, jibbaro ha scritto:

Quali sono le caratteristiche e i componenti di una bici da trick?

Cosa la rende diversa da una bici da città?

Volendo raggiungere un compromesso, una via di mezzo tra le due, quali sono i suggerimenti?

Uso la fissa per gli spostamenti quotidiani in città ma non disdegno neanche il cemento in faccia e le lievi fratture, quindi ultimamente mi sto esercitando in vari trick basilari. C'è chi corre al velodromo e chi prende musate allo skate park, sono entrambi modi di trarre il massimo dalla fissa.

Il punto è che vorrei un ferro adeguato allo scopo, e sfruttarne tutto il potenziale senza essere limitato dal mezzo ma, anzi, stimolato. Finchè il setting da trick non arrivi a rendere impossibile il "daily-commuting", ogni modifica è lecita.

Per esempio, quanti denti per corona? Ora ho un 46-16 che per la città è oro ma, ad esempio, per impennare? La pipa, 110mm in salita e per correre sono utilissimi, ma per controllare meglio l'anteriore non è meglio un Deda Cortissimo da 45mm? La forcella anteriore quante ne deve sopportare? La ruota anteriore deve essere un paio di pollici più piccola della posteriore, o no? La sella avanzata o arretrata, a che altezza? Il manubrio perfetto? E così via, ci siamo capiti...

http://www.dodicicicli.com/product_info.php/dodici-9mm-trick-frame-p-48

 

Share this post


Link to post
Share on other sites
11 minuti fa, andrea90 ha scritto:

anche detto 'O Re.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites
2 ore fa, jibbaro ha scritto:

Ma così ci metterò un'eternità ad arrivare all'aperitivo

Ma no dipende tutto dal rapoorto che monti... 

Share this post


Link to post
Share on other sites
Il 27/2/2016 at 15:48 , jibbaro ha scritto:

Quali sono le caratteristiche e i componenti di una bici da trick?

Se intendi una fissa da trick dipende dai trick che vuoi fare, se ti piacciono le rampe, i grind, i salti e andarci giù pesante di sicuro una fat (tipo la 9mm della dodici) se invece ti piacciono le pinne, i keospin e i fish&chips meglio usare una fissa normale più leggera

Cosa la rende diversa da una bici da città?

dipende cosa intendi per bici da città

Volendo raggiungere un compromesso, una via di mezzo tra le due, quali sono i suggerimenti?

se per compromesso intendi farti i giri senza frullare troppo e non ti interessa fare il pazzo e spaccare tutto io sceglierei una fissa normale con un bel riser e un rapporto abbastanza leggero 

Uso la fissa per gli spostamenti quotidiani in città ma non disdegno neanche il cemento in faccia e le lievi fratture, quindi ultimamente mi sto esercitando in vari trick basilari. C'è chi corre al velodromo e chi prende musate allo skate park, sono entrambi modi di trarre il massimo dalla fissa.

Il punto è che vorrei un ferro adeguato allo scopo, e sfruttarne tutto il potenziale senza essere limitato dal mezzo ma, anzi, stimolato. Finchè il setting da trick non arrivi a rendere impossibile il "daily-commuting", ogni modifica è lecita.

Per esempio, quanti denti per corona? Ora ho un 46-16 ( è lo stesso rapporto con cui ho imparato io, con la fissa è tutto un discorso di equilibrio e cadenza della pedalata, ovvio che più è duro il rapporto più devi avere la gamba per tenerla) che per la città è oro ma, ad esempio, per impennare? La pipa, 110mm in salita e per correre sono utilissimi, ma per controllare meglio l'anteriore non è meglio un Deda Cortissimo da 45mm? non ho capito La forcella anteriore quante ne deve sopportare? dipende dai trick ma deve essere bella solida, se hai un telaio da pista da 1 e 1/8 puoi sostituire la forca tranquillamente con una da trick, se hai una convertita evita i saltelli e impara e mettere giù la ruota con garbo quando pinni ( usavo una convertita all' inizio e ne ho spaccate 2 di forche prima di prendere il 9mm della dodici ) La ruota anteriore deve essere un paio di pollici più piccola della posteriore, o no? no La sella avanzata o arretrata, a che altezza? come sei più comodo tu, devi trovare la tua posizione provando e riprovando Il manubrio perfetto? imho riserone E così via, ci siamo capiti...

 

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.