Eccoci di ritorno, tre baldi giovini alla conquista del velodromo di Foirenzuola nei pressi di Piacenza, manco a dirlo comodissimo per la milano del sud dove io in particolare mi trovo esiliato, ma graze a voi indigeni sta diventando "non poi così male come pensavo"... PArtenza subito rocambolesca, a casa di fra78 ci vediamo gli ultimi 5 minuti di quello scempio di nazionale e nel frattempo arriva strike, tutto affannato perchè, nell'ordine: - gli hanno sbagliato il pignone, 15 al posto del 14 ed è tornato indietro... - gli hna sbagliato i pedali, spd al posto dei look ed è tornato indietro... - ha sbagliato l'ingresso di casa di fra...ed è tornato indietro....in contromano su via dei Missaglia.... con un gioco millimetrico tra pedali e ruote, ci stanno tutte e 3 le bici sulla mia, e si va!! faccaimo anche un pezzo di via emilia causa incidente...la macchina si trasforma in una piccola ciclofficina, dietro strike monta il pignone, davanti fra avvita le tacchette ai pedali...arriviamo, il posto è bello [n.d.t.: @Nicole, è attaccato alla ferrovia....], troviamo anche l'ingresso (cosa non banale) e montiamo gli attrezzi...tre bici con personalità molto diverse tra loro...ma almeno il rapporto è simile per girare sulle paraboliche! Ci accoglie il ragazzo che gestisce gli ingressi che arriva in sella alla bici da corsa, portando a mano la sua scattofisso....come faceva mio nonno con la mia graziella quando mi veniva a prendere a scuola...e penso subito "ok, siamo a distanza sufficiente da milano per non dar troppo nell'occhio..." iniziamo a prepararci e sento: "nnnnooooooooooooooooooo zio fanale nooooooooo"....strike nella foga ha lasciato a casa i pantaloncini...si farà la sessione con i jeans corti, mica bello quando inizierà a sudacchiare...no no. Partiamo e la superficie è davvero bella, meglio di Busto, mille volte meglio di Dalmine, le biciclette scorrono e i ragazzi vincono da quasi subito il timore delle paraboliche, bene...ok ci siamo scaldati, pausa...mi fermo e sento il mio CLAK del pedale...sento il CLAK di fra dietro di me....poi silenzio......poi... ...SBADABREM!!! strike ha fatto strike, mi giro ed è a terra ancora agganciato alla bici...ma tutto ok, capita a tutti, a me è successo anni fa davanti al cancello di casa...è un battesimo anche quello dei pedali a sgancio! Si riprende tra allunghi e scie, alla fine sarà un ora piena piena sui pedali intervallati da qualche pausa e qualche foto...presto su questi schermi. Alla fine siamo tutti stanchi ma contenti, la pista è tutta per noi, la velocità alla fine dà anche lei una sorta di dipendenza mentale...e ci siamo ormai dentro fino al collo... Poi birra al baretto, passa il giappone, oggi i miei tre colleghi giallini mi prenderanno pure per il culo, e vabbè io alla giornata di ieri associerò solo bei ricordi.