Mamo_74

verniciatura telaio - il mio metodo casalingo

20 posts in this topic

visto che ho appena postato da un'altra parte... posto pure qua

Questo metodo l'ho provato sul primo motorino di mio fratello un Sh-50 scassato, anzi da buttare, che è tornato a splendere grazie ad una fantastica vernice grigia metallizzata.

Prima di tutto dobbiamo partire da un telaio ben sverniciato, ben pulito, ben sgrassato, e ben appeso lontano da muri e pavimenti, con molta aria intorno insomma, così evitiamo che la polvere alzata dal getto in pressione si vada a poggiare sulla vernice creando un fondo perfetto per le colature.

Il mio fondo preferito è lo stucco a spruzzo, una vernice porosa e spessa che copre le magagne come buchetti e bozzetti.

Il segreto nel verniciare è la parsimonia, sia per la vernice, che per lo "stucco a spruzzo":

cioè veloci e brevi passate di non più di dieci secondi, con un bel movimento ampio, a 30-40 cm di distanza. E senza ripassarci sopra prima di 20-30 secondi.

La "spruzzata non deve mai iniziare e finire sul pezzo... mai!! si fa partire in aria e poi una volta "partita" si punta sul telaio: in questo modo evitiamo che la vernice secca rimasta sullo spillo si vada a posare sulla tua bicicletta.

Riassumendo: Il mio metodo collaudato per verniciare in casa é:

Impugnare la pistola, puntarla in aria, a lato, in basso.Dove si vuole insomma e si fa partire il getto.

Un istante dopo, con il getto che ancora esce, si punta la pistola verso il telaio e con un bel movimento deciso e continuo si fa una prima passata su una parte della bici.

Il getto bisogna interromperlo non sulla bici, perchè potrebbero partire degli sputacchi dovuti alla bassa pressione in chiusura della valvola.

uh che fatica! Riassumo ancora che non sono stato chiaro nemmeno per me:

1)La "spruzzata" non deve partire, e nemmeno finire sul telaio

2)I movimenti sono ampi, abbastanza veloci e decisi, (immaginate di avere una bacchetta da direttore di orchestra in mano) e non ripassare mai sulla stessa parte se prima non hai fatto il resto della bici.

3)Se si fa passare 5 minuti buoni (ad una temperatura non polare) tra una passata di vernice su tutta la bicicletta e l'altra è meglio

4) quante mani complete è meglio fare?

Beh direi che 5-6, se poi ci passiamo il trasparente, dovrebbero andare bene sennò anche una decina. Ma questa è una regola empirica, visto che dipende molto dalla mano, dalla pressione e dal vostro gusto. Ma soprattutto ogni strato di vernice pesa ;-) (Le mitiche frecce d'argento hanno fatto scuola)

É un lavoro dispendioso,mica abbiamo dell'attrezzatura professionale noi, ma se rispettiamo queste poche regole, vedrete che lavorone.

Se trovo il tempo di verniciare il mio telaio magari vi faccio un tutorial.

P.S. Per i puristi e pignoli del lavoro fatto bene:

Una volta che lo stucca a spruzzo è secco c'è chi "sporca" lo stucco con un velo sottilissimo di vernice nera e poi passa la carta vetrata da 1000-2000 per rendere liscio il tutto. Sparito il velo, lo strato è perfettamente liscio.

(è scontato che dopo una bella scartavetrata si da una bella passata di straccio umido per togliere la polvere rimasta sul pezzo da verniciare)

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me dovremmo prendere tutti spunto da Trisha:

3493342918_27903f9409.jpg

via theFiXFiXFiX flickr.

visto che ho appena postato da un'altra parte... posto pure qua

Questo metodo l'ho provato sul primo motorino di mio fratello un Sh-50 scassato, anzi da buttare, che è tornato a splendere grazie ad una fantastica vernice grigia metallizzata.

Prima di tutto dobbiamo partire da un telaio ben sverniciato, ben pulito, ben sgrassato, e ben appeso lontano da muri e pavimenti, con molta aria intorno insomma, così evitiamo che la polvere alzata dal getto in pressione si vada a poggiare sulla vernice creando un fondo perfetto per le colature.

Il mio fondo preferito è lo stucco a spruzzo, una vernice porosa e spessa che copre le magagne come buchetti e bozzetti.

Il segreto nel verniciare è la parsimonia, sia per la vernice, che per lo "stucco a spruzzo":

cioè veloci e brevi passate di non più di dieci secondi, con un bel movimento ampio, a 30-40 cm di distanza. E senza ripassarci sopra prima di 20-30 secondi.

La "spruzzata non deve mai iniziare e finire sul pezzo... mai!! si fa partire in aria e poi una volta "partita" si punta sul telaio: in questo modo evitiamo che la vernice secca rimasta sullo spillo si vada a posare sulla tua bicicletta.

Riassumendo: Il mio metodo collaudato per verniciare in casa é:

Impugnare la pistola, puntarla in aria, a lato, in basso.Dove si vuole insomma e si fa partire il getto.

Un istante dopo, con il getto che ancora esce, si punta la pistola verso il telaio e con un bel movimento deciso e continuo si fa una prima passata su una parte della bici.

Il getto bisogna interromperlo non sulla bici, perchè potrebbero partire degli sputacchi dovuti alla bassa pressione in chiusura della valvola.

uh che fatica! Riassumo ancora che non sono stato chiaro nemmeno per me:

1)La "spruzzata" non deve partire, e nemmeno finire sul telaio

2)I movimenti sono ampi, abbastanza veloci e decisi, (immaginate di avere una bacchetta da direttore di orchestra in mano) e non ripassare mai sulla stessa parte se prima non hai fatto il resto della bici.

