riky76

Stagione 2013 - Motovelodromo Coppi

109 posts in this topic

piccolo OT:

a quanto pare il "ring" torinese non è l'unico ad essere in crisi

http://www.repubblica.it/motori/auto/sezioni/attualita/2013/05/23/news/nurburgring_rischia_il_fallimento_in_vendita_i_379_ettari_del_circuito-59426365/

non c'entra molto ma la situazione, in scala, non credo sia diversa.. ed entrambi sono impianti-icona delle discipline che hanno ospitato..

mi scuso per aver deragliato..

Edited by Choppah (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Crisi, crisi, e ancora crisi, non si sente parlare d'altro. Nel ciclismo idem, se ne parla poco o nulla e quando se ne parla si parla di doping. Così, crisi anche nei valori dello sport. Nella politica, nella morale ma crisi soprattutto economica, che è la cosa peggiore, perchè quando non ci sono soldi, rimane difficile pensare a fare delle cose belle che propongano delle cose. Ve ne dico una, la Federazione Ciclistica Italiana, che è come dire la Presidenza della Repubblica dei ciclisti, ha abbandonato completamente il settore amatoriale pista, non ci sono, non ci saranno, i campionati italiani. Nulla di grave, ma è un segno del tempo che passa, soldi non ce ne sono dunque non si fanno. Un declino. Il settore amatoriale (da sempre) si è autofinanziato, cioè le società sportive, due o tre in Italia, organizzavano le gare (vedi campionati italiani), ma oggi gli sponsor hanno dimezzato i contributi, e con quel che si ha in cassa, se si riesce a pagare i tesserini e le quote d'iscrizione alla FCI è tanto. Fare delle gare, ufficiali, costa parecchio, 300 euro per tasse federali, ambulanza obbligatoria, tasse regionali FCI - che vanno al comitato regionale, e poi cronometristi ufficiali. Alla fine, fare una garetta stupida con 25-30 iscritti, vai a spendere 700-800 euro!!! Non sono molti, ma oggi trovarli è difficilissimo. Così quest'anno, nessuna gara in calendario master (amatori). Questa è la realtà. Nessuna gara, quindi meno appassionati alla pista. Quindi meno iscritti al Motovelodromo. Ovvio. Infine noto come vengano svolti molti Criterium in ogni luogo e in ogni condizione, gare frequentatissime, con bei premi. Ovviamente non c'è la Federazione in questi eventi, è un costo in più, non necessario - sinceramente. La FCI, non se ne sta ancora rendendo conto, ma prima o poi, si intrometterà nell'argomento, conoscendoli... hanno la forza "politica" per impedire che si svolgano. Al momento non ci sono i numeri, ma appena sentiranno l'odore del mancato incasso (tasse etc.), punteranno gli eventi clandestini come un cane da caccia.

Edited by Bicibikers Velodrome (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Considerando le discrepanze riscontrate nel sito web del comune a riguardo attività ciclistica al Motovelodromo (http://www.comune.torino.it/giunta_comune/intracom/htdocs/2012/2012_03414.html  ) , in pratica sono sballati gli orari e le tariffe, ho deciso di procedere con una richiesta di incontro per delucidazioni con l’assessore alla Sport del Comune di Torino.  Volevo procedere a suon di lettere aperte ma mi hanno consigliato l’opposto.  Quindi per il momento parto da solo.

Sebbene il sito web dell’assessore in questione ( http://www.stefanogallo.it/ )  faccia pensare ad un rapido ed effettivo contatto con le autorità, ho l’impressione che ci saranno tempi lunghi per ottenere questo incontro.

Per quest’anno quindi, per la stragrande maggioranza di noi, possiamo considerare il Motovelodromo come non accessibile.

Il tentativo di convincimento per l’apertura serale tramite colletta abbonamenti annuali (che poi valevano 3 mesi) lo possiamo considerare morto e sepolto.  Del resto penso che con un deal del genere molti altri sport si sarebbero piantati.  Forse anche il Calcio!

 

Quando ci sarà l’incontro con l’assessore lo comunicherò su questo thread.  Ci venga chi vuole. 

