fraccazzo

Pantografie e legalità

41 posts in this topic

Ho riscontrato un forte interesse da parte di molte persone nel farsi pantografare i propri componenti,

ma mi stavo chiedendo se fosse a norma di legge riprodurre iniziali, logotipi o scritte di un marchio/azienda senza averne l'autorizzazione.

...esempio; se viene un ragazzo da me pantografista e mi chiede di scrivere il suo cognome, per esempio "Portolano" sulla pipa non ci sono problemi

ma se viene uno che vuole la scritta Pogliaghi o De Rosa o il logo Cinelli?

Si possono fare tranquillamente o ti possono rompere i coglioni?

vale la stessa regola dei decals? ovvero nessuna regola?

Chiedo perchè in italia anche la più piccola delle stupidagini ti può metter nei casini.....

GRAZIE, a buon rendere

Share this post


Link to post
Share on other sites

Essendo marchi depositati, non si potrebbero replicare senza autorizzazione.

E' però risaputo che la gente (in questo caso richiedente e "pantografista") fa le

cose a cazzo, senza porsi problemi che invece dovrebbe valutare

Share this post


Link to post
Share on other sites

Ho riscontrato un forte interesse da parte di molte persone nel farsi pantografare i propri componenti,

ma mi stavo chiedendo se fosse a norma di legge riprodurre iniziali, logotipi o scritte di un marchio/azienda senza averne l'autorizzazione.

No, non potresti. Marchi e loghi sono di proprietà di chi li detiene e non puoi usarli.

Se è per il singolo che non trova la pipa pantografata per la sua bici fagliela, che ti frega?

Alla fine è una minchiata dettata dal fatto che la gente è fissata con i marchi, si parli di cibo, abbigliamento o pezzi di bici.

Il problema è se poi se la vende, anche se usata, rincarandoci magari il prezzo.

LEGGE 25 maggio 2005 n.79

TITOLO IV

nomi commerciali, indicazioni di provenienza, denominazioni d'origine e atti di concorrenza sleale

Articolo 84

Uso illecito di una indicazione di provenienza

E' illecito fare uso diretto o indiretto di una indicazione di provenienza falsa o ingannevole circa l'origine di prodotti o servizi o l'identità dei loro produttori, fabbricanti o fornitori

Si parla di prodotti = roba venduta. Tu non vendi roba, ci scrivi sopra quello che vogliono farsi scrivere.

Non potresti ma nessuno tu romperà mai le palle per questo a meno che la cosa non diventi di dimensioni consistenti e con annesso truffaldino giro di rivendita = Non ha senso infognarsi per 200€ o meno, ne spendi 10 volte tanto che ti vada bene di spese.

Se poi questi se la rivendono rincarandoci i prezzi ovviamente il discorso cambia e in linea teorica concorri.

All'atto pratico qualcuno potrebbe vederci delle similitudini col caso google/adsense:

http://www.ilsoftwar...za-europea_6070

Cosa potrebbe succedere all'atto pratico?

Mettiamo colnago. Faceva i tutti panto e aveva una ditta che faceva sostanzialmente le stesse bici ma non tutte pantografate e con altro nome. Mettiamo un tizio abbia una bici così = tu gliela pantografi e ci piazza gli adesivi colnago. Il tizio poi la rivende al triplo. Chi la compra gli fa una denuncetta : lì verrai tirato di mezzo.

Edited by salbepol (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Essendo marchi depositati, non si potrebbero replicare senza autorizzazione.

E' però risaputo che la gente (in questo caso richiedente e "pantografista") fa le

cose a cazzo, senza porsi problemi che invece dovrebbe valutare

siamo d'accordo in parte.

bisognerebbe vedere i termini di deposito.

non è detto che un deposito di marchio sia mondiale (ha un costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale sia a tempo illimitato (ha un altro costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale a tempo illimitato non sia legato a certi materiali (altro costo ancora)

l'esempio lo abbiamo sotto agli occhi per la forcella in carbonio a compasso, brevettata da Pesenti, copiata da Look e commercializzata tranne in Italia (perché il brevetto e deposito era nazionale).

Credo di aver capito cosa intende Paolo.

Credo che pantografare una corona o una pipa non sia fuorilegge se, e solo se, il deposito sia ancora valido.

Altra cosa che può differire è il plagio e non replica.

una pantografia senza la "R" di registro NON è copia, ma plagio.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, mi scuso ovviamente intendevo di marchi attualmenti ancora registrati, e a livello nazionale

(il marchio Pogliaghi è di proprietà di Basso per chi non lo sapesse)

Edited by fraccazzo (see edit history)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Essendo marchi depositati, non si potrebbero replicare senza autorizzazione.

