lelefix

Guitar Hero (non il gioco)

105 posts in this topic

Comunque le discussioni coi link video sono inguardabili e inutili.

Tanto non li guarda nessuno.

Anzi, ognuno guarda il proprio

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Continuo sull'onda worldlatinoflamencosa e dico "El maestro", che non mi ricordo come si chiama ma è il chitarrista di Manu Chao

 

 

 

 

 

 

 

 

Mica da tutti far emozionare Diego...

Edited by Dens (see edit history)
  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Rodrigo y Gabriela? Not bad cosa dite?

 

 

 

Per associazione di idee pongo alla tua/vostra attenzione Tuck e Patti.

(si cazzo, propongo sempre cover di Hendrix. Che banale che sono)

 

Visti qualche anno fa al Blue Note.

Avete presente la musica da pelle d'oca e lacrimuccia?

Emozionanti

Share this post


Link to post
Share on other sites

In ordine?

Primo indiscusso Mark Knopfler. Non c'è gara con nessuno.

Secondo per l'anima di quello che suonava Chuck Schuldiner. (ERRATA CORRIGE, AVEVO INVERTITO L E D)

Terzo per la velocità potrei dire Tomy Laisto dei MPE, o altri 5/6 di cui però non mi viene il nome adesso...tipo il chitarrista dei Dragonforce che è un mostro di velocità ma diventa poco pulito oltre un tot...

A cosa serve essere veloce se il tuo suono è uguale a mille altri?

Piuttosto che i dragonforce mi rimetto a sentire Petrucci, che è veloce, ma almeno ha qualche merito compositivo.

Andare piano è molto più difficile.

N.B rileggendo mi sembra un tono un po fraintendibile, quindi sottolineo che il mio intervento è volto a parlare, confrontarsi e ovviamente imparare cose nuove!

Ecco è vero, Petrucci è un capo. Laisto mi piace perché ha una pulizia alle alte velocità da paura, ma io sono amante del technical quindi ce ne sarebbero a vendere che sparano assoli a 250-300bpm...

Andare piano è difficile, ma nel metal spesso non rende granché (salvo appunto casi tipo i Death, o roba melodica/doom/gothic)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

alcuni in ordine sparso:

 

josh homme periodo kyuss

dan auerbach (black keys)

kurt ballou (converge)

john fogerty 

j. mascis

elliott smith 

geoff farina (karate)

l'ex accoppiata dei pelican trevor de brauwn e laurent schroeder-lebec

lee ranaldo (sonic youth)

nels cline (wilco e solista)

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Ecco è vero, Petrucci è un capo. Laisto mi piace perché ha una pulizia alle alte velocità da paura, ma io sono amante del technical quindi ce ne sarebbero a vendere che sparano assoli a 250-300bpm...

Andare piano è difficile, ma nel metal spesso non rende granché (salvo appunto casi tipo i Death, o roba melodica/doom/gothic)

 

Petrucci visto dal vivo qualche volta ed è SEMPRE impeccabile, il cd solista oltretutto contiene qualche traccia veramente bella.

Devo dire poi che anche tra i suoi assoli coi DT ce ne sono di STUPENDI, uno su tutti quello che fa a Budokan in Hollow Years.

Se ti piace il suo stile ti consiglio il fighissimo cd che ha fatto con jordan rudess, An Evening With John Petrucci And Jordan Rudess, dove si da anche all'acustica.

Ovviamente il discorso del "piano" nel metal svanisce, ma da quasi profano, trovo il suono della chitarra "metal" spesso molto omologato.

Per piano e difficile, per non essere banali e citare Slow Hand Clapton, propongo Marooned di Gilmour aka l'uomo che fa i banding 2 due toni precisi all'impossibile.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

E siccome sono fuori dal tunnel del distorto e di ciò che lo circonda, vi butto la sto sangue persiano...  Malik Kerrouche

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Oggi mi va Allan Holdsworth e anche un pochino di Wes Montgomery

 

A proposito, per i torinesi, questa sera a Grugliasco c'è George benson

Share this post


Link to post
Share on other sites

Io aggiungo NICK DRAKE che ci ha lasciato tre album meravigliosi, secondo me un grandissimo, per il suono citerei anche STEVE ALBINI degli Schellac e poi cito CABEKI che oltre ad essere un gran chitarrista é un gran musicista a 360*.

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Steve vai scriveva in diretta quello che zappa, ZAPPA, suonava.

 

 

Scusa ma col cazzo che lo scriveva "in diretta". Aveva le registrazioni e ci metteva pure un bel po.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.