3)Se si fa passare 5 minuti buoni (ad una temperatura non polare) tra una passata di vernice su tutta la bicicletta e l'altra è meglio

4) quante mani complete è meglio fare?

Beh direi che 5-6, se poi ci passiamo il trasparente, dovrebbero andare bene sennò anche una decina. Ma questa è una regola empirica, visto che dipende molto dalla mano, dalla pressione e dal vostro gusto. Ma soprattutto ogni strato di vernice pesa ;-) (Le mitiche frecce d'argento hanno fatto scuola)

É un lavoro dispendioso,mica abbiamo dell'attrezzatura professionale noi, ma se rispettiamo queste poche regole, vedrete che lavorone.

Se trovo il tempo di verniciare il mio telaio magari vi faccio un tutorial.

P.S. Per i puristi e pignoli del lavoro fatto bene:

Una volta che lo stucca a spruzzo è secco c'è chi "sporca" lo stucco con un velo sottilissimo di vernice nera e poi passa la carta vetrata da 1000-2000 per rendere liscio il tutto. Sparito il velo, lo strato è perfettamente liscio.

(è scontato che dopo una bella scartavetrata si da una bella passata di straccio umido per togliere la polvere rimasta sul pezzo da verniciare)

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

mille e una domanda.

i telai, come escono di fabbrica, sono verniciati a forno? come fanno quelle verniciature ad essere così più resistenti di quelle d.i.y. ?

se faccio lo stesso che consigli con le bombolette, invece che con il compresore, fa schifo o funziona uguale? lo stucco di cui parli esiste spray? se no che base spray mi consigli? l'antiruggine com'è?

tnx

Share this post


Link to post
Share on other sites

Le verniciature fatte dai telaisti sono per numerosi motivi superiori a quelle fatte con le bombolette...

Innanzittuto i materiali: si utilizzano vernice apposite per i metalli, di una buona se non ottima qualità.

Poi la tecnica: viene predisposto in modo ottimale il telaio, eliminando le imperfezioni sapientemente, quindi si dà mi pare una mano di fondo aggrappante e si procede alla verniciatura.

Infine si ha la cottura in forno (non so se prima o dopo si dà il trasparente).

E' un po' come confrontare un telaio fatto da un telaista e uno fatto da un qualcuno che sa tenere in mano una saldatrice ad elettrodo che si cimenta nell'unione di un po' di tubi di ferro, che alla fine avranno vagamente la forma di una bicicletta, ma chiamarla bici quella sarebbe troppo generoso...

Share this post


Link to post
Share on other sites

giusto oggi un carrozziere mi parlava di verniciatura a bagno chimico. e sosteneva che la mia bici fosse verniciata così e che neanche la sua vernicitura, considerato che quasi nessuno usa più il forno, poteva eguagliare quella qualità e resistenza. poi metodo a parte, di certo, i materiali fanno la loro sporca buona parte.

---

Share this post


Link to post
Share on other sites

E che vuol dire bagno chimico?

Share this post


Link to post
Share on other sites

da wikipedia

"Il primo passo per la verniciatura industriale delle scocche nel settore automotive avviene immergendo la scocca in un bagno di fosfatazione in cui, per un processo chimico si creano dei cristalli fosfatici che hanno il compito di favorire il successivo processo di catoforesi. La catoforesi è un processo chimico fisico tramite il quale, attraverso un passaggio di corrente tra un anodo e un catodo, la vernice diluita in H2O si lega ai cristalli fosfatici formati in precedenza. Questa vernice ha come principale scopo l'anticorrosione, dopo una cottura per circa 40 minuti in un forno a 180 °C la scocca è pronta per la vernice spray."

io non so molto, e non so se lui ha detto una cosa vera, riferisco.

Share this post


Link to post
Share on other sites

mille e una domanda.

i telai, come escono di fabbrica, sono verniciati a forno? come fanno quelle verniciature ad essere così più resistenti di quelle d.i.y. ?

se faccio lo stesso che consigli con le bombolette, invece che con il compresore, fa schifo o funziona uguale? lo stucco di cui parli esiste spray? se no che base spray mi consigli? l'antiruggine com'è?

tnx

Non so come le verniciano in fabbrica...

io ho preso la vernice da Panella a Roma.

Si lo stucco a spruzzo esiste anche spray e ce ne sono alcuni anche antiruggine.

Io sto facendo il lavoro con il compressore e non lo farò mai più.

Una cosa è fare una bella superficie ampia,un'altra invece un telaio fino fino dove la vernice che rimane in aria e che si finisce per respirare nonostante la mascherina è troppa... troppo rischioso per i polmoni

Quindi la prossima bici me la faccio con le bombolette... (Da panella puoi chiedere di farti le bombolette con il colore che ti puoi scegliere su una vastità di cataloghi)

Il ragazzo del negozio mi ha consigliato una vernice al nitrosintetico, lo stesso che rifornivano alla Legnano anni fa, che secondo lui è molto più elastica.

Calcola che per un telaio e forcella servono:

2 bombolette di primer (stucco a spruzzo), 2 bombolette di vernice e 2 di trasparente.

Se invece vuoi usare il compressore:

Ci vogliono rispettivamente 400gr di primer, di vernice e di trasparente... se usi la pistola a gravità tipo questa:

pistola-per-pittura-alimentata-a-gravita-35635.jpg

Se invece ne hai una a tazza come questa

aero-2.jpg

calcola almeno 500gr per tutti e tre

Share this post


Link to post
Share on other sites

mamo, grazie..consigli preziosi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

ammazza mamo, la prossima volta che devo verniciare chiamo a te e ci si mette d'accordo!

sei un professionista...daje, ci si incontra sulla strada.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.