E' però risaputo che la gente (in questo caso richiedente e "pantografista") fa le

cose a cazzo, senza porsi problemi che invece dovrebbe valutare

siamo d'accordo in parte.

bisognerebbe vedere i termini di deposito.

non è detto che un deposito di marchio sia mondiale (ha un costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale sia a tempo illimitato (ha un altro costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale a tempo illimitato non sia legato a certi materiali (altro costo ancora)

l'esempio lo abbiamo sotto agli occhi per la forcella in carbonio a compasso, brevettata da Pesenti, copiata da Look e commercializzata tranne in Italia (perché il brevetto e deposito era nazionale).

Credo di aver capito cosa intende Paolo.

Credo che pantografare una corona o una pipa non sia fuorilegge se, e solo se, il deposito sia ancora valido.

Altra cosa che può differire è il plagio e non replica.

una pantografia senza la "R" di registro NON è copia, ma plagio.

Ok, tratto la cosa un po' più seriamente: nel post precedente volevo semplicemente

sottolineare il fatto che la gente (incluso il sottoscritto) fa le cose a cazzo.

Hai perfettamente ragione sulla distinzione di deposito geografico di marchi e brevetti:

tanto più è ampia la zona (nazioni) coperta, tanto più il costo aumento, costo che

in caso di brevetti (ma credo anche di marchi) va sostenuto periodicamente e non

solo una volta.

Ovviamente non hanno valenza brevetti scaduti o marchi non più di proprietà.

In realtà, la protezione del brevetto e anche del marchio, prende soprattutto valore

quando il titolare contesta l'azione di colui che ha infranto il brevetto o plagiato il

marchio, per non parlare di quando il marchio venga utilizzato impropriamente

a scopo commerciale (come citato in precedenza). Difficilmente una grossa

azienda intraprende un'azione legale contro il ragazzotto che va a farsi pantografare

la pipa o il reggisella.

Share this post


Link to post
Share on other sites

Si, mi scuso ovviamente intendevo di marchi attualmenti ancora registrati, e a livello nazionale

(il marchio Pogliaghi è di proprietà di Basso per chi non lo sapesse)

mi spiace contraddirti, ma il marchio Pogliaghi sarebbe dovuto essere dei Fratelli Basso.

il nostro caro Santo Pogliaghi, prima di avere i piedi freddi lo ha rilevato nuovamente.

(fonte attendibile di Emiliano Freschi, Direttore del Servizio d'Ingegneria della Pogliaghi Italcorse)

(nonché brevettatore del nodo sella Pogliaghi con i pendini infoderati)

  • Like 1

Share this post


Link to post
Share on other sites

Essendo marchi depositati, non si potrebbero replicare senza autorizzazione.

E' però risaputo che la gente (in questo caso richiedente e "pantografista") fa le

cose a cazzo, senza porsi problemi che invece dovrebbe valutare

siamo d'accordo in parte.

bisognerebbe vedere i termini di deposito.

non è detto che un deposito di marchio sia mondiale (ha un costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale sia a tempo illimitato (ha un altro costo)

non è detto che il deposito del marchio mondiale a tempo illimitato non sia legato a certi materiali (altro costo ancora)

l'esempio lo abbiamo sotto agli occhi per la forcella in carbonio a compasso, brevettata da Pesenti, copiata da Look e commercializzata tranne in Italia (perché il brevetto e deposito era nazionale).

Credo di aver capito cosa intende Paolo.

Credo che pantografare una corona o una pipa non sia fuorilegge se, e solo se, il deposito sia ancora valido.

Altra cosa che può differire è il plagio e non replica.

una pantografia senza la "R" di registro NON è copia, ma plagio.

dafuq is a "forcella in carbonio a compasso"?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dafuq is a "forcella in carbonio a compasso"?

http://worldwide.espacenet.com/publicationDetails/biblio?DB=EPODOC&II=1&ND=3&adjacent=true&locale=it_IT&FT=D&date=20040311&CC=WO&NR=2004020272A1&KC=A1

Share this post


Link to post
Share on other sites

dafuq is a "forcella in carbonio a compasso"?

post-947-0-40488800-1352478369_thumb.jpg

questa

Pesenti è quello con la barba ;-)

esatto!

io sono quello al Centro!

E quello a sinistra chi cazzo è?

Share this post


Link to post
Share on other sites

dafuq is a "forcella in carbonio a compasso"?

questa

Pesenti è quello con la barba ;-)

esatto!

io sono quello al Centro!

E quello a sinistra chi cazzo è?

il grafico che ha fatto i cartelli accanto alle bici!

  • Like 2

Share this post


Link to post
Share on other sites

dafuq is a "forcella in carbonio a compasso"?

questa

Pesenti è quello con la barba ;-)

esatto!

io sono quello al Centro!

E quello a sinistra chi cazzo è?

il grafico che ha fatto i cartelli accanto alle bici!

Ah ecco. Mi semrava.....

Ricordati che ancora dobbiamo andare a cena, ma tu stai sempre in giro

a fare un cazzo in Germania ;-)

Share this post


Link to post
Share on other sites

Create an account or sign in to comment

You need to be a member in order to leave a comment

Create an account

Sign up for a new account in our community. It's easy!

Register a new account

Sign in

Already have an account? Sign in here.

Sign In Now


  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.