Romafix

Aiutatemi a capire

33 posts in this topic

Dopo che a Roma é stato eletto il nuovo Sindaco, come previsto si sono scatenati un po' tutti a lodare il suo andare inbici, essere bike friendly ect ect. Le varie associazioni ciclistiche si sono spellate le mani perché vedevano in lui il salvatore della patria ciclistica.

Io non credo sia cosí. Sono tre anni buoni che ho dato un calcio al motore, e vado in bici al lavoro e la strada che faccio é sempre piena di buche. Non posso certo pretendere che si tappino, ma chiedo una cosa semplice. Che la strada venga pulita. Ē cosí difficile?

Non voglio progetti a lunga scadenza che non servono a nulla, voglio da ciclista che il margine destro della carreggiata, venga semplicemente pulito. Rami,foglie, sassi, detriti, vetri rotti sono pericolosi per i ciclisti, perché oltre ad essere pericolosi in caso di caduta, obbligano a scartare a sinistra e rischiare di essere presi da tergo dalle auto. SI PUÓ PULIRE LA STRADA OPPURE É IMPEGNATIVO PER UN SINDACO?

Chiedo di pulire la strada ogni giorno, e faccio questa richiesta senza ottenere risposta all'attuale Sindaco come la facevo al predecessore.

Aiutatemi a capire, allora. A che serve esaltare doti di qualcuno, se neanche le cose semplici si possono fare?

A dividere come al solito il popolino con le chiacchiere e imperare meglio, nella piú classica tradizione italica?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Qui da me fanno le righe bianche a bordo strada senza scopare via le foglie. E ho detto tutto. E non è una grande città disastrata, ma una cittadina di 12000 persone, in cui il comune fa fare l'asfalto, e un mese dopo lo ritaglia tutto per far passare l'acquedotto...

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

A Udine il lato destro fa abbastanza schifo, non per la sporcizia, ma per l'usura causata da camion e autobus.

@Fruttolo, tranquillo che anche da noi oggi si fa l'asfalto, domani si buca!

Share this post


Link to post
Share on other sites

in effetti ciò che mi premeva sottolineare era una comparazione con le altre città, che se pur più piccole rispetto a Roma, hanno gli stessi problemi.

Chi oggi ancora esalta il sindaco attuale, oltre a far partigianeria spicciola, dimostra che non gli interessano i problemi reali e palpabili di chi va in bici, quanto partecipare ad una fase politica, perché magari messo in disparte dal vecchio sindaco.

Diversamente, e credo sia anche la cosa migliore da fare, forse quella più efficace, indipendetemente dalla sponda politica che è al comando, bisogna coinvolgere il Sindaco ed i suoi rappresentanti, al fine di far comprendere l'ABC dei problemi dei ciclisti urbani. 

E' inutile sparare richieste assurde di mega ciclabili o corsie lunghe, se poi non vengono mantenute ne pulite come si deve. Spreco di soldi e come al solito presa per il culo degli amministratori.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco appunto...in una cittadina vicina han fatto "la ciclabile sulla statale". Già, peccato che è attraversata da mille uscite di case e capannoni, che hanno la precedenza!

Io la userei anche su quella strada (pericolosissima...) ma come faccio a tirare in allenamento oltre i 40kmh se rischio di spatasciarmi su un tir che esce da un'azienda ogni 100 metri?

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco appunto...in una cittadina vicina han fatto "la ciclabile sulla statale". Già, peccato che è attraversata da mille uscite di case e capannoni, che hanno la precedenza!

Io la userei anche su quella strada (pericolosissima...) ma come faccio a tirare in allenamento oltre i 40kmh se rischio di spatasciarmi su un tir che esce da un'azienda ogni 100 metri?

 

vuoi ridere?

 

A roma esiste una ciclabile che passa radente al famoso Circolo Aniene, il cui manager è l'attuale presidente del CONI........ebbene le auto uscendo dal circolo attraversano la ciclabile, senza dare precedenza, come è capitato al sottoscritto discutendo con una demente fighettina in lancia Y appena uscita dalla palestra.............stamo a sti livelli!!!!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

E' Sindaco da un mese, glie voi da tempo ? che dici ? hai il mestruo ?

Magari, ma magari il problema fosse la pulizia delle strade !

L' Ama è sommersa da debiti (...) e da gente che questi debiti se li mette/se li è messi in tasca

In un altro mondo sarebbe stata fatta fallire e ne sarebbe sorta un altra azienda nuova e pulita,

In questo mondo non si puo'.

Non si puo' perchè piu' una società legata allo Stato/banche/privati si indebita, piu' questa mette in moto un meccanismo che fa comodo alle banche.

100 giorni per pedonalizzare il Colosseo è a parer mio una cazzata per una serie di motivi

ad ogni modo sarebbe un -atto simbolico- bello importante se darà il via a una nuova mobilità.

Nel mentre sto facendo il conto alla rovescia

5 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

per me un buon punto di partenza è mandare la lettera al sindaco, oltre che sul forum!

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ecco appunto...in una cittadina vicina han fatto "la ciclabile sulla statale". Già, peccato che è attraversata da mille uscite di case e capannoni, che hanno la precedenza!

Io la userei anche su quella strada (pericolosissima...) ma come faccio a tirare in allenamento oltre i 40kmh se rischio di spatasciarmi su un tir che esce da un'azienda ogni 100 metri?

 

Hai ragione in pieno non si riesce a capire perchè una ciclabile che di fatto è una corsia della strada non debba godere degli stessi diritti di precedenza della strada di cui è corsia, mistero tutto itagliano. In Austria se sei su una statale hai la precedenza qualsiasi sia il mezzo che stai usando.

Però ti ricordo una cosa che credo ti stia un po' sfuggendo le ciclabili non sono piste di allenamento per ciclisti ma corsie dedicate al traffico ciclistico, non DEVONO essere fatte a misura di chi vuole scannare ma di chi si deve spostare in bici. Non pensare di andare in Austria o in Olanda a fare il figo con la tutina sulle ciclabili, ti menano. Ad Amsterdam in bici van tutti forte ma se pensi di uscire ad allenarti in orario di punta hai sbagliato a capire, ti metti in coda con gli altri e stai muto. A Vienna c'è una segnaletica dedicata dove ti consigliano i percorsi dove puoi correre e quelli dove proprio non è il caso, e dove non è il caso non è proprio il caso perchè lì il primo che ti vede fare una cazzata ti copre di insulti e se provi a dire bè ti insultano pure tutti i presenti.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.