lignorante

Babbo natale esiste

24 posts in this topic

Salve gente, quest'anno la mia consorte @fixed thought ( :bomber: )a sorpresa ha deciso di regalarmi per natale quello che da mesi era il mio sogno e cioè, un telaio fatto su misura da @Aldo .

Ora visto che le mie conoscenze non sono assolutamente adeguate per poter decidere le geometrie apro questo post per raccogliere più spunti possibile e unirli alle mie idee, quello che ne esce ovviamente verrà poi definito e concretizzato con Aldo.

 

MISURE:

post-6399-0-95957300-1378546891.jpg

 

queste sono le mie misure esatte.

 

USO: 

l'uso sarà prettamente urbano, non credo che andrò mai in pista, lo userò per muovermi in città e andare a lavoro, allenamenti scannaduro extraurbani da 70/100 km e spero qualche viaggetto fuori porta su lunghe distanze per più giorni. All'occorrenza spero anche di usarlo in qualche criterium tanto se arrivo ultimo non è di sicuro colpa del telaio!

 

IDEE:

PREMETTO CHE DIRO' MOLTE BOIATE E ANDRO' CONTRO ALCUNE OPINIONI INCONFUTABILI MA IL TELAIO E' IL MIO QUINDI NON SCASSATE U CAZZ!

Quello che nella mia testa elaboro da tempo è un telaio reattivo e compatto ma che risulti guidabile, in strada e nel traffico, visti i vari utilizzi che ne farò dovrò ovviamente scendere a compromessi, ma l'importante è esserne consapevoli.

Forca in acciaio, forata, che assorba decentemente le asperità, se sarà necessario all'occorrenza sarebbe bello poter avere la possibilità di sostituirla con una forcella in carbonio più incazzata, per esempio per una criterium. L'overlap non mi disturba. Occhielli per portapacchi.

Esteticamente un qualche grado di slope negativo mi gusterebbe assai ma solo se non crea "problemi" nelle geometrie generali, di sicuro uno slope positivo non lo voglio, non sono un professionista e vorrei qualcosa che sia anche un po' porn per i miei gusti.

Mi piaceva molto il reggisella integrato tipo quello di @carlomarrone ma credo che metterne uno classico mi dia più possibilità e meno problemi.

Forcellini con regolazione integrata per essere veloce e comodo nella regolazione della ruota posteriore tipo quelli di @matteozolt

post-6399-0-05274800-1378548644_thumb.jp

Due occhielli poco sopra i forcellini per fissare al meglio il portapacchi che ho già (Topeack da reggisella con sostegni artigianali aggiuntivi fatti da me)

Tolleranze tra ruote e telaio "umane" per potermi permettere di utilizzare i parafanghi che già posseggo e non hanno bisogno di fori:

post-6399-0-10618500-1378549618_thumb.jp

 

Più o meno ho messo tutti i punti salienti su cui mi piacerebbe approfondire e avere pareri, ripeto che sono consapevole che voglio cose che cozzano tra di loro, tipo telaio pista e occhielli per portapacchi, ma se volevo un telaio classico mi tenevo il mio bredacicli poca-spesa-tanta-resa-tanto-non-ho-le-gambe.

 

Ovvio che tutto quello che ne esce poi verrà approfondito in privato con Aldo che in quanto telaista avrà l'ultima parola, ma vista la grande confusione che ho in testa non vorrei rubare tempo prezioso al suo lavoro!

Una volta finita sarà praticamente una bici "di fixedforum" visto che telaio di @Aldo + ruote di @zanzos e @Gallistor + pignone di @FixKin + guarnitura di @etoy e @morgs

 

 

Grazie a tutti belli e brutti!

  • Like 5

Share this post


Link to post
Share on other sites

Da neofita faccio qualche riflessione sparsa, dato che anch'io mi sto facendo realizzare un telaio che abbia piu' o meno le caratteristiche che richiedi abbia il tuo, anche se il mio e' in alluminio.

Se vuoi un telaio guidabile devi necessariamente rinunciare a qualcosa in reattivita' soprattutto perche' l'acciaio soprattutto nei rilanci e' meno efficiente di alluminio e carbonio, detto questo avrai sicuramente un telaio piu' comodo, perche' assorbira' meglio le asperita'.A questo punto ti dico quindi di orientarti su una bella forcella in carbonio che ti assicura maggiore guidabilita' e precisione, sia in ingresso che percorrenza di curva, rispetto ad una in acciaio.

