X-lite

Perché scegliere una "geometria" di rapportatura a parità di rt?

23 posts in this topic

Si il titolo è lungo ma piuttosto esplicativo.... è poco che mi imbatto nelle rapportature ciclistiche e con l'acquisto della fixed mi sono venute delle curiosità, per farla breve sono deciso a prendere una guarnitura che mi affascina sotto il profilo estetico ma in effetti andando a calcolare il rapporto di trasmissione ed annessi e connessi... mi risulta uguale alla rapportatura che uso oggi.. (46-16)!

Alla fine perché si predilige una geometria più che un altra quando si ha praticamente e matematicamente lo stesso valore (esempio in questione è 46-16 su futuribile 52-18)?

Ho letto, che quando si usano guarniture con annesse "corone" aventi dentature "minori" e si compensa sul pignone, la rapportatura cosi costituita viene definita più agile!

Nell'esempio che vi espongo ci sono gli stessi valori di lunghezza (76+/-) di rt 2,88 e guadagno che siamo 5,82/5,85!!!! Bene ora l'unica cosa che differisce tra le due opzioni è l'effetto Poligono... sarà questo che rende più agevole l'una più che l'altra soluzione??? alla fine l'estetica vince sulla fisica?

Un altra cosa mi chiedo quanti di voi ha noto l'allineamento dell'asse dell'MC rispetto a quello dell mozzo.. non si parla solo di "linea catena" ma di parallelismi su gli organi di trasmissione avete mai controllato la coassialità tra MC e corona ho osservato che il più delle volte risultano sballati diversi valori che possono andare alla lunga a influire sul rendimento meccanico e sulla durata delle componenti trasmissione... ho letto molti consigli classici sul metti questo monta quello leva assolutamente etc etc ma sono più interessato al vero valore delle cose ... il loro rendimento.....

 

Spero che ci sia modo di argomentare sulla questione... perchè su una fixed ce "poco" in se ma alla fine anche quello è importante ;-)   

Share this post


Link to post
Share on other sites

domanda interessante...

 

cosa fa preferire  a parità di sviluppo metrico delle corone più grandi i delle corone più piccole.

Personalmente non lo so.

 

L'unica cosa che mi viene in mente è che se tu salti di un dente al posteriore avrai una differenza sullo sviluppo metrico maggiore tanto è maggiore la dentatura all'anteriore.

 

Ossia con un 52 davanti la differenza di un dente al posteriore la senti di più. con le configurazioni che hai detto se tu volessi indurire e passi

da 46-16 a 46-15

e

da 52-18 a 52-17

nel secondo caso la differenza sullo sviluppo metrico è maggiore.

 

Dopodichè altra cosa che mi viene in mente è la deformazione sotto sforzo di una corona più grande rispetto ad una più piccola (52 vs 46)... ma questa mi sa di roba del tutto ininfluente.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

2 delle (poche) cose che so:

 

1. a parità di rapporto, la coppia con minor numero di denti, avrà denti più sollecitati (meno denti in presa), ma avendo diametri minori è più "robusta" (rigida?) nel resto e pesa meno (forse in modo irrilevante, non saprei)

2. il fatto che asse del mc possa non essere perfettamente parallelo a quello della corona è vero, può essere, ad esempio sulla mia guarnitura è così (di poco, ma pedalando si nota un effetto di spostamento laterale ciclico della catena). Non so se è un montaggio non perfetto o un'imprecisione nella realizzazione della corona/guarnitura

  • Like 4

Share this post


Link to post
Share on other sites

domanda interessante...

 

cosa fa preferire  a parità di sviluppo metrico delle corone più grandi i delle corone più piccole.

Personalmente non lo so.

 

L'unica cosa che mi viene in mente è che se tu salti di un dente al posteriore avrai una differenza sullo sviluppo metrico maggiore tanto è maggiore la dentatura all'anteriore.

 

Ossia con un 52 davanti la differenza di un dente al posteriore la senti di più. con le configurazioni che hai detto se tu volessi indurire e passi

da 46-16 a 46-15

e

da 52-18 a 52-17

nel secondo caso la differenza sullo sviluppo metrico è maggiore.

 

Dopodichè altra cosa che mi viene in mente è la deformazione sotto sforzo di una corona più grande rispetto ad una più piccola (52 vs 46)... ma questa mi sa di roba del tutto ininfluente.

se ho capito bene a parità di rapporto succederebbe che:

 

con corona piccola davanti sviluppo meno metri e sento la pedalata piu leggera?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

domanda interessante...

 

cosa fa preferire  a parità di sviluppo metrico delle corone più grandi i delle corone più piccole.

