ciqz

supporto per freno a disco

25 posts in this topic

stavo immaginando la possibilità di saldare una plachetta di acciaio forata su una forcella "tradizionale" per poter avere il freno a disco anteriore.

 

qualcuno lo ha fatto? se si, come?

pensate sia realistico?

 

e al posteriore?

 

immagino che ci siano alcuni problemi da risolvere per andare in questa direzione:

- trovare la distanza corretta per i fori a cui fissare la pinza;

- reperire una lastra di acciaio spessa il giusto da cui ricavare l'attacco;

- capire possibili inconvenienti di lavorazione e di utilizzo

 

se avete buone nuove in merito, battete un colpo

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me, il vecchio attacco IS è piu facile da creare che non il nuovo PM, e poi si montano adattatori per farlo funzionare con le pinze normali. potrebbe risolvere qualche inconveniente. tanto mica ci fai mondiali downhill con dischi da 220..=)

1 person likes this

Share this post


Link to post
Share on other sites

secondo me, il vecchio attacco IS è piu facile da creare che non il nuovo PM, e poi si montano adattatori per farlo funzionare con le pinze normali. potrebbe risolvere qualche inconveniente. tanto mica ci fai mondiali downhill con dischi da 220..=)

 

si si, attacchi IS, che basta una lastra con due fori.

Ci piazzerei un disco piccolo, con pinza meccanica, niente velleità ultratecno

Share this post


Link to post
Share on other sites

E un po' che penso anch'io a questa soluzione che vorrei adottare sulla mia futura fissa "da viaggio"

Daje telaisti!!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Per i carichi torcenti attorno all'asse dello stelo, che sono pochi, io farei un par di buchi filettati e avviterei l'attacco alla forcella. i carichi torcenti attorno all'asse di rotazione invece li farei succhiare da una placca estesa e rigida che si appoggi allo stelo, magari sia davanti che dietro(una placca anteriore e una posteriore chiuse con quattro bulloni o soluzioni simili.., sopra e sotto i suddetti buchi. a questa placca poi salderei gli attacchi o direttamente un adattatore pm nella posizione e nell'inclinazione giusta per il diametro dei dischi (160 direi). insomma, un adattatore che non scarichi solo su due occhielli ma su una estesa parte della forcella i carichi dovuti alla frenata, e in due buchini quelli nelle altre direzioni di rotazione.

In questo modo ho una soluzione non invasiva(riconvertibile) che non carichi un solo punto di saldatura ma un'area molto piu estesa, diminuendo il rischio di rovinare la forcella, di certo non porogettata per succhiarsi quei carichi in quei punti.

per questo userei solo forcelle tipo la colnago precisa, a steli dritti, perchè così non si avrebbero problemi nel seguir la curva del rake.

Non sono un saldatore ne un telaista, ma se lo fossi, io farei così.

Edited by BobsHaero (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

...la butto lì, sfanculate pure se vi pare un'eresia: e utilizzare invece (tralasciando le geometrie) una forca ciclocross dedicata, già predisposta?

:)

(rolled up in Tapatalk2 papers)

Share this post


Link to post
Share on other sites

...la butto lì, sfanculate pure se vi pare un'eresia: e utilizzare invece (tralasciando le geometrie) una forca ciclocross dedicata, già predisposta?

:)

(rolled up in Tapatalk2 papers)

 

Dodge .... avevo valutato anche io questa soluzione ma presenta due inconvenienti:

1) le forche CX con predisposizione freno a disco hanno normalmente il cannotto da 1" e 1/8, io ho tutte bici con attacco da 1"

2) quelle forche costano un occhio della testa

Se però tu conosci una forcella CX che elude i suddetti vincoli e me la presenti, allora metto già le birre in fresco, con le quali brinderò alla tua lunga, gaudente e brillante vita :-)

 

 

siccome di forcelle in acciaio vecchio stile se ne trovano parecchie, anche a costo zero su cui fare esperimenti, mi sembrava buona cosa partire da li.