Per quanto riguarda i freni, dato che forerai la forcella, perche' non farti forare il ponticello posteriore?

Anche io sono indeciso su questo punto, ma in caso di ''scannate'' soprattutto su percorsi trafficati incomincio a pensare che a quel punto meglio averne due, piuttosto che solo uno.

Fai attenzione all'altezza del movimento centrale che io diciamo porrei a 29cm.

Per lo slope, l'inclinazione negativa seppur bella, credo ti costringa ad avere un tubo sterzo piu' corto e da qui nascono due riflessioni per quanto mi riguarda.La prima e' che esteticamente su un telaio della tua misura che sara' orientativamento un 53 di orizzontale, non lo vedo benissimo, la seconda e piu' importante e' che la posizione in sella sarebbe piu' sacrificata, rispetto ad una geometria tradizionale.

Ciao.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Salve gente, quest'anno la mia consorte @fixed thought ( :bomber: )a sorpresa ha deciso di regalarmi per natale quello che da mesi era il mio sogno e cioè, un telaio fatto su misura da @Aldo .

Ora visto che le mie conoscenze non sono assolutamente adeguate per poter decidere le geometrie apro questo post per raccogliere più spunti possibile e unirli alle mie idee, quello che ne esce ovviamente verrà poi definito e concretizzato con Aldo.

 

MISURE:

attachicon.gifImmagine.jpg

 

queste sono le mie misure esatte.

 

USO: 

l'uso sarà prettamente urbano, non credo che andrò mai in pista, lo userò per muovermi in città e andare a lavoro, allenamenti scannaduro extraurbani da 70/100 km e spero qualche viaggetto fuori porta su lunghe distanze per più giorni. All'occorrenza spero anche di usarlo in qualche criterium tanto se arrivo ultimo non è di sicuro colpa del telaio!

 

IDEE:

PREMETTO CHE DIRO' MOLTE BOIATE E ANDRO' CONTRO ALCUNE OPINIONI INCONFUTABILI MA IL TELAIO E' IL MIO QUINDI NON SCASSATE U CAZZ!

Quello che nella mia testa elaboro da tempo è un telaio reattivo e compatto ma che risulti guidabile, in strada e nel traffico, visti i vari utilizzi che ne farò dovrò ovviamente scendere a compromessi, ma l'importante è esserne consapevoli.

Forca in acciaio, forata, che assorba decentemente le asperità, se sarà necessario all'occorrenza sarebbe bello poter avere la possibilità di sostituirla con una forcella in carbonio più incazzata, per esempio per una criterium. L'overlap non mi disturba. Occhielli per portapacchi.

Esteticamente un qualche grado di slope negativo mi gusterebbe assai ma solo se non crea "problemi" nelle geometrie generali, di sicuro uno slope positivo non lo voglio, non sono un professionista e vorrei qualcosa che sia anche un po' porn per i miei gusti.

Mi piaceva molto il reggisella integrato tipo quello di @carlomarrone ma credo che metterne uno classico mi dia più possibilità e meno problemi.

Forcellini con regolazione integrata per essere veloce e comodo nella regolazione della ruota posteriore tipo quelli di @matteozolt

attachicon.gif_MG_2551 copy.jpg

Due occhielli poco sopra i forcellini per fissare al meglio il portapacchi che ho già (Topeack da reggisella con sostegni artigianali aggiuntivi fatti da me)

Tolleranze tra ruote e telaio "umane" per potermi permettere di utilizzare i parafanghi che già posseggo e non hanno bisogno di fori:

attachicon.gifcrud-roadracer-mk2-zoom.jpg

 

Più o meno ho messo tutti i punti salienti su cui mi piacerebbe approfondire e avere pareri, ripeto che sono consapevole che voglio cose che cozzano tra di loro, tipo telaio pista e occhielli per portapacchi, ma se volevo un telaio classico mi tenevo il mio bredacicli poca-spesa-tanta-resa-tanto-non-ho-le-gambe.

 

Ovvio che tutto quello che ne esce poi verrà approfondito in privato con Aldo che in quanto telaista avrà l'ultima parola, ma vista la grande confusione che ho in testa non vorrei rubare tempo prezioso al suo lavoro!

