guido.bonalumi

Idea per un freno

48 posts in this topic

Ciao a tutti,

da qualche tempo ho in mente di realizzare una fissa convertendo una bici da strada che ho a casa e che quantomeno andrebbe ricondizionata (da qui l'idea). Premetto inoltre di non avere alcuna esperienze nell'ambito ciclistico e che la cosa sarebbe prevalentemente un vezzo, un mezzo da realizzare per il piacere personale di usarlo, ma soprattutto di realizzarlo in casa.

Non ho però aperto questo post per discutere di quest'idea, ma bensì di un'altra che ho avuto cercando spunti su internet...

Essendo un appassionato di moto e in particolare di customizzazioni ho mutuato un'idea abbastanza in voga in questo ambito che consente di introdurre un freno su una fissa che risulti un pò più celato rispetto a quelli classici.

L'idea consisterebbe nel realizzare una corona anteriore con integrata una pista freno e di applicare sulla stessa un pinza (magari con impianto ad olio e non a filo che trovo esteticamente poco gradevole), realizzando un freno a disco integrato sulla corona.

L'utilità, per come me l'ho immaginata io, sarebbe quella di ridurre lo sforzo che si deve fare con le gambe per frenare, in generale in qualunque situazione, ma in particolare in discesa.

Mi rendo comunque conto della scarsa efficacia di un freno che agisca sulla ruota posteriore, in quanto la maggior potenza frenante è richiesta all'anteriore.

Inoltre questa mia idea si scontra con il design minimalista che spesso caratterizza queste bici e che personalmente apprezzo molto; allo stesso modo si scontra con il design vintage che io stesso prediligo.

Si tratta semplicemente di un'idea per realizzare qualcosa che, personalmente, non ho ancora visto su alcuna bicicletta e che mi piaceva (cosa personalissima ed opinabilissima). Qualcosa di originale insomma, anche se mutuato dal mondo delle moto.

Mi piacerebbe che qualcuno esprimesse il suo pensiero in merito, ma soprattutto che venissero sollevate idee, considerazioni, possibili difficoltà che si possono incontrare nella realizzazione, etc... Insomma avere un vostro parere.

 

Grazie in anticipo a chi vorrà partecipare a questa discussione, soprattutto se non in modo lapidario e conciso, ma in modo attivo.

Share this post


Link to post
Share on other sites

diciamo che sarebbe un puro esercizio di stile che metterebbe in secondo piano l'estetica e l'utilità, io comunque ti dico fallo se ci riesci, è una bella sfida.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ciao a tutti,

da qualche tempo ho in mente di realizzare una fissa convertendo una bici da strada che ho a casa e che quantomeno andrebbe ricondizionata (da qui l'idea). Premetto inoltre di non avere alcuna esperienze nell'ambito ciclistico e che la cosa sarebbe prevalentemente un vezzo, un mezzo da realizzare per il piacere personale di usarlo, ma soprattutto di realizzarlo in casa.

Non ho però aperto questo post per discutere di quest'idea, ma bensì di un'altra che ho avuto cercando spunti su internet...

Essendo un appassionato di moto e in particolare di customizzazioni ho mutuato un'idea abbastanza in voga in questo ambito che consente di introdurre un freno su una fissa che risulti un pò più celato rispetto a quelli classici.

L'idea consisterebbe nel realizzare una corona anteriore con integrata una pista freno e di applicare sulla stessa un pinza (magari con impianto ad olio e non a filo che trovo esteticamente poco gradevole), realizzando un freno a disco integrato sulla corona.

L'utilità, per come me l'ho immaginata io, sarebbe quella di ridurre lo sforzo che si deve fare con le gambe per frenare, in generale in qualunque situazione, ma in particolare in discesa.

Mi rendo comunque conto della scarsa efficacia di un freno che agisca sulla ruota posteriore, in quanto la maggior potenza frenante è richiesta all'anteriore.

Inoltre questa mia idea si scontra con il design minimalista che spesso caratterizza queste bici e che personalmente apprezzo molto; allo stesso modo si scontra con il design vintage che io stesso prediligo.

Si tratta semplicemente di un'idea per realizzare qualcosa che, personalmente, non ho ancora visto su alcuna bicicletta e che mi piaceva (cosa personalissima ed opinabilissima). Qualcosa di originale insomma, anche se mutuato dal mondo delle moto.

Mi piacerebbe che qualcuno esprimesse il suo pensiero in merito, ma soprattutto che venissero sollevate idee, considerazioni, possibili difficoltà che si possono incontrare nella realizzazione, etc... Insomma avere un vostro parere.

 

Grazie in anticipo a chi vorrà partecipare a questa discussione, soprattutto se non in modo lapidario e conciso, ma in modo attivo.

bam allora non sono l'unico qua dentro appassionato di moto custom!!

in pratica ti ispiri alle moto con il freno a disco che fa anche da corona, ho capito giusto?

mi piace posto come l'hai messa tu

Edited by RudeRider (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Che entusiasmo! :D

Come giustamente ha sottolineato Frost non si tratta di qualcosa che verrebbe realizzato per una sua utilità, ma semplicemente un esercizio di stile e ingegno, aggiungo io.

Avevo già visto la variazione sul tema proposta da Z°ifr con il disco sul lato opposto rispetto alla corona (e parzialmente l'idea mi è venuta da li).

