BobsHaero

Parliamo di Greta e Vanessa

96 posts in this topic

"Aiutare come può" è tutto lì l'errore. O lo fai bene oppure aiuti chi lo sa fare bene. Il medico non è partito da solo con uno zaino e il cuore grande... Sempre in una zona rischiosa è andato, ma almeno non l'ha fatto alla cazzodicane.

Sui marò, e poi non ne parlo più, vedo che sono militari, che la vicenda non è chiara, non erano nemmeno in acque indiane. Credo sia una vicenda molto ingarbugliata, fumosa, fatico a pensare che due militari su una petroliera si siano divertiti a sparare a dei pescatori su una barchetta (che era un peschereccio con più di 10 uomini di equipaggio), sarebbero due folli esaltati, mica è apocalypse now... Ma in quanto militari, servitori della patria, che piaccia o no, mi aspetterei un comportamento diverso dallo stato italiano.

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Incoerenza, mah, mica tanto. Nel primo e secondo caso si parla di persone che hanno fatto una scelta di vita andando a fare volontariato in zone molto rischiose, i marò erano li per altri motivi. È una differenza netta, da qui nasce la diversità dei commenti.

quindi se non vai a fare volontariato in zone rischiose dove lo vai a fare scusa? ai parioli a roma?

io penso come voi che quelle due siano partite un po' alla sprovvista, ma non capisco tutta questa aggressivita' nei confronti di chi va per "scelta" ad aiutare come puo' chi vive nella merda.

e poi nessuno condanna due assassini.

i maro' poi erano li' per altri motivi, si', e non credo fossero motivi buoni per uccidere pescatori a caso.

 

gente è morta per avere una stupida cosa che si chiama "presunzione di innocenza".

non son neanche stati formulati capi d'accusa corretti e completi. chi cazzo sei tu per definirli assassini? 

con questo chiudo la questione marò, il solo fatto di buttarla dentro qui vuol dire che si pensa con la merda in mano.

l'aggressività è data dal fatto che han fatto una scelta di merda, da coglione, e ci son andati di mezzo altri. 

stessa aggressività che si riserva al coglione che fa la passeggiata a 2000 metri sull'erba bagnata al ciglio del burrone con le all star, cade e muore.

i darwin awards, fondamentalmente.

ah, che tu sia uno che non lo sa, non lo metto in dubbio. ma le realtà di volontariato e associazioni assistenziali in italia sono FONDAMENTALI, sono tante e sono sempre aperte a nuovi aiuti.

certo, se uno pensa che ci sia una classifica su chi conta di più da aiutare e chi conta di meno, o che se vai a far l'aiutante in zona di guerra sei fica e santa e potrai raccontare questa esperienza, mentre non è così figo aiutare i barboni in stazione centrale, o portar compagnia agli anziani..

beh effettivamente che si fottano tutti, io aiuto per mio tornaconto personale, per fare il figo e farmi un'esperienza. quindi vado in siria, che a termini c'è puzza di schifo.

ma per cortesia.

 

4 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Incoerenza, mah, mica tanto. Nel primo e secondo caso si parla di persone che hanno fatto una scelta di vita andando a fare volontariato in zone molto rischiose, i marò erano li per altri motivi. È una differenza netta, da qui nasce la diversità dei commenti.

quindi se non vai a fare volontariato in zone rischiose dove lo vai a fare scusa? ai parioli a roma?

io penso come voi che quelle due siano partite un po' alla sprovvista, ma non capisco tutta questa aggressivita' nei confronti di chi va per "scelta" ad aiutare come puo' chi vive nella merda.

e poi nessuno condanna due assassini.

i maro' poi erano li' per altri motivi, si', e non credo fossero motivi buoni per uccidere pescatori a caso.

Una mia amica la sera di capodanno è andata a cucinare e preparare i letti per i senza tetto alla caritas a Torino.Non c'è bisogno di andare fino in Siria per fare del volontariato.

Io ho fatto un buono spesa per una famiglia bisognosa ad esempio:penso di aver aiutato qualcuno pur restando a pochi km da casa.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

ma non ho mica fatto differenza tra chi va in siria o chi va alla stazione di termini.

chiunque faccia volontariato e' da applaudire, se lo fai per gli altri o se lo fai per la tua autostima, il risultato e' comunque un buon gesto e quidi ben venga.

 

fino a che non si e' giudicati, si e' innocenti, senza dubbio. sono d'accordo. ma uno dei due maro' ha sparato e un pescatore e' morto, quindi stiamo solo aspettando il giudizio sulle cause/chi/come/eccetera. non stiamo aspettando indizi, capelli o macchie di dna per incastrare un insospettabile padre illegittimo del pescatore.

