zKambaa

Sram Wireless Groupset

17 posts in this topic

LO SO NON SIAMO SU BDC-FORUM.

(ma tant'è, l'argomento mi interessa.)

 

 

 

 

 

 

 

che ne pensate?

per me il vantaggio è più estetico che funzionale (sicuramente ci saranno alcuni vantaggi, che siano poi rilevanti o meno boh.) e avrei un bel po' di paura nel pensare che la batteria del deragliatore mi possa morire a metà uscita (mi dimentico sempre di ricaricare le cose quindi non dite basta che le metti in carica ogni volta.)

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la cosa intrippa molto.. Personalmente lavoro quasi ogni giorno con l'ultegra di2 e tra il 10v e l'11v c'é stato un salto notevole ma i cavi sono sempre un dito...li ecco...

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

prima impressione: figata. Pensandoci bene, penso sia un prodotto che dovrà essere sviluppato ancora un po' prima di essere utilizzato in maniera estesa nel professionismo. Da quello che posso immaginare (a parte il lato estetico) il fatto di non avere i cavi dovrebbe ridurre la manutenzione, migliorare forse la microregolazione e quindi avere l'indicizzazione "più stabile" nel tempo. Bisognerebbe però vedere se effettivamente il funzionamento wireless sia affidabile al 100% e sempre uguale per lunghi periodi.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Penso che il cambio wireless della sram non sia tanto dissimile dai cambi elettronici già sul mercato.

Se ti si scarica la batteria il cambio si posizioa su un "rapporto medio" che ti permette di pedalare agevolmente per un po'

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Stavo giusto chiedendomi qual nuova inutile stronzata si inventassero quest'anno per continuare a vendere..

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

prima impressione: figata. Pensandoci bene, penso sia un prodotto che dovrà essere sviluppato ancora un po' prima di essere utilizzato in maniera estesa nel professionismo. Da quello che posso immaginare (a parte il lato estetico) il fatto di non avere i cavi dovrebbe ridurre la manutenzione, migliorare forse la microregolazione e quindi avere l'indicizzazione "più stabile" nel tempo. Bisognerebbe però vedere se effettivamente il funzionamento wireless sia affidabile al 100% e sempre uguale per lunghi periodi.

 

Eh no,  il passaggio da classico a tecnologico implica più manutenzione. Secondo me.

 

Stiamo parlando di un cavetto contro un sistema wireless.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

prima impressione: figata. Pensandoci bene, penso sia un prodotto che dovrà essere sviluppato ancora un po' prima di essere utilizzato in maniera estesa nel professionismo. Da quello che posso immaginare (a parte il lato estetico) il fatto di non avere i cavi dovrebbe ridurre la manutenzione, migliorare forse la microregolazione e quindi avere l'indicizzazione "più stabile" nel tempo. Bisognerebbe però vedere se effettivamente il funzionamento wireless sia affidabile al 100% e sempre uguale per lunghi periodi.

 

Eh no,  il passaggio da classico a tecnologico implica più manutenzione. Secondo me.

 

Stiamo parlando di un cavetto contro un sistema wireless.

 

 

eh ma il cavetto e le guaine teoricamente si usurano più velocemente nel tempo e può anche essere necessario regolarlo spesso per mantenere la giusta indicizzazione. poi vabbe sono tutti discorsi teorici, io mi sono posto nella situazione ideale in cui il cambio elettronico funzioni perfettamente. a quel punto una volta montato sei a posto e ciao manutenzione.

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Smad4 Regolare piu spesso un segnale? LOL é un cavo che porta impulsi mica una treccia che si allunga :) L'unica cosa é che,ovviamente, si può disconnettere (e accade spesso nell'area manubrio)o usurare

Edited by FoRzen (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

@Smad4

Regolare piu spesso un segnale? LOL

é un cavo che porta impulsi mica una treccia che si allunga :)

L'unica cosa é che,ovviamente, si può disconnettere (e accade spesso nell'area manubrio)o usurare

 

segnale e impulsi? io comunque mi riferivo a un cambio tradizionale, non elettronico. visto che sono povero e quest'ultimo non l'ho mai utilizzato, la mia era una considerazione rispetto al fatto di avere cavi e guaine da avere alla tensione tale da ottenere l'indicizzazione giusta (e penso sia normale dopo un certo utilizzo dover agire sul microregolatore perché la "cambiata" si è minimamente spostata e l'indicizzazione non è perfetta). intendevo semplicemente questo..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi domando una cosa, l'aggeggio prende piede e ci presentiamo al via della 9 colli in 1000 tutti con lo stesso gruppo, cosa diavolo succede con le frequenze? E se passo vicino alle antenne sky in cima ad un colle? I disturbi nel whifi esistono e tutti ci sbattono il muso pure cisco che si occupa di telecomunicazioni ha i suoi problemi. Come diamine fa Sram che si occupa di ciclismo a gestire tutto in tranquillita?

  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

Mi domando una cosa, l'aggeggio prende piede e ci presentiamo al via della 9 colli in 1000 tutti con lo stesso gruppo, cosa diavolo succede con le frequenze? E se passo vicino alle antenne sky in cima ad un colle? I disturbi nel whifi esistono e tutti ci sbattono il muso pure cisco che si occupa di telecomunicazioni ha i suoi problemi. Come diamine fa Sram che si occupa di ciclismo a gestire tutto in tranquillita?

 

eh, anche perchè già adesso alle partenze di gare e garette vedo segnali di cadenza e cardio che si scambiano manco allo smistamento treni... non oso pensare con pure i cambi, roba che radiomaria ci fa un baffo ;)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la cosa intrippa molto.. Personalmente lavoro quasi ogni giorno con l'ultegra di2 e tra il 10v e l'11v c'é stato un salto notevole ma i cavi sono sempre un dito...li ecco...

 

chiariscini un attimino il verbo?! 

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

A me la cosa intrippa molto.. Personalmente lavoro quasi ogni giorno con l'ultegra di2 e tra il 10v e l'11v c'é stato un salto notevole ma i cavi sono sempre un dito...li ecco...

 

chiariscini un attimino il verbo?! 

 

Lavoro come meccanico in un negozio (catena) di bici qui a londra e di di2 ne ve(n)diamo a bizzeffe :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

prima impressione: figata. Pensandoci bene, penso sia un prodotto che dovrà essere sviluppato ancora un po' prima di essere utilizzato in maniera estesa nel professionismo. Da quello che posso immaginare (a parte il lato estetico) il fatto di non avere i cavi dovrebbe ridurre la manutenzione, migliorare forse la microregolazione e quindi avere l'indicizzazione "più stabile" nel tempo. Bisognerebbe però vedere se effettivamente il funzionamento wireless sia affidabile al 100% e sempre uguale per lunghi periodi.

Eh no, il passaggio da classico a tecnologico implica più manutenzione. Secondo me.

Stiamo parlando di un cavetto contro un sistema wireless. Casomai lo butti prima quello wireless

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io vi mando tutti affanculo, per primo l'imbecille che ha avuto la brillante idea di mettere una batteria a una bici che per antonomasia non ne ha bisogno. Ma solo io faccio migliaia di km in bdc con l'ultegra classico e sono 5 anni che non devo regolarlo???

La bici é un mezzo meccanico semplice. Non ha bisogno di elettronica.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.