Vedo che però qualcuno ha già realizzato la mia idea, come postato da Sturt. Perde un pò di originalità, ma almeno so che è realizzabile.

 

Vi faccio qualche domanda a riguardo:

1) Per quanto riguarda il fissaggio la soluzione della saldatura dei perni di fissaggio della pinza direttamente sul telaio sembra la più semplice (a patto di trovare un buon saldatore); altre idee? Io pensavo alla realizzazione di una staffa da fissare poi tramite "braccialetti" al tubo verticale del telaio e a quello orizzontale del forcellino posteriore. Questo perchè se qualcuno avesse un telaio in alluminio la saldatura sarebbe più complicata (almeno credo).

2) Così a occhio mi pare che gli spessori di corona e disco freno siano diversi (e probabilmente anche i materiali) e dunque mi domandavo se esistesse una pinza adatta, con una distanza tra le pastiglie sufficiente ad ospitare la corona.

3) Nella soluzione postata da Sturt sembrerebbe che non esista una pista frenante dedicata, ma che si usi la dentatura stessa... Il che comporterebbe un problema legato all'olio con cui normalmente si lubrifica la catena che renderebbe inefficace la frenata e dunque inutile lo sforzo. Realizzando però una pista freno più interna rispetto alla dentatura servirebbe una pinza in grado di agire su tale pista e che dunque abbia lo spazio necessario per far passare la dentatura al suo interno.

4) Altro che ora non ricordo e aggiungerò in seguito :D!

 

EDIT:

Esatto RudeRider... l'idea è proprio quella, ma realizzarla sul pignone posteriore di una bicicletta mi sembrava troppo complicato per una questione di spazi e quindi ho pensato alla corona.

Edited by guido.bonalumi (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

per farla più semplice potresti montare due guarniture, una con la funzione normale e quella dall'altro lato con la corona fresata in modo che abbia lo spessore desiderato.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Frost ma, come ho detto nel primo messaggio, non ho alcuna esperienza in ambito ciclistico e dunque non ho capito nulla a parte "corona fresata"... :D

La tua soluzione a quale dei problemi che ho sollevato si riferisce? Potresti essere più dettagliato? Così comincio anche a farmi una cultura.

Domanda: riducendo lo spessore della corona per risolvere il problema dello spazio tra le pastiglie, al di la di possibili problemi di resistenza meccanica, non tanto per via del carico sui denti quanto per problemi di flessione della corona, non si hanno problemi con l'accoppiamento con la catena, creando dei giochi?

Share this post


Link to post
Share on other sites

prendendo come esempio quello postato da sturt, immagina di montare un'altra guarnitura (pedivella+corona) dall'altro lato, solo che quest'ultima invece di usarla per la trazione e collegandoci una catena la sfrutti come alloggio della corona-disco opportunamente modificata, così hai

a) più flessibilità riguardo al posizionamento della pinza in quanto non c'è una catena tra i piedi

b) non rischi che del grasso vada a contatto con le pastiglie.

 

spero di essermi spiegato, per quanto riguarda la tenuta dei materiali e gli spessori che servono per delle pinze però non so aiutarti proprio

Share this post


Link to post
Share on other sites

Scusa Frost ma, come ho detto nel primo messaggio, non ho alcuna esperienza in ambito ciclistico e dunque non ho capito nulla a parte "corona fresata"... :D

La tua soluzione a quale dei problemi che ho sollevato si riferisce? Potresti essere più dettagliato? Così comincio anche a farmi una cultura.

Domanda: riducendo lo spessore della corona per risolvere il problema dello spazio tra le pastiglie, al di la di possibili problemi di resistenza meccanica, non tanto per via del carico sui denti quanto per problemi di flessione della corona, non si hanno problemi con l'accoppiamento con la catena, creando dei giochi?

Frost intende una soluzione del genere : http://www.vonebreo.net/wp-content/uploads/2013/05/C360_2013-05-29-18-02-31-270.jpg

 

dove da un lato invece della catena potresti appunto fresare la corona dello spessore giusto per passare tra le pastiglie del freno

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ora ho capito... vi ringrazio per il suggerimento, ma questo sarebbe un pò come mettere un disco sul lato opposto alla corona, non la "mia" soluzione.

Mi piaceva l'idea di "frenare la corona" per il semplice fatto che si riduceva il numero di componenti. Motivo, tra l'altro, per cui mi piace sulle moto questa soluzione.

x NAOS· nessuno pretende che sia una soluzione utile o funzionale. Come detto fin dall'inizio non ho aperto il post per commenti lapidari e polemici, ma per consiglio e opinioni argomentati che favoriscano la discussione da parte di chi è interessato. Si tratterebbe solo un esercizio di stile, motivo per cui è impiegata anche sulle moto... le moto custom il più delle volte impiegano soluzioni scomode, poco funzionali, tecnologicamente arretrate, per il solo gusto di realizzarle, per fattori estetici o di design. Del resto, mi permetto io di polemizzare ora, se uno volesse una bici comoda, funzionale e multi-funzionale non avrebbe certo bisogno di una fixed. O sbaglio?

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

l'idea è buona, certo, è una cosa che a mio dire lasci il tempo che trova... però sono stra curioso di vedere come finisce ;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.