 

qualunque sia il gesto poi, camminare con le vans in montagna o andare in corea del nord a fare l'erasmus, ricordiamoci che:

1) l'aggressivita' e' in ogni situazione e' sbagliata.

2) se una situazione e' salvabile, si cerca di salvarla. come quando un volontario aiuta comunque un barbone che pero' lo e' diventato perche' ha speso tutto al gioco per esempio, "eh ma st'idiota poteva comprarsi un gratta&vinci invece di spendere un milione ai cavalli".

Share this post


Link to post
Share on other sites

per la cronaca han fatto volontariato anche in italia

 

sicuramente era piu' facile stare qui a farsi i selfie con la bocca ad ano come faccio io

Edited by Doc.Gio (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me sembra che, per una volta, si possa dire che l'italiano medio sia quello che le difende a priori e se ne esce con la storia dei maró giusto per seguire la solita corrente pacifista (per non dire altro che poi mi attaccate di fascista che non sono). Queste tonte sono arrivate il 31 luglio ad Aleppo, e nel giro di sei ore sono state rapite. È come consegnarsi nelle mani dei terroristi. Il tutto dopo aver seguito un contatto su Facebook. Ora, tutto ciò lo leggi dai giornali, che sono la fonte di informazione primaria in Italia. Ho la possibilità di leggere la maggior parte dei quotidiani nazionali italiani (li vendo) e l'idea e la stessa ovunque.

Ora non fate l'italiano medio che dice la solita stronzata: "la stampa è di parte scrive ciò che vuole". Visto che la maggior parte di voi le notizie le avrà lette dal sito di Repubblica.it

Se volete comunque informarvi, con la giusta dose di critica personale che non guasta mai (della serie non prendete tutto ciò che viene scritto come Bibbia) leggetevi ogni tanto Italia Oggi e il Sole 24 ore che mi sembra siano i quotidiani più equilibrati in Italia.

5 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Credo che la domanda sia una sola: erano realmente preparate ed avevano il necessario supporto/formazione/assistenza per operare in sicurezza in una zona di guerra tra le più calde al mondo?

Fare volontariato è cosa buona e giusta, rischiare così perchè si va allo sbaraglio insomma, un pochino meno, queste avevano la ruotalibera ed erano brakeless in discesa ;-)

Hanno avuto culo, potevano finire sgozzate dopo aver subito una violenza di gruppo per settimane...

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ma secondo me @ma7 non ha capito il concetto di @BobsHaero.

Sei una grandissima testa di cazzo se vai in territori di guerra, seppur per una buona causa, a fare volontariato per te stessa.

Ti metti in pericolo, ed anche lo stato italiano che, abbia pagato o no realmente sti soldi, ora appare come vulnerabile.

Forse non si è capito bene nel mio primo commento, ma non volevo assolutamente dire che andavano lasciate morire e in questo concordo ancora con bobs. Bisognava cercare una soluzione "di forza", cercare di localizzare le due ragazze e salvarle.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

qualcuno s'è mai chiesto perchè gli USA "non trattano coi terroristi"?
non è che non hanno soldi da spenderci, al massimo si indebitano un altro po col giappone e han la possibilità di liberare chiunque, se volessero.
semplicemente non trattano: una volta che tutti lo sanno, e che non son mai state fatte eccezioni, non verranno più rapiti americani. al loro posto vengon rapiti francesi, italiani eccetera. perchè noi si paga.
è banale la cosa. cazzo mi rapisco uno che non vale nulla perchè non pagano il riscatto? se devo, lo uccido e buonanotte.

ecco il problema vero di sto riscatto, se vogliamo parlare di riscatto.
ed è il motivo per cui viene ufficialmente negato
e quindi per chi chiedeva le F.O.N.T.I. non ce ne saranno mai di ufficiali.
ma questo è palese a chiunque si informi un minimo

ste due cretine han messo in condizione di aumentare il pericolo gli italiani, quelli là a far davvero del bene, con la loro bravata.
i 12mln son niente di niente.
certo, potevan essere usati in maniera più furba, ma son comunque niente di niente nell'economia italiana.
 

Edited by BobsHaero (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Vorrei provare a rendere la cosa piu interessante, tanto chi ha una idea mi sembra che qui se la tenga stretta stretta e si va da poche parti a tacciarsi di italianomedio a vicenda.

Vi chiedo allora: come avrebbe dovuto comportarsi lo ststo italiano?

Diciamo a cose fatte, una volta che si sapeva che erano state rapite, non prima.

Share this post


Link to post
Share on other sites
Guest
This topic is now closed to further replies.

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.