Personalmente non lo so.

 

L'unica cosa che mi viene in mente è che se tu salti di un dente al posteriore avrai una differenza sullo sviluppo metrico maggiore tanto è maggiore la dentatura all'anteriore.

 

Ossia con un 52 davanti la differenza di un dente al posteriore la senti di più. con le configurazioni che hai detto se tu volessi indurire e passi

da 46-16 a 46-15

e

da 52-18 a 52-17

nel secondo caso la differenza sullo sviluppo metrico è maggiore.

 

Dopodichè altra cosa che mi viene in mente è la deformazione sotto sforzo di una corona più grande rispetto ad una più piccola (52 vs 46)... ma questa mi sa di roba del tutto ininfluente.

se ho capito bene a parità di rapporto succederebbe che:

 

con corona piccola davanti sviluppo meno metri e sento la pedalata piu leggera?

 

no,

intendevo semplicemente dire che con la corona davanti più piccola, cambiando il pignone posteriore la differenza in termini di sviluppo metrico per ogni dente di variazione è più piccola rispetto ad avere una corona grande all'anteriore.

 

Giusta l'osservazione sul peso di @Pinkus

 

per il punto 2, non ho mai misurato o osservato troppo attentamente. Di certo rientrano una serie di cose che possono introdurre tolleranze che per sovrapposizione degli effetti alla fine potrebbero influire (nella fattispecie allineamento forcellini post, allineamento scatola mc, filetto mc, ruota post fissata perfettamente allineata, movimento centrale impercettibilmente eccentrico (per costruzione o montaggio), guarnitura dritta perfetta, corona dritta e fissata allineata... troppe cose....)

Edited by sungia85 (see edit history)
  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

domanda interessante...

 

cosa fa preferire  a parità di sviluppo metrico delle corone più grandi i delle corone più piccole.

Personalmente non lo so.

 

L'unica cosa che mi viene in mente è che se tu salti di un dente al posteriore avrai una differenza sullo sviluppo metrico maggiore tanto è maggiore la dentatura all'anteriore.

 

Ossia con un 52 davanti la differenza di un dente al posteriore la senti di più. con le configurazioni che hai detto se tu volessi indurire e passi

da 46-16 a 46-15

e

da 52-18 a 52-17

nel secondo caso la differenza sullo sviluppo metrico è maggiore.

 

Dopodichè altra cosa che mi viene in mente è la deformazione sotto sforzo di una corona più grande rispetto ad una più piccola (52 vs 46)... ma questa mi sa di roba del tutto ininfluente.

se ho capito bene a parità di rapporto succederebbe che:

 

con corona piccola davanti sviluppo meno metri e sento la pedalata piu leggera?

 

no,

intendevo semplicemente dire che con la corona davanti più piccola, cambiando il pignone posteriore la differenza in termini di sviluppo metrico per ogni dente di variazione è più piccola rispetto ad avere una corona grande all'anteriore.

 

Giusta l'osservazione sul peso di @Pinkus

 

per il punto 2, non ho mai misurato o osservato troppo attentamente. Di certo rientrano una serie di cose che possono introdurre tolleranze che per sovrapposizione degli effetti alla fine potrebbero influire (nella fattispecie allineamento forcellini post, allineamento scatola mc, filetto mc, ruota post fissata perfettamente allineata, movimento centrale impercettibilmente eccentrico (per costruzione o montaggio), guarnitura dritta perfetta, corona dritta e fissata allineata... troppe cose....)

 

 

tutto vero, ma ai fini del rendimento reale tutto pressochè trascurabile e mangiato dagli attriti di rotolamento ecc...

 

 

Segnalo però una cosa:

 

la vecchia scuola pista inponeva ad un classico velocista corona e pignoni piccoli e ad un inseguitore corona e pignoni grandi (magari su catena da 3/32") ad es 46-13 per la velocità e invece 53-15 per l'IP stesso sviluppo discipline diverse.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

 tutto vero, ma ai fini del rendimento reale tutto pressochè trascurabile e mangiato dagli attriti di rotolamento ecc...

 

Segnalo però una cosa:

 

la vecchia scuola pista inponeva ad un classico velocista corona e pignoni piccoli e ad un inseguitore corona e pignoni grandi (magari su catena da 3/32") ad es 46-13 per la velocità e invece 53-15 per l'IP stesso sviluppo discipline diverse.

 

 

perfettamente daccordo, sono differenze di ordine inferiore rispetto ad altre come gli attriti di rotolamento ad esempio...

 

della differenza dentature per le diverse specialità, non lo sapevo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.