Una volta finita sarà praticamente una bici "di fixedforum" visto che telaio di @Aldo + ruote di @zanzos e @Gallistor + pignone di @FixKin + guarnitura di @etoy e @morgs

 

 

Grazie a tutti belli e brutti!

 

per le geometrie chiedi aiuto a @BobsHaero che ne sa a pacchi 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare e, mentre la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l'esistenza di renne volanti, che solo Babbo Natale ha visto. Ci sono due miliardi di bambini (sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non tratta con bambini Musulmani, Hindu, Buddisti e Giudei, questo riduce il carico di lavoro al 15% del totale, cioè circa 378 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 98,1 milioni di locazioni. Si può presumere che ci sia almeno un bambino buono per famiglia. Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della terra, assumendo che viaggi da Est verso Ovest. Questo porta a un calcolo di 822,6 visite per secondo. Questo significa che, per ogni famiglia Cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa un millesimo di secondo per:

-trovare parcheggio (cosa questa semplice, dato che può parcheggiare sul tetto e non ha problemi di divieto di sosta);

-saltare giù dalla slitta;

-scendere dal camino;

-riempire le calze;

-distribuire il resto dei doni sotto l'albero di Natale;

-mangiare ciò che i bambini mettono a disposizione;

-risalire dal camino;

-saltare sulla slitta;

-decollare per la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente (che sappiamo essere falso, ma che accettiamo per semplicità di calcolo), stiamo parlando di 1.248 Km per ogni fermata, per un viaggio totale di 120 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 1040 Km/sec, a 3000 volte la velocità del suono.

Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (la cosa più veloce creata dall'uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media a circa 30 Km/h. Il carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego (del peso di circa 1 Kg), la slitta porta circa 378.000 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso).

Sulla terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una "renna volante" possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne, ne serviranno circa 214.000.

Questo porta il peso, senza contare la slitta, a 575.620 tonnellate. Per comparazione, questo è circa 4 volte il peso della nave Queen Elizabeth II.

Sicuramente, 575.620 tonnellate che viaggiano alla velocità di 1040 Km/sec generano un'enorme resistenza. Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di un'astronave che rientra nell'atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 14,3 quintilioni di Joule per secondo. In breve si vaporizzerà quasi instantaneamente, esponendo il secondo paio di renne e creando assordanti onde d'urto (bang) soniche. L'intero team verrà vaporizzato entro 4,26 millesimi di secondo.

Quindi Babbo Natale non esiste.....

con tutto che siamo fuori dal post ti consiglio di rifarti i conti...

 

1. A Gesu glieli hanno portati dopo 7 giorni quindi i bambini cristiani  o cattolici si dividono in 2, quelli che ricevono i doni a natale e quelli che li ricevono come in origine dai Re Magi :-)

Edited by Mork (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare e, mentre la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l'esistenza di renne volanti, che solo Babbo Natale ha visto. Ci sono due miliardi di bambini (sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non tratta con bambini Musulmani, Hindu, Buddisti e Giudei, questo riduce il carico di lavoro al 15% del totale, cioè circa 378 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 98,1 milioni di locazioni. Si può presumere che ci sia almeno un bambino buono per famiglia. Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della terra, assumendo che viaggi da Est verso Ovest. Questo porta a un calcolo di 822,6 visite per secondo. Questo significa che, per ogni famiglia Cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa un millesimo di secondo per:

-trovare parcheggio (cosa questa semplice, dato che può parcheggiare sul tetto e non ha problemi di divieto di sosta);

-saltare giù dalla slitta;

-scendere dal camino;

-riempire le calze;

-distribuire il resto dei doni sotto l'albero di Natale;

-mangiare ciò che i bambini mettono a disposizione;

-risalire dal camino;

-saltare sulla slitta;

-decollare per la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente (che sappiamo essere falso, ma che accettiamo per semplicità di calcolo), stiamo parlando di 1.248 Km per ogni fermata, per un viaggio totale di 120 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 1040 Km/sec, a 3000 volte la velocità del suono.

Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (la cosa più veloce creata dall'uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media a circa 30 Km/h. Il carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego (del peso di circa 1 Kg), la slitta porta circa 378.000 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso).