 

Il focus principale dell’incontro con l’assessore sarà capire se nel Comune c’è il consenso e la volontà consapevole, effettiva e politica di permettere l’accesso a velodromo ai ciclisti. Anche qualora essi siano in numero modesto.

 

Qualora questa volontà non ci sia o ci sia in modo non effettivo, devo dire che la storia prenderebbe un certo grado di strambezza ed occultaggine.  Si legge infatti, qua e la, nel sito web del comune frasi del tipo : “Lo sport per tutti,  Nel contempo la Città deve riaffermare la funzione sociale dello sport. Quindi della pratica sportiva non necessariamente agonistica”. “è necessario fare sistema per rafforzare la promozione ed aumentare il numero di praticanti ad ogni livello “.

http://www.torino2015.it/la-candidatura/

http://www.comune.torino.it/sportetempolibero/notizie-evidenza/pdf/cartaetica.pdf

 

 

Inoltre, finche’ la situazione non cambia, per quanto riguarda le nostre wildcat races fatte sul suolo pubblico (non sempre) con bici da pista, insomma la OT Crit Series, che cozzano contro un paio di articoli del codice della strada, possiamo considerare di avere delle sostanziose Attenuanti.  Anzi direi che siamo davanti ad un tantamount di autorizzazione indiretta.   Il velodromo c’è, farci girare delle biciclette è un’operazione praticamente a costo zero, incluse le scratch race.  Non possono mica pretendere che buttiamo via le nostre bici da pista!

 

 

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

scusate l'OT ma è una figata ma che gomme montano?  si può praticare in piano o serve qualcosa tipo velodromo erboso? 

 

letto adesso su bicibikers.. power! cercasi anello :D

Edited by Sturt (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

you've gotta train friggin' moles, ya 'now.

 

Scherzi a parte, se ci si diverte, provamose :)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Terreno piano come un biliardo, va bene un campo da calcio, se i ragazzini giocano a palla, li cacciamo! Gomme da CX versione dry!!! 28mm forche generose. Bici d'acciaio!!!! ped 165mm pignone fisso 44x16

Share this post


Link to post
Share on other sites

Terreno piano come un biliardo, va bene un campo da calcio, se i ragazzini giocano a palla, li cacciamo! Gomme da CX versione dry!!! 28mm forche generose. Bici d'acciaio!!!! ped 165mm pignone fisso 44x16

 mi manca acciaio, il 44t e i copertoni da cx.. ma si puo provare una volta alla buona tutti assieme? 

(non fatemi organizzare che ho zero tempo sti giorni e devo gia badare alla crit series e a battere i record di riky sul pavè torinese)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

adesso.. anche si mettesse di traverso la FCI, riguardo le crit clandestine.. non credo possa venire a controllare che se ne facciano o meno.

se io ne organizzo una, un giorno per l'altro, in un posto deciso al volo, dubito che riesca a star dietro alla situazione in maniera efficiente.

la FCI potrà fare gli eventi ufficiali con transenne, mezzi, cazzi e mazzi, ma nulla (al di fuori del cds) proibisce ad un gruppo di ciclisti di organizzarne una in un parco, con qualcuno che tenga d'occhio i passaggi pericolosi..

cosa fanno, ci mandano il commissario che si butta dall'elicottero col blocchetto delle sanzioni?

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

adesso.. anche si mettesse di traverso la FCI, riguardo le crit clandestine.. non credo possa venire a controllare che se ne facciano o meno.

se io ne organizzo una, un giorno per l'altro, in un posto deciso al volo, dubito che riesca a star dietro alla situazione in maniera efficiente.

la FCI potrà fare gli eventi ufficiali con transenne, mezzi, cazzi e mazzi, ma nulla (al di fuori del cds) proibisce ad un gruppo di ciclisti di organizzarne una in un parco, con qualcuno che tenga d'occhio i passaggi pericolosi..

cosa fanno, ci mandano il commissario che si butta dall'elicottero col blocchetto delle sanzioni?

 

 

Ma si, hai ragione, va sempre bene. Ma io non metterei mai il mio numero di cellulare e la mia e-mail nei volantini, dovessi organizzarle.

