doraemon

Moser:storia di un record 1984

18 posts in this topic

Bravo,super bello,ci voleva!!

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Grazie, e' un bel video perche' si vede anche la bici e Moser spiega i dettagli della costruzione e tutte le misure che hanno dovuto rispettare affinche' il record fosse validato, l'allenamento sostenuto, insomma tutta una serie di cose molto interessanti.

Edited by doraemon (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

visto ieri sera su raisport2, grande perla dello sport;)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Parla anche di alimentazione e sostanze dopanti oppure fanno finta di niente?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ah ma è un documento dell'epoca!

Share this post


Link to post
Share on other sites

L'ho visto su rai sport qualche settimana fa ed è stato molto interessante. Tutto un altro modo di fare televisione e di approfondire un argomento... come siamo arrivati alla situazione (imbarazzante) in cui ci troviamo oggi?

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trattamento ematico.

All'epoca non era proibito, comunque.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Trattamento ematico.

All'epoca non era proibito, comunque.

Lo so, ma voglio sapere se ne parlano, ancora non l'ho visto.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Trattamento ematico.

All'epoca non era proibito, comunque.

Lo so, ma voglio sapere se ne parlano, ancora non l'ho visto.

 

Lo so bene che tu lo sai, infatti era in tono generalistico.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Trattamento ematico.

All'epoca non era proibito, comunque.

Lo so, ma voglio sapere se ne parlano, ancora non l'ho visto.

 

Lo so bene che tu lo sai, infatti era in tono generalistico.

 

Non era un "lo so" saccente!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Comunque per quanto riguarda la polemica sul vantaggio aerodinamico dato dal body lungo e soprattutto dalle lenticolari (come in occasione della crono finale del giro con arrivo nell'arena di verona con vittoria su fignon) butto li una riflessione...

 

nel ciclismo di oggi (ma anche nell'era Indurain, Ullrich) i vantaggi meccanici quali telai, ruote, caschi, guarniture, corone, abbigliamento, cambi elettronici e altra roba sofisticata non viene vista come ai tempi di Moser. Si dice: "bravi a Tizio o Caio che hanno sviluppato questo nuovo componente facendo ricerche costose e spingendo sempre piu in là le frontiere tecnologiche o meccaniche che siano". Perche fa parte di questo sport.come di tanti altri! (vedi il discorso Cambio Seamless in motogp in queste ultime settimane...o il discorso del Kers in F1).

Non si sente mai qualcuno che dice: "si ma ha vinto perche indossava il nuovo casco aero giro, perche montava ruote ad alto profilo o perche ha il cambio elettronico e l'altro no...". In pratica é scemo quello che non si impegna in questa direzione- 

Moser ha la colpa di essere stato il primo? Perche i giudici di gara non l'hanno costretto a montare ruote normali a raggi prima della partenza?

L'altro giorno vedendo filmati della Vuelta '99 notavo come durante una Crono c'erano ciclisti con il casco aero e altri col cappellno all'indietro, altri con i capelli al vento...nessuna polemica.

 

Non voglio alimentare flame e magari qualcuno mi corregerà ma non credo che il ragionamento sia sbagliato...

Ovviamente se uno volesse battere il Record dell'ora di merckx dovrebbe farlo con una bici dell'epoca, ma allo stesso tempo imbottirsi di chicche...

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

@basco

Il tuo ragionamento e' condivisibile.

Nel filmato Moser spiega il discorso delle lenticolari, che erano portanti e non ruote a raggi "ricoperte" e l'ingegnerizzazione della bicicletta che aldilà del rispetto dei vincoli regolamentari, non nasceva per raggiungere obbiettivi di leggerezza come quella di Merckx, ma fu concepita in maniera da rimanere il più possibile in traiettoria e non risentire dell'effetto del vento.

È anche interessante secondo me il discorso relativo alla copertura del manto in cemento con una resina che consentì di rendere la pista il più scorrevole e meno dissestata possibile, dato che il record precedente era stato raggiunto sul legno.

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

ahaha scusate l'OT ma fa stra ridere sto inizio di intervista in mezzo al pubblico con Moser imbarazzato e de zan che si tira fuori la medaglia dalle pallle! ahahah

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.