Sulla terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una "renna volante" possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne, ne serviranno circa 214.000.

Questo porta il peso, senza contare la slitta, a 575.620 tonnellate. Per comparazione, questo è circa 4 volte il peso della nave Queen Elizabeth II.

Sicuramente, 575.620 tonnellate che viaggiano alla velocità di 1040 Km/sec generano un'enorme resistenza. Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di un'astronave che rientra nell'atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 14,3 quintilioni di Joule per secondo. In breve si vaporizzerà quasi instantaneamente, esponendo il secondo paio di renne e creando assordanti onde d'urto (bang) soniche. L'intero team verrà vaporizzato entro 4,26 millesimi di secondo.

Quindi Babbo Natale non esiste.....

con tutto che siamo fuori dal post ti consiglio di rifarti i conti...

 

1. A Gesu glieli hanno portati dopo 7 giorni quindi i bambini cristiani  o cattolici si dividono in 2, quelli che ricevono i doni a natale e quelli che li ricevono come in origine dai Re Magi :-)

:) sono cmq tanti

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me cercare di avere la botte piena e la moglie ubriaca non è una buona soluzione. Quelle cose del tipo "rigida, ma che assorba bene le vibrazioni" non portano quasi mai ai risultati che si hanno in testa.

La moda di adesso pe esempio è quella di cercare le geometrie che piacciono a noi (slope negativo&friends) ma con la possibilità, che ne so, di mettere ruote da ciclocross.

Per me sono tutte cazzate.

Se non vuoi la bici della nonna o un ibrido mal riuscito, buttati su un telaio genere pista fatto come si deve, magari con qualche dettaglio che lo possa rendere più personale. Ma solo qualche dettaglio.

Edited by fred (see edit history)
  • Like 3

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare e, mentre la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l'esistenza di renne volanti, che solo Babbo Natale ha visto. Ci sono due miliardi di bambini (sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non tratta con bambini Musulmani, Hindu, Buddisti e Giudei, questo riduce il carico di lavoro al 15% del totale, cioè circa 378 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 98,1 milioni di locazioni. Si può presumere che ci sia almeno un bambino buono per famiglia. Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della terra, assumendo che viaggi da Est verso Ovest. Questo porta a un calcolo di 822,6 visite per secondo. Questo significa che, per ogni famiglia Cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa un millesimo di secondo per:

-trovare parcheggio (cosa questa semplice, dato che può parcheggiare sul tetto e non ha problemi di divieto di sosta);

-saltare giù dalla slitta;

-scendere dal camino;

-riempire le calze;

-distribuire il resto dei doni sotto l'albero di Natale;

-mangiare ciò che i bambini mettono a disposizione;

-risalire dal camino;

-saltare sulla slitta;

-decollare per la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente (che sappiamo essere falso, ma che accettiamo per semplicità di calcolo), stiamo parlando di 1.248 Km per ogni fermata, per un viaggio totale di 120 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 1040 Km/sec, a 3000 volte la velocità del suono.

Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (la cosa più veloce creata dall'uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media a circa 30 Km/h. Il carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego (del peso di circa 1 Kg), la slitta porta circa 378.000 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso).

Sulla terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una "renna volante" possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne, ne serviranno circa 214.000.

Questo porta il peso, senza contare la slitta, a 575.620 tonnellate. Per comparazione, questo è circa 4 volte il peso della nave Queen Elizabeth II.

Sicuramente, 575.620 tonnellate che viaggiano alla velocità di 1040 Km/sec generano un'enorme resistenza. Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di un'astronave che rientra nell'atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 14,3 quintilioni di Joule per secondo. In breve si vaporizzerà quasi instantaneamente, esponendo il secondo paio di renne e creando assordanti onde d'urto (bang) soniche. L'intero team verrà vaporizzato entro 4,26 millesimi di secondo.

Quindi Babbo Natale non esiste.....

con tutto che siamo fuori dal post ti consiglio di rifarti i conti...