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

adesso.. anche si mettesse di traverso la FCI, riguardo le crit clandestine.. non credo possa venire a controllare che se ne facciano o meno.

se io ne organizzo una, un giorno per l'altro, in un posto deciso al volo, dubito che riesca a star dietro alla situazione in maniera efficiente.

la FCI potrà fare gli eventi ufficiali con transenne, mezzi, cazzi e mazzi, ma nulla (al di fuori del cds) proibisce ad un gruppo di ciclisti di organizzarne una in un parco, con qualcuno che tenga d'occhio i passaggi pericolosi..

cosa fanno, ci mandano il commissario che si butta dall'elicottero col blocchetto delle sanzioni?

 

 

Ma si, hai ragione, va sempre bene. Ma io non metterei mai il mio numero di cellulare e la mia e-mail nei volantini, dovessi organizzarle.

 

difatti ;)

 

tra l'altro, vieni a correrne una va', fa bene allo spirito ed al corpo! (finchè non voli come ho fatto io)

Share this post


Link to post
Share on other sites

 

 

 

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

adesso.. anche si mettesse di traverso la FCI, riguardo le crit clandestine.. non credo possa venire a controllare che se ne facciano o meno.

se io ne organizzo una, un giorno per l'altro, in un posto deciso al volo, dubito che riesca a star dietro alla situazione in maniera efficiente.

la FCI potrà fare gli eventi ufficiali con transenne, mezzi, cazzi e mazzi, ma nulla (al di fuori del cds) proibisce ad un gruppo di ciclisti di organizzarne una in un parco, con qualcuno che tenga d'occhio i passaggi pericolosi..

cosa fanno, ci mandano il commissario che si butta dall'elicottero col blocchetto delle sanzioni?

 

 

Ma si, hai ragione, va sempre bene. Ma io non metterei mai il mio numero di cellulare e la mia e-mail nei volantini, dovessi organizzarle.

 

difatti ;)

 

tra l'altro, vieni a correrne una va', fa bene allo spirito ed al corpo! (finchè non voli come ho fatto io)

 

 

A me le mischie non piacciono molto, se facciamo un cronometrato vengo!

Share this post


Link to post
Share on other sites

Hahaha! Non ti conoscessi! Ma ti conosco. Alzi la mano chi non vuole i criterium fuorilegge!!!! Non vedo nessuno in giro, anzi ben vengano! Non fraintendermi, ho detto solo che prima o poi (non il comune, non papa Francesco - che in fondo sarebbe anche un buon pistard urbano) ma la FCI, che vive sull'agonismo, e non fatemi fare i conti in tasca a loro però, si metterà di traverso. L'alternativa al velodromo esiste: si chiama Grass Track Cycling. Andate a vedere www.bicibikers.com, a breve metterò anche il tipo di bici da utilizzare. Notare, specialità (non pericolosa) didattica, economica, divertente, accessibile a tutti. E poi NON ESISTE in Italia.

adesso.. anche si mettesse di traverso la FCI, riguardo le crit clandestine.. non credo possa venire a controllare che se ne facciano o meno.

se io ne organizzo una, un giorno per l'altro, in un posto deciso al volo, dubito che riesca a star dietro alla situazione in maniera efficiente.

la FCI potrà fare gli eventi ufficiali con transenne, mezzi, cazzi e mazzi, ma nulla (al di fuori del cds) proibisce ad un gruppo di ciclisti di organizzarne una in un parco, con qualcuno che tenga d'occhio i passaggi pericolosi..

cosa fanno, ci mandano il commissario che si butta dall'elicottero col blocchetto delle sanzioni?

Ma si, hai ragione, va sempre bene. Ma io non metterei mai il mio numero di cellulare e la mia e-mail nei volantini, dovessi organizzarle.

difatti ;)

tra l'altro, vieni a correrne una va', fa bene allo spirito ed al corpo! (finchè non voli come ho fatto io)

A me le mischie non piacciono molto, se facciamo un cronometrato vengo!

questa potrebbe essere un'idea! un time attack su un circuito.. potrebbe esser cosa..

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.