Sign in to follow this  
Pak

contropedale, domanda sul.

12 posts in this topic

sto facendo una bici contropedale per mio fratello (tranquilli che quando l'ho finita posto le foto in gallery).

so a grandi linee come funziona, come si monta, come si pedala.

ma ho un dubbio che Internet non riesce a risolvere e magari qualche scienziato qui conosce la risposta: in frenata, quando proprio inizio a girare i pedali all'indietro e la frizione inizia a fare resistenza, la catena subisce gli stessi stress di una frenata con pignone fisso oppure è semplicemente un modo per attivare il freno quindi con zero (o quasi) forza?

in parole poVre: c'è più possibilità che una catena si rompa con la fissa che con la contropedale oppure è la stessa cosa?

Share this post


Link to post
Share on other sites

con il contropedale fai mooooolta meno forza che con la fissa, il meccanismo all' interno funge da riduttore e freni facendo relativamente poca forza e inchiodi pure con molta facilità e comunque molto meno che con una fissa, metti pure una catena da 3/32 quella da 1/8 è fin troppo .... io ho anche una contropedale con un mozzo velosteel e frena che è uno spettacolo.....fai poca forza e la catena (nuova) non si è mai rotta

Share this post


Link to post
Share on other sites

con il contropedale fai mooooolta meno forza che con la fissa
.

attenzione: io non parlavo dello sforzo fisico che devono fare le gambe ma delle forze (trazione?) che agiscono sulla catena stessa e sul pignone/controghiera.

Sent from my iPhone using Tapatalk

Share this post


Link to post
Share on other sites

con il contropedale fai mooooolta meno forza che con la fissa
.

attenzione: io non parlavo dello sforzo fisico che devono fare le gambe ma delle forze (trazione?) che agiscono sulla catena stessa e sul pignone/controghiera.

Sent from my iPhone using Tapatalk

ok .... ho precisamente questo mozzo e catena da 3/ 32 e ribadisco...niente di svitato e di rotto

http://www.ciclistica.it/prodotto/mozzo ... ilettatura

poi magari sono fortunato ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

test con macchinari fotonici non ne ho, ma considerando che il movimento del pedale all'indietro serve solo per azionare il "freno", la catena non è quella su cui vanno a scaricarsi tutte le forze, ma è il freno a fare il lavoro sporco...

Share this post


Link to post
Share on other sites

la maggiore sollecitazione se la becca la gambetta del freno che dev'essere fissata stretta al telaio, io da stupido su una bici, dotata di contropedale, ho stretto a morte i dadi di fissaggio del mozzo, ma non ho stretto bene la leva sul fodero inferiore e alla prima frenata, patatrack.

o.t. pensiero libero

una bici montata a caso, senza tener conto di linee catena o altro, nella pedalata fa meno rumore della mia fissa dove tutto è stato calcolato al millimetro

Share this post


Link to post
Share on other sites

he coaster brake, also known as a back pedal brake or foot brake (or torpedo in some countries), is a type of drum brake integrated into hubs with an internal freewheel.

essendo definito come drum brake (a.k.a. freno a tamburo)

Bicycle drum brakes operate like those of a car, although the bicycle variety use mechanical rather than hydraulic actuation. Two pads are pressed outward against the braking surface on the inside of the hub shell.

ed essendo il freno a tamburo definito come un freno che opera attraverso l'attrito tra superfici

abbiamo due casi:

caso A) la superfice utilizzate per frenare e' quella della catena (mi sembrerebbe strano)

caso B) e' un'altra superfice, probabilmente nel mozzo

Nel caso B la catena di una bici a contropedale non dovrebbe subire sollecitazioni molto maggiori di una normale ruota libera, sicuramente non equiparabili ad una bici con lo scazzo fitto.

Tutto cio' ricordando che wikipedia non e' una fonte attendibile di informazioni

Share this post


Link to post
Share on other sites

caso A) la superfice utilizzate per frenare e' quella della catena (mi sembrerebbe strano)

caso B) e' un'altra superfice, probabilmente nel mozzo

Nel caso B la catena di una bici a contropedale non dovrebbe subire sollecitazioni molto maggiori di una normale ruota libera, sicuramente non equiparabili ad una bici con lo scazzo fitto.

B

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao

la forza che si fa frenando mandando indietro i pedali serve solo a far aprire le ganasce del freno a tamburo.

Se il dado del mozzo dalla parte della catena non e' stretto bene,quando inchiodi la ruota, tutta la forza

cinetica della bici si scarica sulla catena che ferma il mozzo che altrimenti uscirebbe dal forcellino.

Ovviamente la forza si carica meta' sulla catena sopra e sotto.

Se il mozzo e' stretto bene la forza la tiene lui.

La gambetta fa si che il mozzo in frenata non giri su se stesso per la torsione che frena la ruota.

Io non mi preoccuperei.

Mauro

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now

Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.