 

1. A Gesu glieli hanno portati dopo 7 giorni quindi i bambini cristiani  o cattolici si dividono in 2, quelli che ricevono i doni a natale e quelli che li ricevono come in origine dai Re Magi :-)

:) sono cmq tanti

 

 

Ti prego dammi la fonte, da dove arriva?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

Nessuna specie conosciuta di renna può volare. Ci sono però 300.000 specie di organismi viventi ancora da classificare e, mentre la maggioranza di questi organismi è rappresentata da insetti e germi, questo non esclude completamente l'esistenza di renne volanti, che solo Babbo Natale ha visto. Ci sono due miliardi di bambini (sotto i 18 anni) al mondo. Dato però che Babbo Natale non tratta con bambini Musulmani, Hindu, Buddisti e Giudei, questo riduce il carico di lavoro al 15% del totale, cioè circa 378 milioni. Con una media di 3,5 bambini per famiglia, si ha un totale di 98,1 milioni di locazioni. Si può presumere che ci sia almeno un bambino buono per famiglia. Babbo Natale ha 31 ore lavorative, grazie ai fusi orari e alla rotazione della terra, assumendo che viaggi da Est verso Ovest. Questo porta a un calcolo di 822,6 visite per secondo. Questo significa che, per ogni famiglia Cristiana con almeno un bambino buono, Babbo Natale ha circa un millesimo di secondo per:

-trovare parcheggio (cosa questa semplice, dato che può parcheggiare sul tetto e non ha problemi di divieto di sosta);

-saltare giù dalla slitta;

-scendere dal camino;

-riempire le calze;

-distribuire il resto dei doni sotto l'albero di Natale;

-mangiare ciò che i bambini mettono a disposizione;

-risalire dal camino;

-saltare sulla slitta;

-decollare per la successiva destinazione.

Assumendo che le abitazioni siano distribuite uniformemente (che sappiamo essere falso, ma che accettiamo per semplicità di calcolo), stiamo parlando di 1.248 Km per ogni fermata, per un viaggio totale di 120 milioni di Km. Questo implica che la slitta di Babbo Natale viaggia a circa 1040 Km/sec, a 3000 volte la velocità del suono.

Per comparazione, la sonda spaziale Ulisse (la cosa più veloce creata dall'uomo) viaggia appena a 43,84 Km/sec, e una renna media a circa 30 Km/h. Il carico della slitta aggiunge un altro interessante elemento: assumendo che ogni bambino riceva una scatola media di Lego (del peso di circa 1 Kg), la slitta porta circa 378.000 tonnellate, escludendo Babbo Natale (notoriamente sovrappeso).

Sulla terra, una renna può esercitare una forza di trazione di circa 150 Kg. Anche assumendo che una "renna volante" possa trainare 10 volte tanto, non è possibile muovere quella slitta con 8 o 9 renne, ne serviranno circa 214.000.

Questo porta il peso, senza contare la slitta, a 575.620 tonnellate. Per comparazione, questo è circa 4 volte il peso della nave Queen Elizabeth II.

Sicuramente, 575.620 tonnellate che viaggiano alla velocità di 1040 Km/sec generano un'enorme resistenza. Questa resistenza riscalderà le renne allo stesso modo di un'astronave che rientra nell'atmosfera. Il paio di renne di testa assorbirà 14,3 quintilioni di Joule per secondo. In breve si vaporizzerà quasi instantaneamente, esponendo il secondo paio di renne e creando assordanti onde d'urto (bang) soniche. L'intero team verrà vaporizzato entro 4,26 millesimi di secondo.

Quindi Babbo Natale non esiste.....

con tutto che siamo fuori dal post ti consiglio di rifarti i conti...

 

1. A Gesu glieli hanno portati dopo 7 giorni quindi i bambini cristiani  o cattolici si dividono in 2, quelli che ricevono i doni a natale e quelli che li ricevono come in origine dai Re Magi :-)

:) sono cmq tanti

 

 

Ti prego dammi la fonte, da dove arriva?

 

MI RICORDAVO DI AVERLO LETTO ANNI FA QUANDO ANDAVO A SCUOLA COSì L'HO CERCATO IN GOOGLE E L'HO TROVATO  GIUSTO PER DIVERTIMENTO

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me cercare di avere la botte piena e la moglie ubriaca non è una buona soluzione. Quelle cose del tipo "rigida, ma che assorba bene le vibrazioni" non portano quasi mai ai risultati che si hanno in testa.

La moda di adesso pe esempio è quella di cercare le geometrie che piacciono a noi (slope negativo&friends) ma con la possibilità, che ne so, di mettere ruote da ciclocross.

