cesarefix

fissa fatta in casa MOLTO fatta in casa

21 posts in this topic

ciao a tutti, mi chiamo Cesare, classe '81, e come potete vedere, da appassionato di fai da te, mi sto appassionando anche alle fisse (fino a pochi mesi fa non sapevo neppure cos'erano, mi affascinavano per la loro linea semplice e malinconica-retrò...)Veniamo al dunque:vorrei condividere con voi questo mio progetto di bici a scatto fisso fatta in casa,sperando che la mia esperienza possa servire a qualcuno, e che la vostra esperienza possa evitarmi di finire (subito)nella sessione "Esempi da non imitare"
I presupposti:
-soddisfare la mia curiosità: non ho mai avuto nè guidato una fissa, utilizzo spesso la mia mountain bike super-accessoriata, e vorrei creare qualcosa che sia l'esatto contrario
-spendere il meno possibile:per completare il primo presupposto,non so come andrà a finire, nè se mi piacerà, ne se la userò, quindi in caso qualcosa andasse storto, vorrei limitare i danni
-sopperire al ridottissimo budget con la mia abilità manuale: vorrei che il mio progetto venisse valutato nell'ottica costo/soddisfazione, sotto qualsiasi altro punto di vista non avrebbe ragione d'essere, ed è in quest'ottica che vorrei le vostre valutazioni.
Cominciamo:
Questa è la mia "base" In gergo motociclistico, un mezzo prima di essere elaborato viene definito "sleeper".
Ebbene,  la mia sleeper viene trovata nel 2010,in condizioni pietose in un cespuglio, vicino casa mia.Si tratta di una Bianchi da passeggio. Cerchi e raggi sfondati, sella marcia, completamente mitragliata dalla ruggine, già riverniciata (male) in verdino saponetta, cablaggi strappati, qualche ammaccatura.Mi faccio commuovere dal nome prestigioso e dal cambio a 3 rapporti Campagnolo "campione del mondo", e decido di portarla a casa. Smonto completamente la bici,ingrasso tutto l'ingrassabile, sostituisco cablaggi e sella con parti di recupero trovate in garage, carteggio grossolanamente e rivernicio. Compro 2 ruote complete nuove,e due manopoline, cavandomela con meno di una trentina di euro.Nonostante le esortazioni di mio fratello e mio padre a buttarla, mi ci affeziono, e comincio ad utilizzarla. Primo difetto: le pedivelle cominciano a ballare sul loro perno, molto fasidiosamente.Sostituisco più volte le spine, ma risolvo solo temporaneamente, e alla fine, esasperato, le faccio saldare dal mio papà (chi si prenderà mai la briga di ri-smontarle?)
Compaiono però altri difetti che cominciano a non farmela più piacere: non riesco a venire a capo del fanale-dinamo, funziona a intermittenza, smontato, sostituito cavi e lampadine, impermeabilizzato, saldato ecc...ma alla fine ripiego sul gilet catarifrangente.
Le gomme si bucano settimanalmente. Copertoncini dunlop scadenti o cerchi nastrati male?
La vernice comincia a scrostarsi da sola, e quello che doveva essere un oggetto antico ed elegante, tende a tornare brutto e trasandato:che rabbia! Ragionando poi con calma, mi rendo conto di aver utilizzato vernice vecchia di ALMENO 30 anni, e mi do del pirla da solo.
Torno così alla mia affidabile e onesta (ma banale) mountain bike.
La bianchi rimane così, buca e abbandonata per 5 anni, appesa in garage, quando complice qualche foto su web, e soprattutto questo forum, una certa idea comincia a stuzzicami... e così, al grido di "machemmefrega, se va male butto via tutto", vado a ritirarla fuori dal garage e a portarla in officina.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

a dire il vero con "sleeper" si intende un mezzo elaborato o comunque molto performante che però non lo "da a vedere" non uno che non è ancora stato elaborato

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Non ho letto niente, troppo lungo...

B B B ellissima

3 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie! infatti la guarnitura rimarrà quella.La parola sleeper, l'ho imparata leggedo "bielle roventi" (uno special di Motociclismo):dicevano che indica appunto un "dormiente", che deve essere svegliato con i giusti trattamenti....;-)

nella foto, più sleeper che mai!

Share this post


Link to post
Share on other sites

"...linea semplice e malinconica-retrò..." ..............secondo me vuoi una single-speed, non una fissa!

Share this post


Link to post
Share on other sites

occhio che se la guarnitura rimane quella e converti la bici in fissa temo la trasmissione duri poco

Share this post


Link to post
Share on other sites

leggi il decalogo che ho in firma

e nun far cazzate

lassa perde sta roba

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

La guarnitura verrà sostituita senza problemi, se mostrerà segni di cedimento...è fatta di acciaio bello spesso, la terrò d'occhio...

Share this post


Link to post
Share on other sites

Primo passo : procurarsi il necessario, e calcolare la spesa.
Vado dal ciclista e compro un pignone da 16, illustrandogli il mio progetto, ma mi trovo la prima difficoltà: per un pignone fisso, occorre un mozzo (e quindi, una ruota )nuova, che non voglio comperare.Così, esco con un pignone single-speed e 4 euro in meno. A casa, comincio a fare andare la testa, ma non c'è modo di fissare il pignone: è di acciaio temprato, e non c'è nulla a cui imbullonarlo. Chiedo aiuto al mio papà, che dopo avermi consigliato nuovamente di buttare la bici, acconsente ad effettuare due saldature: la prima per bloccare l'ingranaggio, la seconda (più insidiosa) per saldarlo al mozzo, dopo averlo stretto fortissimo.Insidiosa perchè se col calore le sfere dei cuscinetti si deformano, la ruota dopo gratterà, rendendo brutto e faticoso il pedalare.Tutto fila per il verso giusto: la ruota gira scorrevole, e mio papà esce dall'officina dicendo che a lui tutto ciò sembra pericoloso.Convinto di avere realizzato la parte più difficile, preso dall'entusiasmo, comincio la più divertente: smontare, togliere, semplificare ed alleggerire. Prima di cominciare, la mia bianchi pesava 14 kg (contro i 18 della mtb).Vediamo quanto riuscirò a togliere....

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi hai un suicide hub

sai l'inglese?

che oh, capiamo due cose:
1. non stai facendo nulla di diverso da mille altri errori di mille altre persone, quindi una discussione in diy è anche fin troppo..come dire..presuntuosa
2. ti si consiglia e ti si dice che non è una idea furba per mille motivi, ma vai avanti per i fatti tuoi, senza neanche chiedere consigli,  senza ascoltare consigli. magari di chi ha già fatto le stesse cagate.
tradotto: stai rovinando una bici che già all'inizio valeva poco, rendendola insicura e sbagliata sotto ogni prospettiva. ti piace farlo? accomodati. però..

Edited by BobsHaero (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Elimino: parafanghi storti di lamiera, supporti carter, tutto il freno posteriore, tutto il cambio, fanaleria

Smonto tutto lo smontabile e lo controllo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

quindi hai un suicide hub

sai l'inglese?

mozzo suicida?che è?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

quindi hai un suicide hub

sai l'inglese?

mozzo suicida?che è?

 

appunto.

è quello che hai tu: una ruota libera saldata.

 

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Il supporto dello stramaledetto faro viene trasformato in un semplice guida-cavo, per il freno anteriore

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

quindi hai un suicide hub

sai l'inglese?

mozzo suicida?che è?

 

appunto.

è quello che hai tu: una ruota libera saldata.

 

 

speriamo non sia TROPPO suicida Bob ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.