Richard

From Divano to Redhook - Risponde Giorgio Brambilla

500 posts in this topic

Io di Brambo non posso parlare che bene, professionalmente ineccepile e nella mia esperienza mi sta veramente aiutando a migliorare un sacco.

L'idea della rubrica è stupenda e molto ma molto divertente :) nonchè utile.

Bomba! Grande Giorgio!

6 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Bello mi piace!

Ho una domanda che mi frulla in testa da anni ma è necessaria una premessa.

Anni fa mi ero letteralmente innamorato della corsa e ho seguito una trafila piuttosto classica di molti runner:

- Cominci a sbattere i piedi sull'asfalto e ti senti un eroe

-Ti compri un cronometro

-Ti cimenti in una 10k 

-Ripetute IT sprint ma sei sempre lento

-Subisci il fascino della maratona

-Ti alleni 6 mesi e corri, sottolineo corri, 42 km e rotti e ti senti un super eroe ma in realtà hai fatto pena... 6 minuti al km...

-Provi e riprovi e decidi di allungare

-Fai la tua prima ultra poi la seconda poi la terza e non pensi più alla maratona

-Fai una barca di km e ti iscrivi ad una maratona per allenamento

-La corri senza una preparazione specifica e fai il personale 5:30 senza fare mezza ripetuta

-Hai corso talmente tanto che ti procuri una frattura da stress ad un metatarso in maratona durante il tuo personale

-Riposi guarisci riprendi vai a fare una 10k con un amico senza fare lavori specifici e a 30 gg dal tuo personale in maratona ottenuto pensando ad una ultra fai il personale sulla 10k! Con un metatarso che sta assieme per miracolo e le cartilagini delle ginocchia finite.

 

La domanda è perchè sbagliando tutto senza pensare ad altro che a fare km vai così forte? 

Tralasciando i danni perchè preparando una 100km vai così forte sui 42 e persino sui 10 mentre quando facevi ripetute su ripetute non miglioravi e pensavi solo ad andare forte?

In uno sport aerobico quanto conta il volume?

Se devo andare forte alla MiTo o ad una GF o peggio una gravel cosa conta davvero?

Io dico i km e poi i km e ancora i km sbaglio?

Non è provocatoria la domanda ma a me sembra che senza volume nell'endurance non si combina nulla, nelle discipline veloci la storia cambia ma se devo stare in ballo ore cosa meglio di stare in ballo ore mi può migliorare?

In marzo farò la GF Strade Bianche e se riesco "Il giro del Demonio" (200km, 4500 d+, 70 km in salita, 25 salite tra cui Il Muro di Sormano) con davanti ste ore da fare al meglio cosa conta se non ore ed ore?

Sbaglio se penso che il 99% lo faranno i km e i metri di D+ e l'1% lo farà il come sti km sono stati fatti?

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

temo che abbia un valore significativo, seppur parziale, tutto ciò che è accaduto prima del divano.

8 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

maronn @Dens alla faccia di "una domanda" ;)

7 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

come molti qui, qualche anno fa passai anche io da divano a far qualcosa di divertente e rispolverai la sopita passione per la bici.

Da un'annetto a questa parte però nella cosa che amo di più fare, la salita, sto regredendo anzichè migliorare.

 

quindi domanda secca, oltre a calar di peso (ed ultimamente sono imbarazzante) come si migliora in salita SENZA fare palestra e rulli ma inventandosi qualche lavoro specifico nei classici giretti da due ore?

thanks

3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Dens secondo me c'è da evidenziare la differenza principale tra la corsa di endurance e il ciclismo: nel ciclismo ci sono i cambi di ritmo, le partenze da fermo fuori dalle curve, le volate ma anche la scia e le discese... Insomma c'è un interessamento del sistema anaerobico notevole ma anche più fasi di recupero e quindi l'allenare in modo specifico le qualità anaerobiche (sforzi fino a 20 minuti) è indispensabile. Nella corsa questo non avviene è ci sono solo 2 grandi parametri da prendere in cosiderazione (tecnica e tattica a parte) e sono la potenza alla soglia anaerobica e l'efficienza di produzione energetica. Correre in modo costante a ritmo medio alto migliora entrambe le cose :) 

6 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Brambo 88 secondo te quanto è vero che "il VO2Max non si migliora ma è genetico"? E soprattutto quanto incide questa capacità sugli altri sistemi? (aerobico, anaerobico, neuromuscolare)?

Nel senso... se geneticamente il mio VO2Max è basso, avrò sempre anche una FTP bassa? Avrò anche capacità anaerobica bassa? Oppure andrò male solo al VO2Max (es tra 100-120% FTP)

grazie :)

 

Edited by metamatic (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

una mia curiosità quanti kg hai preso da quando ti sei fermato ? e come ti alimenti ora in un giorno tipo ... meglio se hai una tabella settimanale :)

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.