 

Se poi @BobsHaero vuole fare un disegnino carta-matita della sua idea, fotografarlo con il cellulare e metterlo su qui senza grossi sbattimenti, potrebbe anche venir fuori una cosa da realizzarsi in cantina.

intanto grazie a tutti

2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

una cosa del genere?

http://www.bike24.com/p214017.html

 

ma visto il prezzo non ti conviene... A2Z faceva un adattatore per il carro posteriore, per anteriore li faceva Hope... però temo non si trovino più da un pezzo... :-/

Share this post


Link to post
Share on other sites

una cosa del genere?

http://www.bike24.com/p214017.html

 

ma visto il prezzo non ti conviene... A2Z faceva un adattatore per il carro posteriore, per anteriore li faceva Hope... però temo non si trovino più da un pezzo... :-/

La forca postata da credito alla mia intuizione. non bastano due punti di saldatura, deve essere una placca molto piu estesa per ridurre le problematiche di momento torcente=)

Vedo di fare uno schizzo e lo posto..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok. Non è in scala e faccio schifo a disegnare. Ma l'idea è quella. Due viti entrano nella forca, due placche estese per disperdere su una superficie ampia gli sforzi e un adattatore tagliato ad hoc e fissato alla placca posteriore.post-6307-0-68763500-1369838276_thumb.jp

Edited by BobsHaero (see edit history)
2 people like this

Share this post


Link to post
Share on other sites

la fanno in tanti, ma difficile trovarne da 1", anche on-one le fa, le forcelle del pompino sarebbero perfette... se solo non fossero da 1-1/8....

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ok. Non è in scala e faccio schifo a disegnare. Ma l'idea è quella. Due viti entrano nella forca, due placche estese per disperdere su una superficie ampia gli sforzi e un adattatore tagliato ad hoc e fissato alla placca posteriore.attachicon.gifIMG_20130529_163337.jpg

 

potresti esserci andato vicino

 

http://www.fixedgeargallery.com/2004/c/olsson2.jpg

Questo è geniale, sfruttare l'attacco del portapacchi e un morsetto sulla forca secondo me è l'idea più pulita.

Come dice Bobs andrebbe bene ma francamente è bruttino. A mio avviso non serve una gran placca, bastano due punti che siano il più possibile lontani uno dall'altro in modo da aumentare il braccio di leva, che quindi non potrà più piegare la forca.

Poi su una fissa imho basta un 140mm, se proprio volete il disco.

E le due viti non sarebbero neanche tanto necessarie, perchè di sollecitazioni laterali il disco non ne da :)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Ok. Non è in scala e faccio schifo a disegnare. Ma l'idea è quella. Due viti entrano nella forca, due placche estese per disperdere su una superficie ampia gli sforzi e un adattatore tagliato ad hoc e fissato alla placca posteriore.attachicon.gifIMG_20130529_163337.jpg

 

potresti esserci andato vicino

 

http://www.fixedgeargallery.com/2004/c/olsson2.jpg

Questo è geniale, sfruttare l'attacco del portapacchi e un morsetto sulla forca secondo me è l'idea più pulita.

Come dice Bobs andrebbe bene ma francamente è bruttino. A mio avviso non serve una gran placca, bastano due punti che siano il più possibile lontani uno dall'altro in modo da aumentare il braccio di leva, che quindi non potrà più piegare la forca.

Poi su una fissa imho basta un 140mm, se proprio volete il disco.

E le due viti non sarebbero neanche tanto necessarie, perchè di sollecitazioni laterali il disco non ne da :)

 

l'attacco del portapacchi deve esserci, quando c'è smorza le sollecitazioni laterali. 

Che secondo me ci sono..il disco e la forcella ci piacerebbe fossero sempre uguali e sempre a 90°, ma purtroppo non è così. Mai visti dischi storti che in curva non fischiano perchè si riassestano, flettendosi? mi succede con la mia fox 36 e perno passante da 20mm, figuriamoci su un forcellino in acciaio da passeggio con magari il qr. poi oltre a quello ci sono tutte le storie di peso in curva. Senza contare le eventuali bottarelle e storie simili..Che poi siano infinitesimali ok, ma che vadano contrastate è un dato di fatto, almeno, visto quanto ci costa contrastarle

La mia soluzione è piu bellina se le placche sono fatte ad hoc come un guanto sulla forcella. il discorso è che io non mi fiderei a lasciare tutto su un punto o su una superficie molto risicata di contatto. le forcelle si potrebbero "bozzare", a lungo andare. E la cosa l'ho vista sulla mia vespa, che pur avendo scocca portante(e quindi non qualche decimo di millimetro di acciaiaccio da forcella da passeggio), col suo portapacchi originale si è bozzata dove appoggiava la struttura, con due cerchi di gomma da 5cm di diametro. 

In realtà allungando si aumentano le leve, e in teoria con esse i momenti. Quindi risulta piu stabile, non certo meno forte il contatto. se aumento invece la superficie di contatto, diminuisco la pressione dinamica che esercito, di qui lo sforzo, e i rischi.

 

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!


Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.


Sign In Now

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.