Per me sono tutte cazzate.

Se non vuoi la bici della nonna o un ibrido mal riuscito, buttati su un telaio genere pista fatto come si deve, magari con qualche dettaglio che lo possa rendere più personale. Ma solo qualche dettaglio.

Capisco cosa vuoi dire e quello che vorrei non è una cosa che non esiste, è semplicemente una creazione ad hoc che riassuma quello che mediamente si fa con telai "pista" usati in strada, non per l'aperitivo, ma per un uso intensivo in strada dello scatto fisso.

Un telaio pista puro credo sia giusto corra nel suo ambiente, che per l'appunto è la pista.

Ma come il forum insegna se prendi un telaio con geometrie più tirate e ci monti una forcella con rake da strada (detto in modo spiccio) si ha una bici-compromesso divertente e utilizzabile tutti i giorni!

Mi sbaglio?

Alla fine mi interessa pedalare e se quello che ne esce rispecchia queste caratteristiche sarò soddisfatto, nella spiegazione ho estremizzato gli usi che ne farò, ma con in testa l'idea chiara che la bici non sarà perfetta per ogni situazione. Se potessi permettermelo avrei un mezzo per ogni tipologia di terreno e specialità!

Invece cerco una bicicletta a scatto fisso fatta per essere usata tutti i giorni, senza limitazioni se non quella delle mie gambe!

In montagna ci vado con il cambio ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie @fedep per la bontà e la fiducia, un Po mal riposta.

Le tolleranZe del tuo portapacchi non le posso conoscere, sta a te calcolare il minimo.

Io ho scelto (per i fatti miei e mesi prima che uscisse) geometrie del tutto simili (se non uguali) a quelle del nuovo parallax Cinelli, che dicono essere una buona via di mezzo tra mash(arrabbiato) e Vigo(buono per giri lunghi).

74 per l'ant e 75.5/76 di piantone.

Per me per un uso urbano che strizzi l'occhio allo scannare.

Mc da 285 e per irrigidire il carro (oltre che per gusto personale, anche il mio attuale è così) pendini attaccati più in basso.

La cosa importante è l'avancorsa è quindi sapere la forca che monterai, non puoi prendere quella che vuoi e sostituirla, il rake deve andare bene.

Queste sono le mie idee e ci ho fatto un telaio..sulla carta. Vedreno se le ho azzeccate quando lo guiderò.

Buone nottate su bikecad..:)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Secondo me cercare di avere la botte piena e la moglie ubriaca non è una buona soluzione. Quelle cose del tipo "rigida, ma che assorba bene le vibrazioni" non portano quasi mai ai risultati che si hanno in testa.

La moda di adesso pe esempio è quella di cercare le geometrie che piacciono a noi (slope negativo&friends) ma con la possibilità, che ne so, di mettere ruote da ciclocross.

Per me sono tutte cazzate.

Se non vuoi la bici della nonna o un ibrido mal riuscito, buttati su un telaio genere pista fatto come si deve, magari con qualche dettaglio che lo possa rendere più personale. Ma solo qualche dettaglio.

Capisco cosa vuoi dire e quello che vorrei non è una cosa che non esiste, è semplicemente una creazione ad hoc che riassuma quello che mediamente si fa con telai "pista" usati in strada, non per l'aperitivo, ma per un uso intensivo in strada dello scatto fisso.

Un telaio pista puro credo sia giusto corra nel suo ambiente, che per l'appunto è la pista.

Ma come il forum insegna se prendi un telaio con geometrie più tirate e ci monti una forcella con rake da strada (detto in modo spiccio) si ha una bici-compromesso divertente e utilizzabile tutti i giorni!

Mi sbaglio?

Alla fine mi interessa pedalare e se quello che ne esce rispecchia queste caratteristiche sarò soddisfatto, nella spiegazione ho estremizzato gli usi che ne farò, ma con in testa l'idea chiara che la bici non sarà perfetta per ogni situazione. Se potessi permettermelo avrei un mezzo per ogni tipologia di terreno e specialità!

Invece cerco una bicicletta a scatto fisso fatta per essere usata tutti i giorni, senza limitazioni se non quella delle mie gambe!

In montagna ci vado con il cambio ;)

Bene :) il mio suggerimento infatti è quello di non spingerti troppo oltre con modifiche particolari

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.